PANCHINA ROMA GASPERINI – Dopo la cena di ieri sera alla Tenuta Serradesca di Scanzorosciate, si è svolto oggi l’incontro tra il presidente dell’Atalanta Percassi e il tecnico Gasperini. Secondo quanto riporta Bergamopost.it, al vertice è molto probabile che abbiano partecipato anche l’amministratore Luca Percassi e il direttore operativo Roberto Spagnolo, il dirigente che nello spogliatoio è più vicino di tutti al mister. Sul tavolo non ci sono questioni economiche ma tecniche: l’allenatore infatti ha intenzione di portare avanti un progetto che permetta alla Dea di fare bella figura l’anno prossimo in Champions. Nel corso della giornata sono arrivate anche le parole del direttore generale Umberto Marino, intervenuto alla cerimonia di consegna dei diplomi del Master Sbs al salone d’onore del Coni, che ha parlato di un’Atalanta con tutte le carte in regola per fornire a Gasperini la continuità di cui il suo progetto ha bisogno. L’incontro è terminato nel tardo pomeriggio, quando il presidente Percassi ha dichiarato che l’annuncio riguardante la permanenza o meno del tecnico arriverà nella giornata di domani, dicendosi inoltre ottimista a riguardo. Conferme in questo senso sono arrivate anche in serata, quando Sky Sport ha diffuso la notizia di un accordo raggiunto dalle due parti, che porterebbe Gasperini a prolungare il proprio contratto con la Dea fino al 2022.

GLI AGGIORNAMENTI:

Ore 21.00 – Secondo quanto riporta Sky Sport, dopo l’incontro con il presidente Percassi, il tecnico dell’Atalanta avrebbe deciso di rinnovare il proprio contratto fino al 2022.

Ore 18.30 – Terminato il summit il presidente dell’Atalanta Percassi dichiara: “Come è andato l’incontro? Sono dovuto andare via prima, ci rivediamo domattina (mercoledì, ndr) per un caffè insieme. Domani si saprà, io sono ottimista”.

Ore 15.35 – “In questo momento Gasperini sa bene che l’Atalanta gli può offrire una continuità e un percorso che da altre parti non gli possono garantire. Sarà una decisione che comunque prenderà in affetto e amicizia con Percassi“. Lo dice il direttore generale della società bergamasca, Umberto Marino, intervenendo alla cerimonia di consegna dei diplomi del Master Sbs al salone d’onore del Coni.

Ore 13.10 – Gian Piero Gasperini vuole un’Atalanta competitiva. E’ questa la prima richiesta del tecnico, che proprio in questi minuti sta incontrando il presidente Percassi per capire se ci sono i margini per andare o meno avanti sulla panchina nerazzurra. L’allenatore vorrebbe la conferma dei big o vendere solo davanti a offerte irrinunciabili ma poi di sostituirli, eventualmente, con calciatori di pari livello e non con scommesse. Gasperini vuole continuità e non ripartire da una squadra nuova come ogni estate, anche perché il prossimo anno ci saranno i gironi di Champions, non ci sarà tempo per rodare la squadra e il rischio è di mal figurare in giro per l’Europa. Sullo sfondo, riferisce TMW, c’è la Roma, che ha presentato un’offerta concreta: triennale da 3 milioni di euro netti a stagione. Il club giallorosso è interessato da questo incontro in corso: attenderà novità entro domani, poi eventualmente virerà su altri allenatori.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

43 Commenti

  1. mah……con Conte destinato all’Inter, Sarri vicino alla Juve e Gasperini che potrebbe rimanere a Bergamo su piazza ( italiani come sembra preferisca la società) restano solo…..GATTUSO e GIAMPAOLO……CHE AMAREZZA!!!!

  2. Vedo Gasperini allontanarsi ,meglio una societa` unita con tanta voglia di fare come l’atalanta che non una Roma ridotta male da un presidente e un consulente incompetenti.
    Lui vorrebbe avere pieni poteri ,quando Garcia chiese questo fu messo al bando : zitto o fai le valige subito.
    E il loro sistema che guarda solo di rientrare in una gestione autonoma con delle operazioni di plus valenze , l’andamento in campionato della squadra ha poca importanza.

  3. Gasperini ha dimostrato di essere un ottimo allenatore e non la ritengo una seconda scelta.D’altra parte il cammino della dea in champions è segnato e la prospettiva di poterci rientrare il prossimo anno con una squadra più blasonata e spero più forte può rappresentare u na buona motivazione

  4. Cari signori,
    pensando in termini razionali ma Gasperini che ha creato il fenomeno Atalanta entrando in Champion per la prima volta con una preparazione atletica eccellente, l’Atalanta ha fatto i preliminari di Europa League, verrebbe a Roma a ricominciare daccapo in una piazza difficile come la nostra dove sei impallinato non appena persi due partite? Leggendo questi vostri commenti non mi stupisco che Gasperini non venga….ora oggettivamente chi c’è disponibile? A me Giampaolo non dispiace non potendo permetterci un top allenatore devi accontentarti questo è ragionare se poi volete essere solo ciechi tifosi….allora avete ragione Voi.
    PS: sicuramente ci sarà quale buon tempone che mi darà del laziale….beh anticipo io tifo la Roma da quando andavo a vedere la primavera al Tre Fontane ed in porta vi era Quintini…….

  5. Mi sembra chiaro che un allenatore con un minimo di valore e personalità rifiuti questa società di scappati di casa.
    I TOP nemmeno a parlarne.
    Quelli di prima fascia nemmeno ci provano a interpellarli.
    Quelli di seconda fascia ti fanno una pernacchia
    Rimane qualche avanzo di terza fascia che non si sia già accasato da qualche altra parte.

    CHE TRISTEZZA

  6. E sapete perchè nonostante Pallotta offre cifre oltre la media come compenso nessuno viene più alla Roma perchè ormai parecchi pseudo-tifosi e l’ambiente romano sono diventati insopportabili e vivono 24h sempre a criticare e a sparlare di tutti .Ma ce l’aveto altro da fare ? Cosa ne dite su come è stato trattato Geko.Grazie a tutti siete voi la rovina della ROMA.

  7. Di fregnacce ne leggeremo tante fino a che non arriva il nuovo Allenatore, minimo Gasperini , che per inciso non sarebbe un passo indietro ma in avanti, ricordiamoci che avevamo Di Francesco, non certo un allenatore di prima scelta, mediocre e abbiamo pure dovuto pagare una clausola rescissoria per averlo, una roba che solo uno scienziato come Monchi poteva fare. Se no ancora Ranieri, altre scelte sarebbero da psichiatra, Gianpaolo, Gattuso, ecc ma stiamo scherzando vero?

  8. che vergogna ..ci snoba anche gasp..mamma mia..pallota e baldini hanno sfasciata la squadra..che societa di merda che siamo..incopetenti..l,anno scorso in semi finale chl..un anno dopo squadra senza dirigenza senza allenatore senza capitano e senza futuro..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here