ROSETTI VAR UEFA – “Siamo convinti che sarà vantaggioso per le nostre competizioni poiché fornirà un valido aiuto agli arbitri e ci permetterà di ridurre le decisioni sbagliate“, queste le parole del responsabile del settore arbitrale Uefa, Roberto Rosetti, sull’introduzione del Var in Champions League, al sito della Uefa. “Come hanno reagito gli arbitri a queste innovazioni? Molto positivamente. Abbiamo tenuto diversi corsi negli ultimi mesi con i nostri migliori arbitri che accolgono sempre con favore qualsiasi iniziativa che li aiuti nel prendere le decisioni giuste. Negli ultimi mesi abbiamo svolto con successo dei test tecnologici e fatto una formazione specifica per gli arbitri. Abbiamo quindi testato il Var in partite selezionate e poi abbiamo finalizzato i preparativi su tutti gli aspetti operazionali. Così adesso siamo pronti a usare il Var negli ottavi di Champions League“, ha sottolineato Rosetti.

L’ex arbitro italiano ha poi spiegato quando e come la squadra Var interviene e comunica con l’arbitro. “Il protocollo su quando e come utilizzare il Var è stato definito dall’International Football Association Board, che definisce anche le Regole del Gioco. Le nostre linee guida per le partite Uefa su come applicare questo protocollo sono molto chiare: il Video Assistant Referee interverrà solo quando c’è la prova di chiari ed evidenti errori in quattro situazioni di gioco che possono cambiare il corso di una partita: gol e infrazioni che portano a una rete, decisioni su rigori e infrazioni che portano a un rigore, rossi diretti e scambi di identità. Ciò include anche i gol segnati dopo un fallo in fase offensiva o scaturiti da una posizione di fuorigioco. L’innovativa tecnologia 3D aiuterà l’Assistente al Video dell’Arbitro a determinare se si è verificata una posizione di fuorigioco. Il Video Assistant Referee interverrà anche in caso di falli molto gravi che dovrebbero essere sanzionati con un rosso diretto secondo le Regole del Gioco“.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

2 Commenti

  1. Vorrei che qualcuno mi aiutasse a capire. Se un giocatore commette un fallo di mano nel portarsi avanti una palla senza che l’arbitro se ne accorga, cosa deve fare? Sa bene, il giocatore, che al Var non sarà sfuggito il fallo e quindi, qualora l’azione portasse al gol, gli verrebbe annullato. Ne deriva che questo giocatore, tirando in porta, non deve augurarsi di segnare, ma solo sperare che il portire gli mandi il pallone in calcio d’angolo. Almeno quello è sicuro. Meglio un calcio d’angolo che un gol annullato. Ma questo non è più calcio!

    • Cambia poco: se poi sul calcio d’angolo l’attacco segna, il gol viene (dovrebbe venire) annullato.
      Se sia calcio o meno non lo so, quello che so è che con il VAR l’anno scorso non ci sarebbe stato un 5-2, gol di Salah annullato per precedente fallo su Strootman, fuorigioco clamoroso di Mané che avrebbe reso vano il gol successivo, ecc.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here