ROMA-GENOA, le interviste. PIZARRO: ´Solo crampi. Martedì ci saro´ MONTALI:´ A Totti devo dare 8. Adriano? Certo che lo riprenderei ancora´. GASPERINI: ´Non è facile venire a Roma e creare occasioni da gol´

0

 
 
LE INTERVISTE DEL DOPO-PARTITA
 
Pizarro, uscendo: “Erano solo crampi, martedì ci sarò”. Ci sarà anche Burdisso, al quale sono stati applicati tre punti di sutura al sopracciglio.
 
Mexes e Simplicio all’antidoping. All’uscitail francese si ferma aparlare con Lamouchi.
 
I calciatori della Roma non parleranno. Silenzio anche per Ranieri. Solo Montali farà sentire la sua voce.
 
Passa De Rossi sorridente in zona mista, cappello nero lungo fino al collo Saluta i presenti: “Come sto? Ok”
 
Perrotta esce salutando i giornalisti di Roma Channel. Totti saluta i presenti e sorride quando gli viene rivolta la frase:’ Eri finito, eh?’ Rosella Sensi saluta, ma spiega che non può parlare.
 
Doni e Cicinho scherzano e tirano le orecchie ad un ragazzo di Roma Channel. Anche Riise è sorridente.
 
Borriello è l’ultimo ad uscire.
 
MONTALI a Roma Channel
“Scelta del silenzio stampa è molto mirata. per non perdere energie. Oggi eranoo importantissimi i tre punti, ma anche la prestazione. Questa cosa ci fa stare più tranquilli. Non vogliamo disperdere energie. Non potevo non dare 8 a Totti oggi. Lui oggi ha fatto lavoro encomiabile. Ha corso, è tornato.
 Lo spogliatoio vuole pian piano ritrovare l’autostima. Con molta umiltà dobbiamo ‘ricostruire questa casa.’ Le Nazionali? Già in passato avevamo pagato dazio. Spesso si è poco oggettivi quando si parla di mancata condizione della squadra, magari si devono considerare questa cosa. Le maglie prima della partita? Lo abbiamo fatto perché era importante anche per Pizarro, che è importantissimo per noi”
 

Gian Paolo Montali a a Mediaset:
“Il silenzio stampa? Vogliamo continuare a mantenere la concentrazione e veicolare le nostre energie solo verso la parte sportiva. Stasera abbiamo dimostrarto di aver lavorato bene in queste due settimane e che se siamo concentrati siamo una squadra che può dire ancora molto in questa stagione. In alcuni mmomenti il silenzio stampa serve a trovare comunità di intenti, credo che non disperdere energie, può essere importante per certi periodi, ma sarà un periodo breve. Usciti dalla crisi? No assolutamente, però la gara di stasera è un buon inizio, la squadra ha dato segno di avere grande equilibrio, e ha giocato con grande sicurezza. Alla vigilia della Champions League è possibile che Ranieri torni a parlare. Adriano? Lo prenderemmo ancora? Altro che! Adesso è infortunato ma vedrete che durante la stagione sarà molto utile a questa Roma.”
 
Montali in conferenza stampa
 
 “Abbiamo deciso di continuare il silenzio stampa perchè vogliamo mantenere le energie solo sulle prestazioni sportive. Crediamo che questo potrà aiutare la squadra.”
 
E’ una decisione del presidente?
“Sì, tutto ciò che viene deciso nella Roma lo decide il nostro presidente.”
 
Questa vittoria può dar la forza per ripartire?
“Siamo moderatamente soddisfatti. Abbiamo lavorato molto in queste due settimane. La squadra è scesa in campo con il giusto atteggiamento e nella parte finale abbiamo sofferto ma non siamo stati in balia degli avversari. E’ un buon inizio, è importante avere le idee chiare sui nostri obiettivi che ci siamo prefissati.”
 
