#SPIEGATOBENE DA ANGELO BONFRISCO –  Analizzare, approfondire, sviscerare, insomma… spiegare bene. È questo l’intento della rubrica di Romanews.eu che vi offre una nuova chiave di lettura per capire a fondo l’argomento del giorno in casa Roma. Lo faremo attraverso l’opinione di un personaggio illustre, del mondo del calcio e non. Oggi è il turno di Angelo Bonfrisco, ex arbitro di Serie A, per analizzare il tema legato alla direzione della gara di Roma-Inter e degli errori commessi da Gianluca Rocchi.

CONTATTO ZANIOLO D’AMBROSIO – “Sul contatto c’è veramente poco da dire perchè è talmente evidente che non c’è nessuna discussione tecnica che tenga, perchè rivisto alla televisione è un chiaro rigore. Quella che è la considerazione da fare è capire come mai con la fortuna di avere la tecnologia, il Var non sia intervenuto. E’ inspiegabile perchè dal campo si vede che Rocchi è coperto e cerca in tutti modi di focalizzare il contatto, anche se leggermente più complicato di quello che sembra, perchè c’è un contrasto di gioco con un rimpallo e poi sul finire dell’azione c’è lo sgambetto di D’Ambrosio, probabilmente lui perde quell’attimo fuggente e il rigore non lo ha visto nonostante era vicino. Un errore che il Var dovrebbe andare a sanare. Sarebbe carino sentire le spiegazioni di Rocchi e Fabbri per far luce sulla situazione, perchè io posso pensare ad un errata comunicazione, oppure che la tecnologia non ha fatto vedere il fotogramma migliore ma se la spiegazione non c’è la danno i protagonisti diventa difficile capire. Questa situazione qui la vorrebbero avere tutti gli arbitri, perchè si tratta di un chiaro sgambetto, uno fischia il rigore e finisce lì“.

RIGORE BROZOVIC MANO – “Lì rientriamo nella casistica di protocollo in quanto è stato fatto tutto bene perchè l’arbitro probabilmente ha perso quel tocco un po’ malizioso ma che è chiaramente volontario. D’istinto Brozovic, anche in maniera ingenua, allarga il gomito ed è un chiaro tocco di braccio punibile. L’arbitro non lo recepisce, vuoi per posizionamento o per poca convinzione ma grazie al Var concede il rigore. Questo è quello che dovrebbe fare la squadra arbitrale. La domanda è perchè non fare la stessa cosa con la situazione di prima?“.

CONTATTO MANOLAS ICARDI – “Questa è una situazione al limite, due arbitri lo danno e tre arbitri non lo danno a questo punto va accettata la decisione del campo“.

VAR – “Gli arbitri devono anche abituarsi ad interpretare le situazioni attraverso il video, perchè il fotogramma ti da un’opzione mentre il campo te ne da un’altra. Ho l’impressione che molti arbitri non siano abituati a valutare i falli televisivamente. Il tutto deve essere fatto con una velocità molto tempestiva. La piccola modifica del protocollo entrata in vigore quest’anno ha creato confusione e contraddizione. Se vogliamo andare nel particolare lo stesso Rizzoli nell’ultima riunione degli arbitri dice di avere un problema con le proteste dato che sono aumentate. Cosa vuol dire? Questo deve accendere il campanello di allarme. Vuol dire che in questa stagione siamo peggiorati e di conseguenza sono aumentate anche le critiche. C’è qualcosa da rivedere“.

Tommaso Fedele

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

8 Commenti

  1. Contatto Manolas Icardi: giallo per Icardi no?! A Napoli, Dzeko è stato ammonito e la spinta era da dietro non di spalle. Ah ma ho capito, le regole cambiano a seconda delle squadre…VAR nuovo, storie vecchie!

  2. Spalla a spalla non si dà rigore neppure in parrocchia. Sapendo di aver rubato, i portavoce dell’Inter, in malafede, hanno dovuto inventare una protesta su qualcosa. Andatevi a rivedere come è stato trattato Dzeko a Napoli con la palla da mettere in rete da due metri (effettivi, non un modo di dire) e una spinta da dietro. Su questi metodi di distrazione è finito perfino il tempo di ridere. Pietosi e squallidi.
    Forza Roma nostra

  3. Troppi milioni in ballo, non si può rischiare che la Roma riprenda il Milan e metta a rischio l’Inter, d’altronde lo aveva ben detto Tavecchio: “ Bisogna recuperare le milanesi per il buon nome del calcio italiano!” È inutile poi che si faccia educazione alla legalità nelle scuole se su una cosa così leggera come il calcio, i nostri ragazzi debbano digerire certe schifezze….

  4. Mi aspetto che nei prossimi incontri se staremo vincendo con due gol di scarto dopo l’ottantacinquesimo ci regaleranno qualche rigore inesistente x sistemare le statistiche. Se succederà mi auguro che saremo in grado di rifiutarlo sarebbe bello davvero, una cosa alla Tommasi per capirci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here