LEGGERI: “Vincere la Coppa Italia è un imperativo”, PETRUZZI: “Giusto mettere in campo Pastore”

56

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Fabio Petruzzi a Centro Suono Sport: “Credo che sia l’occasione giusta per mettere in campo Pastore, io credo che da qui alla fine di titolare ne farà poche. Pellegrini e Zaniolo danno maggiori garanzie. Karsdorp? Non è quel giocatore che tutti si aspettavano. Sono curioso di rivedere Schick, col Sassuolo è andato bene e a Parma Dzeko non mi è piaciuto”.

Federica Afflitto a Centro Suono Sport: “La Roma non credo che andrà in difficolta stasera. Se Pastore non gioca stasera, quando? Monchi ha incentrato la sua campagna acquisti proprio su di lui, non può sbagliare anche stasera. Karsdorp? Bocciatura quasi certificata. Schiererei Schick perché deve dare continuità alla prestazione contro il Sassuolo”.

Andrea Pugliese a Tele Radio Stereo: “Bisogna capire che tipo di Pastore vedremo oggi. Dal punto di vista tecnico è indiscutibile, ma da quello del ritmo e della condizione si. Se ci dovesse regalare qualche prelibatezza ben venga, ma quello che voglio vedere è continuità, ritmo. Voglio che dimostri di essere il giocatore che la Roma si aspettava a inizio stagione. Quello che manca a lui la condizione. È la partita ideale per farlo”.

Gianluca Piacentini a Tele Radio Stereo: “Karsdorp mi sembra un giocatore ormai accantonato da tempo da Di Francesco. Monchi non dice che non andrà via, ma che non sia ancora arrivata l’offerta con le condizioni giuste. Karsdorp non rimane perché Di Francesco ci crede, ma perché non c’è l’offerta adeguata. Vorrei vedere qualcosa anche da Schick, perché deve dimostrare che qui ci può stare. Scongiurata la cessione ora mi aspetto che faccia vedere qualcosa”.

Silvano Benedetti a Centro Suono Sport: “La Roma è una squadra gloriosa che merita di più di quello che ottiene. Non ha niente da invidiare alla Juventus, il tifo in questa città è qualcosa di incredibile. Mazzone? Allenatore che ti trasmette la cultura del lavoro, era attento a ogni minimo dettaglio, ha lasciato tanto al mondo del calcio e non solo al sottoscritto”.

Marco Giallini a Centro Suono Sport: “Il film al cinema va bene, ci stiamo divertendo, faccio un po’ di tutto. La mia passione per la Roma nasce tempo addietro, sono un tifoso vero, anche se adesso vado un po’ meno allo stadio. Ricordo il gol di Giannini contro lo Slavia Praga. Anche se sotto aveva la canottiera, il principe era bello lo stesso. Ilenia Pastorelli? Grandissima, è così come la vedete voi anche nella vita reale. Mastandrea è il padrino di mio figlio, fa finta di essere uno spavaldo ma in realtà è un timido. Ora mi riposo fino a marzo, poi uscirà un film appunto con Mastandrea e un altro con la regia di De Matteo. La Roma di quest’anno? Non se ne può più, se stiamo scherzando con la gente è un conto, sennò… io nell’84 giurai a petto nudo a mia madre dietro la parte che non avrei più visto la Roma per la sofferenza, invece eccomi qua. Però non si possono vedere tutti questi campioni che partono. Quando è andato via Strootman, ci sono rimasto malissimo. Capisco Salah, se diamo via anche Manolas divento del Verona (ride, ndr)”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Negli ultimi anni, in termini di obiettivi, considerando l’alto livello della Roma, ho quasi sempre snobbato la Coppa Italia, nonostante sia legato emotivamente a questo trofeo, visto che fu la prima coppa che vidi alzare al cielo ai giallorossi nel lontano 1979. Oggi la realtà è diversa, dobbiamo necessariamente riparametrare le nostre ambizioni ad una stagione molto deludente fin qui, che ci vede esclusi anzitempo dalla lotta Scudetto e in Champions difficilmente ci vedrà realmente protagonisti. L’Entella non va sottovalutata, ma l’imperativo categorico per questa Roma è regalare una soddisfazione alla tifoseria: vincere la Coppa Italia”

