SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “Questa situazione della Roma arriva da lontano. Dall’arrivo degli americani la Roma non è stata più la stessa, è diventata un’altra cosa. Sembrava che il passato non ci fosse mai stato, ma non era così. Hanno mascherato la situazione in un certo senso con Sabatini, un genio nel prendere giocatori importanti, facevano plusvalenze e tiravano avanti. Fonseca è un allenatore normale”.

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “I giocatori sono viziati, anche quelli della Roma. Questi calciatori hanno a loro servizio una schiera di persone che gliele danno tutte vinte. Sono inavvicinabili, viziati e comandano all’interno della società”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Pomeriggio: “Pallotta continua a trattare, ma la situazione precipita. Alla Roma non si sa per quale motivo, ci sono delle triangolazioni, c’è gente che si fa usare. In comunicazione si da molta importanza alla deontologia, ma mi faccio gli affari miei”.

Stefano Agresti a Radio Radio Pomeriggio: “De Rossi alla Fiorentina? Non ha mai guidato una squadra dalla preparazione estiva, poi è un idolo dei tifosi della Roma, non della Fiorentina. Tanti ex grandi giocatori hanno comunque fatto i vice o allenato nei settori giovanili prima di diventare allenatori in prima squadra. Da calciatore ad allenatore in Serie A il passo è lunghissimo. Alla seconda che perde viene additato come romanista”.

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “De Rossi lo avrei visto malissimo alla Roma per tanti motivi, lo vedo bene invece alla Fiorentina. Io gli darei qualsiasi squadra. Ricordo quando ha detto a Ventura ‘Ma che fai entrare me?’, quello è essere già allenatore e vedere il calcio. Un uomo intelligente come De Rossi si circonderebbe di uno staff importante, poi lui sono 20 anni che fa preparazioni con tantissimi allenatori. Vede il calcio come pochi altri, chi prende De Rossi per me è un genio”.

Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: “Per tutti ormai Fonseca è ufficialmente un cretino che va cacciato con la massima fretta. La gestione di Fonseca in questo anno solare, è sotto gli occhi di tutti, è catastrofica. La vera domanda che bisogna farsi qui è: come sia possibile che ogni allenatore che viene qui, da Luis Enrique a Garcia, sfiorisce con così grande velocità?”.

Jonathan Calò a Centro Suono Sport: “La verità è che c’è un problema fisico. Io la Roma a questi ritmi me la ricordo solo con Carlos Bianchi. C’è il caldo, è vero, ma il caldo c’è per tutti”.

Marione a Centro Suono Sport: “A me sin da quando hanno ripreso gli allenamenti mi sembrava tutto troppo blando: non vedevo mai una doppia seduta, spesso giorni di riposo. Ho pensato: “Vediamo, adesso magari si partirà coi botti”. L’ho visto il botto. Fienga che ha un team sotto di lui, oltre a fare i suoi compiti, perché non dà un occhio alla situazione della squadra? L’unica cosa è che Petrachi ha detto: “Guardate che questi non si stanno allenando” e Fonseca si è arrabbiato. Quando manca il presidente e l’allenatore non va più, va tutto allo sfascio. La Roma non ha nulla in questo momento”.

Guido D’Ubaldo a Radio Radio Mattino: “Il problema della Roma è a monte. Ci sta una società che non riesce a trasmettere il senso d’appartenenza. Ci sono giocatori che non conoscono Pallotta, il loro datore di lavoro. In un momento di difficoltà non si riesce a trasmettere quella voglia necessaria per andare avanti”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “La Roma è una delle tante squadre che si trascinano stancamente. Le ultime due partite sono state giocate non dico sotto ritmo ma peggio. L’obiettivo adesso deve essere quello di arrivare bene bene al match di Europa League, che può essere decisivo per la stagione. Fonseca deve trovare il modo di riattivare i circuiti, attualmente sembra essere un fastidio più che un piacere da parte della squadra giocare le partite”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “La squadra va motivata, perché c’è l’obiettivo di arrivare ai quarti di finale di Europa League. In campionato mancano otto partite e serve una reazione. Tutto deve partire dall’allenatore. Quest’anno il cammino della Roma è stato deficitario sempre, non mi ha mai esaltato”.

Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “La partita con l’Udinese è stata surreale, e così lo è stato Fonseca. Nella Roma mi sembrano tutti in confusione. Fonseca è un tipo blando, non è un Mazzone o uno Spalletti. E l’assenza della Curva Sud incide in modo negativo. Dopo la ripresa l’unica figuraccia è stata salvata grazie a due invenzioni di Dzeko. Così la Roma non è accettabile”.

Print Friendly, PDF & Email

8 Commenti

  1. Certo questa preparazione esriva in vista del prossimo campionato si sta rivelando un vero TILT. Abbiamo trascorso preparazioni e ritiri estivi da 10 anni a questa parte veramente nulli,solo passerelle per intascare 4 baiocchi da parte dell Azienda. Questo anno è veramente l apice della distruzione tecnica: la squadra è quella del prossimo anno? Esiste un “progetto” ambizioso per affrontare la nuova stagione? Quale allenatore? Zorro??? Ruoli societari? Presidenza…quale??? Come si dice a Roma….è tutto pè l’aria. E noi tifosi??? MAI UNA PAROLA E CI HANNO RIFILATO UN VOUCHER ANZICHÈ DARCI I SOLDI DEL RIMBORSO…SPERIAMO CHE QUALCHE ASSOCIAZIONE DI CONAUMATORI FACCIA RICORSO COME ACCADE PER I RIMBORSI DEI VOLI AEREI!!! P.V.

  2. La società ha le sue colpe ma se siamo l’unica squadra che non corre in tutta la serie A chi può essere l’indiziato numero 1 se non Fonseca? A me sta simpatico ma come allenatore si sta rivelando per quello che è, non ci metto un aggettivo perchè la stagione che stiamo facendo parla da sola. Non puoi giocare alla garibaldina con giocatori di poco carattere, Guardiola lo fa con dei giocatori Top, Liverani da noi lo fa col Lecce e i risultati si vedono. Fonseca lo fa con Fazio e Ibanez centrali, senza mastini a centrocampo come De Rossi o Nainggolan e i risultati si vedono. Se poi hai solo tre o quattro veri giocatori (Dzeko, Kolarov, Zaniolo, Smalling) di cui uno rotto per 5 mesi, cosa continui a fare le scorribande lasciando giocatori insicuri a regalare gol agli avversari con errori ridicoli e contropiedi vari? Bastaaaa non se ne può più, ma il patentino da allenatore lo regalano o si compra in tabaccheria?

  3. Sento commenti giusti e giustificati sul disastro soprattutto societario della AS ROMA. La colpa di James Pallotta è sicuramente quella di non essere stato quasi mai presente e questo vuol dire tutto. Però nessuno dice una parola su chi ha voluto, A TUTTI i COSTi, far riprendere questa PENOSA FARSA DI UN NON CAMPIONATO dopo tre mesi di fermo sanitario. Ma perchè diventare ridicoli con partitelle scapoli ammogliati a porte chiuse, senza pubblico, giocando una partita ogni tre giorni, con giocatori fuori condizione????Ma a chi interessa vedere questo spettacolo indecente??? Sempre per i maledetti soldi delle televisioni? Forza Roma.

  4. No. Perchè la società se ne fotte se i giocatori camminano. Oltre all’aver sempre dato priorità ad altro (cioè ai due spicci del tour in america rispetto alle necessità della preparazione), quando tu cacci il ds che ti dici che i giocatori non si allenano significa che ti sta bene che non si allenino.

  5. Interessa a pigotta che ha fatto di tutto per ricominciare sta farsa pur di alzare due spicci. Dopo la lazio la Roma è la squadra che ha spinto di più per la ripartenza.

    • E hanno fatto i belli con RomaCares e i pacchi con dentro “la gazzetta dello sport” . Il social-marketing. P.V.

  6. Oooooooooooh nooooooooooo!….
    😎🍻🥂🍾⚽️🥅♠️♠️⌛🌡⛈🌩🔍🚫⏮⏸⏹⚂

Comments are closed.