PAGELLE. Kolarov illude, Fazio si consegna anima e corpo, Manolas svagato. Florenzi da dimenticare, Olsen lì per caso

16

PAGELLE FIORENTINA ROMA – Chiesa, Muriel, Benassi e Simeone. Sono in nomi dei giustizieri della Roma: 4 per 7 gol, pugnalate alla Roma più brutta degli ultimi 10 anni. Nessuno ovviamente raggiunge la sufficienza, si avvicina al 6 il solo Kolarov, meritevole di aver illusi i poveri tifosi arrivati a Firenze per seguire la Magica sbiadita con la pioggia e con il freddo.

Giulia Spiniello

OLSEN  4. Incubo Chiesa! Si fa beffare tre volte dal giovane figlio d’arte che non lo perdona. Sul terzo gol è beffato dalla deviazione di Nzonzi. Eivta il quarto centro al 40′ sempre sul 24 gigliato, ma non può nulla su Benass e poi su Simeone nel finale. Sembra esserec

FLORENZI 4,5. Si fa saltare da Mirallas sul terzo gol viola e soffre da morire le discese di Biraghi. In avanti si vede pochissimo. Serata da dimenticare.


FAZIO 4. Si fa sorprendere sui gol, troppe marcature sbagliate in area di rigore. Si consegna completamente alla coppia Chiesa-Muriel!

KOLAROV 5,5. Illude raprendo il match al 28′ con un gran gol da fuori area, un sinistro potente e preciso che non lascia scampo al portiere viola. Non bene in fase difensiva, tiene in gioco Chiesa sul gol.

MANOLAS 4.5. In grande affanno anche lui sugli attaccanti viola, svagato come poche lo abbiamo visto da quando è alla Roma.

PASTORE 4. Ritrova una maglia da titolare, dopo il match con l’Entella e va a occupare la mattonella di Pellegrini. Non convince Di Francesco che gli concede solo un tempo, ma non è solo colpa dell’ex PSG.

ZANIOLO 5. Ancora in evidenza anche oggi. Un carrarmato quando si presenta davanti alla porta, ma da solo non basta. Ammonito per un intervento in gioco pericoloso a centrocampo, si perde anche lui nella mediocrità della Roma del Franchi.

NZONZI 4,5. Sfortunato sulla terza rete toscana quando devia la conclusione di Muriel che inganna Olsen. Incide poco e male in mezzo al campo.

CRISTANTE 5. Grida vendetta il palo centrato al 10′. L’impegno non manca, ma si fa trascinare dalla pochezza di chi lo circonda in campo e molla gli ben presto gli ormeggi anche lui.

EL SHAARAWY 5. In evidenza per l’assist-gol fornito a Kolarov, è tra i meno responsabili della debacle del primo tempo. Si becca il giallo per una entrata in ritardo su Laurini.

SCHICK Il primo squillo lo suona al 44′, un po’ tardino…

46′ DZEKO 4,5. Entra al posto di Pastore, ma il suo contributo non aiuta la squadra, che lascia in 10′ al 71′ per una espulsione diretta per proteste.

46′ PELLEGRINI 5. Entra al posto di Nzonzi ma combina poco, naufraga con il resto dlela squadra.

76′ DE ROSSI NG. Entra al posto di El Shaarawy e meriterebbe un 7 per il coraggio e la dignità con cui si presenta in campo dopo una partita scempio dei suoi compagni. Bentornato dopo 3 lunghi mesi di assenza!

DI FRANCESCO 4 Rinuncia a sorpresa a Dzeko e rilancia dal 1′ Schick, ma il problema di serata, e non solo, è la retroguardia: imbrazzante l’approccio alla partita e la gestione. La sua squadra si presenta in campo senza capo nè coda, senza anima nè idee. La rimonta subita dall’Atalanta era solo

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

16 Commenti

  1. Io mi auguro che questa societa’ vada via da Roma .
    Lo dissi un tempo in una radio romana 6 anni fa
    Pallotta ci sta portando in purgatorio , ora ci ha portato all’inferno.
    Fate voi se volete farvi ancora del male di questa societa’

  2. Se questa ennesima umiliazione in salsa ammerigana stracciona non scuote l’ambiente, non so cos’altro debba ancora succedere.
    Non ho memoria di sconfitte simili in campo italiano (togliamo i 7-1 e 6-1 in CL) ma questa è indubbiamente una delle pagine più vergognose della ns storia.
    In un moto d’orgoglio DiFra (che ha pure grandi colpe) dovrebbe rassegnare le dimissioni già stasera, comunicato stampa :”Mo’ ammateve da soli”.

  3. Io rimango sempre un fucking idiots, ma questa dirigenza non rappresenta la Roma
    Ho scritto questa estate di quello che pensavo della campagna acquisti, in tanti tifosi che ancora vedono la Roma con gli del bambino in innamorato, scrivevate di aspettare, di vedere prima di criticare. Oggi è il trenta Gennaio ed abbiamo pazientato così tanto che siamo fuori da tutto e purtroppo è anche finito il tempo per rimediare sul mercato.
    Ragazzi sveja oggi dobbiamo essere dei clienti e dobbiamo esigere il rispetto, non pretendo messi mbappe, ma una squadra fatta con logica si.
    Non possiamo chiamarci dietro la scusa del Fair play, o chi se la compra la Roma, perché un qualsiasi buon gestore farebbe meglio di questa auto gestione, ed essere più duri come tifosi verso la società non facendole arrivare soldi, perché questa è la lingua che parlano da affaristi, oppure facendo una guerra social sulla loro gestione,
    questa Roma ogni anno ha un buco in uno o più ruoli e doppioni in altri solo per una logica affaristica.
    Per fortuna anche quest’anno abbiamo pescato il jolly zaniolo che ci permetterà di tirare a campare con la sua plusvalenza.
    Oggi più che mai non voglio offendere nessuno, ne prendermi rivincite, su chi? Su un altro tifoso distrutto? Però aprite gli occhi e iniziate a fare muro anche voi perché c’è un limite a tutto

    • Povero illuso e quando lo fanno muro questi, domani rinizieranno a scrivere le loro baggianate, dicendo che la colpa di tutto ciò, siamo noi contestatori, laziesi che portiamo iella.
      Ricordati una cosa caro amico, con i muli, dementi e infatuati non si ragiona.
      Mai.

  4. Ultima cosa, non voglio più leggere un commento positivo su Olsen spero che finalmente sia evidente che un portiere scarso, con tanti altri e bassi, perché è un buon atleta ma che ha una tecnica di base scarsa e la reattività non la sua dote migliori così come le uscite a presa alta

  5. Manco giocavamo col Barca o Bayern. Sette gol dalla Fiorentina. Ci siamo andati vicino in passato ma credo stasera siamo riusciti davvero a toccare il fondo. Complimenti.

  6. è vero che forse quel tifoso romanista avrà sicuramente esagerato con le parole dirette a Manolas, ma
    forse aveva capito prima, come sarebbe andata la serata….e il sig. Manolas lo ha apostrofato con un
    epiteto che non ripeto, ma faccio una domanda al terzino della roma …ora chi è il co…ne , amico mio
    amatissimo. senza di noi sareste tutti, dico tutti, poco più di niente. educazione rispetto e voglia di fare
    ecco cosa manca a i lor signori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here