Stadio della Roma, Casu: “Il M5S ha buttato dalla finestra una grande occasione”

6

CASU STADIO ROMA – “Quello attuale è un progetto catastrofico, ma va detta una cosa chiara: è il progetto di questa amministrazione. Quello precedente, dell’ex assessore Giovanni Caudo, ora presidente del III Municipio, teneva insieme le opere pubbliche che servivano insieme allo stadio. La balla spaziale dell’amministrazione M5S è questa: loro dicevano che si sarebbero occupati delle buche e non delle Olimpiadi. Che avrebbero risolto i piccoli problemi quotidiani non occupandosi dei grandi progetti. Ma Roma ha bisogno di grandi progetti che diano beneficio all’intera città e loro li hanno cancellati. La vera ferita è dunque politica: c’era una grande occasione per dare servizi alla città e fare uno stadio e loro l’hanno buttata dalla finestra“. Così commenta la situazione dello Stadio della Roma il segretario del PD Roma, Andrea Casu, intervistato in diretta dall’agenzia Dire.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

6 Commenti

  1. Il PD è quanto di più lontano possa esistere da me, soprattutto in questo momento, ma cavolo se hanno ragione! Il progetto di Marino era perfetto. I 5 stelle pur di non riconoscere la bontà del progetto ha cestinato tutto tirando fuori questo mappazzone da ufficio inchieste. Si sono dimostrati assolutamente inadeguati

  2. Il PD è una vergogna che non ha limiti.. Il politecnico di Torino dice che in base alle persone che vivrebbero o lavorerebbero nell’area di Tor di Valle il sistema viario progettato sarà un disastro (senza un potenziamento dell Roma lido o la creazione di un nuovo ponte).. e quale è la loro soluzione ???
    Diamo il permesso al costruttore privato di edificare altri due grattacieli (pieni di persone immagino, ognuno con un a propria macchina, ecc.) ed in cambio lui ci fa un ponte e ci compra una carrozza..
    Questi dopo avere fatto costruire per anni quartieri lontani anni luce da Roma, mal collegati senza un servizio efficiente di trasporto pubblico o di raccolta rifiuti, oggi si permettono ancora di parlare ??? Non gli bastano mai i “finanziamenti” che anni tali società gli hanno versato mentre i cittadini vivevano in quartieri dormitorio… Da romanista e da romano che vive a Roma sud è ora di dirlo sto progetto è una grandissima caz…ta. Pensare di piazzare uno stadio in un ansa del Tevere senza ponti con solo una strada di collegamento, neanche un bambino all’asilo se gli dai un gessetto disegna una tale put….ta.
    Peraltro ma sti due grattacieli quando li riempirebbero se oggi l’Eur è pieno di grattacieli vuoti o palazzi per uffici sfitti ???Le impresa vanno via da Roma e loro creano un polo affari ai confini della citta??
    Come la fiera di Roma che l’hanno piazzata in aperta campagna dove non ci va mai nessuno.
    Da romanista voglio lo Stadio ma a Tor di Valle ci dovrei arrivare in elicottero.

  3. Occuparsi di buche la dice tutta!… e purtroppo ha ragione Nuwanda e assolutamente non per partito preso ma solo leggendo la realtà, quello che è accaduto e sta accadendo. Il progetto di Marino salvava capra (lo stadio della Roma) e cavoli (la viabilità che veniva “pagata” con le torri). Il quartiere sarebbe stato migliorato se non sanato, e tanti ma tanti posti di lavoro (compreso chi scrive purtroppo) sarebbero stati creati.
    Niente di tutto questo, solo chiacchiere e proclami. Le stesse chiacchiere di sempre, le stesse buche di prima.
    Ma alla prossima elezione il vaffa aspettatelo anche da chi vi aveva dato il voto eh?…

  4. Purtroppo questo è il nuovo che avanza che abbiamo voluto, ce ne pentiremo amaramente, già ha fatto moltissimi danni, chissà cosa ci aspetta ancora. Praticamente siamo in mano di nessuno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here