ROMA SAMPDORIA, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del tecnico giallorosso, Eusebio Di Francesco, in occasione di Roma-Sampdoria, match valevole per la dodicesima giornata di Serie A.

DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA

Ti ha fatto arrabbiare il rilassamento in difesa nel finale?
“E’ l’unica nota negativa, ma sono molto contento della prestazione generale della squadra. Mi è piaciuta nell’intensità, nello sviluppare il gioco, sapevamo come far male all’avversario. E’ la partita della quale sono più contento di come siamo stati nel match”.

Il peggio è passato o dobbiamo ancora aspettare?
“Posso dire che stiamo migliorando, Jesus è un emblema di questa crescita. Siamo molto più attenti nella fase difensiva. Kluivert sta iniziando a far sul serio, prima scherzava molto quando giocava. Una partita interpretata al meglio”.

Quale è stato il problema di Schick fino ad oggi?
“Anche il peso di essere stato pagato molto qui alla Roma. Lui ha subito questo, ma la capacità della squadra di stargli vicino oggi ha dato delle risposte. Deve dimostrare di essere più maturo. Non si è fatto male, ha avuto solo dei crampi”.

A che punto è la coesione della squadra?
“Nei primi minuti non siamo andati bene oggi, però poi successivamente l’abbiamo interpretata molto bene. I risultati di questo periodo sono stati inferiori rispetto a quando avremmo meritato”.

Con gli arbitri è servito alzare la voce?
“L’applicazione perfetta della Var è stata oggi, al di là del rigore a chi spettasse. Credo negli arbitri e alla tecnologia ma deve essere applicata nel modo giusto”.

Che lavoro hai fatto mentalmente su Kluivert?
“Quando un giocatore ha caratteristiche importanti può giocare ovunque, a destra io non ho grosse alternative e lui oggi ha dimostrato di poter giocare anche lì”.

DI FRANCESCO A SKY SPORT

E’ entrato nella testa dei giocatori?
“Sui calci piazzati avevamo provato qualcosa, sapevamo che muovendoli davanti Juan Jesus è andato nel posto del morto e la palla è caduta li. La squadra sta crescendo, se la testa non funziona anche il corpo non va. Sto cercando di dare equilibrio alla squadra e tutti insieme stiamo crescendo”.

Cosa ha pensato del tributo dello stadio a Schick?
“C’è un tempo per tutto, ho sentito la sua intervista poco fa e sa anche lui che deve continuare a lavorare, lo stavamo tutti quanti aspettando non solo la gente anche il mister”.

Sei contento anche del gol di Defrel?
“Non si doveva permettere, io che l’ho fatto diventare centravanti non lo doveva fare al mister, ha fatto un gran gol. Ci sono certi ambienti che ti permettono di crescere meglio e sono contento per lui”.

E’ questo il ruolo di Schick, il centravanti?
“Credo che sia più centravanti che trequartista, lui è molto bravo a prendere palla dalla parte centrodestra. Quando lo uso con Dzeko lo metto perchè è bravo a riempire il campo e a muoversi intorno a lui”.

Quanto di più può fare El Shaarawy?
“Di Stephan sono contento perchè è continuo nell’arco della partita, sia in fase difensiva che offensiva. Sono contentissimo dei due gol. L’altro giorno mi hanno chiesto il perchè di non averlo messo in campo a posto di Under col Cska, c’è sempre un motivo nelle mie scelte”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

16 Commenti

    • Per me Schick ha avuto in due anni da parte di tutti, tanta di quella pazienza, tanti incoraggiamenti, tante coccole, tante possibilità, che altri come lui non hanno avuto, anzi sono stati venduti alla prima occasione. Ma la cosa più scandalosa è che ci siamo fatti scippare da Ferrero la bellezza di 40mln!!!!

  1. Dzeko invece vista l’indolenza e la totale atarassia che lo caratterizza, a mio avviso può tranquillamente restarsene a casa. Meglio Schick (che in realtà fino a ieri praticamente non ha avuto che spezzoni di gara, certamente mal utilizzati, per farsi vedere, meglio Fazio centravanti, meglio chiunque, almeno fino a che non decida di meritare con impegno e sudore l’altissimo ingaggio che percepisce.

  2. Sono contentissimo per la vittoria però a rigore non dato ho tirato un sospiro di sollievo. Probabilmente avremmo pareggiato,o comunque avremmo avuto difficoltà a vincere. C’è anche da dire che il rigore era inesistente quundi il problema non si pone. Mentre invece c’era un rigore solare per noi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here