GRAZIANI: “Il danno è stato fatto sul mercato”, PETRUZZI: “Non puoi mettere Pastore al posto di Schick”

102

SENTI CHI PARLA…ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Ciccio Graziani a Centro Suono Sport: “Non siamo una grande squadra, negli ultimi 15 minuti se non mi avesse fermato mia moglie avrei spaccato un televisore da 2mila euro. Non si possono prendere gol di questo tipo, nel calcio bisogna esserci con la testa altrimenti vai incontro a questi disastri. Non è più un incidente di percorso, è una costanza. Se si continua così non si centra la Champions. Di Francesco ha le sue colpe ma il danno è stato fatto sul mercato. La società ha fatto delle scelte, sono state fatte cessioni importanti e si è investito sui giovani, fino ad ora si è sbagliato tutto. Monchi, Baldissoni e Totti devono parlare con la squadra e metterli davanti alle loro responsabilità”.

Federica Afflitto a Centro Suono Sport: “Non penso che sia tutto da buttare, quando raschi il fondo del barile, hai la possibilità di risalire. Non hai ancora rovinato la stagione, Di Francesco deve far capire alla squadra che un progetto esiste. Bisogna fare il punto della situazione: qual è l’obiettivo della Roma? Cominciamo a non fare più figuracce ed entriamo in Champions”.

Fabio Petruzzi a Centro Suono Sport: “Partita disastrosa, inspiegabile. Eusebio è bravo ma se togli Schick non puoi mettere Pastore. Contro Inter e Cagliari c’è stata anche una buona prestazione, poi sono stati fatti errori grossolani dai singoli. Prenderei un allenatore alla Antonio Conte

Giancarlo Dotto a Tele Radio Stereo: “Il primo a non avere fiducia in se stesso è Di Francesco. Anche la squadra non crede in se stessa e la botta di Cagliari sarà difficile da riprendere. La Partita con il Viktoria Plzen poteva essere una passeggiata e invece adesso sarà una cosa seria, non bisogna far male. Diventa importante per le sorti di Di Francesco. Non capisco perché c’è così poca stima nei confronti di Sousa, secondo me è molto intelligente. Il problema sarebbe arrivare in una piazza che aspetta Conte. Quasi nessuno è mai andato a leggere esattamente cosa è stata la storia Champions di Di Francesco, ma quest’anno abbiamo battuto Plzen e CSKA Mosca che però farebbero una bella stagione in Serie B e non in Serie A. La barzelletta della Roma bipolare quanto è durata? E’ stata sempre la stessa, una squadra mediocre: ha cercato spesso di dare il meglio di sé.A questo punto l’ipotesi più seria è che si vada avanti fino a fine stagione con Di Francesco ma dovesse perdere con il Genoa, dopo c’è la Juve, come si fa ad uscir vivo?”

Giuseppe Giannini a Centro Suono Sport“E’ incomprensibile il modo in cui la Roma si è suicidata a Cagliari, così come non ho capito le sostituzioni operate da Di Francesco: metti 5 difensori e fai il fuorigioco a partita finita a centrocampo? C’è qualcosa che evidentemente non va e la sconfitta di sabato ce l’ha quasi tutta sulla schiena il tecnico. Invece di fare i ritiri a porte chiuse, i dirigenti della Roma, aprissero i cancelli alla gente, per far capire cosa vuol dire indossare questa maglia. Se si è deciso di mantenere Di Francesco al suo posto nonostante l’inquietante andamento in campionato, bisogna seriamente responsabilizzare i calciatori, non con gli inutili ritiri, ma facendogli sentire la pressione, la voglia, la passione della gente…”.

Angelo Di Livio a TeleRadioStereo“Prima o poi l’allenatore salterà, perché non puoi cambiare tutti i giocatori. Non è possibile il contrario: è una squadra talmente pericolosa che anche quando sta 3-0 rischia di perdere una partita. Ci rendiamo conto di quello che è successo sabato o no? Mi auguro che Di Francesco possa rimanere, ma deve cambiare testa: non deve guardare in faccia a nessuno, deve mandare in campo gente che ha un certo tipo di carattere e atteggiamento. Ci sono giocatori che non dovrebbero più mettere piede in campo perché sono impresentabili. Schick? Non lo voglio neanche sentir nominare”.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Un incubo senza fine, un film dell’orrore che prosegue a scorrere davanti ai nostri occhi. La Roma a Cagliari si è prodotta nell’ennesimo suicidio sportivo, dai contorni grotteschi, tragicomici. Non è bastato vedere un pareggio clamoroso, contro una squadra rimasta in 9, con errori che neanche all’oratorio si vedono; ci siamo dovuti sorbire le deliranti dichiarazioni di un tecnico che ormai non sa più cosa inventarsi per giustificare il nulla calcistico di questa squadra, che parla di panchina scarsa, quando ha prodotto il record di infortuni in Europa dopo 4 mesi di stagione; successivamente la consueta assenza totale di una dirigenza immersa in fantomatiche riunioni fiume che non partoriscono nulla, se non un mezzo ritiro che non porterà a nulla. Trigoria è come l’isola che non c’è: vivono in una realtà parallela, dove prevale il panta rei, tutto scorre senza un minimo barlume di una reazione. La reazione a caldo è il via tutti, senza prigionieri. Quella a freddo è il ‘restate tutti’ fino a giugno, perchè abbandonare la nave è da codardi, vi prendete i fischi di un’intera tifoseria e poi via tutti, ma tutti veramente…”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Sinceramente non vedo l’ora che termini questa inutile, agonizzante, insulsa stagione. Ci siamo resi conto che ogni componente dell’As Roma ha deciso di parcheggiare il culo a Roma e ciò che è peggio, a Trigoria non hanno il minimo sentore del dispiacere che stanno producendo in seno ad un’intera tifoseria. Una squadra di calcinacci che da qui alla fine continuerà con questo trend mediocre e non era impossibile comprenderlo ad agosto, quando si stava scientemente distruggendo una semifinalista di Champions. Di Francesco? Una delusione totale, solo a Cagliari si è reso conto della pochezza della panchina? Ma come, non li ha voluti lui? Ha assecondato ogni scelta, dopo esser stato silenziato con un lauto rinnovo di contratto: per questo è stato un traditore della tifoseria romanista. La Roma con questa politica societaria, dove a prevalere è e sarà sempre il progetto finanziario su quello sportivo, non vincerà mai nulla”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio“Se per otto anni non vinci c’è una chiara responsabilità dirigenziali. Ma la partita di Cagliari è stata una Caporetto di Di Francesco: gli ho visto fare cose incomprensibili, inaccettabili, di una gravità tecnica assoluta. È la quarta volta che Di Francesco è in bilico, la società deve decidere se è un allenatore che va difeso, come io credo, altrimenti se non va più bene mandalo via subito. L’indecisione e la confusione dei dirigenti sta facendo sì che anche l’allenatore non sia a suo agio: non è più sereno e tranquillo, e la partita di Cagliari lo dimostra”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport“Quando ho visto il lancio verso Sau, ho già capito che sarebbe stato gol. È qualcosa di ridicolo, faccio fatica a ritrovare nel passato una situazione così pacchiana. Mi è sembrata una resa, non ho più voglia di aspettare che la squadra si riprenda. Di Francesco non ha sufficiente carisma per trasmettere alla squadra determinati concetti: contro il Cagliari e in vantaggio di due gol devi controllare il gol tutta la vita. Ma poi con chi lo sostituisci? Ci fosse in giro uno come Ranieri, che è un aggiustatore… Ma Paulo Sousa è la soluzione? Arriva a Trigoria e cosa racconta ai giocatori? Ha un potere e un prestigio tale che i giocatori pendono dalle sue labbra e si mettono a fare le persone serie?”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport“Il senso di fastidio nel vedere la Roma non è solo colpa di Di Francesco, ma viene da molto lontano. Pallotta più che investire di più, potrebbe anche pensare di salutare e che fai, prendi Conte? Io lascerei le cose come stanno, perché Montella o Paulo Sousa non aggiusterebbero le cose. Di Francesco andrà via a giugno, Monchi se la Roma dovesse arrivare al quarto posto secondo me rimane”.

