PSG PASTORE – Dopo essere stato nei mesi scorsi sotto inchiesta per “corruzione attiva” in merito a un affare legato a dei versamenti sospetti per tentare di portare in Qatar i Mondiali nel 2017, il presidente del Psg Nasser Al-Khelaifi è tornato di nuovo nell’occhio del ciclone, questa volta per una violazione dei regolamenti sui trasferimenti Fifa. Come riferisce il quotidiano inglese The Guardian, il patron del club parigino avrebbe firmato una lettera al capo dello staff del futuro emiro del Qatar chiedendo un pagamento di 2 milioni di euro all’agente di Javier Pastore nel momento del trasferimento del centrocampista argentino dal Palermo al Psg avvenuto nell’estate del 2011 per un’operazione di 40 milioni di euro. Inoltre ci sarebbe stato un altro versamento di 200mila euro nelle casse della Oryx QSI, una società privata qatariota gestita dal fratello di Al-Khelaifi, procedimento vietato dalla Fifa visto che un presidente di club non può pagare personalmente un agente.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here