PUGLIESE: “Lunedì Petrachi darà le dimissioni dal Torino”, FELICI: “C’è l’atmosfera del periodo di passaggio”

46

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Andrea Pugliese a Tele Radio Stereo: “Il prossimo anno dubito che la Roma potrebbe partire prima di Juventus, Napoli ed Inter. Dovrà difendere il quarto posto per tornare in Champions. La Roma segue Gasperini da tempo, era stato contattato anche prima di Di Francesco. Ci sarà un po’ da soffrire prima che arrivi l’ufficialità. Lunedì, secondo me, Petrachi darà le dimissioni dal Torino. Petrachi è una scelta di Baldini”.

Giancarlo Dotto a Tele Radio Stereo: “Il primo che salta con Gasperini è Pastore. Per Gasperini devi mettere insieme una banda di ragazzi. Signori che hanno superato i trenta ci sono all’Atalanta, ma a lui devi dare persone disposte a fidarsi ciecamente, che magari hanno già lavorato con lui. Mi aspetto un maremoto dal punto di vista del mercato, non colpi abbaglianti, ma mettere tutta la poca fiducia di cui disponiamo a disposizione dell’allenatore. Cragno? E’ in continua crescita”.

Piero Torri a Tele Radio Stereo: “Baldini vorrebbe Sarri, ma credo che abbia anche altre offerte. Kolarov? Ha un altro anno di contratto, credo possa rimanere”.

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “Non credo che la Roma sia disposta a dare 4 milioni l’anno ad El Shaarawy. Credo sia finita la Roma che ogni anno sia costretta ad arrivare in Champions. Dopo quello che Pallotta ha visto in questa stagione farà una Roma che non gli costi quello che costa adesso, quindi abbasserà il monte ingaggi e non necessariamente dovrà andare in Champions. Si riparte da 7 anni fa, questa è la realtà”.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “El Shaarawy è stato il giocatore che ha reso di più quest’anno. Zaniolo è andato via via sparendo, Dzeko non ne parliamo… E’ lecito che il calciatore chieda ciò che chiede, il problema è che la Roma dà ad intendere che ci sarà un ridimensionamento sopratutto che l’impegno della proprietà è quello di ridurre drasticamente i costi”.

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Considero El Shaarawy un gran bel giocatore, ma farei lo scambio con Perin. Al di là dell’eventuale scambio, posso capire che El Shaarawy chieda qualcosa perché ha il contratto in scadenza, ma troverei poco etico da parte di ogni giocatore della Roma chiedere un aumento di stipendio. Per quanto a me piaccia El Shaarawy, credo che quattro milioni l’anno siano troppi”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “L’incontro tra Gasperini e Fienga mi risulta abbia avuto un esito positivo. In questo momento il tecnico dell’Atalanta è l’unica opzione che ha la Roma e credo che alla fine questa trattativa andrà in porto”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Nell’idea di Pallotta l’aspetto tecnico non è mai stato prioritario, e ancora di più adesso. Ora la battaglia di tutte le battaglie deve essere la vendita della Roma e mi sembra che anche all’interno del club non si stia pensando ad altro. Si respira l’atmosfera del periodo di passaggio”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “De Rossi definisce la scelta della Roma coraggiosa ma credo sbagliata. Nessuno cerca di ragionare o capire, ma perché lo fanno? Al momento sulla vicenda Qatar è difficile dare notizie, anche perché la Roma è obbligata a smentire visto che è una società quotata in borsa. Conte all’Inter è sicuro, come anche Sarri alla Juventus. Non vi aspettate Gasperini a Roma la prossima settimana, dovranno passare almeno altre tre settimane. I giallorossi non vogliono mettersi in mezzo tra l’allenatore e Percassi, anche perché i rapporti tra le due squadre sono ottimi”.

Riccardo ‘Galopeira’ Angelini a Tele Radio Stereo: “Non mi aspettavo una stagione così deludente della Roma, ero convinto di giocarmela con il Napoli. Che Conte creda più nel progetto Inter che al nostro un po’ mi fa male, qui tutti vogliono scappare dalla Roma. Domenica dovrebbe essere una festa, ma la mia paura è che questo non avverrà. La conferenza di De Rossi io l’ho vista una cosa normale, si è solamente tolto un paio di sassolini. Se Pallotta veramente avesse in mente di ripulire ora la Roma, vi dico che questo sarebbe il momento giusto”.

Furio Focolari a Radio Radio: “Vedere i giocatori che dopo un’annata così chiedono l’aumento di stipendio fa un po’ male. Poi è ovvio che la Roma dovrà cercare di non perdere un giocatore come El Shaarawy. Quali sono le squadre interessate ad El Shaarawy?”.

Stefano Agresti a Radio Radio: “Nella Roma non c’è nessuno che può fare mercato in questo momento. El Shaarawy ad oggi ha mercato e per rimanere alla Roma penso che chieda garanzie tecniche. Il Faraone non sta chiedendo l’aumento, ma ha un contratto in scadenza che è diverso”.

Roberto Renga a Radio Radio: “La Roma non si può permettere di perdere El Shaarawy. Al momento nella Roma i giocatori non sanno con chi parlare: c’è molta confusione”.

Daniele Lo Monaco a Tele Radio Stereo: “La festa per De Rossi si è complicata per via dell’orario serale e per la pioggia prevista domenica. Sarà un Olimpico con alternanza tra amore e disprezzo. La Roma sopravvive a tutto, lo ha fatto con Totti poi resta il fatto che le modalità per Daniele restano discutibili”.

Guido D’Ubaldo a Radio Radio: “Non c’è un accordo tra la Roma ed El Shaarawy, anche perché nella Roma in questo momento non c’è un interlocutore che si possa assumere la responsabilità di portare avanti la trattativa. Il Faraone vuole monetizzare la buona stagione personale conclusa. Le priorità della Roma sono il portiere e il centravanti, da Belotti in su. Il centravanti granata piace molto ai giallorossi. Gasperini ha dato la sua disponibilità e c’è già il contratto pronto a 2,5 milioni a stagione, ma il tecnico vuole finire la stagione con l’Atalanta. La trattativa tra il Qatar e la Roma va avanti da tempo e potrebbe anche dare il nome allo stadio futuro. Pallotta ad oggi resta concentrato sulla questione stadio e questi sono giorni importanti per quel che riguarda i terreni di Eurnova, quindi ad oggi non pensa minimamente a trattare con il Qatar”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “La Roma ripartirà da zero con un profondo lavoro. Perderà giocatori di grande riferimento e dovrà essere brava a saperli rimpiazzare, anche perché per la piazza di Roma serve personalità. La Roma deve fare un mercato intelligente e mirato, con Petrachi sarà molto interessante”.

