NOTIZIE AS ROMA – “Spesso i tifosi mi chiedono ‘perché ho lasciato Liverpool’. Rispondo che sarei dovuto restare. Non perché rimpianga gli anni tra Roma, Fulham e Apoel, ma perché avrei riconquistato il posto da titolare”. John Arne Riise, ex reds ed ex giallorosso, domenica torna ad Anfield per il match All Star organizzato da Steven Gerrard a scopi benefici. Sul suo blog, il norvegese ora in forze all’Apoel, svela il perché del suo addio all’Inghilterra: “Sapevo che Andrea (Dossena, ndr) sarebbe stato la prima scelta per i primi 3-4 mesi, ma io non ero concentrato, mi ero quasi adagiato su me stesso. Il mio rendimento ne ha risentito”. 

BENITEZ – “Amo Rafa, ad Istanbul (finale di Champions vinta contro il Milan, ndr) mi ha regalato la notte più bella della mia vita. Poi la rottura. Se l’autogol al Chelsea ha influito? Non credo. Certo, quell’errore mi ha devastato, non ho parlato con nessuno per giorni restando a casa a piangere. Sapevo di aver deluso i miei compagni e i miei tifosi, ma lasciai la piazza con tanto rispetto nei confronti del mister. Avrei solo desiderato che mi chiedesse di cosa avessi bisogno per tornare ad essere la sua prima scelta. Se serviva un solo passo per rialzarmi, avrei fatto tutto quanto in mio potere per compierlo. Ero cieco e non l’ho visto”.

(VAI AL POST ORIGINALE)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here