LEGGERI: “Si stanno azzerando le ambizioni della tifoseria”, GRAZIANI: “Non mi aspettavo entusiasmo per Fonseca”

63

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Ciccio Graziani a Centro Suono Sport: ”Non mi aspettavo che la gente fosse contenta di Fonseca. A vederlo di primo impatto ha una faccia che ispira fiducia. È giovane ed ambizioso e magari incute simpatia. Mi auguro che la Roma possa mantenere il profilo italiano. Fonseca qualche indirizzo preciso credo che lo possa dare. A me Veretout mi è sempre piaciuto molto, attenzione al Napoli. Gasperini ha sbagliato a decidere di restare a Bergamo. Giampaolo è molto bravo ma al Milan è un’altra cosa, si vogliono i risultati. Sono molto curioso di vedere cosa porterà di nuovo Fonseca. Higuain mi è sempre piaciuto anche se negli ultimi anni non ha fatto benissimo. Mi sono preoccupato molto quando ho letto che si punta fortemente su Schick. Pinamonti ha grandi margini di miglioramento. Deve assumersi più responsabilità”.

Avvocato Luigi Esposito a Centro Suono Sport: “Ribadisco che io avrei preferito Conte o Sarri piuttosto che Fonseca. Quest’ultimo però esprime un calcio propositivo, con fraseggio palla a terra e giocate con uno o due tocchi. Speriamo che riesca a far esprimere alla Roma il calcio che ha creato in Ucraina. Una squadra che negli ultimi anni è sempre andata a podio non può partire per il quarto posto, sarebbe un ridimensionamento. Magari Sirigu. Veretout può fare anche il centrale ma non è un regista vero e proprio. Registi ad oggi? Tonali e Van De Beek. Va fatto uno sforzo in quel settore. Con il gioco di Fonseca Pastore potrebbe esprimersi meglio. Schick va messo in un meccanismo corretto, chi lo sa che Fonseca possa riuscirci”.

Federica Afflitto a Centro Suono Sport: ”Fonseca ha tutto da guadagnare perché il nome di Roma risuona nei tempi e lui può raccogliere i cocci facendo un lavoro sicuramente migliore dei suoi predecessori. Noi ne abbiamo viste di ogni e la vediamo da spettatori asettici. Penso che l’obiettivo della società sia quello di arrive quarto, quindi in zona Champions. Sto notando le stesse dinamiche con Luis Enrique, Garcia e Zeman. Quando Pallotta ha promesso che avrebbe cambiato le cose… Su Sirigu sono perplessa, visti i rapporti tra Cairo e Petrachi. Spero che ne Pastore e ne Schick siano parte della Roma. Fonseca mi sembra una persona concreta e non vuole fare scommesse”.

Fabio Petruzzi a Centro Suono Sport: “Non si sa che calciatori arriveranno e soprattutto chi gestirà il mercato in questa sessione estiva. Vedo un Fonseca felicissimo di venire a Roma con una società che ha tantissima confusione. Ad oggi, arrivando quarti, non sarebbe un’impresa, perché Milan, Lazio ed Atalanta non sono superiori come giocatori ad oggi. Sirigu ha fatto un campionato strepitoso. Veretout mi piace molto, manca alla Roma. Fonseca vuole gente che va a duemila in campo e Pastore non è uno di questi. Schick quando non sta a Roma fa sempre gol”.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Fonseca rappresenta in questo momento forse l’unica speranza sportiva della Roma, considerato il caos sul mercato che in questo momento regna sovrano visto il ritardo maturato fin qui dai dirigenti giallorossi. L’augurio è che Fonseca, non si faccia condizionare dai mali atavici che albergano dentro Trigoria e possa replicare l’ottimo impatto di Garcia, chiaramente con una metodologia totalmente opposta. Avrà bisogno di calciatori funzionali, ma è triste, molto triste, percepire che la Roma non partirà per competere per il titolo, sensazione o speranza che abbiamo nutrito nelle ultime estati tranne la scorsa, soprattutto grazie alle scelte di mercato di Sabatini, che era abituato a guerreggiare su tutti i tavoli nazionali e internazionali. Questa continua delocalizzazione della Roma a Londra o Boston, con incontri, presentazioni, decisioni prese fuori dal GRA è l’ennesima dimostrazione dell’assoluto distacco di questa proprietà con la realtà romana”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Lo spartito nella Roma è quello di sempre: verranno venduti alcuni big per ridurre il deficit, saranno acquistati dei talenti da valorizzare per poi rivenderli, non cambierà nulla e proseguirà il solito processo di assuefazione alla mediocrità. In questo triste contesto, si insedia Fonseca, un buon allenatore che Pallotta ha già definito un tecnico ambizioso e vincente, ma scommetto che non sa neanche chi sia, capace che l’abbia addirittura scambiato per Daniel Fonseca. Allo stato attuale già sappiamo che l’obiettivo massimo della Roma sarà il quarto posto, si stanno azzerando tutte le ambizioni che questa tifoseria ha sempre giustamente nutrito, soprattutto nel periodo del mercato, periodo dedicato ai sogni. Anche quest’anno saremo ostaggi del Fair Play Finanziario, non se ne può più, un club gestito in maniera maldestra anche a livello finanziario. In bocca al lupo a Fonseca, sperando che non sia l’ennesima vittima sacrificale di questa società”.