Franco Peccenini a Centro Suono Sport: “La Coppa Italia va affrontata con il massimo impegno, l’Entella non sarà una grandissima squadra ma bisognerà giocare come fosse una partita di Champions League. Belotti? Il Belotti prima maniera potrebbe essere molto utile, quello seconda maniera un po’ meno, mi sembra che negli ultimi tempi anni non sia cresciuto come tutti ci aspettavamo. La Roma ha bisogno di giocatori in grado di fare la differenza adesso, non domani. Sono anni che si parla di futuro, ma se non si comincia a parlare di presente il futuro non lo crei. In questi anni la società ha speso un patrimonio per giocatori che non abbiamo mai visto in campo, bisogna cominciare ad ottimizzare le spese e il monte ingaggi: ci sono giocatori che guadagnano uno sproposito rispetto al loro rendimento”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Le dichiarazioni di Di Francesco di ieri? Dicono che non è aziendalista, però mi sembra che faccia un passo avanti e due indietro ogni volta. La Roma per il dopo Dzeko deve prendere un centravanti di livello internazionale, non Belotti. Aspetto con certo interesse l’ok definitivo allo stadio per vedere qualche fatto, per capire se Pallotta farà mai investimenti di un certo livello nella Roma”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Belotti è un nome che hanno fatto tutti perché lo ha detto Monchi, ma mi auguro che lo abbia fatto per attirare le attenzioni di tutti sul centravanti del Torino e lavorare più tranquillamente su altri nomi. Belotti è il centravanti che più si è svalutato negli ultimi anni, credo che oggi non valga più di 30 milioni”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Sarebbe clamoroso non passare questo turno di Coppa Italia per la Roma. Sono quelle partite dove non hai nulla da guadagnare, ma tutto da perdere. C’è voglia di starci fino in fondo in questa competizione. Karsdorp? Sarebbe inutile tenerlo se non gioca neanche contro la Virtus Entella quando gli altri due nel ruolo non sono al meglio, vorrebbe dire che ormai è un ex giocatore. La Roma è una squadra che fatica a stare sul pezzo con continuità. Non mi bastano due partite per dire che ha risolto i problemi. Adesso è una fase cruciale, devi essere pronto”.

Riccardo ‘Galopeira’ Angelini a Tele Radio Stereo: “Questa partita è ancor più da tifosi veri rispetto a Roma-Porto. Chi andrà stasera all’Olimpico dimostrerà davvero il grande affetto per questa maglia. Spero di essere uno di quelli che potrà dire ‘io c’ero’. Karsdorp? Ho la sensazione che gli manchi sempre un soldo per fare una lira. Arriva sempre agli allenamenti con qualche doloretto. Mi dispiace, prima di bocciarlo mi piacerebbe vederlo un’intera stagione in campo”.

Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: “Se Schick avesse il carattere di Cutrone sarebbe l’attaccante più forte del mondo”.

Ubaldo Righetti a Tele Radio Stereo: “Non vedo l’ora di rivedere la Roma. Zaniolo deve ancora saper gestire le sue risorse fisiche. Cristante all’interno del gruppo è riconosciuto come un giocatore importante, non solo a livello tattico ma anche come comunicatore. E’ un calciatore che ascolta molto e mette in campo le cose che assimila. Pastore non ha i 90′ nelle gambe e neanche Karsdorp”.

Roberto Renga a Radio Radio: “Piatek deve giocare fino alla fine della stagione al Genoa, per crescere e continuare a segnare. Poi andrà in un grande club, che può essere la Roma o il Milan. Ma attenzione, questo ragazzo non è Schick. Esploderà secondo me subito anche in una grande squadra”.

