Pallotta: “La Roma contrasta ogni forma di razzismo e antisemitismo”

21

PALLOTTA ROMA RAZZISMO“Tutti sanno che la Roma contrasta e combatte ogni forma di razzismo e antisemitismo”. Queste sono le parole di James Pallotta a La Repubblica. Il presidnete giallorosso ha voluto rispondere così agli adesivi rivendicati da un gruppo romanista e con chiari riferimenti antisionisti: “Lazio, Napoli, Israele, stessi colori, stesse bandiere, mer…e”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

21 Commenti

  1. Per chi non lo sapesse, e sembra che il presidente in primis non lo sappia, antisemitismo è quando dici ebreo di m**** antisionismo è quando dici israle m*****.
    Ora, qui nascono due domande: 1) chi li ha scritti conosce la differenza? lo hanno fatto con cognizione di causa? Perché se è stato fatto con cognizione di causa può anche essere condivisibile.
    2) detto quanto sopra, se avessero scritto colori come quelli di un paese arabo, magari pure teocratico, si sarebbe sollevato sto teatrino?
    Mah!

    • Dai su,
      Antisionismo sarebbe dire “Sionismo M****”
      dire invece Israele m**** è antisemitismo e razzismo insieme.
      Punto, se non credi a me consulta almeno il vocabolario.

      • Sono d’accordo con te, Nico.

        Antisionismo non vuol dire urlare “Israele merda”, ma semplicemente criticare la politica imperialistica ed espansionistica di Israele ai danni del mondo arabo. Non è questo il luogo per discuterne, ma chi parla per sentito dire e pensa che Israele sia l’unica democrazia del Medio Oriente si vada a studiare la vita di Vittorio “Vik” Arrigoni o semplicemente chieda a Ilan Pappe (non certo accusabile di antisemitismo).

        Per quanto riguarda il vocabolario, ecco che cosa dice alla parola Sionismo: “Movimento politico-religioso sorto negli ultimi anni dell’Ottocento, tendente alla costituzione di uno Stato ebraico sovrano e indipendente dove potessero ricongiungersi tutti gli Ebrei dispersi nel mondo”. Quindi l’antisionismo non ha nulla a che vedere con l’antisemitismo (anche perché esistono ebrei antisionisti…antisemiti pure loro???).

        Detto questo, da quel che leggo non mi sembra che sia stato Pallotta a definire quegli stupidi, idioti, imbecilli, razzisti e antisemiti striscioni come “antisionisti”, ma il relatore dell’articolo.

      • Ahi beata ignoranza… a parte il fatto che son semiti anche gli arabi, sai quanti ebrei antisionisti ci sono? Semplicemente son antisionisti tutti quelli che pensano che politicamente chi si definisce stato di israele occupa casa di altri sempre grazie ai britannici eh.

  2. Riscrivo anche qui il commento per paura che si perda.

    Sono d’accordo con te, Nico.

    Antisionismo non vuol dire urlare “Israele merda”, ma semplicemente criticare la politica imperialistica ed espansionistica di Israele ai danni del mondo arabo. Non è questo il luogo per discuterne, ma chi parla per sentito dire e pensa che Israele sia l’unica democrazia del Medio Oriente si vada a studiare la vita di Vittorio “Vik” Arrigoni o semplicemente chieda a Ilan Pappe (non certo accusabile di antisemitismo).

    Per quanto riguarda il vocabolario, ecco che cosa dice alla parola Sionismo: “Movimento politico-religioso sorto negli ultimi anni dell’Ottocento, tendente alla costituzione di uno Stato ebraico sovrano e indipendente dove potessero ricongiungersi tutti gli Ebrei dispersi nel mondo”. Quindi l’antisionismo non ha nulla a che vedere con l’antisemitismo (anche perché esistono ebrei antisionisti…antisemiti pure loro???).

    Detto questo, da quel che leggo non mi sembra che sia stato Pallotta a definire quegli stupidi, idioti, imbecilli, razzisti e antisemiti striscioni come “antisionisti”, ma il relatore dell’articolo.

      • Va o Patrizio, quando.si ragiona conda persone di cotanta lungimiranza, si cerca di semplificare al massimo i diacorai. Il mio riferimento era puramentw alle scritte trovate. Diversamente dai laziali, che han tirato fuori anna frank, e hanno dimoatrato tutta la loro demenza; qui qualche romanista ha tirato fuori questo. Allora, dato che si parla di colori e bandiere, l’attacco è esplicito allo stato. Giusto per puntualizzare, esistono israeliani musulmani e anche cattolici. Dunque, prendersela con la stella di davide, il loro stato e il modo in cui attuano la loro politica a 360°, bè, quello è antisionismo. Ed io son antisionista. Ma se uno è ebreo non me me frega niente, semplicemente crede in un dio che a mio avviso non esiste e magari, come lo sono tendenzialmente gli ebrei, è tirchio.
        Va bè, ma che parlamo a fa….

  3. Questi minorati volevano professare il loro antisemitismo. Solo che, essendo anche ignoranti sono stati involontariamente antisionisti. La bandiera di una nazione rappresenta i cittadini di quella nazione e non il loro personale credo religioso.

    • E ‘nfatte se vede do semo finiti. Caro steio, a cercar sinonimi di stupido per fa bella figura. E comunque nella bandiera italiana il rosso c’è, ed è il mio colore preferito. Statte bene!
      L’unica cosa sensata l’hai detta in fondo.
      Ciao

      • @steio scusa ma la prima risposta ho interpretato male, quindi qui la rettifico totalmente. Perdono! Prendi per buona l’ultima. Sull’azzurro che hai menzionato ho interpretato male, e in effetti quel che dici non fa una grinza.

    • E qui proprio non posso che condividere in pieno, come ti ho accennato sopra.
      Era proprio questo il punto, di tutta sta conversazione, con una marea di risposte inutili, al mio primo post, questa è la risposta. Ma in fondo la conoscevo già.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here