Partita importante di Totti?
“Io gli ho dato 8. Per me però la parola fondamentale è ‘squadra’. Francesco ha fatto un lavoro straordinario, ha dato dimostrazione di tutto il suo valore. L’allenatore con lo staff hanno lavorato bene, dobbiamo dare continuità. Martedì abbiamo un’altra gara importante per la Champions. Ci aspetta un tour de force incredibile.”
 
Quanto ci vorrà per rivedere una Roma brillante?
” Per me stasera ha giocato in maniera brillante per gran parte della partita. E’ chiaro che ci vuole continuità. Noi vogliamo parlare poco e fare i fatti.”
 
Il silenzio stampa ci sarà anche in champions?
“Per i giocatori si, il mister invece parlerà prima della partita.”
 
Somiglianze con il periodo di crisi dello scorso anno?
” Sono due cose diverse con lo stesso comun denominatore. Dobbiamo lavorare per rafforzare i punti di forza del team e cercare di migliorare sui punti deboli. Nel mondo dello sport gli artefici del successo sono i giocatori. Non so quanto ci vorrà, ma dobbiamo venirne fuori.”
 
GASPERINI in Conferenza Stampa
 
Torni a casa con il rammarico?
 
“E’ vero, ci sono state anche occasioni per ottenere un risultato diverso. Il secondo tempo abbiamo creato molte difficoltà alla Roma. Il Genoa è una squadra che continua a crescere e può far bene.”
 
Come ha visto la Roma stasera? ”
La Roma è una grande squadra, non lo devo dire io. Questo ci da la sensazione che stiamo crescendo. Ho avuto la sensazione di poter fare qualcosa di importante, c’era un po’ di fatica per l’impegno delle nazionali. Nel secondo tempo abbiamo avuto più coraggio.”
 
E’ pentito delle scelte iniziali?
” No, mi è dispiaciuto molto che è dovuto uscire Palacio. E’ stata la squadra che è riuscita nel secondo tempo ad alzare il baricentro e a giocare meglio. Quest’anno abbiamo fatto delle buone prestazioni, per me il Genoa è già squadra. Putroppo passa il messaggio che il Genoa sia una squadra ancora in costruzione. Il Genoa ha lottato col Milan e con la Roma alla pari. Abbiamo tanti stranieri e problemi di comunicazione, di mentalità. Ma io sono molto soddisfatto di questa squadra.”
 
Il Genoa va meglio in casa che fuori? E’ così un po’ per tutti, anche la Roma fa fatica fuori casa.
“Totti come lo ha visto? Ha fatto un’ottima partita, ma anche molti dei nostri hanno fatto un’ottima gara.”
 
RUDOLF a SKY
 
“Abbiamo avuto più occasioni della Roma nel secondo tempo e abbiamo giocato meglio. Ma abbiamo preso due gol e dovevamo fare ancora di più. Le parole di Toni? E’ vero, qui all’Olimpico è più difficile avere un rigore, anche per via dei tifosi. Vogliamo fare bene e vincere già dalla prossima. Oggi non abbiamo avuto fortuna”
 
Tu sei un’ala ma nel gioco di Gasperini l’ala deve sacrificarsi in fase difensiva. Come ti trovi?”E’ vero, cambia tanto tra l’Ungheria e il campionato italiano. In ungheria un attaccante non deve difendere, qui invece si. E allora devi correre di più e fare meglio dal punto di vista tattico e tecnico. Io voglio fare di tutto per la squadra”
 
Marco Rossi a Radio Nostalgia Genova
 
“Abbiamo attaccato un po’ di meno nel primo tempo, forse abbiamo avuto un po’ paura.Abbiamo avuto sfortuna nel prendere il gol sul tocco sulla schiena di Mimmo Criscito. Timore dato dal modulo? Ma no però nel secondo tempo abbiamo giocato da . Juric ci manca tantissimo però sono arrivati tanti giocatori validi. Probabilmente occorre solo un altro po’ di gare giocate per migliorare le nostre prestazioni. Nel secondo tempo abbiamo giocato da Genoa, abbiamo avuto parecchie palle gol: anche nel primo tempo ne abbiamo avute tre. E’ forse solo questione di episodi sfortunati”
 