Mario Corsi a Centro Suono Sport: “Bisognerebbe iniziare a parlare di altro…cosa dobbiamo dire ancora sulla Roma? Le diciamo da anni. Dobbiamo sentirci Baldissoni che ci dice ‘Rido quando sento che Pallotta è venuto a Roma per fare lo stadio per guadagnarci’ e cosa è venuto a fare allora? Ci fosse uno che glielo domanda. Di Francesco sabato ha voluto fare un pezzo alla Capello senza esserlo; quando dice che si è girato in panchina e non aveva nessuno però dice la verità. Noi dopo un assist di Kluivert contro il Torino abbiamo subito gridato al fenomeno, ‘vale 60 milioni’ qualcuno gridava; Schick è un fenomeno, non ha fatto una partita da quando sta qua ma è un fenomeno, non ho capito ancora su quali basi; Nzonzi idem; Lorenzo Pellegrini lo vuole tutto il mondo, le società più forti d’Europa sono su di lui, io tutte queste offerte vorrei vederle; Manolas non la sta strusciando, a noi piace molto come giocatore, per carità, ma bisogna dire la verità. Torno a Di Francesco un attimo: i giocatori che ha in panchina li ha messi, ce li ha fatti vedere con continuità e non mi sembra che siano questi grandi fenomeni. Di Francesco ha una sola colpa, quella di dignità; ha avallato tutto il mercato estivo. Poi cosa devo leggere io il giorno dopo? Che Pallotta è disgustato e parla di disonore. Ma disgustato di cosa? La Responsabilità è la tua. La Roma sta affondando per colpa di Pallotta”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo:Il campionato è ridicolo e sembrerebbe aspettarti, la Roma deve pensare a se stessa. Ha delle colpe chiare e dei limiti strutturali inoltre continua a regalarci delle gioie pazzesche, è diventato uno strazio seguire i giallorossi. Ovviamente la colpa c’è l’hanno società, allenatore e giocatori. La società ha capito tardi la gravità del problema. L’allenatore continua a spiegare le stesse cose e puntualmente i calciatori commettono sempre gli stessi errori, quindi non sa entrare nella testa e nel cuore della sua squadra. Dei calciatori mi viene da dire che non hanno amor proprio. Schick non sa fare la prima punta è più una seconda punta“.

Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: Di Francesco non è temuto dal gruppo e lo si vede. Non è riuscito ad influenzarla con le sue parole e la sua determinazione che dimostra a parole. Sono state fatte delle scelte sbagliate ma credo che per vincere partite come quella col Cagliari non si debba parlare di mercato o meno“.

Riccardo “Galopeira” Angelini a Tele Radio Stereo:Monchi è più romano di alcuni giocatori che non hanno rispetto della maglia e dei tifosi. Non darei la colpa al mercato ma alla società che non mette l’amore nei calciatori“.

Roberto Renga a Radio Radio:Fossi Pallotta prenderei l’aereo andrei a Roma, convocherei una conferenza stampa e chiderei scusa cercando di ripartire tutti insieme: squadra, società e ambiente“.

Guido D’Ubaldo a Radio Radio:Pallotta è molto arrabbiato, se fosse per lui la situazione l’avrebbe già affrontata di petto. Gli è stato consigliato di mettersi da parte e di far superare questo momento a Monchi e le sue scelte. Con il Genoa partita cruciale per Di Francesco“.

Franco Melli a Radio Radio:Tramite Gianluca Lengua, che parla al telefono con Pallotta, sono venuto a sapere che il presidente stesso ha detto di sentirsi disinnamorato e che potrebbe andare via. Monchi dovrebbe andar via“.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio:Conte lo porta alla Roma? Dovrebbe essere questa la domanda da fare a Pallotta. Altrimenti i giallorossi rischiano di indebolirsi ulteriormente. La Roma è una squadra mediocre è questa la realtà“.

Fernando Orsi a Radio Radio: Questo quarto, terzo posto sarà combattuto fino alla fine. Sembra che un po’ tutte le squadre li in alto stiano aspettando la Roma. I giallorossi hanno perso perchè hanno avuto paura di vincere“.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Se riesci a resuscitare anche il Genoa, bisogna aspettare l’anno nuovo. Forse la Coppa può portarti un po’ di tranquillità ma neanche troppo. Fossi Pallotta prenderei l’aereo, andrei a Roma e darei una parola di conforto a Di Francesco e alla Roma. Cambiare allenatore ora potrebbe essere totalmente negativo“.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

102 Commenti

  1. Continua la mistificazione, e allora inizio a consolidare l’idea che sia una precisa strategia.
    La Roma non ha perso, ha pareggiato.

    Non mi venite a dire che dal punto di vista nostro, dei tifosi, così come dal punto di vista della classifica, è come se fosse una sconfitta; non me lo venite a dire perché qua si parla di altro, si parla di comunicazione che raggiunge migliaia di persone.

    LE PAROLE SONO IMPORTANTI.

    Da sabato sera in poi la notizia che circola, fra le righe, fra le mezze frasi, è “la Roma ha perso”.

    Bene, io sarò SEMPRE con la Roma, anche con QUESTA Roma, e sempre contro questi mistificatori di professione.

    FORZA ROMA!!!

    • Marks. Basta che nun stai a da lezioni all’altri de come se tifa poi ognuno e libero de pensarla come mejo crede. Che poi se te giri de fianco e vedi a classifica e te sta bene de sta a pari punti col Parma,Sassuolo e Atalanta e sotto pure al Torino dopo che ciai speso ducento milioni de euro in due anni beh allora qualche risposta me la darei.

      • Cupolone, se mi dirai dove ho dato lezioni di tifo e dove ho detto che la classifica mi sta bene, ne prenderò atto. A me però sembra che ho detto altro, e mi piacerebbe sapere se sei d’accordo o meno su quello che ho detto…

        Nota a margine: non pensare che solo perché scrivo in modo pacato e generalmente non “sfaciolato” io sia meno incazzato di te o di altri… semplicemente siamo tutti diversi e ognuno non solo la pensa diversamente, come giustamente dici, ma anche la esprime in modo diverso.

        • Marks ho scritto de botto perchè stavo a lavorà e ciavevo pure e mani zozze.Tec chiedo scusa perchè a rileggerelo me so reso conto di avere sbagliato.Ma nun ce l’ho co te.

          • Tranquillo, tra l’altro con “ciavevo pure e mani zozze” m’hai fatto ridere 🙂 quindi te dò pure un +1 (che non so cosa sia ma lo vedo tanto in giro quindi penso sia ok!)

        • @marks ti rispondo io, si ma che c’entra quelli che scrivi? Un pareggio così a Cagliari è come una sconfitta. Tu sei partito per giocarsela con la Juve, il Napoli e l’Inter, dopo metà campionato la Juve e il Napoli o vedi col binocolo, l’Inter la vedi con gli occhiali per astigmatico.
          A te sembra Normale? No guardiamo il cavillo, guarda la comunicazione ,parla come se avessimo perso, ma amici non abbia perso, che cattivoni questi comunicatori, sono contro la Roma, la squadra più forte del reame.
          Maria scusami ma chissenefrega delle cavolate che scrivi, non hai centrato il problema perché sei in malafede e vuoi spostare l’attenzione. Società ridicola,campagna acquisti ridicola, tifosi come te, se lo sei o forse sei un bel giornalista troll al soldo di Pallotta, ridicoli

  2. quando lasceremo andare di francesco, diventerà evidente che il problema non sono i giocatori, il problema non è monchi, così come è successo con l’esonero di garcia… 13 punti persi con squadre inferiori dicono che il problema non è giocatori scarsi, e se i giocatori sono demotivati in campo, la responsabilità non può essere che dell’allenatore.

  3. Francamente non ho ancora capito quale ca… di soluzione stanno trovando i dirigenti a Trigoria per la risoluzione del GROSSO problema della squadra. Adesso BASTA!

  4. Mo galopeira ce deve spiega’ sta stron..ta che ha detto…ogni giorno sento dire cose senza senso dagli opinionisti (che in fondo è come riportare quello che diciamo noi al bar…)…anzi..chieda scusa ai Romani!

    • Un passo in avanti lo hanno fatto lui e austini in TeleRadioTornaConto 92.7. Almeno oggi non è colpa dei tifosi. Le loro profonde capacità intellettive hanno elaborato niente poco di meno che la variabile dell’ammore. E’ ufficiale, da oggi si cercano le scuse nei sentimenti. Poi toccherà ai sostantivi, quindi agli aggettivi. Capisci che a questi ritmi prima di arrivare a pallotta, baldissoni e unicredit gli serviranno un paio di secoli.

  5. Il fallimento era annunciato già dall’estate ma solo i difensori ad oltranza avevano motivi ,peraltro irrisori,di vederla a modo loro. Classifica e numerosi impietosi evidenziano un fallimento nella costruzione e conduzione di questa squadra. Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei…a volte i proverbi si rivelano quanto mai aderenti alla situazione. Passare da Spalletti a Di Francesco è di per se già un ridimensionamento. Colui che è il massimo artefice della disfatta ( Monchi) non credo che sia rimpianto a Siviglia visto che stanno al secondo posto e che
    hanno saputo operare bene anche senza di lui dipinto e venuto qui come il messia del calcio o il genio della lampada. Ora che non arriveremo nelle prime quattro saremmo costretti a venderci pure le sue nacchere. Il 19 Luglio alla stampa aveva detto ” Se in due anni non vinco me ne vado ” Potrebbe anticipare la partenza e di sicuro non sarà mai rimpianto.

    • Quindi tu sapevi con certezza che avremmo perso con la Spal in casa, a Bologna, a Udine, pareggiato in casa con Chievo e Atalanta…beh mi dai anche i numeri del superenalotto?