Daniele Lo Monaco a Tele Radio Stereo: “Coppa Italia? Arriva dopo la sosta e qualcuno la prende come un modo per rimettersi in moto in vista del campionato. Per fortuna che c’è la Curva Sud, questa sera ci saranno 15 mila spettatori… Su Dzeko non ci sono certezze, con Schick è veramente 50 e 50. Mi incuriosisce la prestazione di Pastore. Non è sicuro l’utilizzo di Florenzi. Karsdorp era un’opzione. Di Francesco tiene molto alla Coppa Italia e non vuole fare un massiccio turnover”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Magari hai sottomano un paio di giocatori e li tieni in stand-by, vedi come sta De Rossi. E’ compito dell’allenatore quello di trovare altre soluzioni, la Roma ha giocatori forti a centrocampo. Pastore deve dare un segnale di presenza stasera, sennò che ci è venuto a fare?”.

Fernando Orsi a Radio Radio: “Un peccato per la Roma perdere De Rossi, che era ancora il giocatore più importante del centrocampo. Non credo che faccia grandi operazioni a gennaio. L’investimento importante devi farlo a giugno, giustamente la Roma aspetta e fa bene”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

56 Commenti

  1. Momenti è febbraio ancora stiamo al vedi come sta De Rossi.
    Una volta il fary play finanziario, una volta i conti da rispettare, una volta De Rossi, tutte le scuse sono buone per non tirare fuori i quattrini.
    Il girone di andata è stato penoso, non illudiamoci delle ultime tre vittorie, la squadra andava rinforzata.

      • Roly come sempre ti dimostri un grande ignorante,si dice bipolarismo e non bipolarita’.Poi forse sarebbe il caso di non usare questi termini,visto che è una malattia di cui soffre molta gente.Al contrario di quell’altro fenomeno di Ste,non mi hai fatto per niente ridere.è vero che gli stupidi ridono sempre tra di loro,ma non ve ne approfittate,c’è un limite anche alla stupidita’.Luca ha il diritto di dire cio’ che vuole,le stronzate le diciamo tutti,voi per primi.

        • Hai ragione però le stupidaggini di certe persone oltretutto di basso livello mi lasciano indifferente.
          Però noto una cosa, oramai il tifo qui è spaccato, chi critica questa società e chi invece la ama.
          Però c’è una differenza, chi critica in genere critica, la società ma non è mai offensivo verso altri utenti.
          Gli adoratori invece di Pallotta, sono cattivi, sono offensivi, vanno sempre sul personale con le loro offese.
          Vedi a me dicono, che io faccio parte di questo sito , che lavoro per questo sito e tutte altre idiozie del genere, ti giuro non conosco nessuno di questo sito e non faccio parte di nulla.
          Ma se veramente facessi parte della redazione, non permetterei mai offese gratuite tra utenti.
          Tre cartellini, giallo, arancione, rosso, chi arriva al rosso viene bannato e per due mesi non scrive più.
          E il rosso si prende non per le critiche alla società o a giocatori o allenatori, quelli hanno le spalle enormi di quello che scriviamo noi se ne fregano altamente, ma solo per le offese gratuite e immotivate verso altri utenti.

          • Luca, io non mi considero né pallottiano né antipallottiano, mi considero solo TIFOSO DELLA ROMA. Ma purtroppo a sta città abbiamo bisogno di dividerci in pallottiani, tottiani, spallettiani, lobotomizzati da radiolari e giornalari, cui conviene fomentare queste divisioni per aumentare il dibattito e quindi ascolti/vendite. E ti assicuro che gli insulti vengono da tutte le parti e io pure me li prendo praticamente tutti i giorni. Poi chiaramente basta argomentare un minimo che questi decerebrati evaporano nella loro stessa ignoranza, quindi sai a me che frega di quello che scrivono queste nullità. Per oggi sottoscrivo il commento di Max e FORZA ROMA SEMPRE!!

