Tiki Tattica, Roma-Genoa: torna il 4-3-3 e con lui la coppia Under-Dzeko

1
roma genoa formazioni dzeko under

TIKI TATTICA ROMA GENOA – Nella 33ª giornata di Serie A la Roma di Eusebio Di Francesco ospita allo Stadio Olimpico il Genoa di Davide Ballardini. Giallorossi che vengono dallo 0-0 del derby, ma anche da un periodo non felice in campionato: nelle ultime 3 giornate i capitolini hanno raccolto solamente 2 punti su 9 disponibili. Discorso diverso per il grifone che viene dalla vittoria per 1-0 contro il Crotone e da una situazione di classifica abbastanza tranquilla. Per consolidare il terzo o il quarto posto, che garantirebbe l’accesso alla Champions League anche il prossimo anno, la Roma ha bisogno dei tre punti.

GLI SCHIERAMENTI – La novità tattica mostrata da Di Francesco nelle gare con Barcellona e Lazio, difficilmente sarà riproposta con il Genoa. La difesa a tre lascerà spazio al famoso 4-3-3, visto anche le condizioni non eccezionali di Manolas. Il difensore greco, divenuto eroe dopo la gara con i blaugrana, potrebbe tirare il fiato e lasciare spazio alla coppia Fazio-Jesus. Sulla sinistra il ballottaggio tra Kolarov e Jonathan Silva non sembra esistere nella testa del tecnico, con il serbo in netto vantaggio per una maglia da titolare. Sulla corsia opposta, Florenzi è pronto a tornare dal primo minuto. Il centrocampo è il reparto che dovrebbe subire più variazioni: Gonalons al posto di De Rossi, con Pellegrini che farà rifiatare uno tra Strootman e Nainggolan. In attacco il tridente giallorosso sarà composto da Ünder, Dzeko e El Shaarawy. L’attaccante bosniaco sarà schierato ancora dal primo minuto con Schick pronto a subentrare in caso di bisogno. Come confermato dal tecnico in conferenza stampa non ci saranno grosse rivoluzioni nella formazione. Gli ospiti, guidati da Davide Ballardini, potrebbero variare qualcosa rispetto alla formazione vista contro il Crotone. In difesa non ci sarà sicuramente Spolli, al suo posto pronto Pedro Pereira che completerà il terzetto difensivo son Rossettini e Zukanovic. Nella lista dei convocati torna Miguel Veloso, ma il portoghese difficilmente partirà titolare nella mediana genoana. Spazio dunque a Bertolacci, Bessa e Hiljemark con Lazovic e Laxalt sulle fasce. In attacco si contendono le due maglie da titolari Pandev, Lapadula, Galabinov e Medeiros.

LA CHIAVE – Il ritorno al 4-3-3 può agevolare senza dubbio le corsie d’attacco giallorosse. El ShaarawyÜnder avranno la possibilità di attaccare con insistenza, mettendo in costante pericolo la difesa del Genoa che non fa della rapidità la sua arma migliore. Sarà molto importane anche il lavoro di Gonalons, il francese è chiamato a riscattare una stagione con molti bassi e pochi alti. I maggiori pericoli degli avversari possono arrivare soprattutto dalla corsia di sinistra, dove ci sarà Laxalt. L’uruguaiano è sicuramente l’uomo più pericoloso di Ballardini, per questo sarà fondamentale il ruolo di Alessandro Florenzi. Lasciarsi scappare in campo aperto le frecce del Genoa è un rischio che la Roma non deve correre, ma allo stesso tempo deve creare la superiorità numerica sugli assi Kolarov-El Shaarawy e Florenzi-Under.

Daniele Matera

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here