      • Aggiungo che non ho competenza per parlare di come giocare a calcio,ma da semplice tifoso la vendita di Strootman (al di là di quello che poteva apportare alla squadra o se fosse giusto o meno) secondo me ha destabilizzato la squadra che nei momenti cruciali viene meno

        • @Antonio da Milano Se fossi un veggente i numeri li giocherei soprattutto per me. Non ho questo dono di natura,ho la piccola presunzione di poter affermare che qualcosa di calcio ne capisco e che una squadra assemblata in tal modo e parlo di : 1- doppioni a dismisura negli stessi ruoli mentre in altri mancanza di ricambi all’altezza,2- parlo di scommesse che potrebbero farti vincere in futuro ma con le quali devi necessariamente affrontare il presente,3-smantellamento continuo di una intelaiatura di base per cercare solo i benefici di un progetto economico e che non ha nulla di sportivo.
          Forse tu a inizio anno eri piu ottimista nella maniera in cui io sono stato un credulone quando 7 anni fa mi dissero che saremo saliti sul podio europeo.

        • eppure Nainggolan non sta facendo faville, mentre zaniolo è impressionante in proporzione, e leggo che strootman è contestato e spesso il peggiore in campo… io andrei cauto prima di incolpare monchi, qualche tempo fa anche aver venduto alisson era considerato un disastro, e invece olsen si è dimostrato all’altezza… mi fanno specie quei commenti che scusano di francesco, ma incolpano monchi o pallotta… non si vorrà certo sostenere che di francesco è il nuovo guardiola solo che i giocatori che monchi gli ha dato non sono all’altezza di cagliari, spal, chievo, etc… prendersi con pallotta poi!! ma per favore… La mia opinione pacificamente considerata è che di francesco doveva essere mandato via dopo aver buttato via la partita di andata a liverpool con una tattica scriteriata… oppure me vorrete dire che visto che sono i giocatori che vanno in campo, neanche la disposizione in campo è responsabilità dell’allenatore?

          • nainggolan era uno che ti inziava il pressing come strootman, che mordeva le caviglie…incolpo Monchi perche’ doveva puntellare la squadra non smantellarla dei pezzi migliori..ha la colpa di aver detto che voleva fare un mercato comprando uomini e poi si presenta con pastore, mentre i giocatori di personalita’ comunque li ha venduti tutti. e ti ricordo che Dzeko e manolas erano stati venduti,…poi Alisson, nainggolan e Strootman…magari l’hanno scorso hanno reso al di sotto delle propire possibilita’ ma come tigna, questi se la sognano.

          • @il professore Difrancesco è uno yes man ed è stato preso per questo motivo,Il suo cervello ha abdicato a favore dell’opportunità di guidare la squadra per cui simpatizzava non avendone ne le competenze e ne gli uomini adatti. Su Monchi penso che ha rivoluzionato una squadra senza motivo e se il cambio Naingolann con Zaniolo al momento ci vede favoriti ti dico che avrei voluto vedere Zaniolo in campo insieme al belga. Tralascio l’innumerevole sfilza di giocatori inutili che a portato a Roma(alcuni acquistati gia rotti,altri non idonei per il modulo del mister e altri sul viale del tramonto) Io sono per la linea giovane ma non si acquista per rivendere se hai un progetto serio altrimenti è solo trading.

        • A Tex Willer, ma com’è che nun te risponne nessuno?
          Sei troppo svejo? La sai troppo lunga? Nessuno c’ha quel fulmine d’intelligenza che l’Onnipotente t’ha dato?
          No perché a me me pari il Romano dell’immaginario bergamasco: so er mejo, è a Bbbbbanca, voi mette co’ Milano… e levate dar blog… e noi semo…
          Ma a noi che non semo… all’altezza delle vette tue, che dici, ce la dai ‘na speranza che impari a campa’?
          Che usi ‘no straccio d’educazione?
          Sempre se non fosse troppo disturbo, eh?

    • Io dico anche un mediano “di professione”, resistente e tignoso. In altro post parlano di Thomas Partey dell’Atletico, che per inciso non verrà mai, ma è per capirsi sul tipo di giocatore che intendo.

  6. Caro Lupo, come darti torto. Spalletti è andato via perché ha capito che volevano smontare la squadra, e la dirigenza lo ha messo contro Totti cercando di buttare un pò di fumo al tifoso credulone. La verità è che non sarebbe mai rimasto con quelle cessioni pesanti. Ecco allora che spunta il mite Eusebio, che già aveva firmato per la Fiorentina ma non gli sembrò vero di fare il colpaccio di allenare una squadra in Champions. Unica condizione: stare zitto e dire sempre di si. Se unisci che scarso lo è già di suo ecco il risultato. I dirigenti sono i primi responsabili, perché hanno preso per i fondelli tutti gli abbonati, tutti i tifosi. Comunicazioni farlocche, promesse non rispettate, menefreghismo e tanta tanta incompetenza, in una città che già di suo vive di sparate a vanvera. Mandare a casa il duo DI Francesco/Monchi è il primo passo per uscire dal tunnel, qualsiasi futuro sarà migliore. Se la roma deve essere solo plusvalenza lo dicessero chiaro, i tifosi veri ci saranno sempre intorno la squadra, ma chi scende in campo deve lottare e sudare, lo devono a tutti noi.

    • Caro Giulio non aggiungo altro, sono perfettamente d’accordo con te . Lupo, ti voglio bene, ma ancora a parlare di uno che aveva deciso un anno prima di lasciare la Roma perchè non crede in Pallotta(come del resto hanno detto quelli che lo hanno preceduto Zeman-Garcia) e scaricare le colpe su Totti ? ma basta, Spalletti il prossimo anno sarà a spasso , L’inter prenderà Conte !!! e proverà seriamente a diventare la candidata anti Rube . Noi saremo destinati a lottare con Milan e Lazie per il 4 posto , speriamo ……….

      • @Emiliano Te l’ha spiegato lo stessso Spalletti in tv dopo Roma-Inter . la società gia sapeva ,perchè lui aveva avvisato,che non sarebbe rimasto in quanto non condivideva i programmi societari (vai a rivederti le interviste e rileggiti le dichiarazioni) Non ha scaricato nessuna colpa perchè l’unica sua colpa è stata di averci portato a battere il record dei punti nella nostra storia e noi siamo stati solo capaci di mettere il nostro miglior giocatore del passato contro il miglior tecnico presente. Vabbè ma tanto che lo dico a fare a Roma basta che toccano Totti..casca il mondo !!! Abbiamo diverse vedute, rispetto la tua e tieniti Di Fransceco.

        • caro lupo, ciò che non capisco della tua analisi, è di cosa vuoi accusare pallotta? di non avere abbastanza soldi? e perciò di volere impostare la politica societaria in termini di auto-sufficienza? per me trovare tale politica è garanzia di stabilità a alti livelli. poi se tu riuscissi a trovare lo sceicco che butta milioni ogni anno sulla roma, io ci sto… in italia comunque non mi sembra ce ne siano molti, e quei pochi vanno su altre piazze… in europa anche una squadra di basso livello in premier league attrae di più… e di cosa vuoi accusare monchi? far quadrare i bilanci e andare a scovare giocatori di qualità ciò nonostante?

          • @il professore. Mi spiace che tu non mi abbia capito o sono stato poco bravo a farmi capire. I miei strali non colpiscono Pallotta perchè come piu volte detto pur non essendo il presidente dei sogni me lo faccio piacere perchè non ho alternative non essendoci altri imprenditori a subentrargli. L’americano infatti i soldi li ha spesi ma questa disponibilità finanziaria è stata resa vana dalle scelte del DS spagnolo in quanto abbiamo speso duecento milioni di euro per stare a inizio dicembre 5 punti sotto al Milan 8 dall’Inter,14 dal Napoli e 22 dalla Juve. Se questa è la strategia vincente di Monchi al tuo posto non verrei a chiedere “Cosa vuol dire accusare Monchi” ma mi farei un bell’esame di coscienza e analizzerei gli innumerevoli errori commessi e le bugie raccontate che ci hanno portato dopo tre mesi a stare in classifica insieme a Sassuolo,Parma,Sampdoria e Atalanta che con duecento milioni ci fanno una campagna acquisti per 6 stagioni. SOLDIINVESTITI DA MONCHI E LETTERALMENTE BUTTATI DALLA FINESTRA.

        • @Lupo , stiamo dicendo la stessa cosa Spalletti , l’ha dichiarato lui stesso , è andato via da Roma perchè non convinto dal progetto Roma/Pallotta ma ha passato un anno a sparare cazzate su Totti , sullo stadio , firmo se rinnova lui . Per quanto riguarda il record di punti , ti ricordo che il fenomeno poteva contare su Salah , Rudiger , Alisson in panca , paredes in panca con Inter e Milan inesistenti e fuori dalle coppe con squadre più deboli , preliminari CL con il Porto , EL con il Lione , semifinale CI con la Lazie , però ha messo il record di punti e messo in cattiva luce il capitano ……..
          Per quanto riguarda Monchi e Di Fra ,non trovo alibi , insufficienti entrambi ma ti chiedo lo spagnolo per come ha costruito la rosa , il tecnico perchè non si è mai fatto sentire quindi o complice oppure di scarsa personalità .
          Voglio però farti una domanda , secondo te sono tutte scelte di Monchi? o potrebbero essere di Baldini ?

