Totti: “Il rigore su Zaniolo lo abbiamo visto tutti, è una vergogna” (VIDEO)

11

ROMA-INTER, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni di Francesco Totti in occasione di Roma-Inter, big match della quattordicesima giornata di Serie A.


TOTTI A SKY

Quattro gol, tanto volume di gioco, cosa hai visto?
Sì, è come hai detto tu. Due squadre che si sono affrontate a viso aperto creando tanto, pali, rigori non dati e tante altre cose. E’ stata una partita molto eccitante da vedere. Sul rigore c’è poco da vedere. Lo abbiamo visto tutti, è una vergogna. Ci chiediamo come fanno quelli del VAR a non vederlo. Perché non chiamate loro per fargli dare una spiegazione? Li abbiamo messi apposta per darci la possibilità di rivedere azioni non viste. Rocchi non avrà visto, ha fischiato a sfavore, ma è secondario. Ma quelli del VAR… Stavano vedendo un’altra partita. Così non si può andare avanti. Facciamo riunioni a Coverciano, a Milano, poi vediamo questi episodi. Chiederei a Fabbri cosa stesse guardando. Non vogliamo cercare alibi, però sicuramente cambia la partita. Perché potresti andare in vantaggio, e invece andiamo in svantaggio noi. Loro sono messi bene in campo, sono forti, ma così ti cambia la partita. Si possono cambiare campionati.

Ci aiuti a commentare la prestazione di Zaniolo?
Sembra un veterano, gioca con semplicità, facilità. Sta dimostrando il proprio valore, man mano trova continuità, è esplosivo, ha tutti i mezzi per diventare un grande giocatore. Ma non facciamoglielo sentire, che se cambia rotta è pure colpa mia.

Si riparte da qui, dal calore del pubblico, con gli applausi. Si è ricreata empatia?
Ma l’empatia ci sta sempre, vogliono sempre il massimo i tifosi. I ragazzi sono stati bravi, si sono qualificati nel girone, stiamo cercando di ritrovare noi stessi in campionato, ancora è lunga e con la forze del mister e dei ragazzi centreremo il nostro obiettivo.

Cosa hai visto in questa gara, su cui la Roma può costruire?
Si, fino ad oggi ci sono stati alti e bassi, non da grande squadra, però alla fine siamo agli ottavi di Champions, stiamo cercando di ritrovare fiducia e compattezza. Il mister sta cercando la soluzione migliore, e con i giocatori che ha il modulo migliore. Da oggi si può ripartire perché oggi abbiamo dimostrato di essere la squadra che vogliamo. Nonostante il pareggio immeritato, ripartiamo da oggi e speriamo di rifare altre partite così.

TOTTI A ROMA TV

Sei venuto per parlare di quello che è successo…
È stato vergognoso, tutti hanno visto il fallo su Zaniolo. Non mi capacito come Fabbri davanti allo schermo non abbia visto il fallo. Non so che parola usare, ogni aggettivo potrebbe essere sbagliato. La parole vergognosa si addice più di tutti, vorrei che uno di loro venisse a spiegare perché non è stato fischiato il rigore.

Errori clamorosi di Rocchi… 
Il secondo era difficile, anche noi in tribuna non l’abbiamo visto subito. Ma il primo è evidente, non riusciamo a capire come non sia stato fischiato. Poi c’è anche il fallo su Zaniolo, da lì ripartono e fanno gol. Dal possibile 1-0 per noi all’1-0 per loro. Andando sotto è difficile riprendersi, ma oggi sono stati bravi tutti e hanno dimostrato carattere e il loro valore, in campo c’erano anche tanti giovani.

È stata una settimana particolare, hai anche frequentato lo spogliatoio… 
Nello spogliatoio, rispetto ad altri dirigenti, forse riesco a capire alcune cose che spesso non si capiscono. Non voglio mettermi davanti a tutti, sto dietro le quinte e non mi piace apparire. Cerco di dare una mano a tutti, cerchiamo di tirare fuori il meglio da tutti quanti. Io cerco di farlo.

Come se ne esce da questi trattamenti? 
Intanto usciamo con la squadra di oggi e con la prestazione, questo è basilare. Poi viene tutto il resto, si fanno le riunioni a Coverciano, a Milano e ognuno dice la sua. Non mi sembra si stiano rispettando le cose dette, certe cose mi sembrano inutili allora. È il campo che decide, se poi non pratichi quello che vorresti fare è inutile. Qualche cambiamento va fatto, a me piacerebbe sentire le parole di Fabbri e quello che dice, per me non era neanche collegato se no non si spiega.

TOTTI ALLA RAI 

Il rigore? Anche lo scorso anno ci fu un episodio sempre con l’Inter…
Non sono duro. Dico solo la verità: nessun alibi, e non vogliamo tornare indietro a altri episodi. Parliamo di oggi: è stato vergognoso. Era palese, evidente. Rocchi forse era coperto e non vedeva Zaniolo, ma Fabri che era al Var? Perché non si può fare una domanda a Fabbri chiedendogli “Cosa hai visto?”. Per me non era collegato, altrimenti non è possibile.

Si era detto di vedere il VAR nel dubbio… 
Facciamo riunioni per il Var, ma se succedono queste cose è tempo perso. O ci danno delle spiegazioni o così non si può andare avanti. Io non ce l’ho con Rocchi, forse era coperto in quel momento. Ma io sul divano di casa lo vedo il replay. Come si fa a non dire all’arbitro che è rigore?

Altre iniziative oltre al silenzio stampa?
No no. Ma non va bene? (ride, ndr).

Il protocollo dice che se Rocchi ha deciso di vedere bene può non avvalersi del Var… 
Allora non deve arbitrare, visto che poi fischia fallo contro di noi.

Ma è il nostro miglior arbitro… 
Ma io non ce l’ho con lui. Dico solo che il Var deve chiamare e dire che è rigore. Allora dobbiamo fare un’altra riunione e cambiare le regole, perché se non si capisce cosa fare dopo le riunioni sono inutili.

Se Rocchi non vede è lui che dovrebbe chiamare il Var… 
Se l’arbitro non chiama, ma il Var vede è il Var che deve chiamare. E’ troppo evidente.

Bisogna cambiare le regole… 
Sì, da stasera cambieranno. Farò io il Var (ride, ndr).

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

11 Commenti

  1. Appunto. Come si fa a dire che non è un chiaro ed evidente errore ? A pensar male si fa peccato è quasi sempre ci si prende soprattutto dopo i tanti errori a sfavore della Roma. Eclatante quello sul rigore a Firenze. È ora di alzare la voce

    • Concordo, schelta indovinatissima, anche se i commentatori di questo sito la pensano diversamente. Chi meglio di lui può amplificare una presa di posizione della società davanti ai mezzi d’informazione? Infatti la protesta della Roma ha avuto una forte attenzione. Per ora Totti deve fare questo nella Roma, in futuro se dimostrerà altre qualità potrà avere ruoli più importanti…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here