Nando Orsi a Radio Radio: “Io non credo a questi scambi strani portiere – ala, come quello Perin-El Shaarawy. Alla Roma serve il portiere è vero, ma alla Juve non credo che serva il Faraone. Per quanto riguarda il mercato, bisognerà vedere come verranno rimpiazzati i vari De Rossi, Kolarov, Dzeko e Manolas. Sarà difficile rimpiazzarli, anche perché ora si leggono solo cessioni”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

46 Commenti

  1. Spero di non prendermi troppi insulti … ma questa città tende a non crescere mai. Viviamo di leggende e di “.. sta cosa l’ha detta coso che l’ha sentita da ciccio che ha parlato con uno …”. Poi, se ci fermiamo a ragionare, abbiamo una fotografia diversa.
    1) Chi parla alla radio, che sia pro o contro non importa, NON SA NULLA. Vengono riportate loro elucubrazioni mentali come NOTIZIE. E così non è. Vi ricordo che un certo conduttore, aveva dato per CERTO (da sue fonti … ) Conte alla Roma.
    2) Dicevo che viviamo di leggende. Premetto che non conosco Massara personalmente e non ho la competenza per giudicarlo professionalmente. Un mio carissimo amico me ne parla molto bene … mi ricordo quello che diceva di lui Sabatini, ma oltre non vado. Ora, tra le cose che contestiamo alla società è l’eventuale arrivo di Petrachi (chi è questo ? ma da ‘ndo viene ? ecc…). Per cui penso che Massara sia molto più bravo. Poi leggo che su di lui ci sono Brescia, Bologna e (forse) Fiorentina … e mi domando: ma se è così bravo, perchè non lo cerca il Milan ? L’Inter ? La Juve ? Oppure, visto che parla molte lingue, perchè non lo cercano i top club europei ?
    3) Io sono uno di quelli che dà le colpe a Monchi, a Di Francesco, certo .. ma soprattutto ai giocatori. Ieri alcuni di noi hanno portato alcune tabelle … quello che voglio dire è che NONOSTANTE l’anno orribile, se chi era in campo non si fosse addormentato, noi avevamo dai 3 ai 5 punti in più.
    Significava che, seppure in un anno schifoso, la Roma sarebbe stata in Champions .. obiettivo minimo raggiunto.
    4) E questo è il punto. Io non difendo Pallotta .. soprattutto perchè non mi piace chi parla troppo. Ed il suo errore è non aver capito questa città: non averla “respirata”, “masticata”. Alisson, Radja, si sapeva sarebbero stati venduti … ed allora stai zitto e non rilasciare dichiarazioni alla c….olo. Il problema, però, insisto, è che ‘sto signore è venuto a Roma per business .. e sono 8 anni che lo portano in giro. Quindi, s’è stufato ed ha deciso di “vivacchiare” in attesa di novità. Il problema di vivacchiare è che il margine di errore diventa minimo .. e ti basta un anno con 50 infortunati (CINQUANTA) che ti salta il banco.
    Sono convinto che a rosa completa, 4/5 punti in più li avremmo avuti.

    In sostanza, capisco chi auspica un suo abbandono .. ma non crediate che chi arriverà potrà fare una politica diversa. Magari sarà più simpatico .. magari sarà più zitto, ma il concetto sarà lo stesso.
    Per cui, l’unica cosa su cui concordo con Pallotta è: fategli fare ‘sto stadio .. così può essere che il giorno dopo, finalmente, se ne andrà.

    Per @Plusvalenza e @elconde: non ho capito se il vostro NO al “quartiere” sia per acredine nei confronti di Pallotta o in generale … perchè nel primo caso, capisco. Nel secondo caso, vi svegliate adesso ? Roma è piena di eco mostri ….. e Tor di Valle vi piace così com’è ? Le pantegane ringraziano …
    Ora c’è la psicosi collettiva dei qatarioti. Io lavoro nel turismo ed anche con la Qatar Airways: è indubbio che stiano facendo investimenti a Fiumicino .. quindi probabilmente valutano di dare il loro nome allo Stadio perchè sarebbe in una posizione “strategica”. Ma da qui ad ipotizzare acquisizioni .. piano. Loro non si muovono se non fiutano l’affare … e nemmeno loro tifavano Roma da bambini …
    Spero mi sia spiegato ….

    • Il primo obiettivo di Pallotta in prima battuta con prestanome era acquistare la societa`quasi in fallimeno per ricavarne poi qualcosa di piu` lo stadio e i grattacieli,.
      Venuto allo scoperto si e` capito che la squadra si sarebbe dovuta autofinanziare da qui Sabatini e successivamente Monchi ,capaciata di comprare a poco e vendere a tanto ,con il primo e` andata benino ,con il secondo un disastro.Anche per lo stadio gli e` andata male , niente grattacieli ,Parnasi una cantonata , costruzione in bilico tra discussioni e indagini .
      Ma il vero punto e` che costui servendosi di terzi ha sempre raccontato un mare di frescacce ,in realta` non gli e` mai interessara la Roma come squadra di calcio ,non e` mai stato un vero presidente.
      Per cui lui o qualche altro non fa differenza ,quello che sarebbe logico ricostruire una Roma in grado di competere e giocare in serenita ed entusiasmo che credo sia l’unica cosa che i tifosi chiedano.

    • Ciao @Fabrizio, sono d’accordo su tutto. Sono secoli che lascio commenti del tipo “Tuttosport, basta la parola” o cose simili. Per fare notizia basta far uscire un nome nuovo al giorno, e non importa nemmeno che sia plausibile: spesso si leggono cose tipo “Pronto Tevez per il dopo-Dzeko”. Progetto giovani, insomma.

