NUMERI E CURIOSITA’ REAL MADRID ROMA – Torna a riecheggiare l’inno della Champions League con la Roma e i suoi tifosi che lo canticchieranno nello Stadio Santiago Bernabeu di Madrid. Il debutto dei giallorossi nella competizione li mette di fronte ai Galacticos del Real che hanno vinto le ultime tre edizioni. Andiamo ad analizzare numeri e curiosità della sfida di mercoledì.

I PRECEDENTI – Le due squadre si sono affrontate dieci volte dal 2000 in poi in Champions League, da settembre 2001. Le prime sei partite sono state giocate nella fase a gironi: nella prima fase a gironi del 2001/02 il Real ha raccolto 4 punti nelle due partite contro i giallorossi, nella prima fase a gironi 2002/03 le due formazioni hanno vinto in trasferta contro l’altra, mentre nel 2004/05 il club di Madrid ha conquistato 6 punti su 6.

DOVE ERAVAMO RIMASTI – Nella partita più recente il Real ha avuto la meglio sulla Roma. Agli ottavi di finale del 2016, infatti, le Merengues hanno vinto 2-0 all’Olimpico (57′ Cristiano Ronaldo, 86′ Jese’) e in casa (64′ Cristiano Ronaldo, 68′ James Rodriguez) con CR7 in gol in entrambe le partite.

L’11ESIMA VOLTA DELLA ROMA – La formazione capitolina è alla fase a gironi per l’11esima volta e la quarta in cinque anni. Ha raggiunto la semifinale della passata stagione arrendendosi solo al Liverpool. I giallorossi hanno chiuso al primo posto il proprio girone composto da Chelsea e Atlético Madrid, prima di battere Shakhtar Donetsk e Barcellona nella fase a eliminazione diretta.

ROMA CON IL MAL DI TRASFERTA – La squadra allenata da Di Francesco, che debutta fuori casa in questa edizione della Champions, ha perso tutte e tre le trasferte della passata fase a eliminazione diretta – subendo 11 gol – ed è in una striscia di 4 sconfitte consecutive in trasferte europee dopo il 2-0 in casa dell’Atlético alla quinta giornata. La Roma hanno vinto una sola delle 6 trasferte della scorsa Champions League,  2-1 in casa del Qarabağ alla seconda giornata, e ha vinto solo 3 volte nelle ultime 17 trasferte europee (P6 S8). Diciasette dei 19 gol subiti nella scorsa Champions League, inoltre, sono arrivati in trasferta e l’ultimo cleen sheet lontano dall’Olimpico risale a 10 anni fa, Lione-Roma 0-2 (gol di Totti e Mancini). A questi dati negativi va aggiunto che i giallorossi hanno perso 4 delle ultime 5 trasferte in Spagna. L’eccezione è stato un 4-0 in casa del Villareal nei sedicesimi di Europa League 2016/17, con Edin Džeko autore di una tripletta.

MARCANO RITROVA LOPETEGUI – Il neo allenatore del Real Madrid, Lopetegui, nel 2014/15 ha allenato il Porto nel quale militava il 29enne centrale di difesa Iván Marcano, arrivato in estate dalla Roma. L’attuale tecnico dei Blancos, prima di sedersi sulla panchina dei campioni d’Europa, allenava la Spagna e da CT avrebbe voluto portare Marcano al Mondiale russo.

INCUBO KROOS PER OLSEN – Il portiere della Roma ritroverà Toni Kroos, suo incubo ai mondiali di Russia. Il centrocampista tedesco del Real gli ha segnato il gol al 95′ che ha permesso alla Germania di battere la Svezia nella fase a gironi della Coppa del Mondo di questa estate.

Giulia Spiniello

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

7 Commenti

  1. abbiamo il dovere di difendere le PLUSVALENZE dall’attacco dei giornalisti, dei critici e di quelli che si lamentano sempre. Nella nostra storia un bilancio così non ce l’abbiamo mai avuto, e mai eravamo riusciti a cedere a così tanto i nostri giocatori. La Champions è necessaria per alzare le quotazioni della rosa, da Kluivert in giù. Perdere o vincere poco conta, l’importante è esserci e che i compratori si guardino le partite. Dopodomani subito su transfermarket a vedere se la raccolta è stata buona o meno. L’obiettivo è quello di uscire dal raccordo anulare, creare plusvalenze intercontinentali, allargare i record di cessione fino al Giappone ed agli Stati Uniti. Grazie Pallotta, grazie Monchi, il campionato e la coppa plusvalenze saranno nostri ancora a lungo. Sosteniamoli, è dura a volte fare certe cessioni, ma vuoi mettere l’orgoglio di essere i n. 1 al mondo?

    • La Roma ha venduto Alisson perché qualsiasi giocatore preferirebbe giocare in Premier e guadagnare più soldi, vedi Salah.
      O giocare dove si può vincere, vedi Sczesnzy (che non era neanche tuo), Pjanic (venduto dopo 5 anni) e Benatia alla Juve.
      Strootman è stato venduto perché lui voleva cambiare aria e a Roma è rimasto 5 stagioni, di cui 2 in riabilitazione. Lo ha voluto il suo ex allenatore e all’OM (non al Chelsea} prende 4,5 mln invece dei 3,2 che prendeva qui.
      Nainggolan a Roma ci è rimasto 4 stagioni ed è stato venduto (all’Inter non al Real Madrid) probabilmente per lo stesso motivo per cui l’allenatore del Belgio non lo porta ai mondiali. Lo ha voluto il suo ex allenatore e all’Inter prenderà 5 mln (bonus compresi) fino al 2022 (se ci arriva).
      Oltre ai famosi giovani sono stati acquistati Perotti, Fazio, Kolarov, Dzeko (titolari lo scorso anno), Gonalons e quest’anno Pastore, Olsen e Nzonzi, che di certo non sono acquisti da plusva.

      • Infatti il problema è l’acquisto di giocatori che non hanno “appeal” da plusvalenza, rischiano di rovinare il bilancio e farci perdere il primato l’anno prossimo. Secondo me è importante vendere bene già a gennaio (Perotti? ElSha?) e non avere l’affanno di cedere tre-quattro giocatori tutti insieme a giugno. Su Pastore non sono d’accordo, secondo me tra un anno potrebbe fruttare una bella plusvalenza in Cina o in campionati “esotici” ma molto dipende da come giocherà. Stasera appena finita la partita bisogna subito andare a vedere transfermarket, ci potrebbero essere sorprese e allora sì che esultiamo! Basta pensare a Zaniolo attualmente valutato 1 milione, se lo fa giocare e sale abbiamo buone possibilità di vincere anche stavolta la coppa plusvalenze!

        • Ti sei scordato anche Coric e Bianda che però in questo caso potrebbe essere stranamente una minusvalenza visto quanto pagato e quello che sta combinando con la primavera. Tuttavia Coric è sicuramente una plusvalenza con le gambe e ci permetterà di vincere anche il prossimo +valenza cup di cui attualmente, da 5-6 anni, siamo i detentori massimi. Compratori siete avvisati!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here