#Spiegatobene da… Roberto Negrisolo: “Olsen farà ricredere tutti: Savorani lo migliorerà”

2

#SPIEGATOBENE – Analizzare, approfondire, sviscerare, insomma… spiegare bene. È questo l’intento della rubrica di Romanews.eu che vi offre una nuova chiave di lettura per capire a fondo l’argomento del giorno in casa Roma. Lo faremo attraverso l’opinione di un personaggio illustre, del mondo del calcio e non. Oggi è il turno di Roberto Negrisolo, preparatore dei portieri della Roma dello scudetto del 2001 con Fabio Capello ed uno dei massimi esperti quando si parla di ‘numeri uno’.

ROMA – “Questa è una Roma forte. Purtroppo a tutti piace parlare, ma bisognerebbe fare delle critiche costruttive. Di Francesco ha portato la Roma a livelli alti, tra i più alti della sua storia. La squadra produce molto a livello offensivo, deve migliorare la qualità in fase realizzativa, ma sono sicuro che lo farà. Ho sentito dire “il 4-3-3 che il modulo più dispendioso del calcio”. Ma cosa ne sappiamo? Conosciamo i calciatori a disposizione del tecnico? Il Milan di Capello giocava con 4 punte, con Savicevic, Gullit, Van Bastan, Simone ed anche Weah. Cosa significa che il 4-3-3 è dispendioso? Se hai i giocatori forti puoi giocare come vuoi. La Roma, ripeto, è una squadra forte che deve migliorare sotto il punto di vista della concretezza”.

OLSEN – “Arriveremo tra due mesi a dire che è forte, sarà lo stesso processo che abbiamo già visto con Szczesny ed Alisson: criticati, ma poi elogiati e santificati. Io ad Olsen do 8 partite per dimostrare quello che è, vedrete questo ragazzo come farà ricredere tutti. E’ serio e forte fisicamente, si vede che è uno che ha giocato a livello internazionale e sono sicuro che Savorani saprà lavorare su di lui e migliorarlo: questa per me è una certezza. Marco è uno bravo ad allenare i portieri ed ha fatto incassare alla Roma un sacco di soldi. Inoltre, posso dirvi che ho visto allenarsi Romagnoli: ha tutto per diventare un numero uno fortissimo”.

ALISSON E GLI ALTRI… – Alisson adesso è superiore a Buffon. Forse dobbiamo aspettare un po’ per aspettare di vederlo ai livelli di Zoff, ma può arrivarci, perché al momento è senza dubbio uno dei giocatori più forti al mondo. Lui insieme a Oblak e Szczesny sono i migliori al mondo. E dico una cosa: Szczesny ed Alisson valgono tre volte Donnarumma. Prima aveva almeno talento, adesso non è nemmeno più questo: tende a stare con le gambe larghe, cade all’indietro, non è allenato sulla tecnica di base. Nel calcio di oggi la cosa fondamentale è allenare la tecnica, cosa che in Italia non si fa più e questa è la mancanza più grande che c’è adesso nel nostro calcio. Se Donnarumma fosse stato sempre allenato da Gigi Romano varrebbe quanto Cristiano Ronaldo. Bisogna avere gente che sa insegnare questo gioco. Quando un portiere semplifica le parate vuol dire che è eccezionale, quando inizia a complicarsi la vita, fare cose ‘strane’ c’è qualcosa che non va. Il portiere non fa ‘miracoli’, deve semplicemente fare parate, facili o difficili che siano”.

Alessandro Tagliaboschi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

2 Commenti

  1. Con tutto il rispetto per questo grande preparatore, mi sembra che accusi Donnarumma di cose che invece ho visto fare ad Olsen: gambe larghe, cadere all’indietro… Per non parlare del posizionamento spesso sbagliato (vedi Svezia Turchia 2-3).
    Il tempo ci dirà chi ha ragione. Resta il fatto che la parata di Donnarumma su Milik dello scorso campionato è qualcosa di lunare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here