romanews-roma-orsolini-kluivert-faccia-a-faccia-bologna-roma
Foto Getty

BOLOGNA ROMA, FACCIA A FACCIA – La Roma si avvicina al match contro il Bologna sulle ali dell’entusiasmo dopo le convincenti prove con il Sassuolo e l’Istanbul Basaksehir. La squadra sembra aver finalmente fatto propri i dettami tattici del tecnico, ritrovando al contempo anche un certo equilibrio tra fase offensiva e difensiva, nonostante continui a concedere comunque qualcosa di troppo agli avversari. Tra i più positivi tra le fila giallorosse sicuramente un ritrovato Justin Kluivert, che, oltre ai gol ha portato in campo prestazioi importanti. Lo scorso anno non è stato certo brillante per il giovane olandese, che però ha grande talento, deve solamente riuscire a esprimerlo anche in Serie A. I suoi numeri sono decisamente importanti e mostrano un giocatore che ha delle potenzialità immense nonostante l’età: negli ultimi tre anni tra gol e assist è arrivato a un passo dal toccare la soglia dei 40, precisamente 38, (rispettivamente 17 e 21). Nel Bologna c’è però un altro giovane molto interessante con numeri simili nelle gambe e che potrebbe essere uno dei pericoli numero uno. Anche Riccardo Orsolini sfiora nel proprio bilancio di gol e assist quota 40, esattamente 38, la stessa identica cifra di Kluivert, (rispettivamente 20 e 18). Sebbene il rossoblù abbia due anni in più rispetto all’olandese è comunque ancora molto giovane e questi risultati lo fanno essere temibile nell’immediato per la Roma, ma anche una risorsa importante per il futuro della Nazionale azzurra e di tutto il nostro movimento calcistico.

ORSOLINI – Riccardo Orsolini nasce il 24 gennaio 1997 ad Ascoli Piceno. Comincia a calcare i campi da gioco proprio nelle giovanili della sua città, fino al 2016, quando passa in pianta stabile alla prima squadra. Già nel 2017 viene notato e acquistato dalla Juventus, che lo gira subito in prestito all’Atalanta. Con i nerazzurri di Bergamo non scatta la scintilla e in metà stagione colleziona solamente 9 presenze e 0 gol. Nel gennaio successivo viene allora girato sempre in prestito al Bologna per un anno e mezzo. E’ nell’annata seguente, la 2018-19, che Orsolini riesce finalmente a imporsi sempre di più, scendendo in campo con i rossoblù per 37 volte, realizzando 8 reti e 5 assist. Lui è uno dei giocatori che maggiormente beneficia nel finale di stagione della straordinaria cura Mihajlovic, che prende in mano la squadra dopo l’esonero di Filippo Inzaghi, portandola ad avere una media punti da scudetto. Nelle prime quattro partite della nuova annata (3 in campionato e 1 in Coppa Italia) l’ala italiana sigla già 2 gol e 2 assist, di cui uno fondamentale per la rimonta nella scorsa giornata contro il Brescia. Mancino naturale, dotato di ottima tecnica e velocità, in carriera ha giocato prevalentemente come esterno d’attacco, soprattutto a destra, posizione dalla quale riesce a sfruttare la propria abilità nel gioco senza palla, oltre alla prestanza fisica unita a una grande agilità, per tagliare verso il centro e concludere con il suo piede preferito.

KLUIVERT – Justin Kluivert nasce il 5 maggio del 1999 a Zaandam, in Olanda, figlio d’arte del famoso ex calciatore Patrick Kluivert. Il giovane olandese è uno dei prodotti del prolifico vivaio dell’Ajax, che riesce ogni anno a sfornare eccellenti talenti. Con le giovanili dei lancieri Justin inizia a giocare nel 2007 all’età di 8 anni, per poi passare definitivamente con i grandi della prima squadra nel 2016. Sono 44 le presenze che colleziona, condite da 12 gol, dimostrandosi un pezzo appetibile ai maggiori club d’Europa. Tra le molte pretendenti è la Roma a spuntarla, riuscendo ad aggiudicarselo per 17 milioni di euro. La prima stagione in giallorosso non è esaltante come le premesse avrebbero potuto far pensare: 35 presenze tra più bassi che alti, 2 gol e 8 assist, ma diverse prestazioni molto fumose e non all’altezza del suo indiscutibile talento. Nelle prime due giornate di questo campionato continua a non brillare, ma nella scorsa partita di Serie A, dopo la pausa nazionali, contro il Sassuolo si mette in mostra come uno dei migliori in campo, replicandosi anche nella serata europea contro l’Istanbul Basaksehir, andando in gol in entrambi i match. Ora tutto il tifo giallorosso spera che sia ormai un giocatore pronto mentalmente a farsi valere sui campi italiani. Justin Kluivert è un esterno d’attacco purissimo, ha diviso la propria carriera su entrambe le fasce, questo gli permette di avere familiarità nel giocare sia a destra che a sinistra. Destro di piede, è dotato di un ottimo tiro, ma anche di un eccellente cross, qualità che lo hanno fatto valere sia sotto porta che come assistman. La caratteristica principale del giovane olandese è però senza dubbio la velocità, lo scatto bruciante e la grande progressione gli permettono di creare improvvisamente superiorità numerica in fase offensiva lasciando indietro il proprio diretto marcatore.

Edoardo Frazzitta

Print Friendly, PDF & Email