 

 GASPERINI a MEDIASET PREMIUM
 
Un Genoa dalle due facce stasera “Sì, ma davanti avevamo la Roma. Abbiamo commesso degli errori, nel primo tempo non siamo scesi in campo con l’intensità giusta, qualche giocatore non era al meglio. Quando abbiamo alzato il ritmo gli abbiamo creato delle difficoltà”. Siete sembrati svegliarvi solo dopo il secondo gol “Nel primo tempo eravamo bloccati nonostante le opportunità e gli spazi offerti. Poi nella ripresa non abbiamo avuto la brillantezza necessaria, però abbiamo creato buone opportunità. Peccato perché poteva uscire un altro risultato”. Dopo il mercato, quanto è difficile trovare i giusti equilibri del Genoa che noi tutti conosciamo?”Si è già visto in casa con Fiorentina e Bari. A tratti si è visto il Genoa anche questa sera, certo rispetto alle partite che giochiamo in casa, fuori giochiamo un pò sotto le aspettative. Però la squadra è soddisfacente, paghiamo problemi di condizione ma partite come stasera ci danno convinzione per fare un buon campionato” Non ha la sensazione che ci si aspetti troppo dal Genoa? “Io vedo una squadra equilibrata. Però passa questo messaggio del trovarne ancora. Io vedo buone prestazioni, abbiamo cambiato otto undicesimi dall’anno scorso e paghiamo sotto il profilo dei risultati. Però mi soddisfano i miei giocatori”. Il Genoa è promosso a livello caratteriale stasera, ma possiamo parlare di lavori in corso ancora? “Indubbiamente, ci portiamo dietro poco o nulla dell’anno scorso. Sotto l’aspetto della prestazione non siamo mai stati deludenti però. Non è facile venire a Roma e creare diverse occasioni da gol. Se abbiamo una condizione migliore in trasferta possiamo fare di più. Non la vedo tanto un cantiere, la squadra deve solo acquisire condizione e convinzione”. Eduardo non è stato così sicuro oggi “È un ottimo portiere, credo per giocatori stranieri non sia facile ambientarsi alla mentalità italiana ma lui per noi è una certezza. Domenica scorsa aveva fatto molto bene, dobbiamo avere pazienza e costruire la squadra sotto l’aspetto della conoscenza reciproca”.
 
GASPERINI A SKY 
“Il rigore? Si può dare. Toni è molto vicino alla porta ed è libero, è una trattenuta significativa, ma a velocità normale non è facile. Purtroppo abbiamo messo l’intensità giusta solo negli ultimi minuti. Non riusciamo a tenere lo stesso ritmo e intensità per tutta la partita. Amnche nel primo tempo eravamo ben messi in campo ma non giocavamo con la velocità necessaria per mettere in difficoltà la Roma. Poi c’è stato il gol e la partita è stata più difficile. Devo dire però che nel secondo tempo, anche con il doppio svantaggio abbiamo creato difficoltà alla Roma.”
 
Il suo Genoa è in un momento di transizione tecnica?”Indubbiamente si. Da subito facciamo buone cose, poi prendiamo dei gol che ci complicano la partita. E’ una squadra però che fa buone cose. Spero che anche in trasferta, almeno sul piano organizzativo, si riesca ad avere la stessa lucidità che abbiamo avuto nel secondo tempo questa sera”
 