          • @Emiliano a mio modesto avviso Di Francesco è stato scelto da Baldini perchè della sua esistenza dubito pure che Monchi ne fosse a conoscenza. Lo stesso Monchi a sua volta è stato prosto a Pallotta da Baldini. Quello che tu chiami fenomeno (Spalletti) è vero che poteva contare su quei calciatori che citi ma ne aveva solo 12-13 all’altezza per farli giocare. Infatti siamo usciti da ogni competizione perchè erano logori perchè giocavano sempre gli stessi e in dieci giorni con gli stessi uomini abbiamo dovuto giocare col Napoli in campionato,Lazio in coppa Italia e Lione in EL. A gennaio chiese rinforzi e gli diedero Grmeier che non giocava da due anni. Credo che sia sufficiente come spiegazione ma tu non lo ammetterai mai,lo so. Un saluto

        • mi sembra che Di Francesco ci ha portato dopo secoli in finale di champions league, Mi sembra che la stagione precedente siamo arrivati prima dell’ inter del ^grande Spalletti^!! Voi che capite tutto di calcio, ma sto Spalletti che ve rimpiangete sempre in tutta la Sua carriera, considerando che ha molta piu’ esperienza di Di Francesco, ma che ha vinto?? Chi e’? Per piacere !! La Roma e’ una squadra indebbitata che nun vince niente da decenni, questo e’ quello che c’abbiamo adesso, stare a piangere perche’ si vuole Conte e’ una gran perdita di tempo, a quasto punto o si aspetta e si tifa o la domenica e’ meglio annà a fà na passeggiata con la famiglia…

    • Condivido il pensiero di Giulio, si danno 3 milioni a Di Francesco proprio perché con quei soldi si comprano prima il suo silenzio e la sua condiscendenza e solo dopo la sua professionalità.
      Comunque questo è un giochino che la società fa da sempre.
      Un anno e mezzo fa presi gli insulti per aver ipotizzato la circonvenzione di Capace ai danni di Monchi. Scrissi che Monchi non si sarebbe legato alla Roma se solo fosse stato messo in condizione di conoscere lo stato comatoso e prefallimentare delle finanze della società.
      E’ evidente che gli prospettarono una situazione fuori dal mondo, non a caso gli imposero una clausola che oggi lo rende ostaggio.
      Nemmeno pochi giorni fa questa tesi ha trovato conferma dall’intervista-confessione del procuratore amico di Monchi.
      Monchi è stato buggerato. E oggi Monchi ha un solo modo per liberarsi della Roma. Il fallimento tecnico, che probabilmente porterà la dirigenza a licenziarlo.
      Anche se va detto che firmando sulla parola, Monchi si è dimostrato non proprio una lince. Probabilmente è un uomo onesto e per niente scafato e la Roma comportandosi in quel modo poco corretto ha danneggiato lui, ma probabilmente anche se stessa.
      Ma questi mezzucci questa società li ha utilizzati anche con i calciatori. Sfruttano un cavillo, un punto a favore, una fragilità del giocatore, per rinnovarli e poi venderli l’anno dopo. Lo hanno fatto con strootman, con nainggolan, con emerson palmieri. Lo faranno con Pellegrini luca e probabilmente con manolas e pellegrini lorenzo, una volta che saranno riusciti a levare le clausole di rescissione dai loro contratti.

      Almeno come abbindolatori sono i numeri uno al mondo.

  7. Premesso che la campagna acquisti, che per assurdo ancora non boccio definitivamente, sta dando frutti o troppi acerbi, o troppi maturi. Premesso che Monchi merita le giuste critiche che subisce. Premesso che la dirigenza merita le critiche perché è incapace di farsi valere con i vertici del calcio e con i calciatori. Mi domando perché oggi la “comunicazione” e parte della tifoseria si sia dimenticata di quando rivolgeva le stesse frasi e le stesse critiche verso il sig. Walter Sabatini. 60 milioni per Paredes, Ucan e Sanabria….. ve lo ricordate??? Iturbe (prima tutti disperati perché lo prendeva la juve, poi Sabatini incapace), piris, kjaer….. Giusto mettere sul banco degli imputati tutti i protagonisti di questa RIDICOLA squadra, a partire da un allenatore che fa quei cambi a cagliari, però se Pallotta deve venire a chiedere scusa, qualche “comunicatore” dovrebbe dimettersi oggi stesso. E sinceramente voglio risultati e non scuse. FORZA ROMA. FORZA ROMA. FORZA ROMA.

  8. Come si permette l’antennista prezzolato di dire una cosa del genere? Da Romano, ci tengo a precisare che sono orgoglioso di non avere nulla a che vedere con il sig. “monchi” (di cui ignoro anche il vero nome), nè tantomeno con il suo datore di lavoro e che il solo accostamento mi offende e mi disgusta.

  9. Come al solito….siamo alle solite.
    Non ho purtroppo uno storico delle passate discussioni su questo forum, ma sono sicuro che qualcuno a memoria ricorderà di quando si scrivevano le stesse cose su Garcia….e su Luis Enrique….e su Zeman….ecc. E su Spalletti, per motivi diversi (caso Totti), ma comunque alcuni evocavano la sua cacciata. Stesso discorso per il ds. Come ricordato da IO AMO ROMA, Sabatini era criticato alla stessa maniera.
    La verità, cari amici romanisti, é che a mio avviso non cambierà niente manco stavolta. A breve cambieremo allenatore, questo mi pare ormai ovvio…Risaliremo e forse arriveremo quarti….l’anno prossimo faremo una stagione “buona” (tipo l’anno scorso per intenderci, o il primo Garcia), e poi a Dicembre 2020 ci ritroveremo di nuovo qui a criticare allenatore, squadra, dirigenza….chiunque ci sarà tra 2 anni.
    E’ la Roma, é la mentalità, é stato e sarà sempre cosi’. Ormai ho perso le speranze di un futuro di vittorie…mi tengo stretto le belle soddisfazioni e le grandi emozioni che ogni tanto arrivano (Roma Barcellona dell’anno scorso), e per il resto seguo con rassegnazione quello che capita normalmente.
    Almeno, si prenda un tecnico che fa giocare bene la squadra, tanto se comunque non devo vincere niente, almeno mi diverto a vedere una squadra che gioca bene.

    • Buongiorno, ho smesso di scrivere qui con continuità per mie ragioni e soprattutto per aver trovato troppe persone che “aprono bocca e gli danno fiato”.
      tra le tante stupidaggini che anche oggi si scrivono appoggio in pieno quello che hai scritto caro Lorenzo, infatti tu hai centrato la situazione, ovvero quello di un film già visto….ma che si vede solo sugli schermi in questa città e nessuno che fa un’autocritica del perchè questi “orrori” accadano, ciclicamente, sempre a Roma e alla Roma.
      Un cenno di solidarietà anche a Marks che pacatamente ha cercato di introdurre un “ragionamento “, un’analisi…, fatica sprecata caro Marks, in questa città ti becchi la replica “ad cacchium” del coatto di turno, oltre a quello…il nulla.

      • anto58,guarda che me so scusato con marks perchè nun avevo capito er senso de discorso perchè avevo e mani sporche,stavo a lavorà e ho letto de corsa.Mo prima de risponnerti me te so letto du volte. Questo e er calcio,mo che centra la città ,a mentalità,er risvolto sociale e compagnia cantando. Ma che a Lazio a lazio ndo stà ? Sta in Sicilia? Solo qui nun semo boni e l’altre parti so tutti mejo? Poi che me chiami coatto fa pure cume te pare ,me rimbalzi. Sarò coatto ma educato e più signore de te.Pecchè signore ce posso diventà mentre te nun ce sarai mai.

        • @Cupolone. Concordo molto spesso con le tue vedute,ma posso garantirti che conoscendo personalmente Anto58 mi è difficile pensare che abbia voluto eesere irriguardoso nei tuoi confronti. probabilmente ha usato un tono particolarmente acceso che è andato al di la delle sue intenzioni,ma ribadisco che è una persona assolutamente garbata e signorile come son certo che tu sia altrettanto educato e corretto. Con simpatia.

          • Ciao lupo E’ lui che ci ha problemi con me,io no. Dimme te dove o mai offeso qualcuno .Roma è a città mia e da squadra mia pecchè socialmente parlando dovemo di che qua va sempre tutto male e l’altri so sempre mejo? Napoli che è? Palermo che è ?Milano che è. Mo voi vedè che er male sta tutto a Roma e nun se vince mai perchè è na citta de m….Ma l’altri che so? Pe me so discorsi che nun reggono

      • Ciao anto58 un saluto a te, come dicevo altrove ognuno è fatto come è fatto, ma finché si riescono a scambiare idee non ho problemi a confrontarmi con mentalità opposte alla mia, e in questo senso sono certo che cupolone abbia una passione vera per la Roma anche se magari la butta un po’ in caciara 🙂 motivo per cui gli ho comunque risposto, al contrario di altre figure alle quali ho smesso di rispondere da tempo perché farlo non produce null’altro che… nulla.