      A proposito di Petrachi (che -al momento attuale- è a sua volta solo una voce, ma famo finta), l’unica che mi sento di dire è che forse (ma FORSE) con un budget maggiore (hahaha!) rispetto a quelli a cui è abituato potrebbe stupirci. Se penso ai giocatori scoperti dal primo Sabatini mi dico che il confronto sarebbe comunque impietoso… ma non si può mai dire davvero prima di aver visto: Monchi aveva ottime credenziali, ma ha avuto un impatto negativo.

      Ad ogni modo tranquillo: ci penseranno i nostri esperti qua sul forum a giudicare, rigorosamente a priori, la campagna acquisti del prossimo DS 😀
      P.S. so che verrò insultato per questa frase visto che l’ironia qua sembra che valga solo quando la si fa e mai quando la si subisce. Pazienza.

      Un saluto e Forza Roma Sempre!

      • Ciao Marks, dopo i doverosi complimenti a Fabrizio e Patrizio per quanto scritto, ricordo solo che Sabatini operava in un mercato completamente diverso (pre caso Neymar) dove pagò Marquinhos 1,5+3 milioni (prestito oneroso + riscatto), Benatia 10 milioni e due ragazzini, Strootman 16,5 milioni. Oggi per uno Zaniolo che ha fatto 6-7 partite degne di nota si parla di 50-60 milioni, Cristante l’hai pagato 30 e per Berardi te ne sei sentiti chiedere 40. Quindi o fai bingo trovando un Piatek a 5 milioni, ma immagina i commenti di radio e tifosi per una operazione del genere, o rischi su operazioni che sembrano avere un senso sulla carta, salvo poi essere smentito dai fatti (Schick, Pastore, Nzonzi). Secondo me il lavoro di DS in una piazza medio grande ormai è difficilissimo, perchè non puoi presentarti con degli sconosciuti e i prezzi ormai sono folli, soprattutto se non hai Mandragora, Audero e Spinazzola da piazzare a 20 milioni cadauno (a buon intenditor…)

        • Ciao criPtico, so bene che parliamo di mercati diversi ma io pensavo piuttosto ai tempi del Palermo: Hernandez, Pastore, Ilicic.
          Quello che succederà da qui a fine mercato è davvero tutto da decifrare: bisogna intanto aspettare domenica sera e poi passare l’estate forse più problematica da anni a questa parte (calcisticamente parlando, ovviamente).
          A me già tremano le gambe…

      • @marks, io lo scorso campionato ho fatto le previsioni ai primi di agosto e ci ho preso, solo fortuna? O conoscenza del calcio? Per aver espresso la mia opinione, oggi posso affermare, opinione non giusta ma giustissima, ho avuto in cambio gli insulti dei lecca lecca della società. E anche tu non eri tra quelli che riteneva le mie opinioni giuste, anzi….
        Forse non volete capire che oggi l’unico modo per voler bene alla Roma è prendere le distanze dalla roma, intesa come società americana. Non è un problema di vittorie o meno, ma di fare le cose per provare a vincere, non come negli ultimi nove anni dove abbiamo scientificamente fatto tutto per non provare a vincere.
        Io ricomincerò a ad essere un tifoso pagante solo quando Pallotta andrà via, fino a quel momento sono in guerra con lui, con la società e con tutti i tifosi che anche minimamente lo appoggiano. La mia pazienza è finita

    • Fabrizio grazie per la sintesi coerente. Cosa che aiuta sempre a ragionare quando è accompagnata da valutazioni veritiere e non da stimoli emotivi molto personali.
      Ti critico sulle prime 2 righe… …spero di non prendermi troppi insulti… Ma che davvero? ora bisogna anche sentirsi in difficoltà nei confronti di chi ti insulta se non la pensi come loro? e che è una dittatura?
      La violenza verbale di chi vede in pallotta i mali del Mondo è diventata cosi’ potente che ogni volta che si inizia un discorso bisogna dire: non insultatemi o anche io penso che pallotta debba andarsene ma… MA CHE DAVVERO? Casomai è colui che usa parole violente che deve scusa e permesso ogni volta che parla con persone civili (qualsiasi sia il pensiero esposto).
      Per il resto rinnovo l’apprezzamento per i concetti esposti e per gli spunti di riflessione che hai dato.
      In più vorrei aggiungere qualche altro spunto di discussione:
      1 – SE, il fondo qatariota dovesse acquistare la roma con progetto parco business approvato pensate veramente che non lo attuerebbero? i soldi so soldi in qualsiasi stato del mondo e il profumo è sempre lo stesso!
      2 – Pensate veramente che in uno stadio che costerebbe cio’ che costa permetterebbero deturpazioni, atti di violenza e rischi di multe e squalifiche come accade oggi? io vi dico che se fossi il proprietario di tutto un tacito non pubblicizzato accordo con le forze dell’ordine lo fare per garantire un’epurazione del tifo come fece la Thatcher in inghilterra! Quindi attenti a cosa chiedete perchè vi sarà dato.
      3 – Per cio’ che riguarda stagione e colpe direi che una buona parte è da imputare anche ai giocatori. Uno Nzonzi è piu’ forte di un Leris e un Dzeco è piu’ forte di un Rossettini. Questi punti li hanno persi i giocatori e nessun altro. Qui basta alibi.
      4 – Sul concetto Massara sfondi una porta aperta. Se uno è forte viene promosso e diciamo pure che tu non capisci nulla… come dici tu se lo dovrebbero litigare squadre di media alta classifica e non squadre da retrocessione.
      5 – Il danno di Pallotta è non aver vinto. Perchè quando vinci la storia ci ha dimostrato che i tifosi accettano le piu’ grandi zozzate ( altro che queste ) dimenticandole dopo 5 minuti.
      Del Piero, Maldini sono solo due casi di tifoserie ribellate che dopo uno scudo se so dimenticati de alex e dopo pochi mesi se so scordati che contestavano Maldini. Questo è l’errore di pallotta, no aver considerato un trofeo deficitario come la Coppa Italia un viatico per far star buoni quella “frangia” del tifo che ha bisogno solo di questo. Frangia che contesta perchè non ha ancora rialzato una coppa di cui vantarsi con i cugini. Perchè la champions è ovviamente qualcosa di molto lontano e lo scudetto non lo si puo’ recriminare vista la juventus che l’ha monopolizzato in questi 8 anni (guarda caso precisi precisi 8, guarda caso 8 anni precisi del parco business della continassa )