Marco Cassetti a Tele Radio Stereo: “Visto che lui ha forzato anche la mano con lo Shakhtar, si è tolto qualcosa pur di arrivare alla Roma credo che abbia tantissimo entusiasmo e che possa trasmettere questo ai giocatori. Sicuramente non sarà ai livelli di Conte, almeno per adesso, ha tutta la carriera davanti per poterlo diventare. Mi auguro che venga difeso in tutti i modi anche alle prime difficoltà da parte di tutti, dalla società ai tifosi”.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “Mi auguro che si faccia rispettare con il lavoro, che ci sia protezione da parte della società, cosa che è mancata negli ultimi anni, troppe volte quando le cose sono andate male la Roma non è riuscita ad otturare le falle e rimettersi sui binari. E’ un bravo allenatore. Un grosso in bocca al lupo, con la speranza che possa avere una squadra all’altezza”.

Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio: “Accolgo Fonseca con grande simpatia: viene dopo il ‘no’ di Conte, di Gasperini e poi abbiamo ascoltato da Mihajlovic che si è tirato indietro, perché se fosse dipeso dalla Roma probabilmente sarebbe stato ufficializzato lui e non il portoghese. Fonseca è un ottimo allenatore, ma se il tifoso sa che arriva dopo 3 ‘no’ ecco lì che sembra già una carta di ripiego, quando magari sarà anche più bravo dei tre citati. Per quanto riguarda la rosa a disposizione io qualche perplessità ce l’ho: nel periodo dello Shakhtar ha sempre giocato col 4-2-3-1, lui ama palleggiatori ed io nella Roma non le vedo. C’è una squadra piena di mezzali e lui non le usa. Gioca con la difesa alta e Manolas è in partenza, con il centravanti di manovra e Dzeko andrà via. Bisogna capire che squadra gli viene messa a disposizione e soprattutto da chi, perché il direttore sportivo all’11 giugno ancora è un tesserato del Torino”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Credo che Fonseca sia un buon, eccellente allenatore: ha un curriculum e ha dimostrato di saper far giocare bene le sue squadre e questo ti distingue al di là dei risultati che consegui. La scelta del portoghese non è sbagliata, anzi. Tutto, però, dipende da che squadra gli verrà messa a disposizione: puoi essere bravo quanto ti pare, ma dipende dalla squadra che hai”.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “Penso che la Roma abbia scelto bene. Mi aspetto quello che fece il primo Garcia da Fonseca: venne con molte perplessità e poi vinse dieci partite di seguito. La cosa che turba è sapere che tipo di Roma gli verrà consegnata: lui vinceva allo Shakhtar ma con giocatori importanti a disposizione. Certo che se venisse Icardi, un regista importante ed un esterno i discorsi potrebbero cambiare. Si sente di dire, invece, di giocatori solo in uscita: non vorrei che Fonseca si demoralizzasse prima del tempo”.

Attilio Gregori a Radio Radio Pomeriggio: “In Italia è tutto più complicato, le squadre di alta classifica per la Roma ad oggi sono quasi irraggiungibili. Venire allenare in Italia, adesso a Roma dove c’è malcontento, confusione, diventa tutto più complicato. L’allenatore avrà una grande gatta da pelare se non sarà sostenuto dalla società, anche dal punto di vista del calciomercato”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Pomeriggio: “Ho visto giocare lo Shakhtar una volta o due con tutti giocatori brasiliani di grande qualità e su quello mi sembrava si basasse il gioco di questa squadra. Non so se la Roma può fare un mercato così rivoluzionario per accontentare il tecnico, l’impressione è che si dovrà accontentare lui cercando di sbagliare il meno possibile ma senza fare cose troppo eclatanti, perché non mi sembra il momento”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Pomeriggio: “Finalmente la Roma si mette il suo uomo in panchina, un giovane di 44 anni con un ottimo pedigree: inizia a tutti gli effetti l’era Fonseca”.

Marione a Centro Suono Sport: “Da stamattina Paulo Fonseca è il nuovo allenatore della Roma: in bocca al lupo a lui, ne avrà bisogno. Dopo tanti allenatori che gli hanno detto di no, ne hanno trovato uno che ha detto di sì convintamente, già per questo merita il nostro sostegno. Però il punto è un altro: servono giocatori forti per vincere. Ieri da Trigoria hanno fatto trapelare che Totti non andrà a Londra perché la riunione verterà su temi commerciali. Ma come? Cosa c’è di più tecnico di una riunione fra tutti i dirigenti della Roma con il nuovo allenatore della Roma? Per favore, non prendeteci per scemi.”