Atteggiamento differente tra primo e secondo tempo”E’ vero, è ciò che dispiace di più. Speriamo che da questa partita riusciamo a fare questo salto di qualità che finora non si vede. E’ evidente possiamo anche giocare un buon calcio ma se non abbiamo la determinazione per andare in area e chiudere l’azione…Si è visto questa sera: entrambi i tempi giocati sufficentemente bene però nel secondo tempo è venuta fuori quella volontà in più di andare dentro l’area, attaccare con più uomini. Nel primo tempo abbiamo perso due-tre palle male che ci sono costate anche un gol. Nel secondo tempo siamo venuti fuori, abbiamo rischiato pur prendendo qualche contropiede”
 
“Questa sera ci mancava brillantezza. Dopo la sosta alcuni giocatori sono andati via e non erano nella migliore condizione. Questo vale anche per gli altri ma io parlo per i miei. Questo si è visto anche sui gol in cui siamo stati poco reattivi. C’è poco da fare: quando ai poca gamba e brillantezza come ci è successo è difficile riuscire a raddrizzare la gara. Invece se giochi coralmente, attaccando i punti deboli dell’avversario e portando la palla vicino alla sua area di rigore riesci a fare qualcosa in più”
 
Cosa ha detto a Borriello? Segna sempre contro di voi”Non l’ho ancora visto ma appena lo vedo qualcosa glielo dico sicuramente”
 
GASPERINI a RAI SPORT

Vi siete svegliati tardi
“Anche noi abbiamo fatto una buona partita, è vero che nel secondo tempo abbiamo fatto meglio ma è arrivato tardi il gol”.
Pentito di aver mandato in campo Sculli così tardi?
“No, Sculli è entrato al momento giusto. Mi dispiace che si sia fatto male Palacio che era importante per noi in questo momento”.
Toni è stato polemico con la Roma
“Si riferiva solo ad un episodio, niente di più, ha chiesto solo un calcio di rigore””
Cosa ha di diverso questo Genoa da quello brillante dell’anno scorso?
“Ha caratteristiche diverse ma finora abbiamo fatto buone prestazioni soprattutto in casa. Oggi anche abbiamo fatto una buona partita ma la Roma aveva una grande voglia di riscatto. Viste le occasioni e le opportunità poteva finire un altro risultato”
 
 MONTALI a RAI SPORT
Perché continua il silenzio stampa?”Abbiamo deciso di continuare la linea che abbiamo scelto la settimana scorsa e vi faremo sapere quando cambieranno le cose”
 
E’ stata la partita della svolta?”Siamo soddisfatti x il risultato ma soprattutto l’approccio alla partita e per l’atteggiamento che abbiamo avuto. Abbiamo lavorato molto in questi 15 giorni, continuiamo su questa strada”
 
Un voto per il Totti di stasera”L’avete visto tutti, un 8 se lo merita tutto”
 
Nonostante le polemiche che ci sono state, lui rimane il perno della Roma”Totti ha delle qualità straordinarie, stasera ha corso tantissimo, è fondamentale per lui sentirsi importante per la Roma. Sapete che per me la parola chiave è ‘squadra’ ma è chiaro che avere uno come Totti fa la differenza”
 
E’ sembrato di vedere una squadra rinfrancata, anche vedendo l’esultanza dei giocatori dopo i gol”Si, soprattutto dopo il gol di Brighi, tutta la panchina è andato ad abbracciarlo, sono queste cose che fanno la differenza, e questo significa che il lavoro sull’autostima ha funzionato”
 
Quando finirà il silenzio stampa?”Per la partita di Champions Ranieri tornerà a parlare. Appena ritroveremo le coordinate della passata stagione torneremo a parlare, ora dobbiamo concentrare tutte le energie sulla parte sportiva, poi torneremo ad essere più loquaci di prima”
 
 
 

RUDOLF a SKY SPORT
 
Primo gol in serie A…
 “Sono soddisfatto per il gol ma non per la squadra perchè abbiamo perso. Dobbiamo vincere anche fuori casa, nel secondo tempo abbiamo avuto più occasioni e dobbiamo fare meglio”.
 
