SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Luigi Ferrajolo a Radio Radio Pomeriggio: “Mi risulta che l’unico che può acquistare la Roma è Friedkin. Pallotta vuole vendere e uscire da questa vicenda. Sui tempi è difficile dire qualcosa, non so se riusciranno a chiudere entro agosto. Prima lo fanno e meglio è per tutti, almeno finiamo con questo romanzo”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Pomeriggio: “Siamo in attesa di novità societarie. C’è qualche differenza, non mi sorprenderei se adesso ci fossimo abbastanza. Impegno europeo contro una squadra forte. Pallotta non sopporta più le notizie che escono sulla cessione. La Juve è in fissa con Zaniolo”.

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “Ci sono una serie di indizi che ci fanno pensare che la cessione dovrebbe avvenire bene, tra circa 30-45 giorni. Ci sono anche tante speculazioni al riguardo in questo momento. Friedkin è in vantaggio perchè ha già fatto la due diligence e Pallotta deve vendere. La Roma due anni fa aveva stretto un accordo con EA Sports per far utilizzare il suo marchio, tutto questo su FIFA21 non ci sarà. Non è stato annunciato che questi diritti magari potevano passare in mano ad un’altra casa di videogame. Non so se la Roma ha intenzione di vendere ad altri o se è tutto in standby per il nuovo proprietario. Discorso simile a quello di Nike. Sono piccolissimi indizi che mi fanno pensare che ci siamo.

Stefano Agresti a Radio Radio Pomeriggio: “Se ne parla molto da molto tempo, ma sembra sempre che manchi qualcosa. La sensazione è che ci possa finalmente essere. E’ la soluzione migliore per la Roma perchè andare avanti così è complicato. La Roma sta molto dietro a Vertonghen come possibile sostituto di Smalling. Zaniolo? Mi sembra difficile che un nuovo proprietario si presenti cedendolo, ma che la partita sia chiusa dicendo ‘Zaniolo non si tocca’ non lo so. I conti devono tornare, con altre cessioni o con la sua. La Juve al momento non è nelle condizioni di spendere tanto”.

Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio: “Sulle tempistiche del passaggio di proprietà, non penso si possa risolvere entro fine mese. L’offerta di Al-Baker mi sembra piuttosto singolare. Ha spiegato di aver fatto un’offerta, confermando però che Friedkin c’è ancora ed è in vantaggio. Non penso che possano inventare di aver fatto una proposta, c’è un organo in Italia che vigila su questo. Pallotta non può dire ‘chi sono questi?’ Mi sembra che Friedkin in questo momento stia correndo da solo al netto dell’offerta di Al-Baker”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Voglio una vittoria importante allo Stadium, questa non conta. Adesso pensiamo al Siviglia, la partita più importante, il vero banco di prova per capire se Fonseca ha fatto veramente maturare la squadra. Calafiori? Un po’ impaurito all’inizio, non era facile giocare allo Stadium. Dopo l’imbarazzo iniziale ha fatto vedere quello che si è visto in Primavera. Interpreta molto bene quel tipo di gioco, in un futuro centrocampo a 5 un pensierino su di lui ce lo farei. Mi sembra un giocatore moderno, è pronto anche mentalmente. Mi ha fatto una buonissima impressione, lo seguono squadre come la Juve e il PSG. Calafiori e Bouah meritavano più spazio. La Roma non ha mai dovuto reagire nelle ultime partite, anche davanti ad una difficoltà contro il Siviglia la Roma dovrà tenere botta, Fonseca deve lavorare su questo. Questa è una vera sfida”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Buona partita per le statistiche contro la Juventus, era un’amichevole nemmeno tanto di lusso. Qualcuno magari sarà tentato in futuro di dare un significato a questa vittoria allo Stadium, che vale solo per le statistiche. Europa League? Secondo me la Roma se la può giocare. Questo gruppo è abbastanza maturo da capire che il quinto posto non esalta nessuno, a parte Pallotta che fa i complimenti… credo che i giocatori e il tecnico siano consapevoli del fatto che il cammino in Europa è importante. Un’eventuale vittoria porterebbe alla qualificazione in Champions, la posta in palio è alta. Il fatto che Smalling non possa giocare è un handicap importante, mi aspetto che Fonseca intervenga lì e che possa motivare chi prenderà il posto di Pellegrini e Smalling”.

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “Se l’Inter manda via Ausilio io fossi la Roma ci penserei come nuovo Direttore Sportivo”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Smalling è un ottimo giocatore, ma la Roma fa bene a non prenderlo a quelle cifre. Ne trovi tanti in giro per il mondo”

Alvaro Moretti a Radio Radio Mattino: “I sei milioni di differenza tra offerta e richiesta per Smalling non sono tanti. Io, francamente, di questa stagione della Roma l’inglese è stato il secondo protagonista della Roma dopo Zaniolo. Non se ne trovano tanti in giro di difensori e leader come Smalling. Di trentenni così io ne vorrei più di uno in squadra. Forse la Roma non aveva quei sei milioni. Vertonghen è un punto interrogativo con due anni di più. La Roma, come tutti gli asset del mondo, non può avere lo stesso valore economico del pre-Covid19. Poi Pallotta giustamente fa i suoi calcoli”.