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “La realtà in cui si cala è molto più competitiva. Non è un impreparato, meritava una chance. Togliamoli degli alibi: Pallotta ha detto che Monchi ha sbagliato a fare la squadra per Di Francesco, ora vorrei che si decidesse da subito il modulo, poi i giocatori li deve scegliere la società. Non può sceglierli il tecnico, perchè passa. Si deve parlare di caratteristiche dei giocatori con il tecnico. Se vuoi costruire dal basso, con la difesa in pressione e hai Fazio che si lascia molto spazio dietro… Devi pensare ad un mercato da Atalanta. La Roma deve prendere giocatori in cui crede e parlarne con l’allenatore per evitare equivoci”.

Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: “Fonseca è ufficialmente il nuovo tecnico della Roma, per noi è un grande allenatore. Qui dovrebbero essere bravi a costruire una squadra con i soldi che si spenderebbero per prendere solo De Ligt”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Chiedere a Totti di andare no, ma capisco Giannini e i tanti tifosi che si interrogano sul perché stia lì senza dire niente. Questi stanno facendo un massacro. Le plusvalenze puoi farle con Florenzi, Manolas, Pellegrini, Under e Zaniolo. Kluivert non molto perchè non lo hai ammortizzato”.

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “La presenza di Totti a Londra era indispensabile? L’allenatore non l’ha scelto lui, ma Baldini. Totti non figura nell’organigramma della Roma, ancora non ha un incarico ufficiale, quindi sotto quale veste poteva essere lì?”.

Daniele Lo Monaco a Tele Radio Stereo: “Credo che la Roma abbia fatto bene a far decadere la proposta Mihajlovic. In questo periodo storico la popolarità dei dirigenti giallorossi è ai minimi e scegliere Mihajlovic che dimostra ancora il suo amore per la Lazio… Lui ha detto che la guerra contro l’ambiente l’avrebbe fatta. Il problema è che la Roma si sta ricostruendo. Ora Baldini si sta occupando di tutto, dopo aver gestito per diverso tempo altre cose. Abbiamo tanti tecnici che conoscono i piani della Roma: Conte, Gasperini… Dal punto di vista tecnico la Roma sta subendo una grande trasformazione. Il 28 si va a Pinzolo, ma con chi? La realtà in questo momento è avvilente. Non sappiamo nemmeno chi andrà in ritiro”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “A Roma due giocatori di Lazio e Roma non possono nemmeno andare a cena insieme”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Serve un mercato clamoroso, degli scambi con cui riuscire a trovare cosa ti serve. Non conosco Fonseca, ma magari lui ha già qualcuno da portarsi dietro. Credo si vada sul Sud America, una strada molto tecnica. Bisognerà capire cosa faranno per il centrocampo, manca un regista a meno che non vogliano ripartire da Nzonzi. La Roma deve spendere poco per giocatori forti, ma sarà difficile. I giocatori costano cari e ti devi adeguare”.

Ilario Di Giovambattisti a Radio Radio Mattino: “La Roma deve stare attenta, quest’anno lo può sopportare, ma un altro anno fuori dalla Champions comporterebbe una catastrofe economica. Quello che conta più di tutti è Baldini, sembra sia lui a prendere le decisioni. La Roma deve incassare molti soldi, altrimenti si troverà in difficoltà”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

63 Commenti

  1. ….a Roma due giocatori di Roma e Lazio non possono andare a cena insieme … Triste verità. A Roma, per anni, Totti e Di Vaio hanno dovuto tenere quasi segreta la loro amicizia …
    A Milano è normale, a Roma non si può.
    Ma a Roma non esiste un problema ambientale…… no, infatti.

  2. Ragazzi, ho visto entrambe le partite della R. Ceca. Schick ha fatto le fiamme: tre gol, assist, ha indotto ad una autorete! Immarcabile. Di testa e di piede. Sponde per i compagni da centravanti navigato. Giochi di prestigio con il pallone tra i piedi. Un altro giocatore da quello che abbiamo visto fino ad ora nella Roma. Come è possibile? Chi ha visto le partite può confermarlo. Non so veramente spiegarmi come sia possibile! Ma perché a Roma ha giocato sempre così male! Con Dzeko o anche senza! Chi mi può dare una risposta? Secondo voi potrebbe anche nella Roma fare quello che ha fatto in nazionale?

    • È una questione psicologica. Roma è una piazza impietosa. O ti imponi subito sennò poi fai fatica a recuperare fiducia. Dzeko nello spogliatoio faceva il padrone, io a questo ragazzo darei un’altra possibilità.

    • Sono d’accordo, nonstante due stagioni risibili, io spero ancora che Schick promosso titolare riesca a dimostrare la sua reale forza. Per la panchina basterebbe un trentenne da 15-20 milioni, di buona esperienza e poche pretese. Tipo Pavoletti, Finbogasson, Bas Dost, Dzyuba, Benedetto. Lo so, sono nomi poco entusiasmanti, ma non credo che possiamo permetterci nè Suarez né Diego Costa.