Sei stato molto bravo ad inserirti con la tua velocità sfruttando le sponde di Toni…
 “Abbiamo fatto bene, un gol, la traversa, però è andata bene per mezza partita”
 
C’è stato un mezzo rigore su Toni, tu cosa cosa pensi?
 “Qui all’Olimpico è più difficile anche con i tifosi, non abbiamo avuto fortuna”.
 
Come ti trovi in questo ruolo di ala anche sacrificandoti?
 “Bene, è vero, qui in Italia è diverso rispetto che in Ungheria, devi difendere meglio e sacrificarti. Io voglio fare meglio”.
 
 

RUDOLF a MEDIASET PREMIUM
 
Un gol che poteva riaprire la partita
 “Sono contento ma non tanto perchè abbiamo perso. Penso che possiamo fare meglio, ma fuori casa è difficile”.
 
La Roma ha sofferto a tratti durante la gara
 “Nel primo tempo hanno fatto meglio loro, nella ripresa abbiamo avuto più occasioni noi. Ho anche preso la traversa e sono stato sfortunato”
 
Dove può arrivare questo Genoa?
 “Vogliamo vincere sempre ma in serie A è difficile e ci vuole tempo”
 
KHARJA in zona mista
 
“Primo tempo buttato via. Siamo stati timidi, abbiamo spinto di più nel secondo tempo.  Totti merita una statua per tuto quello che ha fatto a Roma. Ho visto una Roma sicuramente non al top fisicamente, ma con un organico più competitivo. Ci manca convinzione nei nostri mezzi. Per diventare una grande squadra dobbiamo averla anche in trasferta. Abbiamo avuto delle occasioni ma non le abbiamo sfruttate”
 
Rudolf in zona mista.
“Ho giocato una mezza partita, voglio fare bene. Nel secondo tempo potevamo anche vincere la partita. Peccato volevamo vincere. Sono contento per il mio primo gol in serie A, non per la squadra.  
RUDOLF a Roma Channel
 
“Sono contento per il gol ma non per la squadra. La Roma? Io penso che potevamo vincere questa partita. L’Olimpico? Anche a Genova abbiamo grandi tifosi. Lo scudetto? Si, si (ride,…): Il campionato è lungo ancora…”
 
KHARJA  a Roma Channel
 
“Roma è un bellisssimo ricordo. Ho avuto poco tempo, ma sono cresciuto come uomo e calciatore. Roma è una città bellissima.Sì, sono cresciuto molto fisicamente. Sono un po’ rammaricato per la sconfitta. Roma per lo scudetto? La Roma ha organico di altissimo livello. In Europa hanno in pochi il suo organico. Forse oggi era un po’ sottotono. Noi non ne abbiamo approfittato. Abbiamo visto che però in questi ultimi anni è sempre partita male, poi si è ripresa. Non ha nulla da invisiare all’Inter. Sembra Bolt, che parte male e poi recupera”
 
 
Montali a SKY
 
 Continua il silenzio stampa. Nel 2010 a cosa serve non comunicare per un marchio tanto importante?”E’ una scelta che va rispettata. Certamente non fa piacere neanche a noi fare una cosa di questo tipo. Ma dato il momento delicato in cui ci siamo trovati, trovare rigore attraverso i comportamenti e attraverso una comunità d’intenti credo sia una cosa importante. Continuiamo su questa strada. Siamo soltanto all’inizio di questo recupero”
 
Quindi il silenzio stampa serve a qualcosa…
“Serve perchè è una decisione che credo vada rispettata. E poi perchè vogliamo concentrarci sulla cosa più importante che c’è nel calcio: la partita, l’allenamento. Abbiamo lavorato moltissimo in questa settimana, lavori mirati sui nostri punti deboli, sui nostri difetti di questa stagione. Quindi anche il fatto di non disperdere energie verso l’esterno possa portare qualche vantaggio. La squadra non ha ritrovato soltanto condizione dal punto di vista fisicoma soprattutto dal punto di vista comportamentale e degli atteggiamenti”
 
