Tovalieri: “Nel derby mi aspettavo di più dalla Roma. In Champions importante aver evitato il Real”

0

TOVALIERI INTERVISTA – Cresciuto nelle giovanili della Roma, alcune stagioni in prima squadra e poi tanta panchina come allenatore del settore giovanile giallorosso. Questo il curriculum di Sandro Tovalieri, che stamattina è stato ospite ai microfoni di Radio Onda Libera, analizzando la stagione ed il momento della Roma di Eusebio Di Francesco: “Derby? Non è stato bello come gli ultimi ma tirato agonisticamente. Si vedeva che le squadre erano stanche pur se hanno giocato fino all’ultimo per vincere. La Roma ha avuto le occasioni soprattutto nel finale e la Lazio è partita meglio. “Ho visto che Di Francesco alla fine non era molto contento. Dalla Roma mi sarei aspettato una maggiore freschezza avendo avuto due giorni in più per recuperare, invece è stata un po’ spenta. Poi è chiaro che a Roma con la vittoria come quella sul Barcellona si sta bene per tre mesi! La Lazio aveva il contraccolpo dell’eliminazione dall’Europa League: Inzaghi è stato bravo a trasformare la rabbia in una buona reazione”.

CHAMPIONS – “Per la Roma meglio aver evitato soprattutto il Real Madrid per tanti motivi. Il sorteggio è stato benevolo e se la possono giocare. Il Liverpool è comunque un’ottima squadra e i giallorossi in Inghilterra dovranno ridurre al minimo gli errori, sicuramente meno di quanti ne hanno commessi a Barcellona. Questa Roma si è rivelata più da Champions che da campionato, nonostante sembrava non dovesse passare neanche la fase a gironi. Di Francesco è stato molto bravo a tenere tutti sulla corda gestendo il gruppo che è cresciuto anche con il cambio di modulo. Si è fatta sentire la mancanza di Salah, comunque sta facendo un ottimo campionato tenendo conto che Juve e Napoli hanno qualcosa in più. Con chi mi sarebbe piaciuto giocare? Nainggolan mi piace molto anche se in questo periodo non sta facendo bene. E’ uno che ha voglia, attaccamento alla maglia, ha qualità e dinamismo. Sa fare gli assist e mi sarebbe piaciuto averne qualcuno dei suoi da poter sfruttare. In assoluto avrei voluto giocare anche una sola partita con Totti, il mio idolo”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here