      • Piatek lo scorso anno a luglio sarebbe stato un nome entusiasmante? il nostro “entusiasmante” bomber ha fatto 9 gol in campionato quindi ben venga dare una opportunità a un ragazzo di cui tutti gli addetti ai lavori parlano benissimo. Può darsi che il carattere non sia da grande piazza, ma è giovane e potrebbe esplodere se messo nelle giuste condizioni e non vorrei che diventasse un rimpianto appena ceduto a un’altra squadra. Concordo su un secondo centravanti esperto ma non da svenarsi, perchè se crei gioco e occasioni, non serve Suarez per buttarla dentro, ne basta uno con una capacità realizzativa nella media

    • Sarà che la roma è due anni che non gioca a pallone?
      Nessuna ombra di giovo. Uno come Dzeko, cmq un fuoriclasse, ancora ancora ce la poteva fare, ma un giovane inesperto con limiti di personalità ovviamente ne ha sofferto.
      Difra l’ha fatto giocare una volta laterale, poi tre fuori, poi una volta al posto di Dzeko, poi 4 fuori, poi una con Dzeko….E quando giocava non è che gli arrivassero molti palloni calciabiliai…

  3. Io dico, ma possibile che bisogna parlare ancora di Totti?? Non capisco anche ora che ha smesso di giocare dobbiamo utilizzar lui per colpire la società? Per questo motivo Totti è stato sempre un problema alla Roma non per colpa sua, ma per colpa di chi usa il suo nome per secondi fini! non è andato a Londra e mbe??? chi se ne frega!

    • mi hai tolto le parole di bocca caro Mic
      Davvero chi se ne frega !!! Lasciate in pace Totti inoltre é in vacanza con la famiglia! smettete di usare questo ragazzo per montarlo contro la società e andate a lavorare capre di radiolari senza arte né parte.

  4. E’ lampante che il problema di Shick è un carattere ancora troppo debole, è arrivato col fardello dei 42 milioni spesi per lui e non ha le spalle abbastanza robuste per reggere la pressione. Lo si vede ogni volta che ha la palla, la tiene sempre troppo tra i piedi sperando di fare una magia subito ma in una partita c’è lo spazio per aiutare la squadra, il momento di fare il passaggio arretrato, il momento di lanciare un compagno e due o tre volte ti si può presentare il momento per osare il colpo, è troppo ansioso in campo e l’ansia è nemica sempre, keep calm Patrick e passala a Under o al Faraone (sperando non ce li vendano)

  5. Fa notizia di quanto si affanni Baldini per la Roma : ha subito toppato con Luis Henrique e continuato con Zeman ,si e` dimesso ed infatti con Sabatini Garcia e Spalletti La roma e` sempre stata in Champions ,ma al suo ritorno consigliando Monchi ha iniziato l’opera demolente ,adesso gia si vede che si e` fatto come i gamberi con il suo ritorno.
    Totti dimettiti e togli alla Roma i diritti della tua immagine ,Baldini non ti vuole tra le….. sei per lui una presenza ingombrante ,oggi i tempi non sono maturi ,ma presto potrebbero esserli ,senza stadio Pallotta va via.

      • Aridaje. Totti ha un contratto da dirigente di sei anni. Lo ha firmato lui, perciò semmai bisognerebbe addossare a lui la responsabilità del percepire dei soldi dalla AS Roma senza aver un ruolo ben definito e chiedere sia alla Società che allo stesso Totti per cosa vengono pagati effettivamente quei soldi.
        Che poi veramente pensate che Baldini sia un tappo per la carriera dirigenziale di Totti? Veramente pensate che siano due profili professionali in contrapposizione? Ma se uno ha lavorato con Sensi quando c’era Capello, ha seguito Capello prima al Real e poi alla nazionale inglese, è tornato a Roma, ha lavorato al Tottenham e ora fa il consulente esterno per Pallotta, ma sarà un tantino più qualificato di Totti che da quando ha smesso di giocare è uscito dal GRA solo per andare alle Maldive o per andare a giocare a calcetto in giro per il mondo? Ma anche ammesso che vadano via sia Pallotta che Baldini che a quanto pare hanno fatto più danni delle cavallette, Totti quale garanzie professionali vi dovrebbe dare?

  6. “servono giocatori forti per vincere” dice il prode Marione, ma per vincere cosa? scudetto e CL sono fuori dalla nostra portata già in partenza, inutile far finta di credere a qualcosa che sappiamo non è alla nostra altezza. Per vincere la coppa italia quest’anno è bastato avere la rosa dell’atalanta o della lazio, che non mi sembrano imbottite di campioni invidiabili, a parte un paio di giocatori, quindi: vincere cosa? la coppa italia? sarebbe bastato avere meno infortuni e giocatori che si impegnassero un po’ di più, visto che siamo usciti con la fiorentina, non contro la juve o il napoli (per me quella partita nella testa dei giocatori serviva per mandare via DiFra). Con lo stesso atteggiamento ora saremmo tra le prime 4 e non staremmo parlando di ridimensionamento, ma se serve a fare piazza pulita ben venga anche un anno di purgatorio, però non illudiamo i radioascoltatori con la parola “vincere” perchè di abbordabile c’è solo la coppa italia, niente più di questo, e se la juve la snobba (unico caso in cui puoi pensare di vincere) basta una rosa media e gente che corra

