News della giornata. Conte ci pensa: Roma la sfida giusta, Cairo frena su Petrachi. Manolas obiettivo numero uno della Juventus

0

NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

QUI TRIGORIA – La Roma, dopo aver osservato due giorni di riposo per le festività di Pasqua e Pasquetta è tornata ad allenarsi oggi alle 11.00 e proseguirà con questo orario anche domani e giovedì 25 aprile, giorno in cui Claudio Ranieri terrà la conferenza stampa.Venerdì 26 invece,la squadra si ritroverà nel pomeriggio, alle 16.30, per l’allenamento di rifinitura per preparare la sfida di sabato alle 18.00 contro il Cagliari allo Stadio Olimpico

ROMA CONTE – Antonio Conte sembrava, fino a poco tempo fa, soltanto un sogno irraggiungibile per molti tifosi giallorossi, ma qualcosa potrebbe essere cambiato. Come riportato da tuttomercatoweb.com, dopo aver declinato l’offerta presentata a novembre dalla Roma, ora il tecnico pugliese starebbe seriamente prendendo in considerazione la possibilità di venire ad allenare nella capitale. Questo il motivo principale: vincere a Roma ed entrare nella storia del club, sembrerebbe una sfida piuttosto stuzzicante per lui. L’ingaggio adatto all’ex ct della Nazionale sarebbe pari a più di tre milioni di euro: la sua richiesta sarebbe, infatti, un triennale da circa 10 milioni.

STADIO ROMA SANVITTO – L’architetto Francesco Sanvitto, presidente del Tavolo della libera urbanistica, è intervenuto ai microfoni de “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano. Il Tavolo della libera urbanistica ha presentato l’esposto da cui è partita l’inchiesta sullo stadio della Roma che vede indagata Virginia Raggi per abuso d’ufficio. “Mi sono arrivati un sacco di insulti sui social, non da parte dei romanisti, ma dei sedicenti grillini” ha affermato Sanvitto. “E’ triste questo. La nostra associazione, anche quando preparava i programmi per il territorio per il M5S, ha sempre sostenuto una linea di principi e di legalità. Questo esposto è uno dei 3 che sono stati fatti sullo stadio, ce ne sono altri due molto più pesanti su cui sta indagando la magistratura. La legge sugli impianti sportivi dice che la fine dell’adozione del progetto della conferenza dei servizi viene consegnato al sindaco che lo porta nella prima seduta utile del consiglio comunale e questo non è stato fatto. Invece è arrivato il nodo della contraddizione dell’aver utilizzato una legge che permette varianti a progetti che dovrebbero essere a produzione diretta. Quando si sono accorti che il terreno bastava solo per edifici e stadio e non c’era più spazio per verde e parcheggi, gli standard urbanistici di legge, è stata fatta una variante di piano regolatore che è uno strumento urbanistico e non un intervento diretto, quindi deve essere trattata come variante di piano regolatore. Questa tra l’altro è una variante generale perché, altra cosa assurda, contrariamente a quanto stabilisce la legge nazionale dell’urbanistica che deve essere fatta dall’ente pubblico, in questo caso viene fatta da un privato. La nostra legislazione urbanistica nazionale tutela gli interessi del territorio, dei cittadini, quindi una variante al piano regolatore deve essere discussa nel consiglio comunale. E’ stato saltato un passaggio, per fare più in fretta. Il problema è nato con la giunta Marino. Quando De Vito mi portò alla presentazione del progetto, appena mi aprirono le tavole io dissi che quel progetto non poteva seguire le norme della legge sugli impianti. Una cosa è fare un intervento diretto, altra cosa è fare una variante generale del piano regolatore. Lo stadio è il più piccolo dei problemi. L’idea nostra è che esista ormai un sistema di corruzione, c’è una mentalità legata alla corruzione che è estremamente diffusa sia nell’ambiente politico che nell’apparato tecnico dei dirigenti pubblici. Quando c’è un’istanza per cui la politica fa pressioni, c’è un apparato tecnico disposto a inventarsi deroghe, cavilli”.

SERIE A COMMISSIONI AGENTI – La scorsa settimana la Figc ha pubblicato i compensi dei procuratori sportivi per l’anno 2018. I club di Serie A hanno versato un totale di 171 milioni di euro nelle casse degli agenti, una somma in crescita rispetto all’anno precedente: secondo quanto riporta il CIES sul suo profilo Twitter, c’è stato un incremento complessivo del 24% delle commissioni rispetto al 2017. L’osservatorio del calcio europeo ha anche calcolato i compensi pagati ai procuratori dalle squadre italiane nell’ultimo triennio. Al primo posto c’è la Juventus con 118,6 milioni di euro, mentre al secondo c’è la Roma con 54,6 milioni. Subito dietro Milan (53,3 milioni) e Inter (51,6 milioni).

