SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Marco Evangelisti a Romanews Web Radio: “In questo momento Sarri sta incidendo maggiormente sulla propria squadra rispetto a Spalletti. Non è un caso che il Napoli giochi il miglior calcio d’Italia, la Roma invece ha avuto momenti più contraddittori. Cosa manca per vincere al San Paolo? Tutti parlano di un problema difensivo, ma io ho visto spesso mollare la presa a centrocampo e puntare sulle ripartenze. Non deve essere così”.

Fabio Petruzzi a Centro Suono Sport: “E’ sconvolgente la situazione ambientale che si è creata all’Olimpico: sono state create mille difficoltà che stanno rapidamente facendo passare la voglia alla gente di andare allo stadio. Firmerei per un pareggio a Napoli”.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “A Roma si è persa la voglia di andare all’Olimpico per mille motivi e questo è molto triste: le istituzioni, creando una serie aggiuntiva di difficoltà logistiche e ambientali, stanno incidendo sull’abbandono progressivo dello stadio. Solo la Roma con una decisione forte, provocatoria ma essenziale può cambiare questa situazione, spostandosi pro tempore in un altro impianto”.

 
Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Per colpa delle istituzioni, lo stadio Olimpico in termini di partecipazione, di presenze, sta lentamente ma inesorabilmente morendo: la ghettizzazione del pubblico e degli appassionati non è più tollerabile, sarei favorevole allo spostamento della Roma in un’altra città in attesa del nuovo stadio. Se Nainggolan non dovesse giocare a Napoli sarebbe una bocciatura”.

Federico Vespa a Centro Suono Sport: “L’Olimpico, oltre a non esser mai stato strutturalmente uno stadio da calcio, è stato gestito dalle istituzioni in maniera quasi dittatoriale con il fine di abbattere il pubblico che da sempre lo riempie la domenica, rendendolo uno stadio di polizia. Napoli-Roma? Dove si firma per il pareggio?”.

Fabio Maccheroni a Rete Sport: “Credo che Spalletti più che pensare al Napoli che potrebbe essere, sceglierà la strada più sicura ovvero quella di un’ipotetica continuità. Contro gli azzurri spostare Florenzi sulla fascia potrebbe essere una scelta giusta”.

Iacopo Savelli a Rete Sport: “Dzeko? Per me al momento il bosniaco deve scendere in campo per forza. La Roma giocherà con la stessa formazione che ha affrontato l’Inter: Florenzi però potrebbe giocare sulla fascia con Salah o Perotti alle spalle del centravanti. Non credo che i giallorossi perderanno al San Paolo”.

Paolo Franci a Rete Sport: “Baldissoni? E’ un dirigente capace e può crescere ancora con Gandini al suo fianco. Spalletti su suggerimento di Baldini? Non credo che per scegliere il toscano ci sia stato bisogno di suggerimenti. Gandini mi ha dato l’idea della presenza di un progetto di squadra”.

Massimo Cecchini a Rete Sport: “Non mi aspetto sorprese da Sarri: per loro questo è il momento giusto per dare fiducia a Gabbiadini. Nainggolan? Credo che sia complicato che recuperi fino in fondo: il belga sarà della partita ma non so se dal primo minuto o a partita in corso. Florenzi? La sua duttilità è il suo grande pregio ma anche il suo limite: in ogni ruolo può essere utile ma non indispensabile”.

Fabrizio Aspri a Rete Sport: “Sarri è uno studioso del calcio, ma Spalletti lo è di più: il tecnico giallorosso cura con meticolosità le gare. Ha un metodo di studiare le partite assolutamente pertinente. Quest’anno la Roma è diversa dallo scorso anno, è più attendista. È una squadra che non può osare troppo. Vermaelen? Rimandarlo indietro sarebbe la logica conseguenza se non dovesse superare i suoi problemi fisici. Questo ti costringerebbe a rivedere qualcosa in chiave mercato”.

Massimiliano Magni a Rete Sport: “La Roma con l’Inter ha avuto un atteggiamento attendista: questo metodo mi fa capire che qualcosa non è andato per il verso giusto. Tuttavia i risultati sono la cosa più importante e se dovesse funzionare ben venga. Paredes? Spero che Spalletti ci punti”

Ugo Trani a Rete Sport: “Se Vermaelen dovesse tornare al Barcellona mi sembra impossibile che la Roma si privi anche di Rudiger. Mi fa male pensare a Romagnoli titolare in Nazionale. Spalletti? E’ uno studioso che prepara a tavolino le sue mosse”.

Maurizio Catalani a Rete Sport: “Credo che la Roma non abbia soldi per fare mercato. Se dovesse rispedire al mittente Vermaelen per i suoi problemi fisici, sarà difficile trovare un giocatore del suo livello”.

Vincent Candela a Rete Sport: “Penso che la Roma sia più forte del Napoli, soprattutto a centrocampo. Poi i giallorossi sono brillanti anche in attacco, mentre in difesa i partenopei stanno messi meglio. Ma, in generale, al San Paolo non è mai facile. Tra Sarri e Spalletti? Tutta la vita Spalletti“.

Alessandro Angeloni a Rete Sport: “Giocatori troppo sui social? Prima i giornalisti erano a contatto con i calciatori e c’era la possibilità di raccontarli molto meglio perché li conoscevi anche fuori dal campo”.

Marco Delvecchio a Rete Sport: “Non avrei mai immaginato un Olimpico senza la Curva Sud, anche se va detto che già quando giocavo io, gli stadi andavano svuotandosi“.

