NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

FONSECA DAY – E’ stato il giorno di Paulo Fonseca: il tecnico portoghese, dopo l’ufficialità dell’11 giugno, è atterrato oggi a Roma. Arrivo mattutino per l’ex Shakhtar atterrato all’aeroporto di Fiumicino alle 6.55 con il volo Alitalia AZ593 proveniente da Kiev. Sereno e sorridente, Fonseca ha subito pronunciato le sue prime parole da allenatore giallorosso: “Sono molto, molto emozionato e motivato”, ha esclamato circondato dai cronisti. Oggi si è calato per la prima volta nella realtà romanista, visitando sia la sede di Viale Tolstoj, dove ha firmato il contratto con il CEO Fienga, sia il centro sportivo Fulvio Bernardini. Una volta arrivato a Trigoria ha anche rilasciato la sua prima intervista da allenatore della Roma ai microfoni di Roma Tv: “Non ci ho pensato due volte a venire alla Roma. Essere l’allenatore della Roma è uno degli obiettivi di gran parte degli allenatori in Europa. Sono molto contento e motivato, ho voglia di costruire qualcosa di speciale e diverso qui, con le mie idee. Possiamo fare grandi cose. Abbiamo parlato delle mie idee e delle idee del presidente. Penso sia stato un incontro proficuo. Abbiamo parlato di molte cose. Ho sentito il sostegno del presidente, mi è sembrato molto interessato alle mie idee. L’incontro è andato molto bene. La struttura mi ha fatto un’ottima impressione, gli uffici sono nuovi e molto belli. C’è una bella atmosfera. Ora conoscerò bene il centro di Trigoria, le prime impressioni sono molto positive. Ora mi sento più esperto. Quella in Ucraina è stata una bellissima esperienza. Con lo Shakhtar ho vinto molto. Penso che questa sia una sfida diversa, il calcio italiano è diverso. Sono pronto a iniziare a lavorare e trasmettere le mie idee con l’esperienza che ho maturato. Sono davvero molto motivato. Mi ricordo molto bene l’Olimpico e la partita contro la Roma. Abbiamo perso 1-0 in quella occasione. E’ stato un momento difficile ma allo stadio c’era un’atmosfera fantastica e spero di poterla rivivere in ogni partita. Ci aiuterà sicuramente, avremo bisogno dei nostri tifosi e sono sicuro che ci saranno sempre e ci sosterranno come hanno fatto in quella partita. Ho le mie idee e le voglio applicare. La cosa più importante è costruire una squadra coraggiosa, è il mio obiettivo principale e credo che con questi giocatori sarà possibile costruire una squadra coraggiosa, che non abbia problemi a confrontarsi con le più forti e le più piccole. Voglio che i miei giocatori dimostrino coraggio e qualità nel gioco che esprimeranno. Innanzitutto la squadra dovrà conoscere le mie idee. Dovremo motivare i giocatori. Sono calciatori di grande qualità e con il nostro modo di giocare cresceranno ulteriormente e miglioreranno. Voglio giocatori coraggiosi, perché non sarà semplice attuare il nostro stile di gioco. Ma come ho detto credo molto nelle qualità di questi giocatori. Possiamo costruire una grande squadra. Ai tifosi voglio dire che è nostra intenzione costruire qualcosa di speciale. Qualcosa che li renderà orgogliosi di questa squadra partita dopo partita. Avremo bisogno dei tifosi, tutti insieme possiamo costruire qualcosa di grande e proporre un grande calcio per renderli orgogliosi. Siamo certi che i tifosi saranno a fianco della squadra”.

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI – Si è tenuta oggi dalle 15 a Trigoria, presso il centro sportivo Fulvio Bernardini, l’assemblea degli azionisti della Roma. La discussione è stata animata dagli interventi degli azionisti Palma e Staderini, molto critici sulla società su diversi punti: sulla gestione sportiva sia riguardo la prima squadra che sul settore giovanile, quella economica, il ruolo di Franco Baldini, la vicenda Stadio e su quanto accaduto con gli addii di Francesco Totti e Daniele De Rossi. Come di consueto, non si sono fatte attendere le risposte del vice-presidente Baldissoni e del CEO Fienga. Il primo ha fatto chiarezza sullo progetto Stadio e ricavi da sponsor, allontanando l’ipotesi di una cessione al Qatar Sports Investment: “Rispetto al riferimento fatto agli sponsor che ci considerano, secondo Palma, piccoli volevo dare un riferimento complessivo sul valore di maglia inteso come somma di sponsor: il valore è secondo solo alla Juventus in Italia. Fiumicino? É doveroso valutare alternative se le negoziazioni col Comune di Roma andassero male. Le voci su un interesse per acquisto della società del QSI sono false, come affermato già da Pallotta”. Il secondo, invece, si è soffermato di più sulla parte sportiva, cercando inoltre di far luce sulla figura di Franco Baldini all’interno del club: “siamo concentrati su mantenimento, anzi, incremento della competitività della squadra nonostante una revisione dei costi della stessa. Abbiamo detto e lo ha anche ammesso lo stesso Pallotta, degli errori sono stati fatti, il costo generale della squadra è aumentato più di quanto sia aumentata la competitività. Cerchiamo ora di invertire il contributo di questi due fattori: aumentare competitività e riportare costo generale squadra ad un livello sostenibile, sia dalla società e compatibile con le nostre ambizioni che restano molto alte. Per quanto riguarda il ruolo di Baldini: è un consulente dell’azionista di maggioranza. Non ha alcun ruolo nella governance della società, ci tengo a spiegarlo anche bene. Il management della vostra società è il soggetto collettivo che elabora le strategie ne determina l’esecuzione. Dove chiediamo, come ora, sostegno su alcune scelte perché comportano impatto finanziario delle scelte, ogni investitori professionali, come Pallotta, usano confrontarsi con esperti nei settori in cui prestano: evidentemente Baldini è uno di questi in quel settore. L’azionista di maggioranza fa il ‘challenge’, la verifica delle proposte che arrivano dalla società con i suoi consulenti, uno di questi è Baldini. Da quando ho assunto la carica di CEO, dal momento della scelta di mister Ranieri, il processo di selezione del nuovo ds, nella scelta del nuovo coach, mister Fonseca, tutto ciò è avvenuto per un processo decisionale gestito e finalizzato dal management di questa società. Chi lo paga? AS Roma SPV LLC, Neep proprietaria di AS Roma”. Al termine della discussione, sono stati approvati tutti gli ordini del giorno in programma.