          • Ti dò ragione sulle offese. Mi sembra però che tante critiche alla società sono pretestuose. Il calcio mercato non è finito, al solito i giudizi diamoli alla fine.
            Speriamo che le tre vittorie e sopratutto un diverso spirito di squadra non siano un’illusione ma un reale cambiamento.
            Io aspetto il verdetto del campo, l’unico che conta.
            Forza Roma!

          • Permettimi .. chi critica non è MAI offensivo verso chi non critica ?
            Ti riassumo cosa leggo in continuazione:
            – siete Troll della società
            – siete pagati dalla società
            – se ti piace essere preso per il culo .. anzi ci godi
            – Pallotta Boys
            – Sparlotta Boys (simpatica variazione del tema)
            Che faccio continuo ?
            Ora, ad insultare poi, sono quasi sempre gli stessi… chi ha cominciato ? Chi finisce ?
            Criticare è un sacrosanto DIRITTO. Tuttavia, per una critica costruttiva, si dovrebbe sempre tener conto dei momenti, delle circostanze, etc ….
            Se io penso che la mossa Pastore aveva un senso economico/sportivo (ci serviva un calciatore con quelle caratteristiche … e non ci possiamo permettere un top), non significa nè che sono felice di vederlo sempre infortunato, nè che vengo pagato dalla società.
            Significa che, ad oggi, la reputo una mossa sbagliata, ma cerco di capire perchè. Fermarmi a ” …perchè MOnchi è un cretino … perchè Pallotta non caccia li sordi” mi sembra limitante e limitativo.
            In sostanza, cerco di usare la testa … e mi rendo conto che è lo stesso motivo per cui me ne andai dalla Curva Sud qualche annetto fa.
            Terminando … caro @Luca. IO non condivido le tue idee .. o meglio, il fatto che ogni santo giorno tu debba sottolineare solo gli aspetti negativi. Non condivido chi ti insulta ma, PER FAVORE, finiamola con ‘sta storiella che chi critica non offende mai. Che devo fare, copia in colla ???
            Suvvia….

        • E’ solo che su un forum della Roma uno si aspetterebbe anche qualche commento positivo. Magari anche solo uno su dieci.
          Se inveci posti solo commenti denigratori e negativi … forse non sarai perchè sei un TROLL ?

          E poi tu Otello storicamente sei sempre stato geloso e poco razionale.

          • Uno scrive qualcosa di positivo se c’è da scrivere di positivo, ma in questa Roma io di positivo non vedo nulla.
            Però vedi io a differenza tua, non ti vengo ad insultare o a denigrare perché invece tu, ritieni che Pallotta sia il più grande presidente che abbia mai avuto la Roma.

          • Se su un forum la pensassimo tutti allo stesso modo,non avrebbe ragione di esistere.le critiche quando non sono pretestuose sono sempre legittime.In quanto alla gelosia ho l’impressione che tu mi confonda con altri,storicamente di che poi,io scrivo da poco piu’ di un mese.guarda non è un agenzia per,non confondere lucciole per lanterne. cuori solitari

          • allora predichi bene e razzoli male perche’ se sai cosa è la malattia non ci metti il carico sopra…anche perche’ se parli cosi sembri tu soffrire di bipolarismo..cmq bisogna stare un po piu calmi e ragionare quando si scrive

          • Ste purtroppo te lo posso insegnare cos’è il dolore,ed è proprio per questo che anche nelle offese piu’ aggressive.bisognerebbe lasciar fuori famiglie e malattie.Comunque mi ci ero messo anche io tra quelli che dicono le strnzate.@Gianluca non so se ce l’hai con me,ma se è cosi la lezioncina vai a farla a che ha incominciato a parlare di bipolarismo e che sa solo offendere.Se non ce l’avevi con me ti chiedo scusa.