        Un saluto anche a Lorenzo più sopra: io aspetto di capire cosa sarà di questa stagione, non perché quanto scrivi, Lorenzo, sia giusto o sbagliato (in realtà al momento attuale è tremendamente realistico, il che è peggio!) ma perché sono fatto così, e i casi della vita degli ultimi anni mi hanno portato a consolidare questo modo d’essere. La Roma mi dà ancora grosse emozioni (la partita simbolo l’hai citata tu…) ma ho deciso che lo star bene (nel vero senso della parola) o male (nel vero senso della parola) non possono dipendere dalla Roma.

        Credo che sia insmentibile che a Roma è sempre mancata la “stabilità”; un “ciclo” come quello di Wenger alla Roma? Completamente impensabile!
        O parlando di giocatori basti pensare a quanto “alieno” sia, nella nostra storia, un giocatore come Totti… solo De Rossi sta raggiungendo una stabilità paragonabile, mentre se vai a guardare tutti gli altri “miti” (Conti, Pruzzo) che pure sono stati qui tanti anni, non hanno nemmeno avvicinato la longevità dell’attuale capitano, per tacere di quella dell’ex…

        • Vedi Marks, io penso che chi la mette in caciara, non è per caso, ma perchè o lo vuole, e quindi è un provocatore, oppure perchè ha dei limiti mentali e non riesce ad andare oltre. Questo non andare oltre, questa mancanza di analisi e di autocritica, per cui qui “semo i mejo” basato sul nulla, o meglio basato sul profondo “provincialismo” di questa città, dei suoi abitanti e dei suoi tifosi (non tutti ma purtroppo molti) è la causa dei mali sia della città che della nostra squadra del cuore, e di tutto questo mio caro io ne ho “le palle piene” non lo sopporto più ne ho voglia di sopportarlo, in nessuno dei due casi queste tipologie di persone avranno ne la mia stima ne il mio rispetto, e non ho voglia di confrontarmi con loro Ed è per questo che io adesso scrivo pochissimo, d’altre parte perchè mi dovrei rapportare con chi è portatore solo di coattagine ed è incapace di fare una seria autocritica sulle colpe anche dei tifosi, invece che scaricare sempre le colpe su qualcun altro? E’ sport di questa città oltre che nazionale che le “colpe” siano sempre di qualcun altro, ma le “nostre”….. mai!!!
          Un caro saluto e sappi che con persone come te sono sempre pronto a confrontarmi.

          • Senti un po’ me sai dì dove le leggi tutte ste cose de cui me stai a incolpà ? Dove sta sta caciara? Ma falla finita a me me sembra pù un discorso de chi se mette su un piedistallo de ceto sociale superiore e guarda dall’alto in basso. Non tutti potemo avè sta fortuna ma io nun invidio nessuno e te stai a sbaja nartra vorta. Me sa che sei de coccio pe davvero. Chi offenne l’altri sei tu, rileggete .

          • Bravo anto58 levati dalle scatole pure tu, ce ne faremo una ragione della tua assenza, Pallotta lo trovi a Boston o a Londra, vai da lui a dire quanto sono cattivi e coatti i tifosi della Roma, e che per colpa loro non si vince. Ma falla finita, siete ricoli con questa teoria che non si vince per l’ambiente. Non si vince perché sono American straccions

          • ha ha, sono totalmente d’accordo sul provincialismo profondo di questa città, e la mancanza di analisi dei fatti… ci si aspetta come un diritto del “civis romanum” un qualche mecenate che venga a buttare vagonate di soldi per il nostro piacere, senza chiedersi perché, senza neanche capire i parametri fair-play, o chiedersi quante altre piazze più prominenti o più remunerative ci siano… ci si oppone allo stadio, e anche al cambio dello stemma (il lupetto anni 80 dio ci scampi!). insomma, pallotta è un imprenditore nel campo dello sport, viene per fare un business, e che male c’è? united/liverpool etc funzionano cosi da sempre… vuole la roma perché è più economica del barcellona, e perché da buon businessman pensa di poter costruire sull’immagine della città eterna, conosciuta ovunque.. secondo me questo giusto, ed è una buona opportunità per la squadra… davvero a volte penso che ci meriteremmo lotito…

      • @cupolone dici cavolate, meglio se stai fuori dal blog, nessuno dei tifosi che criticano ha la possibilità di incidere sulla società o sulle scelte che essa fa. Per cui basta con questa cazzata dell’ambiente, perché non scende in campo, non appena e non gioca. Cupolo’ apri gli occhi, qua se imboscano i soldi, vendono quelli Boni e comprano Regaxzini e i risultati si vedono. Cupolo’ per te questa estate è stato fatto un buon lavoro, per me invece era una squadra da metà Classifica. Chi aveva ragione? Io, per cui cupolo’ stamme bene e Statte zitto perché scrivi cose che non stanno ne in cielo né terra, la realtà è un’altra e te o non la capisci o hai interesse a non capirla

        • Ciao texber permettimi un appunto.
          Leggo da un bel po questo blog ma sono nuovo.
          Mi sembra che tu sia uno di quelli che pensa di sapere tutto di calcio e di società come tu fossi agnelli. Mentre penso ti faccia bene un bel bagno di umiltà. Io non ci credo che tu non abbia applaudito Kluivert under e zaniolo. Che sono proprio quei ragazzini che dopo 3 anni vendono. Però quando arrivano sono ragazzini o regazzini come dici tu. E quando vanno via sono quelli Boni come dici tu. Io penso che quello che deve aprire gli occhi sia tu.
          Con franchezza e stima . Ciao a tutti

          Ps non penso cupolone abbia bisogno di essere difeso. Ma tu sei al limite contro tutto e tutti. Questo è il tuo grande limite che non ti porterà da nessuna parte se non ad avere pochi amici. 🙂 calcisticamente parlando naturalmente ciao ciao

  10. Il problema della Roma? acquisti più costosi, Iturbe Schick Pastore e Nzonzi. Hai detto tutto. Il problema non sono le cessioni, perchè Olsen non sta facendo male, e con Salah Rudiger e Paredes siamo sì arrivati secondi (lontanissimi dalla Juve) ma siamo usciti male sia dall’Europa League che dalla Coppa Italia. Il problema sono gli acquisti. I giovani vanno bene, è una politica giusta, ma a 42 milioni prendi una certezza assoluta, non una scommessa come Schick. é lì l’errore. Non prendi Pastore a 30 milioni, quando ormai il meglio lo ha già dato e spesso è rotto. Acquisti troppo cervellotici. Kolarov (che comunque il suo lo fa sempre ed è sicuramente l’elemento con più personalità) forse ha ragione a dire che il tifoso non capisce di tattica .. ma che Schick non sia un’ ala l’avevamo capito tutti. Nzonzi non è malissimo, ma non è neppure quel frangiflutti davanti alla difesa che ti dà equilibrio, e comunque è costato troppo. Ed in difesa manca un centrale livello. Marcano e Moreno sono stati disastrosi e Giovanni Gesù può fare, al limite, il quarto centrale. Se hai un budget limitato, compra meglio.

  11. 1 – la roma non ha gioco, carattere, organizzazione, amor proprio, amor di maglia
    2 – la società è fatta di gente che non capisce un cacio di calcio a parte monchi, ma non basta !!! non c’è disciplina, non ci sono valori, niente !!!
    3 – sono riusciti a far disamorare i tifosi con continue vessazioni, umiliazioni, scanizze varie e una comunicazione al limite della follia
    4 – se vendi e compri continuamente, prima o poi ce scappa la Serie B … soprattutto con dei ragazzini di 20 anni…vojo vede se se mette male chi ce salva…i giocatori sanno dal primo giorno che sono di passaggio, ma che dovrebbe fregà della maglia scusate ????
    5 – hanno diviso la tifoseria in tante correnti che manco la DC degli anni 70…e allo stadio, quell’atmosfera da colosseo moderno, non si avverte più…
    6 – se scegli un allenatore che fa la linea di difesa a centrocampo con 20 secondi da giocare, hai un Zeman che però fa un terzo dei goal di zeman … quanto cavolo ci vuole a cambiare allenatore ?? dobbiamo finire sotto la fiorentina per avere ragione ??

    solo 6 puntim ad anche riassunti, e ne mancano altri 20 … e già si evince che la società, il progetto Roma è un autentico FALLIMENTO, Pallotta … ancora non hai capito ? a Trigoria via tutti meno Totti e Brunetto de Nettuno, poi me prendi Capello DG e Conte in panchina … scommetti che ottieni risultati ??

    • La Francia dei ragazzini ha vinto un mondiale, non è l’organico il problema ma il direttore d’orchestra, di Francesco. I suoi preparatori hanno distrutto la tenuta atletica, a livello di gioco ormai è un deserto d’idee. Speriamo che si dimette entro domenica

      • mah, non mi sembra un paragone attendibile, la Francia ha giocatori che nel club in cui giocano sono fenomeni…vedi kante’ nel chelsea, grizman nell’atletico solo per fare due nomi…non credo tu possa paragonarli a zaniolo o a klujvert no?