    • Bravo Criptico qua a Roma si abusa troppo della parola vincere si creano troppe aspettative che sono difficili da gestire bastano alcune prestazioni sottotono scatta subito la contestazione
      Basta ricordare lo scudetto di Capello contestazione e bombe carta a Trigoria

    • Chiedere giocatori forti dovrebbe essere ancora un diritto di ogni tifoso.
      Non sono qua a condannare la mancanza di ambizioni, ma non credo siano le radio private ad illudere i tifosi, anzi…

      “Entro 5 anni lo scudetto” (Pallotta 2012).
      “Saremo la regina d’Europa” (Baldissoni 2013).
      “L’anno prossimo sarà una Roma planetaria” (Sabatini 2013).
      “Prima lo scudetto, poi la Champions” (Pallotta 2014).
      “Farò della Roma uno dei più forti club al mondo” (Pallotta 2014).
      “Roma super attrezzata per vincere lo scudetto, ne sono certo” (Baldissoni 2014).
      “Se farò una squadra forte? Ci vediamo al Circo Massimo a fine anno” (Monchi 2017).

      • dimentichi entro tre anni lo stadio … no stadio ? ahiahiahiahahi …
        Lo so che è difficile da comprendere … lo che Pallotta è il “nemico” perfetto.
        Ma senza stadio, NESSUNO investirà in questa società .. che sia americano, italiano, giapponese, arabo.
        Quindi oltre che davanti alla sede della Roma, manifestiamo anche davanti al Campidoglio ….

        • Mah… per lo stadio aspetterei qualcuno che sia un po’ più affidabile, che dimostri più serietà, competenza, solidità economica, voglia di investire, che rispetti le nostre tradizioni, la nostra storia, i nostri simboli, la nostra città e i suoi tifosi. Questo, se vogliamo, è ancora meno difficile da comprendere.

          • da comprendere magari no, ma da trovare direi proprio di si…o avevi qualcuno di particolare in mente? perchè anche io vorrei che mi suonasse alla porta una bella ragazza russa con un borsone pieno di soldi che dice di essersi invaghita di me e che vuole pagarmi per farmi suo sul divano di casa mia. Sognare non costa nulla, fare uno stadio si, quindi se non hai nomi di candidati come li vorresti, stai solo sognando

          • Gli hanno chiesto di mettere 45 milioni per preparare il terreno al mega progettone galattico.
            A gambe levate.
            90 milioni per il plastico, che prima erano 70 milioni, che prima ancora erano 60 milioni, che prima del 2017 manco si sapeva che ce li avesse messi, non erano un problema.
            Forse perché il millantatore vive di millanterie?

          • Caro criptico, utilizzerò la medesima simpatica metafora…

            Ti sei appena lasciato con la ragazza storica con cui stavi fin da adolescente.
            Sembra giunto il tuo momento, sei di nuovo sul mercato e nessuna resisterà al fascino proverbiale di criptico!
            Ma… purtroppo sei timido e invece di uscire di casa e andarti a cercarti una bella ragazza decidi di rimanere a casa in attesa che qualcuna si presenti alla tua porta. Un bel giorno arriva una rappresentante del folletto brutta, grassa, cafona e insopportabile che cerca di rifilarti il suo prodotto.
            Hai bisogno di un aspirapolvere per spazzare casa, ma soprattutto sei disperato e hai paura di rimanere tutta la vita da solo, quindi ci esci, te la sposi e ci metti su famiglia.
            Lei ti tradisce, insulta ripetutamente te, la tua famiglia e i tuoi amici.
            E’ sempre fuori, sta sempre dai suoi genitori in America perchè la casa in cui abitate non le piace e minaccia di lasciarti se non provvedi a comprarne una nuova non solo per lei, ma anche per i suoi parenti ed amici americani da cui non vuole separarsi.
            Tu, tutto spaventato, cerchi di accontentarla e ottieni un mutuo con il quale compri un condominio intero e glielo intesti. Ma nemmeno a lei, per risparmiare qualcosina lo intesti ad una sua società, pensando che se farai il bravo forse potrai abitarci anche tu.

            Come vedi, è meglio sognare che vivere un incubo.
            Auguri per la ricca ragazza russa

        • forse se cambiavano zona lo avrebbero gia’ costruito, il problema non e’ lo stadio, ma l’edilizia che ci sta intorno, e poi a roma si sa chi e’ padrone dell’edilizia, anche li altro cavallo sbagliato.

          • Fatemi capire prima la Raggi stravolge il progetto , togliendo le opere di mobilità da quelle del pubblico interesse a carico della Roma e propedeutiche all’apertura dello Stadio a seguito della riduzione delle cubature, e ora vuole rimettere i vincoli, senza pagare il dazio cioè le cubature. Boh pigliamocela con la Roma con Pallotta, Baldissoni, Baldini e tutti quelli che vi pare però il comune la sta facendo sporca

          • Tesoro…usate il cervello, non i preconcetti. Non va bene Tor di Valle ?
            Benissimo.
            Dall’alto delle tue competenze, spiegami perché la zona è stata approvata da 3 (TRE) amministrazioni comunali.
            Attendo tue illuminazioni.

