#Zoomsulmatch Roma-Inter. Il 62% di duelli aerei vinti non basta, ancora troppa imprecisione su tiro e cross

1

ZOOM SUL MATCH – La Roma non vince, ma nonostante tutto riesce con una grande reazione a riprendere la partita. Raramente la squadra di Di Francesco in questa stagione è riuscita a riagguantare un match ed il punto di ieri sera è il terzo racimolato da una situazione di svantaggio (dopo Roma-Atalanta 3-3 e Fiorentina-Roma 1-1). Protagonista della serata, oltre all’agonismo e il carattere, è stato l’arbitro Rocchi che non coadiuvato dai suoi assistenti nega un rigore solare su Zaniolo nel primo tempo sul punteggio di 0-0. Accantoniamo in questa sede le polemiche arbitrali e concentriamoci sui numeri della partita per cercare di analizzare il buon match disputato dai giallorossi.

POSSESSO, DUELLI & INTERCETTI – I giallorossi consegnano per gran parte del match la palla all’avversario, mantenendo però alta la concentrazione e tentando spesso l’intercetto e l’interdizione. Il primo tempo termina con un 72% neroazzurro, mentre nella ripresa si esce dal guscio e si riequilibra la situazione con un 45% a 55% sempre in favore degli ospiti. In merito ai duelli aerei vinti i centimetri della Roma sono riusciti ad aver la meglio (62% contro 33%), anche se sul gol del momentaneo vantaggio di Icardi, Manolas in ritardo si lascia scavalcare dal pallone crossato da Politano. Non male il centrocampo romanista, dove riesce ad intercettare ben 11 palloni e dove soprattutto spicca la vena di Zaniolo utile sia in fase di copertura e recupero palloni, sia in fase conclusiva e di finalizzazione.

PASSAGGI, CROSS & PRECISIONE – Dei 387 passaggi completati nel corso della gara, i giallorossi ne effettuano 51 lunghi con un 82% di precisione di cui il 68% nella metà campo avversaria. Il giocatore che ha toccato più palloni è stato come di consueto Kolarov con 74, anche se in fase difensiva non è risultato impeccabile come il suo collega di corsia opposta Santon. Il lavoro sulle fasce è riuscito a distribuire 26 cross ma con una scarsa precisione: il 15%.

ATTACCO & DIFESA – Come capita spesso alla Roma si crea molto anche se il problema resta sempre uno: la finalizzazione. 15 i tiri verso la porta di Handanovic, 5 nello specchio, 6 da fuori area e 9 da dentro con un 33% di precisione. Il più prolifico della serata porta un nome e un cognome: Niccolò Zaniolo, 4 le conclusioni tentate di cui 2 da fuori area e 2 da dentro. Buona la prova anche per Under con 3 pericoli creati e un gol, mentre ancora incolore la prova di Schick. L’attaccante ceco non riesce mai a trovare lo spazio per il tiro, subisce appena un fallo per far salire la squadra e la sua partita si racchiude tutta con l’assist che fa di tacco a Florenzi nel primo tempo. L’analisi si conclude cin la difesa che sbaglia sui due gol presi con errori di disattenzione e posizionato, anche se il 70% dei contrasti difensivi riescono molto spesso ad interrompere l’offensiva dell’Inter di Spalletti.

Federico Prosperi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

  1. Credo che Schick abbia fatto una buona partita. A parte l’assist di tacco è stato sempre dentro la partita, lottando su ogni palla e mantenendo il possesso per fare rifiatare la difesa. Mi è apparso finalmente più sereno e sicuro dei propri mezzi. Il gol arriverà…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here