Casano: “Serve un attaccante che faccia gol con continuità: Piatek”

2

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Sarebbe giusto e lungimirante se la Roma cominciasse a pensare al dopo Dzeko pur prolungando di un anno il contratto del bosniaco. Ho il timore che Schick ancora sia acerbo per fare la differenza nella Roma e alla rosa giallorossa manca indubbiamente un attaccante che faccia gol con continuità: Piatek in questo senso ha una caratteristica impressionante, quando tira fa gol in maniera sistematica”.

Avv. Luigi Esposito a Centro Suono Sport: “Dzeko può giocare insieme ad un vero attaccante da area di rigore, andrebbe tutto a vantaggio della Roma. Sarebbe dovuto essere Schick ma fino ad ora non ci è riuscito. Piatek deve confermarsi dopo un avvio di campionato strepitoso, ma bisogna aspettare e andarci cauti. Il mio 11 migliore dal 1980 ad oggi è: Tancredi; Cafu Aldair Samuel Candela; Falcao Cerezo; Conti Totti Montella; Batistuta/Dzeko”. 

Federico Nisii a Tele Radio Stereo“Piatek presenterebbe lo stesso rischio che presentava Schick. Un giocatore che sta vivendo un momento d’oro, ma in un contesto al di sotto del livello della Roma. De Ligt piace alla Roma e questo è assicurato, c’è un canale privilegiato con Raiola e l’Ajax ma è un giocatore che va dai 50 milioni in su e non è un’operazione possibile per i giallorossi”.

Andrea Pugliese a Tele Radio Stereo“La Roma segue Tonali da più di un anno, è un interesse concreto. Ma si stanno monitorando tanti giovani, è questa la nuova politica del club. Credo che con la Spal giocherà Schick, magari con Pastore alle sue spalle con Under e Perotti”.

Riccardo “Galopeira” Angelini a Tele Radio Stereo: “La società deve imparare a trattare i giocatori. Nell’organismo purtroppo manca una persona carismatica che si faccia rispettare all’interno dello spogliatoio. Vorrei vedere gli allenamenti della Roma perchè non è possibile che si gioca in un modo una partita e quella dopo si torna a fare quello che si è fatto le prime giornate”.

Roberto Renga a Radio Radio:Non vorrei che la Roma facesse l’errore di prendere Piatek senza essere sicura di comprare una sicurezza, un pò come l’affare Schick, da forte ad oggetto misterioso. Karsdorp lo rimandano in Olanda, probabilmente in prestito. Penso che Kluivert stia facendo un percorso regolare, ma deve imparare a giocare a calcio in un campionato difficile. Me la prendo con chi, per i 24 minuti visti col Torino lo ha definito fenomeno“.

Roberto Pruzzo a Radio Radio:Non credo che la Roma a Gennaio faccia acquisti importanti a centrocampo, secondo me sarebbe meglio andare a trovare un terzino destro“.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

2 Commenti

  1. Io credo che dovremmo fare una sessione sui dati finanziari della Roma perché offrono delle perle incredibili. Questa estate ci siamo divisi tra tifosi tra chi sosteneva la necessità del risanamento finanziario della società e dell’autofinanziamento e chi criticava cessioni di giocatori importanti che potevano peggiorare il livello della squadra.
    Premesso che è presto per dare giudizi negativi sulla stagione della Roma però un primo commento ai dati finanziari si potrebbe già fare.
    Abbiamo preso Pastore (1 anno più giovane di radja) pagandolo 3,5 cioè il secondo stipendio più alto della squadra (!!) con contratto fino al 2023 ?? cioè facciamo una scommessa sulla ripresa di un giocatore oggettivamente con difficoltà fisiche e gli fai il contratto quadriennale ?? Oltre ad aver contratto un nuovo debito verso la società ed il procuratore (mentre quello di radja probabilmente era già saldato).
    Abbiamo preso Nzonzi, più anziano di Strotman, quasi allo stesso stipendio (3,1 milioni netti l’anno al posto dei 3,2 dell’olandese). Ora avranno pure fatto la plusvalenza, ma probabilmente Strotman lo avevano quasi interamente pagato (oltre i diritti al suo procuratore) mentre ora hai un nuovo debito da saldare con la sua ex società e con il procuratore.
    Continuo aver pagato Shick 2,5 milioni l’anno (errore madornale) ci ha costretto a rinegoziare lo stipendio di altri giocatori in rosa (Florenzi, Fazio, Manolas, Perotti,) che giustamente a farsi pagare di meno da uno che sta sempre in panchina non hanno molta voglia.
    Come abbiamo fatto a pagare a Kluivert il doppio di quanto paghiamo a Under – 1,8 contro 1 – e ci stupiamo se il prossimo anno dopa un’altra buona stagione possa decidere di andare via?
    Ma il tocco finale dei nostri dirigenti Baldissoni e Monchi (che se lo meritano tutto il bonus di quasi 1 milione totale) è stato quello di riuscire in una società indebitata ad aumentare il costo annuo degli stipendi dei giocatori (da 85 milioni lordi l’anno a 92 milioni l’anno) vendendo i migliori e prendendo giocatori più giovani. E pensate che cedendo radja e strotman e prendendo Nzonzi e Pastore erano anche riusciti ad ottenere un risparmio di 800 mila euro.
    Il peggioramento dell’indebitamento della Roma è dovuto all’acquisto dei nuovi giocatori (molti della Scuderia “Raiola”). Come disse un noto tifoso romanista a pensare male si fa peccato però spesso ci si azzecca…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here