      • @patrizio, io l’epurazione e l’accordo con le forze dell’ordine lo farei per evitare che persone come te infanghino la Roma e lo stadio della Roma. Tu ti meriti di tifare la Lazio in serie b

    • Strano, mi sono detto ecco il solito post di Fabrizio in cui premette di non difendere pallotta e poi difende pallotta.
      E invece ecco il solito post di Fabrizio in cui premette di non difendere pallotta e poi difende pallotta.
      Lo vuoi capire che non puoi più far passare cose come “è venuto solo per fare business” o, l’altro giorno, “non ci capisce niente di calcio” come normali, lecite ed accettabili da parte sua?
      Lo vuoi capire che, con una premessa del genere, viene meno qualsiasi giustificazione, qualsiasi attenuante, qualsiasi considerazione collaterale?
      Lo vuoi capire che se i giocatori non fanno il loro dovere è colpa di pallotta che glielo consente?
      Lo vuoi capire che, se sei fuori dalla champions, è colpa di pallotta che ha ridimensionato la squadra bruciando un margine che altro che di 4-5 punti imputabili ai giocatori era?
      Lo vuoi capire che andrà sempre peggio?
      Lo vuoi capire che è ora di farla finita di premettere di non difendere pallotta per difendere pallotta?

      • looooo voooiiiii capiiiiii che pallotta non ha bisogno de fabrizio pe difennese
        looooo voooiiiii capiiiiii che tutti i grandi guadagnano con il calcio e non è che poi pretenne un missionario
        looooo voooiiiii capiiiiii che se te fai n ferari ma senza le rote poi avvecce tutti li cavalli che voi, vai comunque piu’ lento de un 500! e che li giocatori nun deveno aspetta un presidente che li mena ( contro la legge ) perchè ooostipennio è dato dar mercato e quindi pari alle loro capacità e automaticamente controvaluta dell’impegno? er giorno daaaaa firma nun c’era solo a società, ce stavi pure te! ma te pare che voi fa passà er conceto che ar dipendente pe faje fa da er giusto oooo devi da pagà e inorte coccolallo menaje e prometteje ogni desiderio.
        looooo voooiiiii capiiiiii che se te mancheno 3 punti pe sta in champions è corpa solo dei giocatori? e che neghi l’evidenza pur de avvalorà la tua convinzione?
        looooo voooiiiii capiiiiii che andrà sempre peggio, scuseme ma me gratto che porti un po’ sfiga.
        looooo voooiiiii capiiiiii che fabrizio non difende pallotta ma cerca di dare la sua mentre tutti l’artri che son questi “looooo voooiiiii capiiiiii che ” vorreste tappare la bocca a tutti parete piu’ dittatori che artro? lassate er diritto de opinione a tutti e puro a te
        te chiami unodepassaggio ma o giri in circolo o c’hai preso aaaaresidenza qui

      • E tu … lo vuoi capire che essendo “depassaggio” ogni tanto te ne potresti pure annà?
        A parte la battuta che spero ti faccia sorridere (mi sembra che tu ne abbia molto bisogno) delle due l’una: o sei in grado di accettare ma non condividere le idee diverse dalla tua oppure sei uno dei tanti di “OPPOSTA DISFUNZIONE” che continua a cercare di fare proseliti con una propaganda veramente sterile.
        Un saluto e SEMPRE FORZA ROMA!!!

    • @Fabrizio: solo applausi per chi dedica il suo tempo a ragionare per cercare di capire che, come hai ben espresso nei giorni scorsi, è cosa ben diversa dal giustificare l’operato della società che, soprattutto in questa stagione, ha commesso davvero troppi errori.
      Forza Roma

  2. Sempre lucido e chiaro Fabrizio.
    Il no allo stadio di tanti personaggi secondo me è un no di protesta, dettato anche da tanta ignoranza.
    Pare andar di moda il NO in questi anni. “Meglio sguazzare in questa merda che non saper dove si finisce” credo sia questo l’approccio italiano di questo periodo. Così ragiona chi ci governa e chi ha vinto le le lezioni.
    Quindi no a tutto! che l’Italia sta volando con questa mentalità …
    Bravi !!

  3. Fabrizio ma che stai dicendo ma Nasser Al-Khelaïfi da bambino giocava con me all’oratorio di S. Galla alla Garbatella era giallorosso dalla nascita e lo sanno tutti….
    p.s. che poi Ceferin all’Uefa farebbe passare la proprietà di due club europei nelle stesse mani…solo gli stupidi possono crederlo (oltre ai millantatori e gli abbocconi)

  4. Dopo anni di questa gestione non si parla di leggende ma di fatti
    Stadio sempre vuoto
    Vittorie trofei zero
    Deromanizzazione riuscita
    I tifosi per loro sono i like sui social
    I tifosi definiti fu..idiots
    Continuo???
    Non sono leggende questi sono fatti

    • no.
      I fatti sono che fu…idiots era rivolto a quei tifosi che esposero lo striscione pro De Santis. Non a TUTTA la tifoseria. La leggenda ha trasformato l’insulto verso anche il neonato che tifa Roma.
      Stadio sempre vuoto ? Non mi pare .. ma magari ci vedo male io …
      Nessuna vittoria ma finale di Coppa Italia; semifinale di Champions; record di posizionamenti (secondo – terzo) nella storia della Roma.
      FERMI !!! Prima che mi insultiate, non sto dicendo che va tutto bene.
      Sto dicendo che io cerco di essere critico: ci sono alcune cose positive in questi anni e molte negative.
      Non mi piacciono gli “estremismi”: non è vero che è stato tutto fatto bene … ma è altrettanto vero che non tutto è stato fatto male. Tutto qui.
      Sulla romanità, decidiamoci: è un valore aggiunto oppure una limitazione ? Perchè mi pare che anche su questo, su 100 tifosi, 50 la pensano in un modo e 50 in un altro …

