SPAL ROMA, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del centrocampista giallorosso Bryan Cristante in occasione di Spal-Roma, match della ventottesima giornata di Serie A.

POST PARTITA

CRISTANTE IN ZONA MISTA

Il mister ha detto che manca la determinazione. Come può mancare dopo un periodo così difficile e con il cambio di allenatore e direttore sportivo?
“Proprio perché è stato un periodo difficile. Ci sono stati tanti cambi, non è così facile e scontato cambiare e mettere tutto a posto. Siamo entrati con la testa sbagliata, loro sono stati più squadra di noi e l’hanno portata a casa”.

Gli alibi sono caduti a questo punto. La responsabilità è solo vostra…
“E’ nostra in primis, ma non sono certo uno o due cambi che fanno cambiare la stagione. Sono tante cose, non è mandando via una o due persone che si cambiano le stagioni”.

Non si cambia una stagione intera ma avete perso contro una squadra di bassa classifica. Cos’è? Il modulo? La volontà?
“In primis passa da noi, poi per l’atteggiamento e per svariate cose”.

Come si esce da questo momento?
“Lavorando tutti i giorni, andando in campo con la testa giusta e giocando ogni partita fino alla fine come fosse una finale. Come “facciamo passi falsi noi li fanno anche le altre squadre”.

Cosa ti senti di dire ai tifosi?
“Che ci supportino ancora, sappiamo che non è una stagione facile. Ci si aspettava di più però noi mettiamo tutto, non è nostra volontà venire qui e perdere, anzi. Capitano le stagioni così”.

CRISTANTE A ROMA TV

Cosa è mancato oggi?
“La continuità, la testa giusta. Facciamo una partita bene e poi non partiamo con la giusta mentalità”.

Cosa è mancato da squadra?
“Parte tutto da noi. Poi quando pareggiamo vengono fischiati rigori così”.

Qual’è la medicina?
“Se fosse stato facile l’avremmo già trovata. Dobbiamo entrare con il piglio giusto”.

Parli spesso di mentalità… ma cosa vuol dire?
“Nel calcio nulla è facile o scontento. Tante cose fanno la differenza e si vede che noi non riusciamo a metterle insieme e la mentalità è una di queste”.

Nelle ultime partite c’è speranza o solo limiti?
“Dobbiamo mettercela tutta. Abbiamo perso un altro treno ma dobbiamo mettercela tutta fino alla fine perché anche gli altri potrebbero fare dei passi falsi”.

CRISTANTE A SKY SPORT

Una stagione “no”. Cosa non ha funzionato oggi?
“Non riusciamo a dare continuità ai risultati, siamo in difficoltà e non riusciamo a esprimerci come vorremo se poi ci si mette anche qualche episodio contro è tutto ancora più difficile”.

Non sei soddisfatto dell’arbitraggio di Rocchi?
“Il rigore non c’è proprio, ma non è solo questo noi siamo in difficoltà e ci abbiamo messo del nostro, peró se nel momento in cui proviamo a uscire dal momento difficile ci vengono dati questi episodi diventa tutto più difficile”.

Cosa vi manca? Come si trova con il 4-4-2?
“Non è una questione di moduli o di singoli, bisogna ritrovare una quadratura di squadra e tutti insieme dobbiamo cercare di finire bene questa stagione. Si tratta di mettersi tutti li con la testa giusta e concludere in modo giusto”.

Print Friendly, PDF & Email

5 Commenti

  1. il problema numero 1 e’ la qualita’ (scarsa ..) di alcuni giocatori che io eliminerei senza pensarci due volte .. Olsen .. Karsdorp .. Jesus .. NZonzi .. Cristante .. Kluivert .. ciao e good luck ! gli altri da tenere e da far allenare ma da un allenatore vero .. Ranieri? .. ottimo .. Conte .. ? .. ottimo .. poi riprendere Sabatini come DT .. un vero artista ..

  2. Ormai è troppo tardi…..
    Troppe occasioni buttate con prestazioni senza grinta,compassate e senza idee.
    Una squadra che lotta e vuole la Champions asfalta la Spal.
    Game over.
    RIFONDAZIONE.

  3. La Roma è molto scarsa, paurosa, svogliata, indifferente, una….NON squadra, che gioca perché …i calciatori prendendo uno stipendio devono giocare, ma lo fanno senza piacere di farlo. Alla fine, anche l’arbitro ANTI – Roma e lo sappiamo da anni, aiuta a fare figuracce……., che forse, forse un pareggio……poteva starci.

  4. Era da prendere 4 TITOLARI. E TENEVI QUELLI CHE AVEVI. SEMPLICE. UNA SOCIETÀ SERIA AVREBBE FATTO COSÌ. qui si pensa solo a plusvalenze.
    Giocatori mediocri che si sentono fenomeni ;” vedi florenzi.kardsdropp,pellegrini. Zonzi.kluivert.. vanno bene come seconde linee.
    Iinvece i vari jesus.marcano..io non capisco come facciano a giocare in serie A.
    Fazio anche, l’anno scorso è andato benino perché doveva prendere un posto in nazionale..poi disastri ne ha sempre fatti.ma avevi un portiere..
    Ogni anno vendi. E vendi pure male. La gente è stanca.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here