Print Friendly, PDF & Email

9 Commenti

  1. È arrivata finalmente la fine di un campionato di calcio che doveva essere fermato e dichiarato concluso , ma purtroppo in un calcio sempre più marcio dove le tv e gli interessi fittizzi del “business” impongono ai cavalier serventi delle Aziende di calcio di giocare fregandosene dei propri tifosi e appassionati . La squadra rivelazione è stato il Milan che ha fatto più punti di tutti ; la nostra Roma è rimasta appollaiata ad un quinto posto che regala una magra e sconsolante qualificazione in coppa uefa (la previsione dello scorso anno è stata appieno verificata ma del resto con Zorro in panchina e i vari acquisti non poteva essere che un quinto posto). Così veniamo a noi : innanzi tutto è doveroso ricordare che un anno fa abbiamo assistito ad una delle pagine più tristi della storia di noi Romanisti: due Capitani,due simboli,due Bandiere ,due Campioni sono stati letteralmente cacciati da una proprietà che odia la Romanità(dico solo di andare a risentire le parole di Totti e di De Rossi per capire quante verità hanno detto su questa proprietà). Eravamo poi ripartiti con un mercato che doveva essere “meraviglioso” , (a proposito sono stati eliminati Manolas,ElSharawi…) , e invece ci siamo ritrovati giocatori che già dalle amichevoli estive hanno confermato i loro limiti : Mancini e le sue ammonizioni,Diawara il non presente in campo, Pau Lopez (il piu costoso portiere della storia della Roma!), Veretout che gioca a sprazzi, e i vari prestiti Smalling,Zappacosta che non hanno fatto nulla in più e anzi anche peggio di chi li precedeva nei loro ruoli. Ci sarebbero altre mille considerazioni da fare ma siamo ancora in ballo per l’assegnazione della Coppa Uefa: noi Romanisti la vogliamo vincere perchè rappresenterebbe anche uno smacco ai fuori mura dei laziesi, e udite udite se Napoli vince la Campioni e la Roma l’Uefa i fuori mura andrebbero in Uefa. Quindi giudicheremo Zorro (voglio solo ricordare che disse che Olsen è il miglior portiere in circolazione e “me lo tengo stretto” poi il giorno dopo arrivò Pau Lopez…) solo a torneo finito perchè potrebbe riscattare una nefasta annata ricca di scelte abagliate e schemi rinfusi. Stesso discorso vale per la ciurma aggregata da Under a Kluivert a Kolarov e via dicendo. Aspettiamo la vittoria della Coppa Uefa , sono 5 finali secche , devono vincerla e basta! P.V.

  2. Pallotta vattene non hai detto una grande novità. Roma fortemente rinnovata con nuovo allenatore non poteva competere, salvo un exploit, con Juve Inter e Atalanta…poteva giocarsela con la Lazio. Non ci è riuscita perchè la Lazio ha pescato il jolly: Immobile scarpa d’oro con 36 gol che non sono la stessa cosa di Higuain che fece 36 gol ma con soli tre rigori mentre Immobile su 36 14 su rigore.
    Ora aspettiamoci l’Europa League dove il percorso più facile per la finale è dell’Inter. la Roma affronta già una finale con il Siviglia qualora la dovesse vincere e qualificazione Champion ma non sarà facile come lei vuol far credere. La sua disonestà di parte è confermata

    • Mi scusi,ma io sarò sempre disonesto e di parte: io sono un tifoso della Roma.Lei mette le mani avanti per dire “è dificile”?. Io no. P.V.

  3. Allora ti confronto il percorso della Roma. Se vince con il Siviglia ( forte) avrà successivamente una squadra non tosta ma impegnativa Olympiacos o wolverhampton, qualora vince anche questa Manchester United (forte) in semifinale …finale con l’Inter.

  4. Secondo me una classifica che ci potrebbe dare un idea della mutazione della Roma è dal cambio di modulo in poi, non Post Covid. Alla ripresa eravamo ancora annebbiati e impauriti, giustamente secondo me, di giocare alla garibaldina lasciando sempre due centrali da soli in balìa delle scorribande avversarie non appena si perdeva palla, per errore o per un rimpallo sfigato, questo condizionava mentalmente tutti. Con più copertura dietro, mente tranquilla, Spinazzola e Bruno Peres liberi di giocare nel loro ruolo congeniale, allora si è vista una differenza stratosferica. Non sarebbe un certificato di guarigione della squadra ma 7 vittorie su 8, di cui una persa per una sciagurata decisione di Spinazzola con Inter e molte partite vinte partendo da situazione di svantaggio, mmmmhhhh…. a me questo dà parecchie idee positive, in vista del Siviglia e della prossima stagione, cessioni e plusvalenze permettendo

Comments are closed.