EDITORIALE – Quello che chiedevamo la Roma è stava brava a ottenerlo. Sei punti nelle ultime due gare dell’anno con le emiliane Sassuolo e Parma a far da complici per il rilancio della banda Di Francesco. Cristante, sempre più padrone del centrocampo giallorosso, e un Under in giornata sì affondano i Ducali al Tardini dove la Roma conferma la sua buona tradizione dagli anni ’90 a oggi. La Lazio ora è a sole due lunghezze, bloccata sull’1-1 dal Torino all’Olimpico e la zona Champions raggiungibile a piedi.

L’IMPORTANZA DEI RECUPERI – La boccata d’ossigeno di Eusebio si chiama “recuperi”: gli infortunati di lungo corso che stanno liberando l’affollatissima infermeria di Trigoria. Così a Parma, Dzeko non ruba l‘occhio, ma di sicuro tiene impegnati i difensori di casa solo per il fatto di essere lì. Under è libero di svariare per il fronte d’attacco e di galoppare sulla fascia, con Cristante bravo a inserirsi negli spazi e a colpire su calcio da fermo.

DIFESA D’ALTRI TEMPI – Se poi anche la difesa torna a quella di una volta e non prende gol dopo 10 giornata sempre battuta, si può davvero sorridere e pensare a un futuro migliore. Fa bene la coppia Fazio-Manolas con Florenzi e Kolarov accorti e raddoppiare, e Juan Jesus a far da rincalzo sicuro. La mediana sale di umore e concentrazione: Nzonzi in crescita e lo stesso Cristante abile a sdoppiarsi tra il ruolo di spezza-gioco e bomberone! Zaniolo ancora ubriaco dopo la rete di Santo Stefano che lo ha portato sulle prime pagine dei quotidiani nei servizi di apertura dei tg, può godersi la sua giovine età perché Lorenzo Pellegrini non fa neppure in tempo ad entrare che è subito decisivo.

BYE BYE 2018 – Bello fino a maggio, il 2018 ci ha consegnato una seconda parte non all’altezza della prima. La rimonta storica sul Barcellona, la semifinale di Champions League, il terzo posto in campionato. Poi le cessioni eccellenti in estate e il girone di andata del nuovo campionato da incubo. Dispiace salutare questo 2018 vissuto sulle montagne russe. Ma è di pensare al futuro: il 2019 inizierà con gli ottavi di Coppa Italia contro l’Entella che valgono quanto gli ottavi di Champions, guai a sottovalutarli. L’augurio per i prossimi mesi è che la Roma sia in grado di alzare l’asticella degli obiettivi per portare a casa qualcosa di importante. Intanto, buon anno a tutti!

Giulia Spiniello

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here