ROMA-NAPOLI – Dopo la sconfitta nel derby di Coppa Italia la Roma torna a tuffarsi nel campionato. Per la ventisettesima giornata di Serie A i giallorossi ospitano il Napoli all’Olimpico nell’anticipo del sabato.  Romanews.eu vi racconta tutte quello che c’è da sapere sul match, tramite tutte le lettere dell’alfabeto, dalla A alla… Z.

A come Amici toscani. “Io e Sarri siamo vissuti nella stessa terra e sappiamo quando mandarci messaggi o pensare al proprio orticello”. Così Spalletti in conferenza stampa ricorda del legame che lo avvicina al tecnico del Napoli, ma sposta le attenzioni sulla propria squadra dopo la sconfitta nel derby. Anche i partenopei hanno perso l’andata delle semifinali di Coppa Italia, contro la Juventus.

B come Brutta Aria. In casa Napoli si respira aria pesante. Gli strascichi delle polemiche post Juventus, con il ds Giuntoli che ha definito l’arbitraggio ‘vergognoso’ rischiano di protrarsi fino al match dell’Olimpico.

C come Campania. Sabato pomeriggio all’Olimpico saranno presenti alcuni tifosi del Napoli, non tutti però. Questo perché l’Osservatorio ha deciso di consentire la trasferta solamente ai tifosi non residenti nella Regione Campania. Resta comunque alta l’allerta per l’Ordine Pubblico.

D come De Rossi. Dopo il turno di riposo imposto da mister Spalletti nel derby di Coppa Italia, De Rossi si prepara a riprendersi il suo posto in mezzo al campo contro il Napoli, molto probabilmente ancora una volta al fianco di Strootman.

E come Edin Dzeko. All’andata il bomber giallorosso è andato in rete due volte, contribuendo in maniera decisiva al 3-1 finale del San Paolo in favore dei capitolini.

F come Finale. Quella di sabato per il Napoli sarà come una finale: i partenopei sono attualmente a cinque punti di distacco dalla Roma, che dal canto suo vorrà difendere con i denti il secondo posto tenendo a debita distanza i partenopei.

G come Gol a grappoli. All’Olimpico di Roma va in scena la sfida tra le squadre più prolifiche del campionato. Sono ben 60 i gol siglati finora dal Napoli, mentre per la Roma sono 57 le reti all’attivo.

I come Imperforabile. La Roma sorride e si augura di continuare la striscia positiva: contro il Napoli i giallorossi non subiscono gol in casa da ben 276 minuti. L’ultimo ad andare a segno è stato Cavani nel 2013.

L come Livorno. La città toscana è il luogo natale del direttore di gara del match dell’Olimpico: Luca Banti. Per i giallorossi bilancio positivo con 19 vittorie, 5 pareggi e  sconfitte. L’ultimo incrocio nel derby del 4 dicembre, vinto 2-0.

M come Marek Hamsik. Il capitano del Napoli, Marek Hamsik, vuole tirare fuori i suoi dal momento complicato. Il centrocampista offensivo però non trova la rete da sei trasferte consecutive contro i giallorossi, dopo aver segnato nelle prime due gare giocate all’Olimpico.

N come Nessuna vittoria. In carriera il tecnico del Napoli Maurizio Sarri non ha mai battuto la Roma.  Due pareggi e 4 ko contro la compagine giallorossa è il magro bottino raccolto finora dal tecnico toscano.

O come Olimpico Fortino. La Roma punta ancora una volta sul fattore Olimpico. In campionato i giallorossi in casa conoscono soltanto il successo: la striscia positiva – da record- recita 15 successi di fila.

P come Punte leggere. Sarri dovrebbe presentarsi all’Olimpico con l’attacco leggero, composto dal tridente Callejon, Mertens Insigne. Tale scelta tattica è uno dei marchi di fabbrica stagionali del Napoli, nonostante la leggera flessione delle ultime settimane.

Q come Quagliarella. In settimana ha fatto riflettere la storia dell’ex Napoli Quagliarella, vittima per 5 anni di uno stalker che lo ha raggirato. “E’ stato un inferno’, ha detto l’attaccante ora in forze alla Sampdoria. “Il Napoli? Il mio era diventarne il capitano…”, il rimorso del calciatore.

R come Radja Nainggolan-Mania. E’ sempre più Nainggolan-mania. E’ di queste ore il retroscena di un interesse dei cinesi del Tianjin per il belga, che con Spalletti è esploso: 15 gol in 42 gare con il tecnico toscano, uno in più rispetto alle precedenti 201 partite del centrocampista.

S come Stanchi? No. In conferenza stampa Spalletti ha voluto sottolinearlo con precisione: “Se siamo stanchi? No, non lo siamo”, ha detto il tecnico della Roma. “Sapevamo di questo periodo e siamo pronti”, ha aggiunto poi il mister.

T come Tonelli out. Maurizio Sarri dovrà fare a meno del difensore ex Empoli Tonelli. Il centrale non è al meglio e non è rientrato nell’elenco dei convocati per un problema fisico.

U come Una sconfitta. Nelle ultime 14 sfide interne contro il Napoli la Roma è caduta soltanto una volta, poi 9 vittorie e 4 pareggi. Nelle ultime 4 solo successi per i giallorossi.

V come Vetta. Mentre all’Olimpico si sfideranno la seconda e la terza della classe, la Juventus avrà modo di conoscere il risultato per poi presentarsi alla sfida in trasferta con l’Udinese in programma domenica alle 15 alla Dacia Arena.

Z come Zeman(landia). Nella settimana di Roma-Napoli un pensiero anche a Zdenek Zeman. L’ex tecnico giallorosso e non solo, nel weekend siederà in panchina per la millesima volta. “Per me è sempre come la prima”, ha scherzato in conferenza il boemo.

Gian Marco Torre

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here