Soddisfatti della reazione del gruppo?”Siamo moderatamente soddisfatti. Soprattutto perchè veniamo da un momento non straordinario. Il risultato credo sia giusto come giusto è stato l’atteggiamento della squadra che aveva le idee chiare su cosa doveva fare in campo. Siamo stati giustamente premiati e questo è un buon inizio”
 
Basta un risultato positivo o ci sono ancora problemi da risolvere?”Nel mondo del calcio i risultati sono molto importanti, se non decisivi. Importante è anche la qualità con cui la squadra si esprime in campo, la consapevolezza dei propri mezzi e anche di ritrovare un’autostima che la squadra in alcuni momenti della stagione perde a causa di risultati non positivi. Credo che l’avorare sull’autostima e recuperare alcuni valori che la squadra ha come una squadra che gioca la partita all’attacco, con determinazione e con idee chiave dal punto di vista tecnico-tattico, credo sia uno di quei valori che possono essere importanti per il proseguo della stagione. Credo sia un insieme di cose: i risultati  ma credo che l’atteggiamento che la squadra ha in campo credo faccia la differenza”
 
Luca Toni ha detto che è difficile che fischino un rigore a Roma. Si sente scaricato dopo la passata stagione?”E’ difficile anche fuori da Roma avere calci di rigore a favore. Chiaramanete visto il risultato della partita, Luca non sarà molto soddisfatto. La prendiamo con beneficio d’inventario”
 
In settimana Toni aveva dichiarato che sperava che si facesse qualcosa di più per tenerlo”Luca per noi è stato un giocatore molto importante. Gli siamo molto grati per qullo che ha fatto in un momento della stagione, quello in cui è arrivato, molto delicato per noi. Si è integrato subito benissimo. E’ un ragazzo straordinario, non è solo un ottimo giocatore sul campo, ma è un ragazzo che ha dei valori umani eccellenti ed è per questo che si è inserito ed ha fatto molto bene alla Roma. Quindi noi siamo molto felici e orgogliosi di averlo avuto nella Roma”
 
Si sa qualcosa dei rinnovi contrattuali?”In questo momento la cosa più importante è ritrovare la qualità di gioco e che la squadra torni ad ottenere risultati e ad essere una squadra che punta in alto ed ha le idee chiare. In questo momento è l’ultimo dei problemi che abbiamo”
 
Toni a SKY
 
 La tua prima volta da ex all’Olimpico. Uscite con dei rimpianti?”Potevamo far gol anche nel secondo tempo. Sapevamo che venendo qui a Roma loro un gol lo avrebbero fatto. Peccato, cia bbiamo porvato è andata male”
 
Sul 2-1 avete reclamato per un fallo su dite in area?”E’ una cosa normale. E’ difficile che a Roma ti fischino un rigore. Quando il difensore non guarda mai la palla..ma fa niente ci prepariamo già per la prossima partita. La maglia che ho addosso? Volevo fare gli auguri ad un amico”
 
Hai provato emozione a tornare qui all’Olimpico?”E’ nomale. Qui ho passato sei mesi in cui sono stato molto bene. Venire in questo stadio è molto bello anche da avversario”
 
TONI a MEDIASET PREMIUM Ci avete provato fino all’ultimo, hai sfiorato alcune volte il gol ma nel finale non ti sono arrivati tanti palloni “Sì, peccato ci abbiamo provato sempre. Loro avevano voglia di vincere e sono stati bravi a fare due gol, noi solo uno e non è andata bene”. Tu che conosci l’ambiente dopo l’anno scorso, come hai visto la Roma? Convalescente, in crisi? “No, ha grandi campioni, è normale che sia un po’ in crisi per risultati e potevamo sfruttare l’occasione, La Roma a fine campionato sarà sicuramente tra prime”. E le ambizioni di questo Genoa? “Dobbiamo tornare alla vittoria, fare punti in casa e qualche colpaccio fuori”.
 