        • No Luca, in caso di vittorie della Roma tu non gioisci mai, mentre in caso di sconfitte sei sempre il primo a scrivere.

          Per me il fatto che tu sia un TROLL non so bene di quale altra squadra è più che evidente, ma se te diverti così , non sarò certo io a toglierti il giocattolino.

          Non sei il primo a cercare di creare zizania in un ambiente di per se gia diviso.

          @Otello : era ovviamente una citazione storica relativa a shakespeare .

          • A parte che io è una vita che tifo Roma, ma non sono più un ragazzino e se batto l’Empoli di certo non faccio le capriole, a 15 anni mi esaltavo pure se si batteva la pistoiese in amichevole ad agosto, ma poi con il tempo si cambia e si cambia pure il modo di vedere le cose.
            Adesso sono diventato un tifoso molto esigente e non mi sta più bene niente, tu continua a pensare che sono un trooll che sono laziale, che sono del Torino o della Fiorentina, mi interessa poco e non mi interessa neanche nulla farti cambiare idea.

  2. Se non si prende un difensore importante e un mediano continuiamo ad essere senza equilibrio, davanti per me si puo’ anche rimanere cosi’, pero’ vedrei bene Elsha prima punta e non Schik che purtroppo e’ forte come 2 punta ma e’ inadatto a fare il centravanti e l’esterno nei 3

  3. Comprare per comprare non ha senso, e poi a gennaio è assai difficile migliorarsi. Molto meglio far fruttare al massimo ciò che hai in casa e cominciare a lavorare per il mercato estivo, quello sì decisivo. E per stasera forza Roma!

  4. Otelloilmerdello….tu DI che soffri?di solidarietà Campagnola?NON È VERO CHE SI HA IL DIRITTO DI DIRE QUELLO VUOLE…..SOPRATUTTO QUANDO SI DICONO BUGIE E MENZOGNE….QUANDO SI MISTIFICA LA REALTA PER PROFESSIONE…E TE E LUCA SIETE DEGNI RAPPRESENTATANTI DI QUESTA CATEGORIA….PAPPAGALLI A GETTONE….

    • A Gettone? Magari ci fosse qualcuno che mi pagasse per scrivere commenti su un forum a questa ora ero milionario.
      Senza offesa ma molti di voi tanto lucidi non sembrate quando scrivete.

    • Adem tu sei ridicolo sei uno che sta 24 ore su 24 ad insultare chi critica la Roma te giuro spero che non sei del 71 perché se cosi fosse hai quasi 50 anni e non fai altro che stare a casa ad insultare gli altri su un sito.. La tua deve essere una vita triste me fai pena 😉

  5. Dalla cattiveria non lo so (direi più vigliaccheria davanti a una tastiera mentre stranamente allo stadio non si vedono e non si sentono), ma dall’ ignoranza e dall’analfabetismo di sicuro. Strafalcioni grammaticali, insulti beceri, caps lock inseriti..un livello bassissimo.

  6. Adem,dove sei stato tutto questo tempo?forse ad aggiornare il tuo archivio da delatore,sei ridicolo oltre che stremamente offensivo.Io sono perche’ tutti abbiano diritto di parola,anche le persone come te.Ricordo ancora quando una tifosa di nome Tina aveva fatto una piccola critica e tu l’apostrofasti subito con”Tina la latrina”,sei anche un gran cafone,oltre che un leccaculo.Si io sono solidale con tutti coloro che vengono offesi continuamente(anche se non sono d’accordo con loro),non saro’ mai solidale con te e con tutti coloro che ti trovano anche simpatico,vuol dire che sono al tuo infimo livello

    • @Otello .. scusa se scrivo qui ma sopra non c’era spazio. Quella di @desdemona era una battuta. Lei Desdemona .. tu Otello (vedi William Shakespeare). Tutto qui. Credo volesse solo essere ironica.
      Buon proseguimento.