  12. Noi giustamente stiamo facendo le nostre analisi, individuando colpevoli e possibili soluzioni. Quello che mi chiedo è: a Trigoria stanno facendo altrettanto? A me sembra ci sia un immoblismo totale, ma magari stanno lavorando sotto traccia e sarò smentito (spero!). Pallotta si dice disgustato. Bene, lo sono anche io. Ma dato che è lui il proprietario, gli chiedo: cosa si sta facendo per cambiare? Si sta pensando a un cambio di uomini (giocatori, e/o allenatore e/o dirigenti) che non si sono dimostrati all’altezza? SI sta pensando di rivedere qualche strategia, dato che l’attuale non funziona? Perchè dire di essere disgustato e aspettare gli eventi temo non cambierà la situazione. Forza Roma

    • Come no…ci sta pensando pallotta dall’alto della sua competenza in materia. Insieme al dimissionario londinese ossessionato da Totti. Co un buon vino e una citazione di proust se risolve tutto…

  13. AHAHAHAHAH Questà è da incorniciare :
    Rob lunedì 28/05/2018 – 16:12 at 16:12
    Bravo Jacopo (come sempre) e bravi tutti con i post a seguire. Ormai mi sembra che la maggioranza (la totalità forse?) sia d’accordo e preferisca/accetti la linea scelta dalla società.
    I “Pallotta caccia li sordi” credo abbiano ormai capito che tali discorsi, superficiali e improduttivi, qui non attecchiscono, il livello è troppo alto (lo penso veramente, senza spocchia alcuna, ma è talmente evidente…).

  14. @LE ULTIME PAROLE FAMOSE
    tra Pallotta caccia i sordi e Pallotta spenni bene i sordi (ne sono stati spesi una marea che in mano a gente competente avevano potuto anche portare qualche successo, fatevi il cintro di quello che si è speso ed incassato … ci si vinceva la guerra mondiale) ce ne passa, io dico BASTA co questi INCOMPETENTI !

  15. non so più che dire …. aiutatemi , perché penso una cosa e mi sembra sbagliata , ne penso un altra e forse è più sbagliata ancora… do ragione a chi dice “picche” ma anche a chi dice “quadri” ….
    è tutto sbagliato ed è tutto giusto ….
    sono nel caos più totale … come la Mia Roma …
    io sono fiducioso e ottimista di natura , speriamo , la speranza è l’ultima a morire …
    giustamente però … chi visse sperando morì cac…do — lo sò !!!!
    allora l’unica certezza è Forza Roma … sempre …

  16. Prova un po’ a dire ad uno come Agnelli o De Laurentis di mettersi da parte.
    È una società completamente sballata dove chi dovrebbe fare il presidente non lo fa, fidandosi oggi di questo, domani di quell’altro.

  17. Pallotta per quello che mi riguarda è l’unico responsabile di questa situazione.
    Congiutture del tipo che “con la Spal, Cagliari, Bologna, etc…non servono i campioni ” ha il tempo che trova. La realtà che questa società ha sposato in primis un progetto di trading e non economico che sono due cose ben distinte; è formata da un gruppo dirigenziale che in questi anni ha vivacchiato sulle posizioni da Champions e sulla meteora dello Stadio, piuttosto che aggregare la gente romanista grazie ad una conduzione societaria fatta con criterio, anche oculatezza perchè serviva, ma con degli obiettivi di vittoria, cosa che manca da anni. Dirò di più che non sono tanto i trofei che mancano, ma le figure che la nostra Roma ha fatto da quando c’è questa conduzione “amerikana” . Di contorno, una informazione ed una stampa romana che fino a ieri (ma guarda un po…) ha sempre sorvolato, o ha condito con belle parole l’operato dirigenziale. Anzi peggio: per difendere questa proprietà amerikana, si è andati sempre contro la Famiglia Sensi, millantando debiti e crack finaziario se non intervenivano Pallotta & Co. Niente di più falso. Il brutto è che sulla pelle della nostra Roma, la situazione è questa, frutto di anni di misfatto aziendale, di bei giocatori venduti, di mezze figure acquistate. Pallotta è il responsabile di tutto questo: ha polverizzato una società inculcando nel Direttore Sportivo di turno che ” ogni giocatore è vendibile ad un determinato prezzo “. Il resto di questo sfracello lo fanno certi tifosi, che ancora oggi, dopo l’ennesima figuraccia fatta a Cagliari, credono che veramente ” Pallotta sia disgustato “.

    • @ULTRA ROMA 63 , sono completamente con te . Fiino a quando non ci libereremo di Pallotta e Baldini questi saranno i risultati , poi staremo qui a trovare i colpevoli , Garcia – Sabatini – Monchi -Spalletti – Di fra – i giocatori , la mentalità , i tifosi – l’ambiente ……….Con Pallotta SOLO RIDIMENSIONAMENTO !!!!!

      • …e quindi ?
        Allora non iscriviamoci al campionato se deve passare quello che hai scritto. Mi pari un po troppo rassegnato al torpore che questa dirigenza ha portato a Trigoria.

  18. Ciao A tutti, Vi leggo con piacere ed ognuno ha una sua personalità, invito cupolone a non risentire per la sua espressione verace.
    “A ME ME PIACI COSI'”
    Comunque cupolo’, Anto58 non è la persona che definisci, poi fai come credi.

    Personalmente dopo Cagliari non so più cosa pensare e come definire la proprietà i dirigenti l’allenatore ed i giocatori, in una unica frase posso solo ribadire che questi non ci meritano.

    Ognuno di noi è incazzato a modo proprio la il motivo è sempre quello noi siamo innamorati della Roma…. ma purtroppo lo sappiamo solo noi.

    Comunque
    SEMPRE e SOLO FORZA ROMA.

    • Spoaccia62 Dimme una sola parola di come lo avrei definito. Me so letto e riletto e nun ho offeso nessuno.Piuttosto è lui che ma dato der coatto e io gli ho risposto da signore quale sono

      • Cupolone, io ci provo a spigare:
        Quanto avviene, a Roma la cassa di risonanza é enorme, ogni cosa viene ingigantita ed noi romani
        ” non me ne vogliano ”
        in genere me compreso siamo un tantino permalosi ed anche un tantino arroganti, pensiamo troppo spesso che la ragione sia solo la nostra, a volte andiamo oltre e dalla ragione qualche volta purtroppo ci capita di avere torto, vedi in tutte le capitali del mondo inclusi noi di Roma rimaniamo invisi o anche invidiati per dirla tutta a chi non é un cittadino di una capitale.

        “Per capitali intendo , Parigi, Londra, Madrid ecc… ecc. ”

        purtroppo a noi capita anche di vivere del passato e dei fasti storici che fecero grande Roma e le sue legioni e ci capita di pensare che Roma è tutto il resto del globo o che sia il centro del mondo.

        Vedi Cupolo tutto questo ci fa rimanere all’interno di un cerchio senza scappatoie che non ci connette alla realtà, questo è anche quello che viviamo nello stato sociale, è brutto dirlo è ancora peggio pensarlo, però l’espressione massima dell’incongeuenza e nell’attuale condizione di sopravvivenza che molte persone condividono e che spesso ci trova uno contro l’altro, posso fare tanti esmpi;

        Romanisti vs. laziali
        Onnivori vs. Vegani.
        Nordisti vs. Sudisti.
        Bianchi vs. Neri.
        Comunisti vs. Fascisti
        Mussulmani vs. Cristiani

        E così via all’infinito per ogni ordine o appartenenza.

        Io non voglio ne difendere ne incolpare nessuno ne tanto meno penso lo sia stato per Te Cupolone e per Anto58.

        Quello che vuole dire Anto58 e di uscire da questo cerchio è il momento di crescere, così come lo è per te nelle tue espressioni, anche se più caserecce ma della stessa efficacia, in fondo ognuno di noi ha una sua storia spesso é collegata a molti sacrifici, quando la vediamo essere attaccata o in sofferenza la difendiamo a costo di cadere anche in errore, ma sempre per difendere l’appartenenza di cui siamo fieri.

        Io mi auguro solo che nessuno si sia offeso, però posso affermare quanto ho detto perché spesso mi sono trovato in circostanze simili, purtroppo i campanili esistono dalla notte dei tempi e le lotte ci sono sempre state anche tra fratelli, Caino e Abele ne sono la prova, con questo invito coloro che scrivono su questo forum di trovare una dimensione che non sfoci nel vuoto ma che possa aiutare tutti a riflettere.

        Perdonate il pippone ma Vi voglio bene.

