Il ricordo di Taccola, 50 anni dopo la tragedia

3

RICORDO TACCOLA TRAGEDIA – Lo ha annunciato in conferenza stampa lo stesso tecnico giallorosso Claudio Ranieri, oggi, in occasione del match contro la Spal, la Roma ricorderà Giuliano Taccola, il calciatore che 50 anni fa morì negli spogliatoi durante una trasferta a Cagliari.

GIULIANO TACCOLA – La storia di Taccola è chiaramente una tragedia, una vita e un talento calcistico spezzati nel fiore degli anni. Ce la racconta La Gazzetta dello Sport, che ricorda come la morte del ragazzo fosse da imputare a un modus operandi dell’epoca, che vedeva i calciatori senza nessuna tutela medica e legale. Gli scarsi controlli e il prendere sottogamba alcune problematiche della salute di Giuliano, come delle piccole disfunzioni cardiache note da molto tempo, ma quasi ignorate dalle squadre in cui aveva militato, e un recupero da alcune malattie abbastanza gravi decisamente affrettato, avevano poi portato alla prematura morte. Si spegneva così un calciatore in rampa di lancio per consacrarsi a livello italiano, ma anche internazionale, in quanto osservato per entrare a far parte della Nazionale che di lì a poco avrebbe partecipato al mondiale di Messico 1970.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

3 Commenti

  1. Tic-Tac Taccola ! Il coro della Sud, rigorosamente di domenica, con lo stadio pieno, e con mezza partita registrata in bianco e nero la sera alle 19 si RAI 1. E se non potevi andare in trasferta, alle 15,15 l’emozione alla radio di Bortoluzzi e Co. Fiero ed orgoglioso dei ricordi incancellabili.

    • Mi permetto di correggerti: il coro dello stadio (non solo dela Sud) era TA-TA-TACCOLA! Ricordo una notte che fui svegliato da mio fratello che nel sonno gridava a squarciagola quel ritornello… Altro coro era quello TA-TA-TACCOLA- AMARILDO- DEL SOL!

  2. Che tipo di giocatore era Taccola? Un opportunista di area di rigore, il classico finalizzatore, uno alla Filippo Inzaghi, alla Pruzzo, anzi meglio come il polacco Piatek del Milan. Non eccelleva nel dribbling, né nella corsa, ma stava sempre nell’area di rigore, sempre al posto posto giusto nel momento giusto, pronto a sfruttare un assist o un errore dell’avversario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here