  5. Ciao Fabrizio.
    Ammetto che il tuo concetto non faccia una piega, anzi l’articolazione complessiva e degna di un manager preparato.
    Per quanto riguarda l’aspetto tecnico non è che dissento, ma vorrei puntualizzare,
    Massara é considerato in ambito del settore calcio giovanile , quindi under 20, uon degli addetti più preparati e competenti in materia, ma qui nascono i dubbi, oggi Massara vuole continuare ad essere il principale responsabile di tutto il settore giovanile della Roma (esautorando Tarantino) o vuole realmente spiccare il volo per fare il D. S. In un’altra club….o rimanere l’alterego di Sabatini a Bologna ?A Roma ormai è certo, Petrachi sarà il nostro nuovo D.S., posso dartelo per certo, posso anche sbilanciarmi e dire che é competente quanto basta, mancano solo le firme sul contratto poi fino a quando non ci sono le firme tutto può accadere, la prova provata l’abbiamo toccata noi stessi con mano con il brasiliano che ha preso direzione Barcellona.
    insieme a lui dello stesso valore o migliori ad oggi sono
    l’attuale D. S. dell’Empoli, Pecini,
    l’attuale D.S. del Napoli, Giuntoli
    l’attuale D.S. della Spal Vagnati
    l’attuale D.S. della Lazio Tare
    l’attuale D.S. del Parma, Fagiano.
    Ora di bravi e competenti ne ho fatta un rosa ampia e variegata e potrei aggiungere tra questi colui che a mio parere è il migliore, cioè Sartori dell’Atalanta.
    Quindi sulla carta il progetto sportivo apparentemente sembra avviato su un percorso valido, poi però bisognerà fare i conti con il FPF con la prospettiva di non avere gli stessi introiti della stagione passata.
    A questo punto conterà molto l’appeal della società la sua ambizione e chi sarà a convincere i futuri calciatori che accetteranno la scommessa Roma così come hanno fatto Milan è Inter nella loro ultima stagione avendo un bacino clienti e sponsor molto più pesanti del nostro, a questo punto si complicità tutto maledettamente, il perché l’ho spiegato nel post pubblicato ieri è che per chi vuole rileggerlo lo ripubblico.
    Buona lettura.
    Ciao Fabrizio e ancora complimenti per l’esposizione della nostra realta un abbraccio.

    A mio parere i punti che abbiamo sono quelli che ci meritiamo, chiunque di noi abbia giocato a calcio o partecipato ad altri sport non può recriminare un risultato, quello ottenuto dalla Roma è il frutto di quanto seminato, se hai seminato vento raccogli tempesta, questo è quanto ottenuto, un lavoro impostato male ed eseguito anche peggio e tutti sono complici dal giocatori agli allenatori ai preparatori ai dirigenti.
    Poi maggiormente i dirigenti hanno dato il peggio di loro stessi A partire dal presidente che manca da Roma da oltre 1 anno e parla sempre di m….a come se lui fosse l’essenza della purezza….se uno parla sempre argomentando m….a e segno che lui conosca bene l’argomento, poi a seguire, Monchi che vende Strootman
    “a sessione di mercato nazionale chiuso”
    dopo che lo stesso era su tutte le locandine della campagna abbonamenti itando dei lupi e della loro fame
    “se lo so magnato co tutta la pelle”
    poi arriva Totti che scrive un libro citando: “Franco Baldini vero responsabile delle nostre disavventure ancora attuale consigliere principale di James Pallotta ”
    al tempo componente del consiglio di amministrazione
    “dimessosi a seguito della pubblicazione del libro un capitano”
    ancora a cascata Gandini che si dimette citando la frase
    ” in questa società vivo da separato in casa”
    ancora Monchi che non contento dello sfaceli procurato dopo la sessione di mercato e dopo non aver trovato la quadra con Eusebio Di Francesco che a sua volta é andato troppo spesso in confusione perdendo credibilità da squadra e tifosi.
    “giocatori senza palle perché se la avessero avute non starei neanche qui a raccontarlo”
    A seguito di quanto esposto la proprietà toglie la fiducia a Di Francesco e lo licenzia a sua volta scatena di conseguenza le dimissioni del peggiore dei D.S. dall’anno di fondazione della A.S. Roma, fino ad arrivare ad ingaggiare Ranieri che ha tentato di riequilibrare il senso se mai lo avesse avuto di una squadra….. o presunta squadra…. ma oramai i danni grossi erano stati già fatti….
    Dulcis in fundo la perla, (comprensibile) a detta di qualcuno cacciata dell’ultimo baluardo che rappresenta il ROMANISMO PIÙ AUTENTICO DA QUANDO ERA STATO CAPITANO AGOSTINO DI BARTOLOMEI !

    DANIELE DE ROSSI, sul quale si può dire ciò che si vuole ma sulla sua pelle rimane indelebile tatuata la maglia della ROMA del quale ogni ROMANISTA
    “io per primo ”
    Mi sono sempre vantato di avere un capitano come Daniele De Rossi così come lo é stato per Agostino di Bartolomei, riconosciti entrambe e stimati oltre che come calciatori principalmente come rappresentante della A. S. ROMA.

    ed ora cosa posso aggiungere……..

    Pallotta liberace da questa prigione, vendite tutto, giocatori, Trigoria, il tre fontane, basta che non te rivedremo più.

    Piuttosto che rimani è meglio fallire e ricominciare dalla serie D sarà sempre più dignitoso che vivere in questo stato, almeno lasciace l’orgoglio de soffri che è sempre meglio de campa sapendo che sei ancora il maggiore azionista della nostra Roma, perché la Roma è solo nostra dei ROMANISTI e tu non c’entri niente !

    SEMPRE E SOLO FORZA ROMA.

  6. C’è poco da fare, come sempre i principali responsabili dei disastri stagionali sono sempre, al 95%, i giocatori.
    Il povero DiFra, avrà pure i suoi limiti di competenza, Monchi avrà fatto pure piu disastri dei lanzichenecchi a Roma, ma non serve Guardiola in panchina e Harry Potter come DS per racimolare la miseria di quei 5 punti in più che ti avrebbero visto già qualificato in CL.
    Eppure bastava davvero poco. Tipo: vincere col Chievo (da 2-0 a 2-2), vincere col Cagliari (pareggiata in 11vs9 al 93esimo), rimediare almeno tre punti con la spal invece di zero e magari evitare la sconfitta di Milano con quella sega immane di cutrone al 95esimo. Solo questi sarebbero stati addirittura 8 punti. Uguale 71 in classifica.

    • @JulianB

      Quella sega immane di Curtone è uno dei nostri migliori prodotti del calcio giovanile italiano.
      Può anche non piacerti ma è uno che la mette dentro e sa bene dove è la porta ed ha già dimostrato di valere la categoria.

      Averne di Cutrone.