      • Grazie Fabrizio,detto senza ironia,e mi scuso anche con Desdemona,ma non sono abituato a queste esplosioni di cultura.
        Comunque Desdemona Luca è un ragazzo educatissimo,non sono d’accordo sempre con lui,ma non offende mai nessuno,e finiamola con questi troll,mi sembra che sia diventata una moda.
        La cultura,.cara Desdemona, deve essere anche accompagnata dal rispetto .

        • Caro Otello io non insulto mai per prima, al limite rispondo , ma forse non conosci bene il soggetto. Alla fine ogni tanto tocca pure essere tifosi su un forum di tifosi. Altrimenti si può essere troll anche se sei romanista su un forum romanista. Diciamo che Luca più che tifoso è, come già detto, un criticoso . Gode nella critica più che nel tifo.

  7. Mi sembra che si chiedeva semplicemente di non andare sul personale e di non avere il cattivo gusto di citare malattie per offendere qualcuno. Luca tra l’altro aveva solo detto che non è soddisfatto del mercato. E’ una sua opinione, giusta o sbagliata che sia. Solo perché non la si pensa allo stesso modo si deve essere laziali o in malafede? A me ad esempio l’ultimo mercato non è piaciuto in pieno, ma se qualcuno la pensa diversamente rispetto comunque la sua opinione senza accusarlo di prendere soldi da chissà chi o essere laziale…ma cosa stiamo diventando?

  8. Finalmente un commento equilibrato, quello di Fabrizio. Perché non potrebbero tutti ragionare come lui? Pastore ci serviva come caratteristiche ma ad oggi si è rivelata una mossa sbagliata ma voi non ci avete preso perché siete dei maghi e monchi ne capisce meno di voi, semplicemente c’è un rischio in ogni operazione di mercato. Il problema è che se aveste avuto torto su pastore si sarebbe criticata la società dicendo se non avessero venduto quello adesso sai che squadrone, oppure quando si ha torto si fa finta di nulla come con cristante vero? Ad oggi la classifica parla chiaro però mi sembra palese che il lavoro di un direttore sportivo vada giudicato dopo almeno 3/4 anni, il giocatore a volte si deve ambientare, il giovane deve crescere e non bisogna nemmeno dimenticare il contesto della Roma che non è una grande squadra, su questo mettetevi l’anima in pace non continuate a credere che sia colpa dell’incompetenza degli altri se non vinciamo. Poi tutti contro lo stadio oh quando si intravede una possibilità di crescita non va bene eh, provincialotti della capitale

  9. L’Entella si presenta Roma con 27 giocatori di rosa, 30 punti in campionato su 13 partite, che in serie C è tanta tanta roba, ha pareggiato 3 3 con il Genoa, serie A, che ha fatto ammattire la Roma, grazie a 3 rigori concessi. Questa Roma qui soprattutto quella vista a Torino contro la Juventus è destinata a prendere una sonata da questi, altro che partita facile. L’unica speranza è che risparmino i migliori in vista del campionato.
    Anche se Celar ha giocato due giorni fa a Torino contro la Juventus, lo farei giocare stasera visto che, a mio parere, vale molto di più dell’attuale Scick e Dzeko, che ora come ora, non sarebbero capaci di fare la differenza neanche tra gli Allievi regionali.

    • Scusami ma la primavera e il calcio professionistico sono due cose molto diverse. Se così non fosse oggi giocheremmo con Okaka, Pettinari, Ciciretti, Pigliacelli e tanti altri nomi che ormai non ricordo neanche più, ragazzi che in primavera erano fenomeni e che successivamente a malapena sono riusciti a diventare professionisti (tra questi Okaka è quello che ha fatto la carriera migliore, il che la dice lunga). Celar, Riccardi e compagnia saranno fortissimi e spero possano essere giocatori importanti per la Roma del futuro, ma ad oggi buttarli nella mischia non servirebbe a nulla. Anzi, sarebbe controproducente sia per loro che per i giocatori attualmente in rosa. Lasciamoli crescere con i tempi giusti, se son rose fioriranno. Per stasera non la vedo nera come dici tu, basterà che la squadra scenda in campo con la giusta testa.

