FONSECA INTERVISTA – Il nuovo allenatore della Roma, Paulo Fonseca, ha rilasciato un’intervista al quotidiano portoghese Record, in cui ha parlato della sua avventura nella Capitale e dell’imminente inizio di stagione. Ecco le sue parole: “Voglio che la mia squadra sia molto offensiva, che giochi nella metà campo avversaria, con la linea difensiva lontana della nostra porta. Ci stiamo preparando per far si che questa sia la normalità e la realtà, però la Serie A è un campionato molto esigente, specie a livello tattico. Vogliamo avere una squadra sicura in difesa, però io dico sempre che il migliore modo di difendere è avere la palla. Credo che la Roma avrà la palla la maggior parte del tempo e per questo, difenderà meglio. Negli ultimi anni, la squadra che ha vinto a Serie A è sempre stata quella che ha subito meno goal.”


GLI OBIETTIVI DELLA SUA ROMA
– “Tutti i club hanno fatto investimenti importanti, hanno grandi allenatori e calciatori top. Per me, fondamentale è costruire una squadra che non guardi al nome degli avversari per sviluppare il suo gioco. L’obiettivo di questa Roma è tornare subito in Champions, e credo che se giochiamo bene e siamo forti a tutti i livelli, gli obbiettivi saranno più vicini. I miei calciatori mi trasmettono che non sarà facile affrontare questa Roma. Proveremo ad essere una squadra audace e coraggiosa. Percepisco un grande impegno e coinvolgimento di tutta la squadra. Credo che i risultati arriveranno in modo naturale. In due o tre anni credo che riusciremmo a conquistare un trofeo, ne sono convinto. Siamo pronti per la prima di campionato contro il Genoa, che sarà difficile.”


LA SERIE A CHE SI TROVERA’ DI FRONTE
– “Ho sempre avuto l’ambizione e convinzione che prima o poi sarei arrivato in uno dei migliori campionati in Europa. La Serie A è uno di questi. Per questo sono molto soddisfatto per avere accettato e voluto questa sfida. Sono stato accolto molto bene nel club e mi sento molto supportato nel nostro lavoro. Un allenatore vive di risultati, però io voglio rimanere molti anni alla Roma e mantenere il mio proposito di continuare la mia carriera in un dei migliori campionati del Mondo. La Serie A ha esigenze tattiche enormi, è una sfida che mi motiva molto. Sono convinto che riuscirò a costruire una squadra coraggiosa, ambiziosa e che riempia di orgoglio i nostri tifosi. Lottare fino all’ultimo minuto. L’ambiente nello stadio è fantastico. Il mio obiettivo è che la squadra conquisti la fiducia dei tifosi e questo sarà possibile solo con lavoro e dedizione. Non vinceremo tutte le partite, però dobbiamo fare sentire ai nostri tifosi che siamo capaci di lottare sempre fino all’ultimo minuto. Le persone ci sosterranno e si sentiranno orgogliose di noi, indipendentemente dai risultati. Tutti insieme saremmo più forti.”

Print Friendly, PDF & Email

24 Commenti

  1. Insieme cavalcheremo le ali della vittoria, però non vinceremo tutte le partite…al massimo arriviamo al quarto posto.
    Indipendentemente dai risultati staremo insieme….🤣🤣🤣 ma questo lo sa chi ha vicino?

  2. Speriamo bene… Pure Luis enrique voleva il possesso palla… Poi finivi per vedere partite dove avevi possesso palla x 60% poi prendi 3 gol in contropiede e ti sei visto palleggiare kjaer e heinze per tutta la gara. Sono convinto che Fonseca sia più bravo e soprattutto più bello da vedere il suo gioco

  3. Fonseca mio ti dovevi informare un po’ di più si chi é il gestore della Roma! “Garcia sará il nostro Ferguson”…anche noi ci auguriamo che tu possa rimanere molti anni sulla panchina della Roma ciò significherebbe gioco risultati e vittorie, ma con una gestione così la vedo dura ! Però daje da parte della tifoseria avrai sempre e solo sostegno! Pallotta VATTENE forza Roma

  4. Il fatto che in Italia ottengano migliori risultati le squadre che prendono meno reti autoesclude la Roma da qualsivoglia ambizione. Solite dichiarazioni da motivatore. L’unica nota positiva è che ha ben capito che è importante non prendere reti qui in Italia, il problema è che con la nostra attuale difesa e con i centrocampisti prendiamo in media 1 rete e mezza a partita, se va bene. Fonsè, gioca pure con la linea dei difensori a metà campo… che noi abbiamo il frecciarossa Fazio e piedi di fata Juan Jesus… mah…

  5. “…la squadra che vince lo scudetto è quella con la miglior difesa…”. Bene, se la coppia di centrali sarà Fazio-Jesus difficile che si possa evitare di prendere 1/2 gol fissi a partita. Io avviso eh!

  6. Mi consigliate cortesemente un paio di forum dei burini così vado lì a fare il multinick rompipalle/disfattista pure io? E di certo il vostro mercato è veramente depressivo, altro che quello della Roma….

  7. La tenuta mentale farà la differenza, anche il City prendeva un sacco di gol ma andavano avanti come dei treni e riuscivano spesso a ribaltare le partite come un calzino, il problema che ci succedeva quasi sempre l’anno scorso è che quando prendevi un gol andavamo in bambola e se c’era qualcosa che poteva andare male andava male, La Legge di Murphy applicata alla lettera, speriamo bene, keep calm e passala a Under e a Dzeko ma sopratutto prendete un centrale o saranno dolori forti

  8. ajajahajahaj in 10 anni sempre e stesse parole. società rudicola. si alla roma no a sparlotta. sparlotta non è la roma. e i tifosi sparlottiani la smettano di criticare noi anti pallotta. viva la libertà di opinione

  9. A scanso di equivoci io sono abbastanza pro-Pallotta (o pro-Pallotta in mancanza di meglio) ma pensare di partire con Jesus titolare (con Fazio) è roba da kamikaze (e anche su Perotti avrei da dire…).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here