  19. Tranquilli è tutto apposto qualche cessione quà e là e s’aggiusta tutto del resto la metà della nostra tifoseria ie và tutto bene compreso il grandissimo Di Francesco e quello scienziato de Monchi insieme ar sor Pallotta.. DAJE CHE LO STADIO SE FARà NEL 2050 EDDAJE

  20. purtroppo io ho già visto cose come a cagliari, e indovinate chi era l’allenatore ?? comincia con la Z…
    una volta in casa prendemmo un goal con Aldair che stava a centrocampo e non ce la fece a recuperare … ed era tipo il 95° …

    • ha ha, sei buffo, glielo dici tu a capello che deve venire per stare 6 mesi? e a conte lo convinci tu a venire? nonostante anni di dichiarazioni d’amore anche ancellotti ha preferito il napoli… ha ha

  21. E` normale che quando non si vedono dei risultati, c’e` sempre del malumore, ma non per questo che tutto deve essere buttato via.
    Osservando bene i numeri, le pretendenti alla Champions, eccetto la Juve e Milan, tutti hanno perso punti rispetto lo scorso campionato, a dir la verita` la Roma ne ha persi di piu`, ma non vedo contestazioni nelle altre squadre.
    Molti degli acquisti estivi, sfortunatamente non stanno dando il loro contributo, cosi` come alcuni di loro sono stati acquistati solamente per la panchina, come Coric, Bianda (per la verita` neanche per la primavera), Marcano, Santon, Zaniolo, cosi` come i due portieri aggiunti ad Olsen.
    Una delle poche notizie positive, e` che la Roma ha gia` superato il turno in Champions, inoltre sta` giocando con moltissimi giovani, che poi quanti ne resteranno, non sta` a me dirlo, non faccio mai i conti in tasca ad altre persone.
    Tutti amiamo la Roma, tutti nel loro cuore, considera la Roma la migliore squadra al mondo, poi c’e` la realta`, si sono vinti 3 scudetti in poco piu` di novanta anni, di cui gli ultimi due, hanno portato la proprieta` quasi in banca rotta.
    Il calcio e` cambiato, non esiste piu` il “presidente” come Berlusconi, Moratti, o come nel nostro caso come Viola o Sensi, che hanno dovuto vendere perche` non avevano piu` soldi per andare avanti.
    Ora le proprieta` sono gruppi finanziari, o come il PSG ed il City, che hanno il petrolio di stato, ed anche loro sono sotto la lente della UEFA.
    Ma poi quelli che dicono “caccia i sordi”, hanno comprato i vari gadget originali o tarocchi? Anche questo fa parte del discorso Roma.
    A presto

  22. @cupolone … conosco anche io @Anto58 .. nel mio piccolo, credo che il suo pensiero si possa riassumere così (e mi ci ritrovo). Anche se ci fa male .. Roma è una città di m….. Un autobus su tre esplode per autocombustione (così ci dicono ..). Ho amici che non incontro da anni, perchè un giorno hanno preso il motorino .. so finiti dentro una buca, e non ne sono più usciti. Lo scorso anno, ci “donano” l’albero di Natale .. e siamo diventati lo zimbello nel MONDO (io ero a Bangkok, e me l’hanno ridetto pure lì). Però .. però noi ci incazziamo se viene uno straniero a .. ” fare il business”. E nemmeno glielo fanno fare. Perchè il sistema delle mazzette viene scoperto .. quando lo si vuole scoprire.

    Poi ci siamo noi tifosi .. che ormai ci insultiamo… “laziale di qua” … “Pallotta boys di là” … ma che vuol dire ??? Io lo ammetto .. ho provato SEMPRE a ragionare sulle scelte fatte dalla società e da Monchi. SEMPRE .. perchè sono fatto così. Io mi incavolo con @Texber (scusa, ti prendo solo come esempio) quando viene qui a scrivere che se uno “difende” una scelta .. è un ridicolo. Ma ridicolo di cosa ???
    Lo ripeto … l’idea Pastore non mi convinceva .. ma ho capito che si cercava un giocatore con quelle caratteristiche. L’idea via Nainggolan, la condividevo e la condivido tuttora. Strootman ? Anche lui .. ma non con quelle modalità.
    Sapete perchè non insulto Monchi ? Perchè io, al suo posto, quest’estate avrei salutato Schick ed avrei preso Balotelli e Berardi. Per cui immaginatevi cosa avreste detto di me come DS…
    Soluzioni ? Non ce ne sono. L’unica speranza è lo stadio .. ma non perchè così è contento Pallotta … ma perchè SOLO COSI’ (forse) avremo più soldi da investire.
    Fino a quel momento, questa è la minestra. Magari il prossimo anno azzeccheremo due ragazzotti o due semi sconosciuti … ma la pappa non cambia … perchè non può cambiare. E si compete con la Juventus che contro di noi potrebbe permettersi di schierare l’Under23 …. Questo è il punto.
    Il mio amico @Lupo52 direbbe, a questo punto: ce lo dovevano dire”. Davvero amico mio ?
    Io non credo … non possono. Perchè quando vanno a fare la chiacchierata con la QATAR, due stronzate devono poterle dire per avere più soldi.. e quindi si deve far finta di voler (o poter) competere.

    Io ho un sogno … TUTTI qui, in un modo o nell’altro, soffriamo, ci incavoliamo e, tanto, non possiamo incidere direttamente. Anche voi che siete più portati ad insultare, sabato, come mai non eravate a Fiumicino a vomitare (giustamente) insulti ? Perchè siamo stanchi. Tutti. Ed allora, pur con idee diverse, mi piacerebbe che potessimo stringerci tra di noi e sorreggerci insieme .. come si faceva una volta in curva.
    Ragazzi miei, Forza Roma e Forza Lupi .. ma i tempi cupi, non se ne sono mai andati via .. s’erano solo nascosti….

    • Fabrizio, pero’ con tutto il rispetto non si puo’ sentire che condividi dare via uno come Naingollan e poi dici avresti preso Balotelli, che caratterialmente e’ il peggio che si possa trovare, altro che Naingollan, se il Ninja per te e’ un giocatore finito, Balotelli non ha mai iniziato a essere un giocatore, tra un po’ manco nel cortile di casa sua gioca visto che e’ stato scaricato dal Nizza, pensa un po’….e poi mi dispiace il trading finanziario si e’ dimostrato fallimentare, a livello sportivo, perche’ le squadre vanno puntellate non rivoluzionate tutti gli anni, a meno che certo nella squadra c’hai tutti giocatori scarsi, e ti parla uno che e’ convinto che i giocatori presi non sono scarsi, almeno in prospettiva, mentre pastore nonn mi ha mai convinto….pero’ speravo di sbagliarmi, poi critico Monchi perche’ ha detto che avrebbe fatto mercato comprando uomini,convinto che avrebbe preso giocatori di personalita’, e invece prendendo pastore hai fatto tutto il contrario….mi sono sbagliato su shick ero convinto che schierato come giocatore al posto di Dzeko e punta centrale per qualche partita avrebbe dimostrato la stoffa…altra delusione, e allora a Dicembre occorre gia’ pensare alla campagna acquisti di Giugno e ad una nuova rivoluzione, anche se il rischio e’ che stavolta non fai manco trading, perche’ se continuano cosi, i giocatori te li pagano due spicci….

      • Ciao Fabrizio, lo sai che sostanzialmente la pensiamo allo stesso modo, cerchiamo di ragionare andando oltre all’enorme incazzatura che la roma ci sta regalando in questa stagione che solo i ciechi non possono che definire come “fallimentare”. il punto è che solo con il ragionamento e andando al di là dalla mentalità da GRA che se ne esce, ma siccome troppi sono racchiusi mentalmente nel piccolo mondo del Raccordo anulare la reazione è quello dello sputare veleno fine a se stesso.
        Sono gli stessi che quando le cose vanno bene esaltano i giocatori e l’allenatore di turno, poi ne chiedono la testa. quante volte ho fatto questo esempio….3 allenatori totalmente diversi tra loro come Luis Enrique , Ranieri e Spalletti che appena lasciata questa città e questo ambiente sono diventati dei vincenti qui non hanno combinato nulla, insomma erano dei “cretini” solo quando stavano a Roma, e la loro stupidità è finita appena hanno messo il piede fuori il GRA. come mai? Nessuno sa rispondere, o meglio troppi non vogliono rispondere perchè poi la verità fa male, meglio insultare più comodo e soprattutto non costa nulla per menti che ragionano con le parti bassi.
        E stai sicuro che se mai venisse Conte farebbe la stessa fine.
        ringrazio di cuore l’amico Lupo e Spaccia e Fabiano ma rispondendo a marks io ho fatto solo dei ragionamenti generali, non ho indicato nessuno, se poi qualcuno ha subito risposto a cavolo vuol dire che aveva la coda di paglia, quindi ha confermato in pieno le mie teorie, ai 2 decerebrati che hanno insultato sopra nemmeno rispondo perchè le loro parole contano come il due di bastoni quando regna denari, ma agli amici come voi ci tengo molto perchè vi conosco e pur nelle differenze di vedute su alcuni punti della nostra Roma che tanto cj fa penare, trovo sempre un grande amore per i nostri colori

    • sono d’accordo che lo stadio è la chiave di volte, come d’altronde lo è stato per la juve. davvero vorrei che i nostri tifosi la smettessero di osteggiare “lo stadio di pallotta”, perché è chiaro che Pallotta vuole fare business con la roma, ma chissene frega, è normale, viviamo in una società capitalista se non si fosse notato, l’importante è considerare cosa questo porta alla causa…