  7. La Roma il prossimo anno ha solo un obiettivo: tornare in Champions.
    Più anni resti senza Champions più le squadre che hai davanti si rafforzano finanziariamente (Inter e Napoli) e tu resti escluso dai giochi… E’ il granda fpf che aiuta a consolidare il dominio delle solite squadre..

    Il tema però è un altro ed è quello su cui nessuno vuole rispondere.
    Alla società Roma conviene spendere soldi per fare una squadra da Champions se prevede tempi molto lunghi per lo stadio??
    La realizzabilità dello stadio non è vincolata alla posizione della squadra sportiva, ma alle concessioni edilizie ed al mercato immobiliare.
    Lo ripeto fino all’infinito da circa 2 anni la Roma ha deciso di no.
    Poi speriamo che Fonseca riesca nel miracolo, con un budget ridotto rispetto a Difra, di raggiungere questo obiettivo, ma temo che non avrà molto aiuto da Londra.

    • finalmente …. esatto.
      Un imprenditore, attirato a Roma per BUSINESS, capisce che le varie amministrazioni lo stanno perculando … e lui che deve fare ? Continuare a spendere ?
      L’aspetto sportivo, PURTROPPO, ormai viene dopo quello economico.
      Poi, se mi dite che levato Pallotta, arriva l’arabo che se ne frega del discorso FPF e compra chi vi pare … io vi seguo subito, ma mi sembra tanto un’ipotesi alquanto lontana.

      Mi permetto: il post di @criPtico, qui sotto, andrebbe stampato ed incorniciato …

  8. La Roma con queste mezze tacche il prossimo anno rischia la serie B … il 30% dei tifosi romanisti ha la memoria del pesce rosso … l’altro 30% si beve tutte le idiozie che gli propinano questi figuri … poveracci i realisti appartenenti al residuo 40% perché già sanno cosa li aspetta entro Dicembre …

    Continuate pure così … che ne vinceremo tanti di trofei …

  9. stamattina non mi hanno pubblicato un post in cui proseguivo il discorso iniziato con maipercaso ieri, circa quanto spende un tifo per la Roma. Tutti diremmo “tanto”, ma, conti alla mano, alla società tra incassi al botteghino e merchandising, entrano 23/24 milioni su 250 milioni di bilancio. Tradotto, i nostri soldi oggi non spostano un bel niente, quindi lo sciopero degli abbonamenti è inutile. Facciamo invece il caso che su 3 milioni di tifosi, almeno un terzo spenda ogni anno 200 euro che vanno dritti alla società (non è una cifra spropositata credo), ma avremmo: un bilancio da 450 milioni, saremmo fuori da FPF per via dei ricavi enormi, potremmo fare campagne acquisti degne e, soprattutto, noi tifosi, rappresentando metà del bilancio avremmo voce in capitolo, a differenza di ora. Invece ora c’è chi pensa sia un suo diritto chiedere giocatori forti, ma alla società cosa da? lo fai un abbonamento? la compri una maglia ufficiale? hai un abbonamento a sky o usi sistemi illegali? perchè quello che stona è che il tanto amore che tanti declamano, non fa scopa con le misere entrate che ha il club dai tifosi. Vuoi lo spettacolo gratis, e poi ti lamenti pure…

    • Caro,
      esiste un modo ancora più semplice: la As Roma è quotata in borsa, potrebbe varare un aumento di capitale riservato ai tifosi. Sottoscrivere è facile, basta un conto corrente. Se uno/tre mettesse 100 euro, sarebbero già 100 milioni in più con cui fare una super campagna senza plusvalenze. E i tifosi sarebbero sempre azionisti: che non è detto che ji 100 euro siano buttati, magari mantengono il valore o -perchè no? – crescono.
      Ma perchè un’idea così semplice neanche è mai passata per la testa di organizzarla?
      Perchè tutti vogliono solo criticare Pallota e le plusvalenze…Pallotta ad oggi ha già messo di tasca sua (e dei suoi soci) 270 milioni,e però PALLOTTA VATTENE….
      Ah, il grande tifoso romanista…

      • Ciao Carletto, l’idea sarebbe anche furba, ma penso che il FPF non lo scavalcheresti con questa mossa perchè sarebbe un aumento di capitale e non un aumento delle entrate. Sarebbe indifferente se quei soldi li mettessero i tifosi o il presidente, perchè sarebbero sempre qualcosa che non fa parte delle entrate e il FPF si fa sui bilanci di un triennio, non sul capitale sociale, almeno io l’ho capita così

