ROMA UDINESE, L’AVVERSARIA – Dopo la vittoria conquistata contro la Sampdoria e i pareggi di Inter, Atalanta e Lazio, il quarto posto non sembra poi così irraggiungibile per i giallorossi. A Genova la Roma ha lottato riuscendo così a portare a casa tre punti che mancavano ormai da tre gare e soprattutto è sembrata riacquistare le sembianze di una vera e propria squadra. Ora i giallorossi si preparano ad ospitare all’Olimpico l’Udinese. La squadra di Igor Tudor si trova attualmente al quindicesimo posto in classifica, con 32 punti e una partita contro la Lazio da recuperare.

Prossimi impegni 
Roma-Udinese (32° turno di Serie A 13 aprile ore 18.00, Stadio Olimpico)
Lazio-Udinese (33° turno di Serie A 17 aprile ore 19.00, Stadio Olimpico)
Udinese-Sassuolo (34° turno di Serie A 20 aprile ore 15.00, Dacia Arena)
Atalanta-Udinese (35° turno di Serie A, 29 aprile ore 19.00, Stadio Atleti Azzurri d’Italia)

COME ARRIVA – L’Udinese ha portato a casa tre punti al termine dell’ultima rocambolesca partita di campionato contro l’Empoli. La squadra di Tudor, passata in svantaggio per ben due volte, è riuscita infine a ribaltare il risultato e ad aggiudicarsi il match, vinto per 3 reti a 2. Nelle ultime cinque partite disputate in Serie A, i bianconeri hanno ottenuto 2 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte, arrivate contro Juventus e Napoli.

IGOR TUDOR – Dall’ultima sfida di campionato che ha visto contrapposte Roma e Udinese, anche i bianconeri sono andati incontro ad un grande cambiamento. Di Nicola è stato esonerato il 20 marzo, dopo aver presto il posto di Velazquez, e sulla panchina dell’Udinese è tornato Igor Tudor. Il tecnico croato era già subentrato in corsa a Massimo Oddo l’anno scorso, ma non è poi stato confermato per la stagione 2018-2019. Sabato all’Olimpico Tudor affronterà per la prima volta i giallorossi in qualità di allenatore. Il croato ha, invece, già sfidato la Roma 8 volte da giocatore, quando militava in Serie A con la maglia della Juventus e del Siena, dal 1998 al 2007.

L’EX – C’è molta Roma nell’attuale rosa dell’Udinese. Oltre al già noto D’Alessandro, a gennaio è arrivato a Udine dal Parma anche l’ex giallorosso Stefano Okaka. L’attaccante ha vestito la maglia della Roma dal 2004 fino al 2012, partendo diverse volte in prestito. Okaka è stato convocato per la prima volta in prima squadra nel 2005, proprio per un UdineseRoma, ma rimase in panchina. Il debutto in giallorosso arrivò, invece, il 29 settembre 2005, durante il match di ritorno di Coppa UEFA contro l’Aris Salonicco, che lo fece diventare il più giovane giocatore italiano a disputare una partita nelle coppe europee. L’ex Roma ha già segnato due reti con la maglia bianconera: una contro il Parma, sua attuale ex squadra e una contro il Genova.

DISASTROSI IN TRASFERTA – Buone notizie per la Roma di Ranieri: quest’anno l’Udinese è una delle squadre che hanno fatto peggio in trasferta. I numeri parlano chiaro: i bianconeri hanno vinto solo una delle 14 gare disputate lontano dalla Dacia Arena e ne hanno pareggiate 5 e perse 8. Solo Chievo ed Empoli hanno fatto peggio di così in campionato, non essendo riusciti a vincere nemmeno una partita lontano da casa. Un altro dato potrebbe preoccupare ulteriormente Tudor: la sua squadra segna meno ed è più vulnerabile in trasferta. Infatti, più della metà dei gol subiti in campionato dai bianconeri (43) sono arrivati fuori casa, dove sono state realizzate solo 12 delle 30 reti segnate in Serie A.

LE SCELTE – Nelle prime tre partite disputate dopo il ritorno sulla panchina bianconera, Igor Tudor ha optato una volta per il 4-3-3 e due per il 3-5-2. L’ultimo modulo, già utilizzato la maggior parte delle volte in stagione da Di Nicola, potrebbe essere riconfermato contro la Roma. In porta c’è il solito Musso e la difesa a tre potrebbe essere affidata a Opoku, Troost Ekong e De Maio. Per quanto riguarda il centrocampo, la regia potrebbe essere affidata a Mandragora, affiancato da Fofana e De Paul. Sulle corsie laterali spazio, invece, a Larsen e uno tra Samir e Ter Avest, vista la squalifica di Zeegelaar. In attacco Okaka e Lasagna, uno dei quali potrebbe lasciare il posto a Pussetto.

PROBABILE FORMAZIONE


UDINESE (3-5-2): 1 Musso; 87 De Maio, 5 Troost-Ekong, 3 Samir; 19 Stryger Larsen, 6 Fofana, 38 Mandragora, 10 De Paul, 77 D’Alessandro; 7 Okaka, 15 Lasagna.
A disp.: 88 Nicolas, 27 Perisan, 8 Badu, 24 Wilmot, 30 Sandro, 13 Ingelsson, 14 Micin, 23 Pussetto, 91 Teodorczyk.
All.: Igor Tudor

BALLOTTAGGI: Lasagna-Pussetto, Okaka-Pussetto, Mandragora-Sandro.
INDISPONIBILI: Barak (stagione finita), Nuytinck (10 giorni), Behrami (stagione finita).
IN DUBBIO: –
SQUALIFICATI: Zeegelaar (un turno, salta la Roma).
DIFFIDATI: Nuytinck, Samir.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here