MANOLAS – Kostas Manolas è sempre più vicino a diventare un nuovo calciatore del Napoli. Il difensore greco, infatti, ha da tempo trovato l’accordo per un contratto quinquennale con il club partenopeo che, però, tarda ad arrivare. Proprio per questo, infatti, la Roma potrebbe scegliere di rivedere le sue pretese: non esigere tutto il pagamento della clausola, ma ‘accontentarsi’ di una parte cash ed un altra in contropartite tecniche, con Mertens in cima alla lista dei desideri dei giallorossi. Intanto, però, il 44 greco potrebbe sbarcare a Napoli già mercoledì.

DE ROSSI – Il futuro di Daniele De Rossi sarà ancora in Italia. Secondo quanto riporta Sky Sport, infatti, l’ex capitano della Roma giocherà ancora in Serie A, accettando dunque una proposta da un club della penisola. Tante le squadre che, per i vari organi di stampa, avrebbero offerto un contratto a De Rossi: Inter, Milan, Sampdoria e Fiorentina. Proprio riguardo i viola sembrava esserci un’offerta per un contratto di un anno con opzione per il secondo a 1,4 milioni a stagione. Il neo-presidente Commisso, però, ha smentito la proposta: “Non so niente, nel calcio troppe fake news”.

CALCIOMERCATO – L’obiettivo numero uno della Roma è Jordan Veretout. Si è tenuto oggi nella capitale l’incontro tra il club giallorosso e l’agente del centrocampista francese della Fiorentina: un vertice durato quasi tre ore con segnali positivi da entrambe le parti. Al momento, i giallorossi sembrerebbero essere davanti alla concorrenza essendosi mossi per primi e avendo proposto al mediano l’offerta per lui più vantaggiosa. Altro casella da coprire è quella del prossimo nuovo primo portiere: spuntano i nomi di Nubel dello Schalke 04, un 1996 in scadenza e di Cassio Ramos, 32enne del Corinthians. Per quanto riguarda il fronte uscite, invece, c’è ancora stallo nella trattativa che dovrebbe portare Dzeko all’Inter, mentre El Shaarawy avrebbe ricevuto una proposta dallo Shangai: per ora il Faraone aspetta una chiamata dalla Roma per il rinnovo.

SENTI CHI PARLA – Sulle principali frequenze radiofoniche, il principale tema di discussione riguarda l’arrivo nella capitale del nuovo tecnico della Roma Fonseca. Max Leggeri, a Centro Suono Sport, si esprime così sul tecnico: “Da oggi parte ufficialmente l’avventura giallorossa di Paulo Fonseca, al quale auguro un grande in bocca al lupo, visto il momento delicato che sta attraversando la Roma. Il portoghese è la nostra unica speranza, affinchè questa squadra possa però al limite centrare la qualificazione alla prossima Champions, perchè i voli pindarici li lasciamo ai pifferai magici di questa società”. Roberto Pruzzo, intervenuto a Radio Radio, si augura che il tecnico possa mantenere la sua filosofia di calcio anche a Roma: “Fonseca? Ancora non l’ho visto. Gli auguro di essere sé stesso, di avere le idee chiare fin da subito, facendo una selezione accurata dei giocatori da tenere oppure no. Secondo me deve avere le idee chiarissime su tutta la situazione. Gli va dato un po’ di tempo per valutare”.

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

  1. A tutti quelli che difendono pallotta ora.. poi tra 2 anni quando staremo in serie b.. cosa tiferete???? Io tifero sempre roma.. “sempre” pero con la consapevolezza che oggi potevamo fare qualcosa contro questo presidente. Purtroppo la maggioranza dei tifosi vedo che é cieca. Soprattutto dal rinnovo delle tessere che é aumentato addirittura. Una protesta va fatta per bene .. ci vogliono i cosiddetti per farla e per rinunciare al tesseramento. Finché non saremo uniti.. pallotta starà bene, e tutti mangeranno alla faccia vostra e nostra! Vai presideeeee sei tutti noi.. comprace un bel centrale cinese al posto de Manolas .. qualche altro giovane forte dal vivaio neo zelandese… e facce sta magica… facce sogna.. che le tessere abbondano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here