  10. Il commento di Franco Peccenini ci sta tutto, secondo me centra il punto e la situazione, se poi anche a Franco Peccenini vogliamo dare del gufo o del laziale facciamolo pure, con la Roma però quante partite ha fatto? Sicuramente più di duecento.
    È quasi una bandiera lui.

    • io credo e spero che nessuno gli voglia dare del laziale.
      Ma anche le sue sono considerazioni limitate .. nel senso che le informazioni in suo possesso non sono complete. Lui dice .. “la società ha speso un patrimonio per giocatori che non abbiamo mai visto in campo”.
      Considerazione che ci sta .. ma perchè non li hai visti ? Perchè erano pippe ? Perchè erano infortunati ?
      Su due piedi mi vengono in mente i Moreno, i Marcano … ma non hai speso un patrimonio per quelli.
      Karsdorp ? Lì ci può stare .. ma è anche vero che un giocatore vive anche di sensazioni in campo .. e per uno che è arrivato infortunato (l’errore sta lì) .. e che poi si infortunia nuovamente, non è facile capire fino a quanto è pippa e fino a quanto deve ritrovarsi.
      Sugli stipendi … spero non si offenda ma è un discorso qualunquistico: se non dai quello stipendio, magari qui non ti vengono. Oppure facciamo come i mutui: stipendi variabili.
      Ma anche lì, come li vari ? In base ai risultati della squadra … o del giocatore ?
      Mi spiego: sono un attaccante e segno 3 goal a partita .. ma la mia squadra ne prende 4 a partita.
      Mi merito uno stipendio alto oppure basso perchè la mia squadra perde ??
      Come vedete … qualsiasi decisione uno prenda .. ci sarà sempre qualcun altro che dirà: è una ca….ta !!!
      Ma mica è facile prendere decisioni ….

  11. Non si puo’ ragionare equilibrato perche’ lo scarso equilibrio parte dalla testa.
    Faccio un esempio: 20 giorni fa Di Francesco ci faceva sapere che era inevitabile intervenire sul mercato; dalle dichiarazioni di ieri invece emerge il contrario.
    Pertanto mi chiedo come si possa ancora riporre fiducia in questa societa’, le critiche ed il sarcasmo sono sacrosanti e la giusta misura della pertinenza delle stesse la si evince dalle reazioni scomposte di chi ancora da ragione agli “asini che volano”.

    • della serie “io cerco una spiegazione” .. credo che siano fermi in attesa di capire la situazione di De Rossi..
      Anche perchè, sbaglierò, ma non vedo giocatori prendibili a gennaio che possano rivoltare le sorti della squadra. A me Herrera piace, ma non lo mollano a gennaio … Barella me fa impazzì … ma non credo che possiamo arrivarci (e comunque non a gennaio). Questa è la spiegazione che mi do io .. che non vuol dire che sia la verità, mi raccomando ..
      Sintetizzando .. De Rossi ha avuto miglioramenti .. e quindi cercano di capire se ci si può far affidamento, oppure no. Lo so, è un rischio … ma noi viviamo con i rischi. Le certezze (almeno a certi livelli) costano troppo.

  12. Non credo si possa definire troll chi ha un pensiero critico riguardo la stagione della roma in corso,la societa’ e via dicendo, ma e’ un troll senz’altro colui che invece reagisce alla critica con un’offesa personale all’utente che ha espresso un parere, o chiunque usa l’insulto e l’offesa personale come argomento di conversazione o di replica.