      Vabbè essere Romanisti ma avere gli occhi foderati de prosciutto….azzz

      • Johann e ho capito che je contesti l opinione su cutrone ma questo nun smonta l intera idea de julian che c ha comunque ragggione.
        Cutrone fenomeno ma comunque li giocatori hanno lassato tanti punti pe l affari loro che manco vojo sapè.

          • Quanti commenti stupidi che leggo. Io sono proprietario di un locale, se un cameriere fa casino nel prendere la comanda, se il cuoco brucia un piatto, se il barista rovescia una birra sul cliente, di chi è la colpa? La colpa e la responsabilità é sempre della proprietà. E smettetela di trovare giustificazioni dove non ci sono, perché io al secondo piatto sbagliato caccio il cuoco, se il cameriere sbaglia tre comandi va a casa.
            Perché non si possono perdere clienti o fare figuracce. L’as Roma è l’unica società al mondo dove chi sbaglia guadagna, dove i dipendenti fanno quello che gli pare, dove la società fa la forte con i deboli e la debole con i forti.
            I giocatori sono regazzini, e i regazzini hanno bisogno di una guida severa o te se magnano, a Roma sono nove anni che i regazzini te se magnano quotidianamente. Tenetevi sta Roma, é proprio fatta per voi,. Io tifavo un altra Roma, questa la lascio ai lecchini

    • Ciao Julian,se la colpa è del 95% dei calciatori, anche i risultati dell’anno scorso sono da ascrivere ai Nostri.L’anno scorso invece grandi peana per Difra,Pallotta e Monchi che non aveva nessun merito.DiFra perche’ aveva avuto il merito di allenarli e schierarli,Pallotta come presidente perche’ aveva creato questa societa’vincente ,Monchi merita un discorso a parte.Il mio amico Fabrizio diceva che quest’anno lo spagnolo aveva costruito una squadra adatta per la champion,infatti abbiamo visto,nonstante ci sia capitata la squadra meno forte del lotto.Pallotta aveva scelto il miglior ds d’europa,conteso dai maggiori club,infatti è venuto da noi ed Emery all’Arsenal.Ha fatto tutto il danno possibile,ma a chi faceva notare che gli acquisti non avevano una logica(io compreso),gli veniva risposto che sapeva quello che faceva e che era il top.Dopo qualche giornata icominciavano a vedersi alcune crepe,ma i monchiani asserivano che i conti si sarebbero fatti alla fine,infatti….
      Alla fine qualcuno dava(da)le maggiori colpe ad Eusebio ed altri a monchi(io tra quest’ultimi).
      I calciatori hanno le loro colpe,ma chi è che li allenati,chi è che li ha comprati,e chi ha assunto chi li ha comprati.In Italia siamo sempre pronti a correre in soccorso dei vincitori,ma le colpe dei perdenti sono sempre su misura per salvare qualcun altro.
      Un saluto e Forza Noi.

      • Scusa Fabiano, ma metterla così mi sembra un po’ un alibi per quei giocatori che hanno fallito miseramente. Se Dzeko in campionato con 56 tiri in porta ha fatto 9 gol, la colpa è di Pallotta o di Monchi? Piatek con gli stessi tiri (58) ha fatto 22 gol. Se Fazio ha regalato 11 gol agli avversari, la colpa è di chi? poi se vogliamo cantare “alla fiera dell’est” e concatenare tutto, facciamolo pure, ma trovare un nesso tra gli errori di Pallotta e di Monchi e il rendimento ridicolo di alcuni giocatori mi sembra davvero una forzatura, tanto più se guardiamo che stipendi prendono e gli adeguamenti che hanno chiesto in anni in cui non hanno vinto niente. La società deve sicuramente spronarli a rendere di più, ma è anche vero che ogni volta che la dirigenza, a torto o ragione, ha preso una posizione netta contro un giocatore (Totti, Nainggolan, De Rossi, Dzeko) ci sono state sommosse popolari. Quindi a Roma chi è che comanda? la società o alcuni giocatori? e la gente a chi dà retta, anche a fronte di risultati deludenti? qua non si salva nessuno, ma sul palcoscenico ci va sempre l’attore, non il regista, il produttore o il costumista, e se l’attore vuole, la porta a casa la scena…il problema è appunto capire se vuole.

        • Criptico,non so quale sia il criterio per pubblicare un commento,visto che per 2 volte non hanno pubblicato.Riprovero’.Per rimanere nell’ambito degli attori vorrei ricordarti che un grande regista fa rendere anche degli attori mediocri,viceversa quando un regista è scarso anche i bravi attori vanno in confusione,a questo punto dovrebbe intervenire il produttore che puo’ cambiare il regista,che lui aveva scelto(sbagliando)e sperare che gli attori rendano al meglio,ma è difficile terminare uno spettacolo o un film iniziato da altri,bisogna avere rispetto del pubblico,perche’ paga e capisce gli spettacoli mal riusciti.Non tutti i giorni sono uguali e non sempre gli attori rendono allo stesso modo,sta al regista ed al produttore fare qualcosa,perche’ dopo dare la colpa all’attore che recitava male è troppo facile,bisognava pensarci prima a cambiare qualche attore o il regista,il pubblico è esigente ed abbandonera’ il teatro o le sale.Gia’ molti hanno detto che non andranno piu’ a teatro ne al cinema,ma al produttore non gliene frega niente,lui vuole costruire un teatro nuovo super lussuoso,ma se non ci saranno registi ed attori bravi anche il nuovo teatro rimarra’ vuoto.

      • Ovviamente le colpe come i meriti non sono mai di uno solo quando si parla di un team e credo vada fatto un distinguo: dal punto di vista della mancanza di vittorie di un qualsivoglia torneo penso le maggiori responsabilità siano del management che ha fatto scelte sbagliate negli uomini e nelle strategie. Per quanto riguarda la mancata qualificazione alla CL per una manciata di punti credo che la maggiore responsabilità ricada sul settore tecnico, in particolar modo (ma non unicamente) sui giocatori che quest’anno sul campo hanno commesso errori individuali che non possono giustificare gli stipendi che percepiscono/pretendono. Sempre a mio modesto parere va fatta un’analisi in ogni settore e si deve intervenire ovunque qualcosa non abbia funzionato, con l’unica eccezione di Pallotta che ovviamente, se non decide di vendere, ce lo dobbiamo sorbire sperando che cominci a fare qualcosa in più per i tifosi (quelli sani).
        Un saluto e FORZA ROMA!