    • scusa Criptico, e’ ovvio che le sole entrate derivanti dal mio contributo sono una goccia nell’oceano,malgrado per me individuo siano comunque una spesa importante,infatti parlo per me, penso inoltre che gli incassi derivanti dal solo botteghino non bastano nemmeno a pagare l’ingaggio di un solo giocatore, ma questo vale anche per la juventus, se parli solo di abbonati allo stadio. I soldi quelli sono Pero’ ora ti dico lascia stare per un attimo i tifosi romanisti. Per me per espandere il marchio roma e renderlo appetibile anche all’estero devi lavorare su piu’ fronti. Per fare soldi sul merchandising non basta il logo roma, devi avere giocatori forti che la gente ammira in tutto il mondo perche’ ora come ora non sei un club blasonato che puo’ vivere di rendita sul nome che porta, se non a livello di citta’.
      nessuno ti compra le tazze con la faccia di pallotta la maglietta di baldini o il portachiavi di baldissoni.
      gli sponsor inoltre vengono se sanno che il marchio as roma e’ spendibile a livello internazionale,cosa arrivata di recente, ricordati le stagioni senza sponsor sulla maglia.
      devi vendere le partite della roma anche all’estero e devi creare tifosi romanisti all’estero, ma questo e’ piu’ complicato, perche’ il campionato italiano fa ride e all’estero lo guardano in pochi, forse solo i cinesi, che grazie alla supercoppa vinta in cina, forse hanno piu’ tifosi tra la lazio, mentre i tifosi della roma cinesi sono quelli che vivono e lavorano a roma, oppure turisti.
      Quindi il tuo obiettivo e’ fare una squadra forte e competitiva per vincere e non solo per qualificarsi in champions, perche’ i risultati di domani li inizi a costruire adesso e non dopo lo stadio, . Poi volevo sapere se voi pensate che all’estero dove hanno costruito gli stadi che hanno le grandi squadre hanno tutte costruito lo stadio con allegato un progetto edilizio, perche’ un conto e’ l’impianto sportivo, e un conto un area residenziale-business con annesso impianto sportivo, perche’ secondo me la differenza e’ tutta qui, ma su questo punto la mia e’ solo una richiesta di chiarimento a chi ne sa di piu.

      • Ciao maipercaso, stamattina dicevo che tu sei un tifoso “attivo”, nel senso che tu li porti i soldi alla squadra e col tuo contributo sei già molto al di sopra della media. Il problema è appunto quello della media, perchè ad es. in Germania il Dortmund ha lo stadio sempre pieno oltre il 95% (e non è la squadra più forte del campionato), lo United ha entrare dal merchandising da capogiro e non è che negli ultimi anni abbia fatto sfaceli. San Siro è il museo più visitato di Milano, la juve ha fatto 2 centri commerciali, un albergo e il museo, quindi ci sono aspetti che riguardano il botteghino (avere lo stadio sempre pieno, come ad es le milanesi anche quest’anno che non è che abbiano fatto chissà cosa, specie il Milan) e poi le entrate che derivano da vendite extra botteghino. Non sta a me dire che la Roma stia facendo o meno un buono sviluppo del brand, ma di sicuro visto che siamo per numero di tifosi la quarta o quinta squadra italiana, sarebbe lecito aspettarsi che questi 3 milioni di tifosi la società la sostenessero anche economicamente, oltre che a forza di insulti e pretese. Forse non è ancora chiaro che le entrate dei tifosi permettono di fare acquisti, i soldi del presidente no, perchè questi ultimi non sono “entrate” quindi puoi usarli per rifare gli impianti, ma non per comprare giocatori. Quanto all’estero, forse non avranno necessariamente un business park attaccato allo stadio, ma intanto non ci hanno messo 10 anni per avere uno stadio (a londra ci sono 13 stadi) e poi non c’è la bancarella con maglie e sciarpe tarocche fuori, ma la curva colorata con le maglie ufficiali. Forse dovremmo pensare di imitare questi modelli virtuosi, anche noi tifosi, piuttosto che avere la maglia a 10 euro e sky gratis grazie all’amico dell’amico

        • ah beh ma infatti per me si e’ fatto poco per tutelare il marchio roma, vedi chioschi che vendono magliette false o quelli che hanno sky taroccato o altre forme di streaming, ma su questo non e’ colpa della roma, e’ colpa di sky che ancora non riesce a garantire gli accessi ai soli abbonati, Pero’ mi chiedo se anche all’estero sia cosi, perche’ la piattaforma penso sia la stessa anche in inghlterra, per cui o questa situazione e’ fisiologica, oppure sky in italia e’ un buco piu’ grande della ciambella, o ancora gli inglesi sono piu’ corretti.

        • Caro criPtico, ma non lo sai che la gente soprattutto a Roma, vuole sempre la botte piena e la moglie ubriaca?non lo sai che ‘in Italia non c’è meritocrazia!’ e poi ‘ma non è che poi mette ‘na parolina bbona pe’ mo fijo? I politici so’ tutti ladri e poi ci sono più condannati eletti in parlamento che in tutti gli altri paesi del mondo? Che tutti si lamentano del traffico di Roma e poi lasciano tutti la macchina in doppia fila,tanto è solo per un minuto e poi lo fanno tutti e che so’ scemo a nun fallo pur’io?
          FORZA ROMA SEMPRE

