romanews-roma-borja-mayoral-stop-romabologna
Foto Tedeschi

PAGELLE ROMA BOLOGNA – Dopo il successo ad Amsterdam in Europa League contro l’Ajax, la Roma ritrova il successo dopo un mese anche in campionato: contro il Bologna all’Olimpico, nel match valido per la 30° giornata di Serie A, la squadra di Fonseca vince 1-0. A decidere la sfida, dopo un primo tempo difficile per l’ampio turn-over, c’è il gol di Borja Mayoral al 44esimo, bravo a superare con un pallonetto deliziono Skorupski e depositare la palla in rete.

Alessandro Tagliaboschi

Leggi anche:
Highlights di Roma-Bologna: finisce 1-0, decisivo Mayoral

Le pagelle di Roma-Bologna

MIRANTE 7. Antonio si era fermato a Napoli, o meglio al San Paolo, in una serata da dimenticare. Oggi ritrova la maglia da titolare e ricorda a tutti perché per anni è stato il secondo portiere perfetto per la Roma: se nel primo tempo la squadra di Fonseca non va sotto è solo grazie al classe ’83 autore di almeno due grandi interventi, uno su tutti quello su Soriano sugli sviluppi di calcio d’angolo. Solido e sicuro per tutti i 90 minuti. Garanzia.

MANCINI 6,5. La conferma, semmai ce ne fosse bisogno, che l’errore (insieme a Diawara) di Amsterdam è stato solo un accidentale e causale episodio. Entra in campo con la fascia da capitano al braccio e la prestazione è di assoluto spessore: non sbaglia mai nulla e dalla sua parte non si subiscono pericoli.

FAZIO 6. Fa il suo cercando di sbagliare il meno possibile. Missione compiuta.

IBANEZ 6,5. Da centrale nella difesa a tre sembra trovarsi benissimo: non concede mai spazi o profondità a Palacio. Si vede che il gol di Amsterdam gli ha ridato quella fiducia che mancava da tempo. La chiusura nel finale sul passaggio per Orsolini è provvidenziale. Ritrovato.

REYNOLDS 5,5. Nel primo tempo è fin troppo timido, teso e ingessato. E’ normale alla prima da titolare in Serie A, soprattutto se vieni da tutto un altro mondo, anche e soprattutto a livello calcistico. Nella ripresa riesce col tempo a sciogliersi e si fa apprezzare per un paio di buone chiusure.

VILLAR 6. E’ uno dei migliori in campo fino al minuto 82, quando fa un errore sciocco che espone la Roma a una pericolosa ripartenza e costringe Pellegrini a spendere il giallo che gli costa la squalifica. Da sgrezzare.

DIAWARA 6. Una prova ordinata in cui gestisce tempi e ritmi della manovra e qualche volta prova a farsi vedere anche in avanti, come nel secondo tempo quando per poco non trova il 2° gol stagionale ma strozza troppo il tiro.

PERES 6. Non è un segreto che sulla sinistra fa fatica: non può crossare col piede preferito e dopo tanta corsa spesso si ritrova a sbagliare l’ultimo passaggio. L’atteggiamento nella prestazione, però, è quello giusto e per poco non fa gol con un gran tiro da fuori.

PEDRO 5. Sembra aver ricevuto una maledizione e non riesce più a tornare il giocatore superiore visto nei primi mesi di avventura nella Capitale. Un’altra partita piena di errori, imprecisioni, disattenzioni e nervosismo con un intervento molto brutto su Skov Olsen nel primo tempo che gli costa il giallo.

PEREZ 5,5. Quando entra dalla panchina dà sempre l’impressione di avere voglia di farsi vedere e di far bene, ma quando Fonseca poi gli dà la chance dal 1′ spesso la spreca. Nel primo tempo riesce a sbagliare tutto quello che può, migliora nel secondo ma la prestazione resta insufficiente.

MAYORAL 7. Pedro e Perez non lo aiutano, ma a lui basta un pallone per ritrovare quel gol che in campionato mancava dal 30 gennaio. Il pallonetto con cui scavalca Skorupski è per palati fini, una giocata raffinatissima da vedere e rivedere. Digiuno spezzato.

DAL 68′ MKHITARYAN 6,5. Entra e fa subito vedere alcuni dei numeri migliori del repertorio: scambi veloci nello stretto, dribbling e perenne impressione di poter essere pericoloso in avanti. Un avvertimento all’Ajax o semplicemente la dimostrazione di quanto sia mancato alla Roma nell’ultimo periodo.

DAL 68′ VERETOUT 6. La corsa c’è, prova anche il tiro e per poco non fa male al Bologna. Minuti importanti per ritrovare la condizione migliore.

DAL 76′ PELLEGRINI 6. Spende un fallo e un giallo importante per fermare una ripartenza pericolosa di Soriano.