        • Complimenti per le considerazioni che hai fatto, Danilo.
          E’ bello, ogni tanto, tornare a leggere commenti “ragionati” in luogo della solita triste litania di qualche disfattista perenne.
          Forza Roma

          • @alex, quanto è bello prendere sette fischioni a Firenze, perdere due volte con la Spal, tanto poi c’è il commento lecchino di Danilo e siamo tutti felici. Viva che bello, l’anno prossimo se finiamo in B organizzate una festa sulla spiaggia?
            È sempre brutto leggere commenti di perdenti patologici come voi, ed è ancora più brutto pensare che voi condividete la mia fede giallorossi.

      • Fabiano un applauso per ciò che hai scritto, ancora esiste qualcuno che da un ordine ed un valore ai ruoli ed alle relative responsabilità. Purtroppo non è facile discutere quando su 10 persone che scrivono almeno 7 sono troll pagati da trigoria. Avviso ai naviganti, sono stato un po’ in disparte ma la mia battaglia contro i lecchini o gli stipendiati per scrivere della Roma non è finita…. Anzi

  7. Fabrizio non è vederci bene o male che lo stadio è vuoto è un dato di fatto
    Appunto finale di coppa Italia persa ed umiliati aggiungerei come non mai
    Poi mi elenchi i secondi posti dove arriviamo a 20 punti dalla prima già da gennaio ??
    Sempre zero titoli sono
    Semifinale di champions??e che fai vendi la spina dorsale della squadra dopo aver incassato
    Questo è progettare per te ??

  8. Fabrizio noi tifosi della Roma ci siamo sempre rispecchiati nella Roma con un forte senso di appartenenza che questi ci stanno togliendo
    Ed hanno iniziato subito a farlo e non sto qui ad elencarti le mosse attuate !
    Si vede che viviamo la Roma in modo diverso

  9. Societa’ dal lato sportivo che poi e’ quello che a me interessa e’ imbarazzante da quanto e’ andato via Sabatini ha avuto un crollo gigantesco di immagine ormai nell’ambiente qualsiasi figura che punti a primeggiare scarta la Roma su due piedi, per come la vedo io Gasperini non viene nemmeno a 5 milioni a stagione perche’ sa che strutturalmente fra Roma e Atalanta e’ molto ma molto piu’ forte l’Atalanta, l’unica soluzione caro Pallotta e’ aprire il portafoglio e strapagare figure di livello assoluto ma sul lato strettamente sportivo cioe’ allenatore e giocatori in modo da ricreare un immagine competitiva della Roma, ma la vedo difficile che accada

  10. Da alcune dichiarazioni fatte da ex dirigenti o stipendiati dalla Roma, e da alcuni fatti emersi negli ultimi anni, secondo me la Roma è paragonabile a un qualsiasi ministero. Cambia il ministro (presidente), si porta dietro un paio di dirigenti fidati, ma il grosso della gente se la ritrova già là. Vecchi dirigenti, impiegati imboscati, uscieri che se grattano, raccomandati di tutti i tipi, fornitori, ufficio stampa, tutta gente che ha creato dei piccoli centri di potere dentro la macrostruttura e che se ne frega dell’andamento della nave, l’importante è farsi gli affarucci propri senza doversi sbattere più di tanto. Probabilmente Pallotta deve cacciare i soldi, ma deve cacciare anche i tanti “vecchi dirigenti”, che sono quelli che hanno isolato Gandini (che non mi sembrava scemo), che hanno permesso a Totti giocatore di avere un ufficio dentro Trigoria, che hanno portato avanti piani “paralleli” (facendo gli interessi della banca), che si sono fatti gli affaracci loro tra commissioni e magheggi vari (stile Sabatini). Forse il motivo per cui si fida tanto di Baldini è proprio perchè questo non è a Roma, il motivo per cui sbaglia ogni volta che parla è che non conosce Roma nè la Roma, perchè a lui la raccontano in un modo mentre la realtà è un’altra, salvo poi vedere uno scempio in campo e cacciare DS, allenatore (tardivamente), medici e senatori vari. Ci sta che la tifoseria abbia individuato in Pallotta e Baldini il male assoluto e oramai la situazione è insanabile, ma se la struttura a Trigoria resta la stessa, siamo proprio sicuri che con un altro presidente, che non dorma li dentro, le cose cambierebbero davvero? davvero ancora crediamo che sia il presidente a dover dire ai giocatori di correre e impegnarsi? io ci credo poco. Spero che Pallotta se ne vada, questo si, ma solo perchè non ho mai visto la tifoseria tanto spaccata e un tale scollamento con la società e la squadra. Però in cuor mio mi piacerebbe che i veri artefici dello sfacelo, parlo di quelli che calpestano l’erba a vario titolo, pagassero anche loro

    • Sono d’accordissimo con te sulle responsabilità da imputare ai giocatori, a volte davvero indegni di portare la nostra maglia.
      Non credo, però, al Pallotta bello addormentato tra le braccia sapienti di Baldini.
      Io punterei più sul gatto e la volpe.
      Sempre Forza Roma.

      • Parliamo sempre di uno speculatore, per cui nessun dubbio che sia un gran figlio de buona mamma. Però non ha fatto i conti col fatto che venire a fare il ladro in casa di ladri non funziona, quindi da persona inesperta di calcio e delle vicende romane e italiane, si è trovato suo malgrado impantanato in qualcosa di molto più grande di lui. Comunque penso che la notte dorma tranquillo anche se bersagliato da striscioni in tutto il mondo. Sai che gliene frega a questi? dal primo all’ultimo, perchè da lunedì i milionari staranno in vacanza alle Maldive mentre noi poveri stronzi staremo qua a guardare giorno per giorno chi arriva e chi parte…

