Roma in cerca d’autore. Dzeko sbaglia l’impossibile. Szczesny il migliore

18

ROMA-VERONA, LE PAGELLE – Ancora un pareggio all’Olimpico, aspettative deluse con una Roma in cerca d’identità che non poteva ovvimente aver trovato con tre allenamenti diretti da Spalletti. Finisce 1-1 con reti di Nainggolan e Pazzini.

Giulia Spiniello

SZCZESNY 7. Tre grandi interventi decisivi per il risultato. Non può nulla sul calcio rigore di Pazzini. Migliore in campo.

TOROSIDIS 5,5. Ci mette buona grinta, buona lena ma la Roma di Spalletti non può ripartire da lui.

MANOLAS 6. Anticipa, recupera palloni, tampona le situazioni complicate create anche dalle disattenzioni di Castan. Tappabuchi!

CASTAN 4,5. Meglio nel primo tempo. Nella ripresa regala un brivido quando sbanda su Wszolek che non segna solo grazie ai riflessi di Szczesny. Sulle sue spalle la responsabilità del calcio di rigore. Cala fisicamente e Spalletti lo richiama in panchina.

DIGNE 6. Brividi quando fuori posizione si perde Wszolek e costringe Castan a uscire su di lui. Nella ripresa si alza molto lasciando scoperti i compagni dietro.

DE ROSSI 6,5. Un assist meraviglioso regala l’occasione a Nainggolan per la rete del vantaggio: stoppa al volo e serve di tacco per il belga. Gioca più avanzato come gli chiede Spalletti.

PJANIC 5. I compiti a lui affidati fanno ricordare molto il ruolo di Pizarro nel modulo spallettiano, ma incide poco sulla manovra ed è il solito Miralem compassato delle ultime settimane.

FLORENZI 4,5. Avanzato sulla linea dei trequartisti nel nuovo 4-2-3-1, non entra completamente nei meccanismi del modulo. Si pesta spesso i piedi con Salah e trova poco spazio. Con l’ingresso di Falque torna a fare il terzino, terzo ruolo della gara per lui cher non può non uscire confuso.

NAINGGOLAN 6,5. Parte facendo il Perrotta della situazione, in posizione avanzata si inserisce alle spalle di Dzeko e trova il suo primo gol stagionale

SALAH 6. Gioca un po’ troppo in solitaria e trova poci spazi con il Verona in 11 dietro la linea della palla. Cresce nella ripresa quando propizia due buone occasioni.

DZEKO 4.  Molto movimento, attenzione ai particolari e un gol mangiato nel primo tempo e due divorati nel secondo. Irriconoscibile!

DaL 65′  RUDIGER 6. Entra al posto di Castan e con la Roma sull’1-1 e il Verona già appagato.

Dal 72′ FALQUE SV. Entra al posto di Torosidis ma non incide sul match.

SPALLETTI 6 Disegna la sua prima Roma con il 4-2-3-1 con le novità tattiche di Pjanic alla Pizarro e Nainggolan, salvo trasformarla in corsa in 3-5-2 e poi tornare al 4-2-3-1 con Florenzi alto a sinistra e Salah esterno destro. Il risultato è tanta confusione e poca lucidità.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

18 Commenti

    • quello che non hai capito è che NESSUNO può spendere più soldi di quelli che fattura, se vuole giocare le coppe.
      NESSUNO.
      Fatevene una ragione. Non esiste più il ricco scemo che apre il portafoglio. Se esistesse la sua squadra sarebbe squalificata dalle competizioni europee

    • Garcia, come qualsiasi altro allenatore, la condizione dei propri giocatori la vedeva durante gli allenamenti.
      Se Castan non giocava c’era un motivo.
      Spalletti ha detto che lo ha provato perchè sa impostare meglio di Rudiger (ci vuole poco..) ma non aveva capito che in fase difensiva ormai è quasi nullo.
      In casi del genere il giocatore va dato in prestito.
      Occorrono rinforzi in difesa.
      Dzeco NON è un goleador, ma un giocatore di manovra, lontano anni luce dal vecchio capitano, che come falso nueve ha incantato fino a che l’età glielo hanno permesso.

  1. Il gol della ROMA e’ merito di De Rossi ( per i tanti diffamatori ignoranti ). Roma disastrosa anche con Spalletti che fallisce con grave colpa preferendo Falque al CAPITANO. Questa partita vergognosa e’ come gravita’ dello stesso livello di quella con lo Spezia. La squadra offre una prestazione penosa e ridicola contro l’ ultima in classifica: diciamo che il livello di incapacità’ e’ simile a quello del 2004-2005, l’ anno dei 4 allenatori. Dzeko si conferma uno dei tanti acquisti sbagliati di Sabatini. Dovendo incontrare la Juventus e’ inutile scrivrere altro.

  2. E NOI DOVREMMO VINCERE CON QUESTO EMERITO BROCCO DI DZEKO ? 4 OCCASIONI DA GOAL , UN PALO . CON HIGUAI ERANO MINIMO 3 GOAL . LE PIPPE IN ATTACCO ,TUTTE DA NOI CAPITANO .PIJANIC SE GIOCASSE COME SPUTA , SAREBBE MESSI. COMUNQUE MENO COSO E NAINGO, TUTTI INSUFFICIENTI . CHE PENA , ROMA MIA.

  3. Spalletti 3; presuntuoso perchè non hai chiesto al tuo collega, ancora stipendiato dalla Società,il perchè non faceva giocare Castan? Oggi è solo per colpa sua che la Roma ha perso!! per il mio modesto parere si doveva aspettare Conte a Luglio facendo piazza pulita di Castan, Digne Keita ucan Gervigno Torosidis. Dzeko ormai lo tieni come riserva di un centravanti più forte.

  4. Castan non è un giocatore finito, purtroppo per trovare la giusta condizione dopo tanto tempo di inattività bisogna giocare una serie di partite da 90 minuti altrimenti il 100% della condizione non arriverà mai. Stesso discorso vale per Kevin Strootman.

  5. Oh ma che davvero pensavate Che Spalletti avesse la bacchetta magica?.. Sai quanto dovra’ faticare per darle un valido gioco di squadra?.. Oppure era tutta colpa Di Garcia??.. Mah…

  6. Ma che centra Spalletti oggi?
    Deve capire quali (scarsi) giocatori ha.
    Pjanic non si può vedere, tanto meno da mediano…
    Dopo 2 giorni di allenamento non può essere colpa dell’allenatore.
    Castan ha fatto vedere discrete cose, solamente non è
    ancora in condizione e concordo sul fatto che un giocatore deve giocare di piu’ per ritrovare fiducia, ancora però non mi sembra atleticamente pronto, deve diventare piu’ veloce. Salverei Szczesny, Manolas, qualcosa di Nainggolan e qualcosa di De Rossi, il resto nullità totale, sbagliare un semplice passaggio elementare non è questione di preparazione atletica o mentalità, mancano le basi del calcio…

  7. Se qualcuno capisce di calcio e non da oratorio o partitella tra amici, capirà che il mister deve provare i giocatori nel suo schema per vedere cosa possono dare. Poi con soli due allenamenti volevate un miracolo?
    Invece di parlare andate allo stadio ad incitare i ragazzi e vedrete che si svegliano.
    La curva non si sta comportando come si deve ad un tifoso R della Roma.
    State zitti e fate anche voi il vostro che è tifare in campo non sui forum.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here