RN Web Radio. Delfino: “E’ una Roma da quarto posto. Di Francesco è tosto, non era facile uscire dalla crisi” (AUDIO)

0

DELFINO ROMANEWS WEB RADIO – “La Roma, a questo punto, la vedo in lotta per il quarto posto con Lazio e Milan e non credo possa avere molte difficoltà”, questo il pensiero di Giulio Delfino, storica voce di Radio Rai, ai microfoni di Romanews Web Radio, sul campionato giallorosso. Inoltre, il radiocronista di ‘Tutto il calcio minuto per minuto’ si è espresso riguardo la Nazionale, il possibile percorso stagionale della squadra di Di Francesco e le difficoltà incontrate da Pastore in questo inizio nella capitale:

NAZIONALE –Una rondine non fa primavera, direi di aspettare un attimo. Raramente vedo la nazionale in partite non ufficiali, ma con la Polonia mi è piaciuta, c’è poco da fare: gioco, personalità, aggressione dell’avversario dall’inizio alla fine. La vittoria è stato un giusto premio, ho esultato come non mi accadeva da tempo. Spero che stia nascendo una nuova Italia, perché se vai a vedere dei giocatori di qualità ci sono, non siamo ai livelli delle nazionali al top, ma non credo che al mondo ci siano dieci squadre mostruosamente più forti di noi, per cui questa è una squadra che all’Europeo potrebbe fare la sua figura”.

IL CAMPIONATO – “Lo scudetto dipende solo dalla Juventus, se ad aprile perché vogliono solo la Champions mollano incredibilmente si può pensare che possano perderlo, ma è tutto nelle loro mani. Per me l’Inter è la seconda forza del campionato, perché con Nainggolan, Spalletti ha avuto il calciatore che cercava. Quando il belga c’è è un leader vero e proprio. Come terza, anche se all’inizio non credevo, vedo il Napoli di Ancelotti: pensavo che il distacco di Sarri potesse essere più traumatico, invece il tecnico ex Milan è subito riuscito a prendere nella maniera migliori le redini del gruppo azzurro. La Roma, a questo punto, la vedo in lotta per il quarto posto con Lazio e Milan e non credo possa avere molte difficoltà”.

LA ROMA – L’anno della Roma può essere questo: ottime partite con poi grandi tonfi. Però non è detto, perché Di Francesco è uno tosto e lo sta dimostrando nei momenti di grossa crisi. Forse è stato aiutato dall’infortunio di Pastore, ha trovato la password in una crisi che poteva provocare grossi danni e durare molto di più. Dopo questa sosta potremmo vedere se effettivamente è questa la soluzione definitiva o se dopo questo ciclo di partite si ripiomberà nella crisi. E’ il momento della verità: se la Roma sotto natale si troverà in una situazione di classifica simile a questa vorrà dire che il tecnico giallorosso ha trovato la soluzione ai problemi e non era facile visto che gli era stata smantellata la squadra”.

PASTORE – “Si vede che è un giocatore forte, perché quando spesso ha giocate geniali, è come se parlasse con il pallone. E’ un elemento che, da quello che so, ha voluto Monchi e non Di Francesco. Il tecnico ci sta provando a farlo integrare in ogni modo, adesso probabilmente che si può lavorare con più serenità ed ha capito i limiti che si hanno con e senza Pastore, DiFra troverà una soluzione per farlo rendere e di conseguenza far giocare al meglio anche la squadra. Perché bisogna aver presente che basta che non funzioni un ingranaggio e può saltare tutto inficiando la prestazione di tutta quanta la squadra”.

QUI L’INTERVENTO COMPLETO: 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here