    • Ciao Criptico. Io comprendo la spaccatura del tifo e comprendo le motivazioni di entrambi i lati. Entrambi i modi di pensare come raggiungere i risultati erano già esistenti e conviventi nel tifo quando era ancora unito.
      Bisogna comprare giocatori forti anche rischiando di indebitarsi
      Oppure
      Bisogna creare prima struttura per poi poter comprare giocatori forti senza indebitarsi.
      Entrambe le visioni convivevano diciamo in curva.
      Poi è arrivato platini ( ex …forse ex… juventino ) con il financial Fair play.
      Sistema per evitare i consueti indebitamenti del mondo calcio e alla lunghissima premiare le buone gestioni economiche.
      C è chi ha reputato che la nuova legge del calcio andasse rispettata come tutte le altre vedi Roma
      E c è chi ha pensato che con un paio de plusvalenze fortissime e 3 sponsorizzazioni tattiche si potesse aggirare the problem.
      Arrivo al punto subito. Se so bevuti er galatasaray espellendolo insieme ad altre 18 squadre dalle coppe. Ne hanno multate altre 24 hanno bloccato a squadre come il Barcellona il mercato per 1 due e 3 anni. Se stanno per bere il Manchester il Milan pare che voglia autosospendersi dalla prossima coppa per tamponare peggiori ripercussioni come chi se costituisce per un reato.
      Signori L FPF È VERO. NON È MITOLOGIA.
      Ho sentito tifosi dire che gli altri se ne fregano e dobbiamo farlo anche noi
      Allora intanto cominciamo con un Grazie. Grazie che la Roma sia per l FPF una squadra virtuosa. Questo ti permette di ripartire e costruire senza aver paura di essere punito.
      Ora torniamo alla spaccatura
      Della società avesse fatto cio che i tifosi si auspicano con nomi costosi stavamo probabilmente in condizione di smantellamento per l fpf ma in più con i debiti e con l obbligo di anni di risanamento prima di ripartire.
      L idea della società è stata quella di avviare un progetto stadio nella stessa modalità di quello appena fatto 8 anni fa dalla Juventus per poter avere una spinta economica a copertura del progetto. Poi se il business park guadagna 500 milioni e 200 l anno senili tiene pallotta ma a te tifoso ma che te frega. 300 vanno comunque sul mercato. Diciamo piuttosto che nel giusto o nello sbagliato alla juventus che è il 21 esimo ministero dello Stato gli fanno fare cose per le quali a te ricordano che ci vuole un iter de 5 anni che poi diventa de 8 perché ad ogni giunta spetta l annetto de.pubblicita personale. Ed in ogni grande industria se un progetto ad investimento gli vengono ritardati anomalamente gli sviluppi di anni e anni sfido che le ripercussioni economiche non siano catastrofiche.
      Immaginate un colosso come la Ford che vuole aprire 2 stabilimenti a Roma che raddoppierebbero la produzione della società. Con piano realizzarono ed investimenti da qui a 5 anni come ha fatto una sua concorrente le guardassero gli avalli di anno in anno per altri 5? Vedreste anche la Ford colare a picco per sofferenza economica.
      Che pallotta volesse guadagnare sullo stadio è ovvio ma lo stadio e tutto il contorno non poteva e non potrebbe vivere senza una squadra corrispettivamente equivalente alle dimensione del progetto. Roma in c è stadio da a non funzionano insieme ed un imprenditore capace lo sa. Ma avviare la squadra con i ritardi dello stadio come avviare lo stadio con la squadra in c non funziona ugualmente. La squadra doveva avere la crescita progressiva che ha avuto nel primo quinquennio e lo stadio come in qualsiasicpaese onesto doveva iniziare quasixalla fine del quinquennio stesso . Qui per farsi pubblicità i politici e per campare i giornalisti hanno sbilanciato deliberatamente l equazione e hanno affossato tutto il marchingegno per avere visibilità personale.
      Ora parliamo anche degli errori de monchi degli errori di pallotta e di quell’ idi preparatori e medici societari.
      Parliamo di come correre ai ripari quando ti mettono i bastoni tra le ruote diventi un lotteria casuale nel tentativo di non sbagliare.
      E questi errori che sono le prime avvisaglie di tutto ciò che sta dietro o intorno sono ciò a cui è più facile ed immediato contestare e additare le colpe ma se la prospettiva viene allargata e vista nell’ insieme di ogni singolo avvenimento ci si accorge di quanto appena detto e di quanto il marciume sia più in là di quanto si contesta.
      Boudleaire diceva che il Capolavoro Del Diavolo è Aver Convinto Tutti Che Lui Non Esiste.

      • Posso anche essere d’accordo con te sul concetto del FPF, pero’ ora ti chiedo, meglio uno scudetto violando il FPF tipo M.City, che sara’ escluso dalle coppe, ma lo scudetto non glielo levano sicuro oppure non vincere mai niente rispettando il FPF?

  11. Fabrizio ma il Napoli allora? dopo cavani e higuain gli uomini in organico sono rimasti sempre quelli (con l’aggiunta di allan e milik poi…) e mai giunti sotto il terzo posto, negli ultimi 6 anni… noi non solo abbiamo depauperato il parco giocatori, abbiamo assistito all’invio di una lettera all’uefa sui “due pesi due misure” (dopo 8 anni……!?) millantato da pallotta, riguardo i top club, e successivamente alla sollecitazione nei nostri confronti per sveltire i tempi per gli incontri con i tecnici del comune di roma….. evito ormai di parlare delle cessione degli ultimi 3 anni (bastano per raccontare il nostro attuale film horror) annunciati mesi prima dallo stesso presidente in pranzi o cene con tifosi avventori occasionali, muniti di smartphone per i puntuali video che lo “incastravano”, sul fatto già compiuto (da sabatini o da monchi)… per fare solo cassa? per tirare a campare dico io, sopravvivere e, oggi, renderci allo stremo delle forze al sesto o settimo posto, con la prospettiva di fare i preliminari a luglio e ricominciare la stagione tra meno di un mese…..
    non ha più senso il tuo ragionamento oggi, alla luce di alcuni FATTI incontrovertibili compiuti recentemente dal “regista horror”, di nome james…. di cognome pallotta……..
    auspico che chi ha fallito al 100% se ne vada via il prima possibile… speravo già ieri……….

  12. A me risulta che il tuo amico se l’e’ comprato l’oratorio. 🙂 A oroposito, a chi dice che Al Khelaifi avrebbe gli stessi problemi di pallotta, posso dirti che se entrano gli arabi, lo stadio lo costruiscono da un’altra parte, e che si farebbero carico anche di tutte le infrastrutture cittadine, se diventano sponsor a vita di quelle infrastrutture e credimi, c’e’ una gran bella differenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here