PAGELLE Ranieri buona la prima. Schick si riscopre bomber, ElSha lo è sempre di più

6

PAGELLE ROMA EMPOLI – La Roma batte l’Empoli 2-1 nel posticipo della 27esima giornata e Claudio Ranieri festeggia il ritorno sulla panchina giallorossa con una vittoria. All’Olimpico, i padroni di casa sbloccano il risultato al 9′ con El Shaarawy e regalano il momentano pareggio ai toscani con l’autorete di Juan Jesus al 12′. E’ di Schick, al 33′, la rete che vale il 2-1. Nel finale, in 10 per l’espulsione di Florenzi, la Roma rischia grosso: Krunic firma il 2-2 ma l’arbitro Maresca, con l’ausilio del Var, annulla per un tocco di mano di Oberlin nel corso dell’azione. Il prezioso successo in chiave Champions consente ai giallorossi di salire a 47 punti, a 3 lunghezze dal quarto posto occupato dall’Inter.

Giulia Spiniello

OLSEN NG. L’Empoli non gli dà modo di mettere in mostra le sue qualità.

FLORENZI 7. Mette lo zampino sia sul gol di El Shaarawy che sul raddoppio di Schick. Nel giorno del suo compleanno è dei più positivi in fase di non possesso e in attacco. Ammonito per proteste, si becca un doppio giallo dubbioso che lascia in 10 la squadra.

JESUS 5. Che errori sul pari dell’Empoli, sembra quasi che miri la porta, messo male con il corpo spedisce lui la palla alle spalle di Olsen. Dopo quella distrazione clamorosa non rischia più nulla.

MARCANO 6,5. Rispetto ad altre prestazioni dà l’impressione di essere più sereno e solido. Partita attenta.

SANTON 6. Difende senza sbavature, quando spinge in avanti lo fa con intelligenza. Ha giocato meno degli altri in questi mesi e si vede per freschezza e lucidità senza fare cose stratosferiche.

CRISTANTE 6. Si barcamena tra la dovuta aggressività a rubar palla e il dispensar palloni a destra e sinistra. Sbaglia qualche appoggio di troppo e si prende anche un giallo.

NZONZI 7. Dopo un avvio nell’anonimato, sale in cattedra con una prova maiuscola per sostanza e personalità. Dopo due recuperi importanti in mezzo al campo l’Olimpico è tutto per lui e gli tributa un’ovazione meritata.

KLUIVERT 6. Si accende nel finale di primo tempo con una bella percussione che si porta dietro due empolesi, poi spreca malamente scegliendo il tiro anzichè il passaggio o il cross. Fa tutto bene, si complica la vita quando deve chiudere le azioni.

EL SHAARAWY 7. Sblocca il match con un bel gol, bravo a raccogliere palla fuori area e con un gran destro a giro la infila sotto l’incrocio alla sinistra di Dragowski. E’ il suo nono centro in stagione nel giorno della sua 100esima presenza in A. Con l’ingresso di Perotti va a fare la seconda punta. Si becca un giallo per simulazione praticamente frutto di fantasia.

SCHICK 7. Un gol di rabbia che riporta la Roma in vantaggio: salta più in alto di Pasqual e per lui è un gioco da ragazzi insaccare il pallone di testa a fil di palo alla destra di Dragowski. Dopo la rete combina poco e si spegne del tutto. Il suo sigillo è però determinante per il risultato.

ZANIOLO 6. Fallisce un’occasione clamorosa nel primo tempo. Poi dopo 10 minuti dall’inizio del secondo tempo deve arrendersi al polpaccio che gli ha dato noia in questi giorni.

Dal 54′ PEROTTI SV. Entra al posto di Zaniolo.

Dall’84’ CELAR SV. Entra al posto di Schick.

RANIERI 7. Per il suo ritorno deve fare ameno di una lunga serie di assenze tra squalifiche e infortuni. Riparte dal 4-2-3-1 e sulla trequarti si gioca la carta Kluivert. Con il minimo sforzo la squadra trova il vantaggio, e con il minimo sforzo regala anche il pari all’Empoli. Uno Schick tornato determinante decide il risultato e sir Claudio può godersi i 3 punti al debutto.





Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

6 Commenti

  1. Ragazzi se vogliamo raccontarci le storielle nessuno ce lo vieta, però è chiaro che se continuiamo a giocare così sarà già tanto se arriviamo in Europa League…partita brutta, gol a parte, e centrocampo inesistente, ci salva il Var…

  2. RANIERI E’ APPENA ARRIVATO E’ AVRANNO FATTO 2 ALLENAMENTI SI E NO MANCAVA MEZZA SQUADRA IN PIU’ DEVONO IMPARARE UN’ALTRO MODULO DI GIOCO IL PRIMO GOL ERA FUORIGIOCO ERANO MEZZI INFORTUNATI E CON LA PAURA DI SBAGLIARE OGNI GIOCATA DIAMO UN PO’ DI FIDUCIA AA NOSTRI GIOCATORI E A RANIERI HO VISTO IL MILAN PUNIZIONE INESISTENTE E HANNO FATTO GOL FALLO IN ROVESCIATA DI PYATEK E HANNO FATTO GOL QUINDI ENTRAMBI ANDAVANO ANULLATI HO VISTO L’INTER E FA PENA X COME GIOCA SOLO UNA GRANDE FORTUNA GLI HA DATO I 3 PUNTI

  3. Che commenti stupidi! Squadra più che dimezzata, sulle gambe per la gara con supplementari a Porto, molti hanno giocato con problemi fisici, hanno finito in 10 e anche schierati con un modulo mai usato. Prima di fare qusti commenti collegate il cevello.
    Sui voti vedo grossi abbagli: Jesus ha colpito male perché è stato caricato da Marcano, basta guardare il replay. Voto troppo basso a Kluivert (tra i migliori) e troppo alto a Florenzi e non per l’espulsione ma per i troppi errori in fase difensiva. Strano il 7 a Nzonzi che è sempre stato giudicato pessimo a prescindere…

  4. Confrotando i vostri voti con quelli dei quotidiani si può dire che siete stati un po di manica larga?
    Tutti quei 7 neanche avessero vinto 5-0…e la partita l’abbiamo vista…2-1 è quasi un risultato bugiardo per come hanno giocato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here