LE INTERVISTE AL TERMINE DEL PRIMO TEMPO
 
CRISCITO a SKY
 
Sullo zero a zero una grande occasione per te”Bastava un piccolo colpo per metterla dento ma la palla mi è rimasta dietro. Peccato perchè era una grande occasione per passare in vantaggio ma poi abbiamo preso il gol. Stiamo giocando una buona partita ad alti livelli e speriamo che il pareggio arrivi presto”
 
Gasperini si lamentava dei troppi palloni persi. Come deve agire il Genoa sulle ripartenze?”Bisogna partire bene e ripartire con i difensori esterni e i centrocampisti larghi. Sul finale l’abbiamo fatto. Sono sicuro che faremo un grande secondo tempo” 
 
LE INTERVISTE DEL PREGARA
 
KHARJA a SKY
 
Che partita ti aspetti?”Una partita a viso aperto tra due squadre che giocano un buon calcio. C’è chi dice che la Roma è in crisi, una squadra ferita, ma io non lo penso. E’ una squadra forte, ci sono tante assenze ma quelli che non giocano di solito e che entreranno oggi sono comunque grandi campioni. Penso che oggi sarà una buona partita e spero che il pubblico si divertirà”
Un pubblico che tu conosci bene essendo un ex. Che ricordi hai dell’anno passato a Roma?”Un anno bellissimo in cui ho imparato molto. SOno cresciuto sia come uomo che come calciatore. Ho imparato tanto insieme a grandi campioni. Oggi sono contento di far parte del Genoa ma per me  è sempre un piacere giocare contro la Roma e i miei ex compagni. Spero che oggi porteremo i tre punti a Genova”

SCULLI a SKY
Hai giocato sia con Toni che con Borriello. Che differenze ci sono tra i due?”Quando Marco è venuto da noi ha fatto molto bene ed ora è un grandissimo giocatore. E’ una punta di movimento, veloce dotata di un gran sinistro. Luca invece è più una sponda, un uomo d’area”
 
Ballottaggio tra te e Mesto. Entri nel secondo tempo?”Bisogna essere sempre pronti. Il mister può scegliere tra l’uno e l’altro; l’importante è che quando verrò chiamato in causa io disputi una buona prestazione. Anche chi entra dalla panchina può essere decisivo”
 
Quanti gol segna Toni in questa stagione?”Spero dai 15 in su. Lo detto anche a lui”
 
E’ vero che hai perso un po di motivazioni dopo il mancato passaggio all’Inter?”No anzi, sono raddoppiate. E’ normale che se una domenica non fai gol o non giochi bene vieni subito chiamato in causa e ti dicono “pensi all’Inter, pensi alla Roma”; ma questo non è vero , ho firmato un contratto di cinque anni con il Genoa, Genova è casa mia. Sono felicissimo. Alla fine farò bene anche quest’anno”
 
Ti manca qualcosa per essere al massimo? Un ritardo di condizione fisica?”No mi manca solo giocare con più continuità ma arriverà anche quello”
 
E’ la terza trasferta che parti dalla panchina. E’ una scelta tattica?”Può anche essere una scelta tattica. In questo momento il mister gioca con Mesto in trasferta e io sono anche stato squalificato nell’ultima partita con il Bari che abbiamo vinto. Ci sono i miei compagni che stanno facendo molto bene. Devo aspettare il mio turno. In una rosa di grandi giocatori bisogna anche aspettare il momento giusto. Le mie partite le giocherò anche quest’anno e spero di giocarle bene”
 
(Fine)
 
AGGIORNA
 
LA FOTOCRONACA
 
IL SINDACO DA’ I NUMERI: Brighi, ritorno al gol dopo 8 mesi.
 
IL SINDACO DA’ I NUMERI. Totti ancora a secco
 
LE PAGELLE
 
LA FOTONOTIZIA

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here