DAL 76′ KARSDORP 6. Un anticipo di testa che salva il risultato. In 15 minuti può bastare e avanzare.

DAL 84′ PASTORE SV. Toh, chi si rivede! E da fermo manda in porta Karsdorp con un grande passaggio che spreca clamorosamente.

FONSECA 6,5. Rischia facendo tanto turn-over: rimette in porta Mirante, rispolvera Fazio, lancia Reynolds e opta per il tridente spagnolo. Il risultato è un primo tempo di sofferenza e senza acuti. Fino a quando non lo ripaga il ‘suo’ Borja Mayoral che gli regala tre punti importanti per continuare a correre anche sul binario italiano, oltre che su quello europeo. Gestisce bene i cambi nella ripresa.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

10 Commenti

  1. ROMA VITTORIOSA, ma tantissime occasioni concesse agli emiliani e troppi gol sbagliati. Fazio, Perez, Pedro da cedere subito. Servono 2 GRANDI ATTACCANTI e 4 promozioni dai PRIMAVERA !

  2. Clamoroso l’errore sulla palla gol di Soriano, va a farfalle contentendo al bolognese a calciare dall’area piccola. Per fortuna poi sventa casualmente.
    Voto in meno a Fonseca, che qualche volta se le va a cercare. Non può mettere in campo Pastore in quelle condizioni, era assolutamente fermo!
    Pedro da 4

  3. primi 30 minuti da incubo ! il Bologna poteva segnare 4 o 5 gol .. ! poi la squadra si e’ ripresa e ha fatto la sua partita, addirittura vincendola .. la mia pagella .. Mirante 7,5 .. Reynolds 5 Mancini 5 Ibanez 6 Fazio 6 B. Peres 6 .. Diawara’ 6 Villar 6 .. Perez 5 Mayoral 7 Pedro 5 .. Fonseca 5,5 .. non abbiamo una panchina fantastica .. il gioco della squadra e’ a volte incomprensibile ed inguardabile .. a volte la squadra funziona .. Friedkin deve comprare almeno 3 o 4 giocaori di classe e temperamento .. qualcuno glielo traduca sempre che siano interessati ..

  4. Pedro soprattutto, ma anche Carles Perez non si possono guardare. Possibile che non si possa buttare nella mischia qualche giovane della cantera? Almeno sbaglierebbero per imparare e valorizzarsi col tornaconto giallorosso. Villar poteva giocare al posto di Pedro, avrebbe senz’altro fatto molto meglio, anche perché mi sembra portato più per stare avanti a creare ed ha voglia di far goal. Pellegrini è tanto apprezzato, ma dovrebbe accelerare le sue giocate, troppo spesso prevedibili e ritardate. Deve anche imparare a calciare le punizioni: le tira tutte lui, ma non sono un granché.

  5. Prossimo anno bisogna liberarsi di;
    Pau lopez, fazio, jesus,diawara, pastore, pedro, perez, dzeko ma solo per l’età….
    . Serve un portiere, difensore, centrocampista, 2 attaccanti…ovvio gente di livello.

  6. L’involuzione di Pedro e Fazio è incredibile (ci aggiungerei anche Dzeko e Pau Lopez…).
    Sono anche preoccupato dai centrali di centrocampo… Villar sembra un po’ sottotono, come anche Pellegrini e Veretout… mentre da Diawara hai sempre l’impressione che possa fare una vaccata da un momento all’altro.
    Per il resto, Reynolds ha giocato con appeso un cartello “lavori in corso” grosso come una casa… ma deve compiere 20 anni a giugno ed è appena arrivato in Italia, ancora non sappiamo nulla di lui.
    Note positive della giornata:
    – Mirante non è perfetto ma è di un altro livello rispetto a Pau Lopez… non so se sia perchè stà puntanto i piedi per il rinnovo, o perchè ha litigato con qualcuno, o semplicemente perchè se Pau Lopez non gioca butti 15-20 milioni dalla finestra… però la logica direbbe che il titolare sia Mirante, c’è poco da fare
    – Mayoral ha dimostrato di essere anche tecnicamente ottimo… il controllo che fa in corsa è una roba da Cristiano Ronaldo o Mbappè (immaginate ora cosa avrebbe fatto Dzeko nella stessa situazione… probabilmente avrebbe calciato addosso a Skorupski)

  7. semplice .. non m’ e’ piaciuto Mancini .. come non m’ e’ piaciuto Reynolds che finalmente ho visto e ci sono rimasto male .. e poi Peres, Perez e Pedro .. primo tempo da paura ..

  8. il commento .. Mayoral, un gol raffinato .. questo si che e’ un commento di chi ne capisce di calcio e di lingua italiana .. bravo .. concordo al 2000% ..

Comments are closed.