Tiki Tattica, Roma-Virtus Entella: l’obiettivo è abbattere il bunker

0

ROMA ENTELLA, TIKI TATTICA – Ottavi di finale di Coppa Italia: la Roma ospita la Virtus Entella allo Stadio Olimpico alle 21.00. Per i giallorossi è la prima partita nella competizione, mentre i liguri arrivano al match dopo aver eliminato, ai calci di rigore, il Genoa a Marassi. La squadra di Di Francesco vuole riscattare la rovinosa avventura dello scorso anno nella coppa nazionale, dove fu eliminata agli ottavi contro il Torino. I ragazzi di Boscaglia, invece, arrivano all’Olimpico con la voglia di fare un’impresa e continuare a sognare: proprio come lo Spezia qualche anno fa.

GLI SCHIERAMENTI – Prima gara nel 2019 e Di Francesco dovrà scegliere se puntare sui titolarissimi, oppure, se fare dei cambi vista l’avversaria di due categorie inferiore. In porta dovrebbe esserci Olsen, vista l’indisponibilità di Mirante, con Florenzi (favorito su Karsdorp), Fazio, Jesus ed il giovane Luca Pellegrini a comporre la linea a quattro di difesa. Possibile anche l’utilizzo di Kolarov centrale di difesa accanto a Fazio. La mediana vedrà agire Cristante e Lorenzo Pellegrini con Nzonzi out vista la lussazione alla quarta falange del piede sinistro. Il tridente dietro ad uno scalpitante Schick potrebbe essere composto da Kluivert (favorito su Cengiz Under), Pastore, favorito su Zaniolo, e Perotti. Il tecnico Boscaglia per la sfida importantissima contro la Roma si affida al 4-3-1-2. Massolo favorito su Paroni in porta, con la linea difensiva composta da Belli, Pellizzer, Baroni e Germoni. A centrocampo Icardi, Paolucci, in vantaggio sul capitano Nizzetto, ed Eramo. Attacco affidato ad Ardizzone, sulla trequarti, Caturano e Mota.

LA CHIAVE – Sulla carta la qualificazione sembra essere già nelle tasche della Roma, ma il calcio non è mai così scontato. La gara di lunedì sera contro la Virtus Entella riserva molte insidie, ne è un esempio il match del 16 dicembre 2015 contro lo Spezia. Di Francesco dovrà far ricorso a tutte le sue armi, per portarsi a casa la qualificazione ai quarti: i liguri arriveranno all’Olimpico senza troppi pensieri, desiderosi di scrivere una pagina importante della loro storia. Con l’assenza di Nzonzi, chiavi del gioco in mano al centrocampo con Cristante e Pellegrini davanti alla difesa e Pastore sulla trequarti, ma chissà gli ultimi due potrebbero invertirsi nel corso del match, con un esperimento di Pastore allineato alla mediana. Il compito dei giallorossi sarà quello di cercare di sbloccare subito la partita, per non complicarla e non far prendere fiducia agli avversari. Sarà fondamentale, dunque, far valere da subito il divario di qualità tra le due squadre ed ‘intimorire’ l’avversario anche dal punto di vista psicologico. L’Entalla proverà a formare, senza dubbio, un vero e proprio ‘bunker’ davanti alla propria porta, cercando di sfiduciare gli uomini di Di Francesco, sfruttando le poche possibilità che avranno al meglio o tirando la sfida più a lungo possibile: proprio come lo Spezia o anche il Cesena. Ma, per più di qualcuno, la lezione dovrebbe essere servita.

Alessandro Tagliaboschi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here