      • Il professore,il tuo nick incute rispetto,ma non te ne approfittare(si scherza eh!).Scusa ma come fai a dire che lo stadio è stata la chiave di volta della rube,dimentiche che gli scudetto li vinceva a iosa anche prima.
        La rube vince perche’ha 13 milioni di tifosi ed un fatturato che è il triplo del nostro,in cui lo stadio ha una piccola parte,e soprattutto dimentichi le sinergie della FCA.
        Purtoppo questi sudici hanno tutto un altro appeal rispetto a noi.
        Lo stadio per noi sara’ importante,non gia’ perche’ James investira’ di piu’,ma perche’ sara’ appetibile per un eventuale compratore.
        Se è vero che è venuto ad investire per speculare(legittimamente),non avrebbe senso che i proventi dello stadio li mettesse nella squadra,non ti pare?
        Comunque questo è il mio pensiero,legittimo come il tuo e quello di tutti gli altri,Capito Texber?
        Forza Roma(quella di tutti)

        • è vero, la juve a sempre vinto, ma mai cosi tanto… se non altro le strisciate riuscivano a contrastare ogni tanto… da qualche anno hanno cambiato marcia, e ora sono competitivi in europa, fino a prendere ronaldo e essere tra le 4 favorite per vincere CL. Mi posso sbagliare (in realtà non seguo la juve), ma penso che questo cambio marcia sia dovuto allo stadio. devo dire (e qui mi preparo al fuoco) che nonostante siano e rimangano la squadra più odiosa, la loro gestione dopo il ritorno in serie A è stata spettacolare, assolutamente da paura, mi fa una grande invidia…

        • Scusa @fabiano ma non capisco una cosa: dici che lo stadio sarà importante non per gli investimenti (sulla Roma) ma perché così sarà appetibile per un compratore.

          Ma anche un eventuale compratore mica lo comprerebbe “a perdere”… nel commercio non ci sono benefattori, altrimenti non è commercio 🙂
          Qualunque tipo di commercio funziona che compri a x e rivendi x + y, ma quella y a sua volta è divisa in numerose voci che, nel nostro caso, comprenderebbero il miglioramento della rosa giocatori.

          Un ipotetico (lo dico da ignorante in materia) motivo per cui Pallotta potrebbe voler vendere è che ormai di soldi su ‘sto progetto stadio ce ne ha messi talmente tanti “a vuoto”, -senza che sia ancora stato approvato-, che sta raggiungendo o sta per raggiungere la cifra oltre la quale il gioco non varrebbe la candela, non farebbe più in tempo a farci un utile in tempi umani (ripeto, è solo un’ipotesi).

          A quel punto, sì, tanto varrebbe vendere sperando però (dal nostro punto di vista) che arrivasse qualcuno con veramente TANTI soldi, tanti da permettere non solo la spesa stessa, ma ANCHE il miglioramento della rosa.

          E possibilmente che non fosse un nazista sanguinario, aggiungo io.

          Un saluto!

      • in realtà uso lo stesso nick da 10 anni in questo sito. non scrivo spesso, solo quando sono deluso come lo sono adesso, o super felice, mai scrivo per insultare, mi piace argomentare. salute a tutti. in questo caso il mio punto di visto è semplice, di francesco va cambiato, i giocatori non saranno sufficienti per vincere scudetto e CL, ma neanche così scarsi da giocare come giochiamo da inizio anno

    • Ciao Fabrì. Io non o mai insultato nessuno,dico mai. E me ne anno detto de tutti i tipi ,che so ignorante (e ce po sta..) che so coatto ( tocca vedè poi chi me lo dice…) che nun ce capisco na mazza e altro ancora. Se qualche volta mi hai letto lo sai bene che io non o mai apostrofato de brutto nessuno ma li ho risposto co ironia senza mai sta a trascenne. Però mo me comincio a stufà so bbono ma nun so fesso

  23. Una domanda.. ma avete visto la partita di Cagliari ??
    Perché anche quando stava in vantaggio la Roma non ha mai dato l’idea di una squadra nettamente superiore. Abbiamo giocato in 10 per buona parte della partita con Shick impalpabile. Il nostro centrocampo ormai non incute più timore a nessuno (senza Radja, DDR e Kevin) è troppo debole fisicamente. Si abbiamo ottime individualità davanti ed anche dietro, ma si è rotto la spina dorsale della squadra delle scorse stagioni (il centrocampo). Non riusce né a difendere , né ad attaccare.. Servono assolutamente rinforzi a centrocampo !! Ci sono troppi ragazzini in campo e mi spiace dirlo ma non vi è una qualità superiore nel nostro centrocampo rispetto alle altre squadre di metà classifica..
    IO NON SONO ASSOLUTAMENTE OTTIMISTA SUL FATTO CHE RAGGIUNGIAMO IL QUARTO POSTO E SAREBBE ORA CHE QUALCUNO A BOSTON LO CAPISSE … LE SCELTE SBAGLIATE ESTIVE NON CI STANNO SOLO FACENDO PERDERE LA STAGIONE, MA RISCHIAMO UN BUCO FINANZIARIO GRAVE COME SOCIETA’ SE NON CI QUALIFICHIAMO IN CHAMPIONS. SARA’ POI DIFFICILE TROVARE ACQUIRENTI CUI CEDERE LA SOCIETA’.

  24. Buonasera a tutti, leggendo i vostri commenti in parte mi trovano in linea con il mio pensiero, scrivo in parte perchè sono convinto che Di Francesco non abbia tutte le colpe. Il mister avrà sbagliato qualcosa ma la verità è che in campo spesso ci ritroviamo giocatori che svalvolano o si specchiano per i social. Credo che le colpe non siano neanche di Pallotta, ma di Monchi. Lo spagnolo credo abbia pensato di portare alla Roma dei giovanotti che forse in un calcio spagnolo avrebbero fatto bene, ma è anche vero che se non metti a disposizione dei giovani degli esperti vicino non si va da nessuna parte. Oltretutto se dei vecchi ti ritrovi gente che mentalmente è fragile e del leader ha ben poco…
    L’unico leader in campo potrebbe essere De Rossi che purtroppo è infortunato, oltre a Kolarov che però anche lui spesso va in amnesia. Cambiare allenatore sarebbe un disastro percheè qualsiasi fenomeno arrivi vorrebbe cominciare da zero, non è possibile. Secondo me bisogna portare a Trigoria nel mercato invernale calciatori esperti con carattere, in modo che Di Francesco possa essere aiutato a gestire sti 4 mocciosi senza attributi.

  25. Scrivo poco ma vi leggo sempre con interesse. Non mi interessa ora fare discorsi pro o contro pallotta oppure monchi. Volevo portare un piccolo contributo. Sabato era ero allo stadio…ahimè per vedere la Roma. Non so se i cronisti abbiano riportato il fatto che ci fosse forte vento da curva Nord a curva Sud. Quindi nel 2 tempo avevamo vento contrario. Negli ultimi 20 minuti bastava che il Cagliari sollevasse palla, e noi andavamo in difficoltà. Questo perché la difesa rimaneva altissima, e il gol del pareggio è emblematico. Abbiamo tenuto una linea difensiva zemaniana senza che di fra intervenisse. Questa è stata la sua più grande colpa, forse anche più dei cambi durante i quali tra romanisti ci guardavamo con occhio truce. Se ci fosse stato anche solo Gattuso, l’ultima palla non avrebbe permesso fosse lanciata via ma sarebbe entrato in campo lui per costringere olsen a giocarla corta. Contano i particolari ed evidentemente su questi poco si lavora.

  26. leggere certi commenti di personaggi noti e meno noti che sono allenatori. scopritori di talenti. presidenti. pseudo tifosi della roma fa capire che per distruggere una societa e una squadra ci vuole pochissimo,è un momento no che stiamo vivendo, e che solamente attaccando tutto e tutti non riusciremo a superare. sarebbe il caso che ex giocatori,commentatori giornalisti e altro che si dicono romanisti facessero un solo discorso,uniti per superare la crisi e con calma cercare di riordinare le idee e il gioco essere romani e romanisti non è un obbligo, ma si sente nel cuore usiamolo tutti insieme

  27. Non preoccupatevi ce ne sarà per tutti, ora non correte a cambiarvi i nick
    Fidel96 giovedì 07/06/2018 – 14:58 at 14:58
    Ciao Balbo, ti ringrazio per questo aspetto di Monchi che non conoscevo, questo episodio tratto dal suo libro mi fa capire quanto sia una persona intelligente empatica e con una visione di insieme di dinamiche (di spogliatoio, di ambiente) che vanno ben oltre la semplice capacità di vendere e comprare calciatori. Monchi è in grado di costruire un gruppo capace di dare il massimo ed è fondamentale per questa squadra, dato che anche quest’anno a un certo punto si sono seduti. Ma sono convinto che con il gruppo che costruirà Monchi non accadranno più episodi del genere

  28. Ehm… una domanda. Perché quando va tutto bene questa affluenza di gente che scrive diminuisce? Se qualcosa va storto… subito pronti a dire la propria per portare acqua al proprio mulino e a scrivere e scrivere… e scrivere!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here