          • hai ragione pero’ sul fpf semo sempre noi quelli scemi 🙂 ora per dire, la butto li come una provocazione che ho fatto pure in passato. Prendete il manchester city o il psg che hanno imbrogliato sul fpf. Magari il city non partecipera’ alla champions pero’ non credo gli leveranno il titolo di campione d’inghilterra. E qui la mia provocazione, visto gli anni passati e i torti subiti, parlando tra tifosi senza metterci dentro la societa’, voi ci stareste a imbrogliare come il city e a vincere lo scudetto contro la Giuv? e ad accettare come contropartita l’esclusione della champions? Io nella mia vita sono sempre stato una persona corretta, ma in questo caso un piu’ che ragionevole dubbio mi verrebbe :). Che poi mi viene da ridere perche’ parliamo sempre che noi vogliamo essere duri e puri nel calcio per la nostra amata roma, ma nel nostro piccolo, magari siamo evasori ,raccomandati e via dicendo. Come se dice a Roma, er piu’ pulito c’ha la rogna 🙂

  10. Le cazzate che dice LEGGERI per imbonire la gente.

    “… si stanno azzerando tutte le ambizioni che questa tifoseria ha sempre giustamente nutrito, soprattutto nel periodo del mercato, periodo dedicato ai sogni”.

    Ma quale tifoso sognava l’arrivo di Manolas, di Nainggolan, di Strootman, di Alisson, di Marquinhos, di Pjanic, di Emerson Palmieri, di Rudiger, di Salah che, tolto Nainggolan, nemmeno sapevano che faccia avessero? Magari il tifoso sognava pure l’arrivo di Zaniolo, giusto? Ma per favore.

    • Rudi…..Peccato che se li so’ venduti tutti e tu li difendi pure ma nun te vergogni? ma ce l’hai uno specchio a casa?…
      Io c’ho er cane che se chiama Rudi ma lui non tradisce…

  11. rudifeller concordo su tutto, aggiungo, invece del calcetto o del paddle, fosse andato tre mesi a Boston a stare vicino a Pallotta per imparare????? anche l’inglese?ma non gli va…..te pare lasciare Ilary……che tristezza

  12. Benvenuto a Fonseca almeno lui è stato un signore! Per il resto fucking president vattene e portate pure i fucking customer dell’ as azienda.no al quartiere free AS ROMA

  13. Sono spaventato a pensare che ci siano tifosi della Roma come questo individuo di nome feller9, che oltre a storpiare il nome di un grande giocatore della Roma, attacca ogni giorno il più grande giocatore della Roma, Francesco Totti che ci ha fatto alzare in piedi per più di 300 volte., questo individuo dice che si sentiva scandalizzato che Totti avesse un ufficio a Trigoria io invece sono scandalizzato che il tuo presidente lotito ha un ufficio a via allegri nella federazione giuoco calcio Italia , io mi domando come fai a scrivere su un sito di romanisti questo odio verso Totti e questo amore verso la peggiore società dagli anni 80 a oggi fa dedurre che tu dell’era sei solo che un laziale

  14. Questi o so della Lazio o so il web team de Pallotta o so proprio ncefalitici.all EUR e allo stadio chi schifa Pallotta c’è stava, ma i terrapallotisti che dovevano anda a fa la manifestazione al Campidoglio per il quartiere ndo stavano? Ridicoli senza onore e dignità continuate a commenta’ ……fucking president vattene no al quartiere ora e sempre

    • Si al quartiere proprio dietro casa tua. Si al traffico che non te fa andà manco a fa la spesa la domenica . Si a tutto questo perché alla faccia tua che te guardi l orticello solo tuo e a sto punto encefalitico stalle a strisce plusvalenza penso pure che sei Laziale imboscato. Non hai mai parlato di come far crescere la Roma ma solo di come non fare la grandezza della Roma dietro casa tua. Perché quando volevano fare lo stadio vicino casa mia ero solo che contento di poterci arrivare facilmente invece del solito delirio de lungo Tevere. Quindi tu te guardi li affari tuoi e seiclure riuscito a convincere 3 persone. Laziale encefalitico. E non mi bloccassero il commento visto che ho usato le tue stesse offese che pare si possano utilizzare liberamente verso altri utenti. Vergognati. Vuoi il male della Roma per gli affari tuoi e c è ancora che non l ha capito. Laziale manipolatore.

  15. @Vietcong smettila che sei ridicolo te e tutti quelli che pensano che siccome Totti è Totti allora è normale che abbia un ufficio personale a Trigoria con dentro tutti i cimeli di carriera e i cartonati a grandezza naturale. Pensa pure che non sia una burinata da squadretta provinciale, ma almeno evita di dare del laziale a chi pensa il contrario perché è proprio il sintomo di una mentalità burinotta e provinciale di cui fossi in te non mi vanterei. 😉

  16. Carii laziesi, mi dispiace per voi ma non riuscirete mai a liberarvi di Totti, nemmeno ora che ha smesso di giocare e di purgarvi sul campo.
    È la storia di questa squadra, il nostro simbolo.
    “Totti è la Roma”, certificato dalla Curva Sud.
    Potete anche chiuderlo in un ufficio, escluderlo dalla tavola rotonda dell’ “azienda”, ma non potrete mai cancellare la storia che rappresenta questo ragazzo divenuto leggenda.
    Un sonoro pernacchione per voi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here