‘Non Rassegniamoci’. Marini: “Schick ininfluente”. Maccheroni: “Calendario favorevole, ma mancano i ricambi”

0

ROMANEWS WEB RADIO – Torna l’appuntamento con la rassegna stampa sulla Web Radio di Romanews.eu. Si riparte con “Non Rassegniamoci”. Dalle 7.30 alle 10.30 Federico Prosperi e Simone Brozzesi vi terranno compagnia con la lettura dei principali quotidiani sportivi, ma non solo: commenti, notizie, esclusive, collegamenti con giornalisti e aggiornamenti sulla Roma, rigorosamente in diretta.

COME ASCOLTARCI – Sulla homepage di Romanews.eu basta cliccare sul banner in alto, oppure visitare direttamente il canale della nostra Web Radio su Spreaker (https://www.spreaker.com/user/romanews.eu). In alternativa si può seguire live la puntata visitando la nostra nuova applicazione Romanews.eu, disponibile sia per dispositivi Apple che Android, e cliccare sul microfono in alto a destra.

COME INTERAGIRE CON NOI – Potete intervenire in diretta, commentando live sulla nostra pagina Facebook Web Radio Romanews, oppure inviando un messaggio (SMS o Whatsapp) scritto o vocale al numero 3926525501.

I COLLEGAMENTI – Prima parte di trasmissione dedicata alla rassegna stampa. Alle 9.30 via ai collegamenti: si parte con Eleonora Marini, giornalista Mediaset. Alle 10.00 interverrà  invece Fabio Maccheroni di Rete Sport.

LE PAROLE DI ELEONORA MARINI – “Si fa ancora fatica a metabolizzare la vittoria di Champions, così come sembra ancora più incredibile vedere il modo in cui è uscita la Lazio. Dobbiamo ricordarci come la Roma veniva vista già fuori dai gironi a inizio stagione. Inevitabile parlare di due percorsi paralleli che la Roma sta affrontando tra campionato e Champions. Arrivati a questo punto credo sia normale non riproporre sempre gli stessi giocatori, specialmente ora che i ritmi sono più serrati. Ieri sera ho visto una squadra appannata, scesa in campo con un pochino di sufficienza, come se il grosso del lavoro fosse stato fatto. La Roma indubbiamente non ha i ricambi adeguati in tutti i reparti, forse si poteva fare qualcosa di più in tutti i reparti. E’ probabile che inizialmente un percorso così lungo in Champions non fossa stato preventivato. Alcuni giocatori ancora latitano, come Schick, che ieri è stato ancora una volta ininfluente. Lo stesso Manolas ha accusato i crampi presto ed è stato costretto a uscire. Di Francesco dovrà fare diversi calcoli, c’è il rischio di chiedere a qualcuno più degli straordinari che è in grado di fare. Quantomeno in partite come col Genoa o altre piccole penso sia lecito aspettarsi diversi cambi. Le cosiddette piccole che affronterà la Roma sono tutte squadre che ti fanno giocare male e fanno partite che è difficile chiudere. La partita del 24 col Liverpool è assolutamente fondamentale, in ottica di fare un risultato che sia vantaggioso per il ritorno. Il recupero di Perotti in questo momento condiziona tutte le scelte dell’allenatore. In questo momento sono soprattutto le circostanze a dettare le scelte. Non credo che però questo nuovo assetto possa essere una costante nelle partite future”.

LE PAROLE DI FABIO MACCHERONI – “La vera sfortuna di cui parla Inzaghi in realtà l’hanno avuta entrambe le squadre, che sono arrivate al derby in un momento complicato. Dzeko e Nainggolan erano molto stanchi e questo ha influito. Il pareggio fa più male alla Roma che alla Lazio sicuramente. Ora ci sono due partite con squadre abbordabili, Di Francesco agirà nell’ottica di doversi qualificare necessariamente alla prossima Champions. Il calendario sembra favorire la Roma, ma la partita con il Liverpool può far cambiare la percezione degli impegni. Dzeko è difficile da sostituire, Dzeko ti dà affidabilità. Quello che mi chiedo è che ruolo può avere Pellegrini. Dobbiamo sperare che sia in condizione di affrontare le prossime partite. Sarà importante capire dove la Roma può arrivare, si deve avere l’intelligenza di cambiare nei ruoli giusti senza commettere errori. Ci sono state alcune cessioni a cifre nettamente inferiori confrontate con il mercato attuale, come Paredes e Salah. Più che la concentrazione a me sembra che manchino i giocatori, la Roma è senza ricambi in alcuni ruoli. Non credo che sia solo un problema di approccio mentale, ma proprio di predisposizione tattica. Per alzare l’asticella servono altri giocatori. In passato quando la Roma ha ottenuto dei risultati c’è stata una politica conservativa che non ha portato risutltati. Bisogna seguire l’esempio della Juve, che vende nei momenti giusti. La Roma dovrà portare nuovi giocatori, in attesa anche di pedine come Karsdorp”.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here