  13. Il problema è che esprimendo la propria opinione anche in modo civile si viene attaccati in maniera spesso becera. Io stesso ho criticato il primo tempo di parma per la scarsa attitudine dei giocatori a prendersi il rischio di forzare le giocate ed al secondo gol della ROMA ero un deficiente a detta dei Pallotta è bravo a prescindere. Sempre io ho fatto notare spesso come Monchi, e la società ROMA in generale, abbia fatto delle cose positive ed anche lì ero un deficiente però stavolta a detta dei Pallotta sbaglia a prescindere. Intanto la ROMA è deliberatamente dileggiata da ogni mezzo di comunicazione nazionale. A prescindere c’è solo la ROMA non le vostre idee, o dei comunicatori, del tipo io avevo detto che quello era forte/scarso…..CHISSENEFREGA. Mi ritrovo con molti commenti degli utenti, mi viene in mente fidel96 e fabrizio. FORZA ROMA

      • Tutto ok otello. In generale l’importante a mio avviso è mettere sempre la ROMA al primo posto. Poi si parla di una passione, per molti la più grande della vita, come la ROMA e ci si scalda un po’, certamente senza mettere in mezzo famiglie o altre questioni delicate. Se non si tifa per le proprie idee come mi sembra nel tuo caso, in conclusione andremo cmq d’accordo perché la ROMA vince, segna florenzi che spesso critico, ed io esulto ancora di più. Adesso Pastore diventa decisivo e chi lo ha criticato esulta ancora di più. Diversamente, non si è tifosi della ROMA.

  14. @Luca sarà pure tanto tempo che tifi Roma però per paragonare questa Roma a quella de ciarrapico , o non te la ricordi o sei in malafede.

    E per tua informazione considero Viola e Sensi i migliori presidenti che abbiamo avuto.

    Che io consideri Pallotta il nostro migliore presidente è un’altra provocazione, visto che io non l’ho mai detto,

    ma sicuramente per la situazione in cui ci trovavamo era il migliore e l’unico possibile.

    Ora hai avuto la tua dose giornaliera di attenzione … te restituisco il giochino.

    • Ma se bachetti sempre tutti coloro che osano criticare Pallotta, non hai mai fatto un appunto una critica a questa società, non ho mai letto un tuo commento di disapprovazione quando venivano venduti, Salah Alisson, Nainggolan e Strootman, adesso te ne esci e dici, Viola e Sensi meglio di Pallotta mah….mah… Mah.

      • Perché non essendo la migliore considero sensato e sicuramente non paragonabile a quello di Ciarrapico l’operato di questa società… Ma io ti ripeto solo sono una tifosa di questa Roma. Tu sei un criticoso

  15. Il federale Leggeri ha dato la sua direttiva: “VINCERE LA COPPA ITALIA E’ UN IMPERATIVO CATEGORICO…”. Staremo a vede’, anche se a me vincere la coppetta nun me ne po’ fregà de meno, te la metti in bacheca, ce metti gli onbrelli, ma non porta un euro. L’imperativo categorico è qualificarsi per la Champions, quella è la strada per ridurre il deficit o quantomeno per limitarlo, altrimenti torniamo alla Roma dei Bonacina, Musiello e Fabio Junior…

  16. Vediamo un po’: Schick grintoso, bene. Kluivert partita di grande impegno, bene. Karsdorp almeno atleticamente ci sta, bene. Esordio di Riccardi, bene.
    Pastore se invece che contro l’Entella avessimo giocato contro una qualsiasi squadra di serie A, ci avrebbe fatto perdere la partita, o quantomeno messo in grossa difficoltà. Se non altro ha giocato e messo minuti nelle gambe, ma di fronte a una classe cristallina ha atteggiamenti di sufficienza insopportabili. MALE.
    Nel complesso, a chi diceva che le avremmo sicuramente prese dall’Entella, venisse qua a dire che aveva detto ‘na ca***ta. 4-0. Ciao.
    Buona notte a tutti!
    Forza Roma!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here