Riccardo Angelini a Tele Radio Stereo: “Sono felice di vedere che su Dzeko stanno cambiando le opinioni di molti ma non vorrei che al primo gol sbagliato si torni ad attaccarlo come sempre. Perché di gol ne sbaglierà ancora“.

Gabriele Ziantoni a Tele Radio Stereo: “I numeri di Spalletti al San Paolo sono molto positivi ma non voglio dire nulla per scaramanzia. Il Napoli è una squadra molto forte ma non scambierei tutti i suoi giocatori con quelli della Roma. Anche noi abbiamo delle qualità importanti e sabato la squadra potrà dimostrarle“.

Luca Valdiserri a Rete Sport: “Andare allo stadio è una questione di abitudine. Match importante o meno conta poco. Tuttavia questo distaccamento dei tifosi dallo stadio non è un fenomeno irreversibile, basti vedere cosa sono stati in grado di creare in Germania, prima del mondiale del 2006“.

Roberto Infascelli a Rete Sport: “Gli stadi sono vuoti. Ormai giocare a Fifa è diventato fastidioso quando vedi Roma-Crotone con gli spalti pieni di tifosi. Non è reale. In molte gare la gente allo stadio non ci va più“.

Alessandro Cristofori a Rete Sport: “La partita di ieri dimostra come la gente si sia disabituata ad andare allo stadio. Troppi disagi, come quello di dover parcheggiare l’auto molto lontana dall’impianto“.

Daniele Lo Monaco a Rete Sport: “Credo che la società giallorossa e la classe politica viaggino nella stessa direzione, quindi l’impressione è che lo stadio si farà, al di là degli schieramenti politici. La cosa mi conforta molto“.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Il calciatore più importante per la Roma è Manolas, anche se l’anno scorso avrei detto Nainggolan. Mentre per il Napoli dico Reina perché riesce a coordinare benissimo la squadra grazie alla sua esperienza“.

Giulia Spiniello a Romanews Web Radio: “Il bisticcio con Veron? Maradona si è fatto prendere la mano, dopo tutti quei minuti in campo non ha ragionato più. Peccato poi per lo stadio vuoto, un problema che resta anche oltre la Roma per via di troppi problemi logistico strutturali“.

Pierpaolo Marino a Tele Radio Stereo: “Napoli-Roma non è più il derby del sud degli anni ’80 ma è sempre un quasi derby, una partita importante. Le città vivono dello stesso amore per le loro squadre. Sarri e Spalletti appartengono allo stesso pezzo di terra, sono dei toscanacci. Hanno lo stesso carattere. Spalletti è migliorato molto sotto l’aspetto della comunicazione rispetto a quando l’ho avuto all’Udinese. Hamsik lo portai a Napoli quando aveva 19 anni, ora ha tutte le possibilità di battere i record e diventare il napoletano più fedele di sempre. Napoli-Roma non sarà decisiva ma le due squadre, più il Napoli, possono dare fastidio alla Juve“.

Stefano Agresti a Radio Radio: “De Laurentiis è il presidente tipo del calcio italiano. E’ un tifoso del Napoli e riesce sempre a far bene per il suo club e la sua gente. Dice sempre la verità, come sul caso San Paolo, ed è un ottimo stratega vedi il caso Higuain-Milik“.

Paolo Cento a Rete Sport: “Ieri sera c’erano poche persone allo stadio e questa volta la violenza non c’entra. La serata di ieri ha dimostrato come sarà, purtroppo, il calcio allo stadio nei prossimi anni, ovvero senza tifosi“.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “Sabato la sfida potrebbe essere decisa dal duello De Rossi-Hamsik, con Daniele schiacciato a protezione della difesa. Milan su Paredes? Spalletti per ora potrebbe continuare ad alternarlo con De Rossi ma prima o poi la Roma dovrà decidere se puntare definitivamente sull’argentino“.

Nando Orsi a Radio Radio: “Tra Pallotta e De Laurentiis scelgo il secondo, perché l’americano mi sembra che abbia poco a che fare con il calcio italiano. Il patron del Napoli è bravo a gestire la società e in pochissimi anni l’ha portata dalla Serie C alla Champions League“.

Guido Zappavigna a Rete Sport: “La Roma splenderà a Napoli. Vincerà 3-0. Il titolo dei giornali sarà: Roma padrona“.

Francesca Ferrazza a Rete Sport: “Un ritorno anticipato di Vermaelen al Barcellona mi sembra difficile. Il calciatore ha già giocato con la maglia della Roma quest’anno e non credo ci siano postille contrattuali che permettano di rispedire il belga al mittente nel mercato invernale, salvo accordo last minute tra la società giallorossa e quella catalana“.

Chiara Zucchelli a Rete Sport: “Una bella serata di sport ieri sera, rovinata un po’ dalla lite tra Maradona e Veron. Tra i due c’erano asti pregressi che ieri sono emersi sul campo. El Pibe de Oro, non a caso, non voleva che Veron partecipasse all’evento. Stadio della Roma? L’impressione è che il parere della Giunta si sia di molto ammorbidito a riguardo“.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

2 Commenti

  1. Maurizio Catalani a Rete Sport: rispedire al mittente Vermaelen….sarà difficile trovare un giocatore del suo livello…ma per piacere ce ne sono a decine al livello di Vermaelen e anche più bravi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here