ROMA CAGLIARI RANIERI – L’allenatore giallorosso Claudio Ranieri interviene in conferenza stampa giovedì alle 10.30 in vista di Roma-Cagliari. Il tecnico capitolino introduce la sfida con i sardi, valida per la 34esima giornata di Serie A, rispondendo alle domande dei giornalisti presso la sala conferenze di Trigoria.

STADIO DELLA ROMA FASSINA RAGGI – Stefano Fassina, consigliere comunale di Roma, è intervenuto ai microfoni Radio Cusano Campus. Il deputato ha colto l’occasione per commentare la notizia dell’esposto presentato dall’architetto Sanvitto contro la sindaca Virginia Raggi sull’iter dello Stadio della Roma. Queste le sue parole: “E’ un esposto sacrosanto. Lavoriamo da qualche mese con il Tavolo della libera urbanistica con il quale abbiamo anche, insieme alla consigliera Grancio, costruito la proposta di delibera per l’annullamento dell’interesse pubblico per Tor di Valle. Spero che la magistratura faccia gli accertamenti che deve perché c’è stata una strozzatura della procedura prevista, il Consiglio comunale non è stato coinvolto e la giustificazione che ne ha dato la sindaca non funziona. Ancora una volta siamo di fronte a forzature inaccettabili per continuare a favorire l’interesse privato rispetto all’interesse pubblico”.

GIUDICE SPORTIVO – Sono state rese note le decisioni del Giudice Sportivo dopo l’ultimo turno di Serie A: squalificati per un turno Zaniolo e Cristante, ammoniti nella sfida contro l’Inter e già diffidati. Squalificato per un turno Faragò, del Cagliari, per la doppia ammonizione rimediata contro il Frosinone, che quindi salterà il match contro la Roma.
Ammonizione per Carlo Cornacchia, match analyst di Ranieri, “per avere contestato una decisione arbitrale alzandosi dalla panchina aggiuntiva”.

TORINO CAIRO PETRACHI – Gianluca Petrachi, attuale ds del Torino, sembra essere il candidato numero uno per diventare il nuovo direttore sportivo della Roma. Voci che si rincorrono da tempo ma che non trovano d’accordo il presidente del club granata, Urbano Cairo, che, ai microfoni di RMC Sports, si è espresso così sulla possibilità trattativa tra il dirigente e la società capitolina: “Petrachi-Roma? Non sarebbe bello se ci fossero davvero dei contatti perché i giallorossi sono in lotta con noi per un posto in Europa. Sarebbe un conflitto di interessi. Spero che queste voci non siano vere. Per me Petrachi resterà un altro anno”.

CALCIOMERCATO – Il futuro di Kostas Manolas potrebbe non essere a Roma. Secondo quanto riporta Sportmediaset, infatti, il greco è l’obiettivo numero uno della Juventus per rinforzare la difesa nella prossima stagione e potrebbe arrivare grazie al pagamento della clausola rescissoria di 36 milioni di euro. A supportare tutto questo va aggiunto un altro particolare: il numero 44 giallorosso da un po’ di tempo viene assistito da Mino Raiola che in Italia ha ottimi rapporti soprattutto con la Juve per i numerosi affari portati a termine negli ultimi anni. Un solo ostacolo potrebbe frapporsi tra Manolas e la maglia bianconera: non tanto il tentativo di rinnovo da parte della Roma, quanto la concorrenza del Manchester United che già a gennaio ha tentato di prendere il greco.

Il Marsiglia, attualmente quinto in Ligue 1, rischia di mancare clamorosamente la qualificazione in Champions per la prossima stagione. Se dovesse sfuggirgli il quarto posto sarebbero molti i giocatori pronti a partire, non solo il già noto Thauvin. Anche Morgan Sanson potrebbe lasciare la Francia e secondo quanto riportato da calciomercato.it, Roma, Inter e Milan lo starebbero tenendo d’occhio. Sarebbero necessari circa 30-35 milioni per portare il centrocampista francese in Italia a giugno.

E’ in bilico il futuro di Steven Nzonzi nella capitale. Il centrocampista francese, arrivato in estate dal Siviglia, non ha mai convinto e non è riuscito ad entrare nel cuore dei tifosi. Secondo quanto riporta calciomercato.it, Marsiglia e Monaco potrebbero darsi battaglia per riportare in patria il numero 42 giallorosso. Piste che, tuttavia, non sembrano scaldare il nazionale ‘blues’, soprattutto qualora oltre ai monegaschi nemmeno l’OM dovesse centrare la qualificazione in Champions. La destinazione più gradita in caso di addio alla Capitale, ad oggi, resta quindi l’Arsenal.

Gianluca Petrachi è sempre più vicino alla Roma. Come riporta calciomercato.it, vanno avanti i contatti tra la società giallorossa e l’attuale direttore sportivo del Torino che ha messo in stand-by la proposta di rinnovo formulata dal club di Urbano Cairo nella speranza di trasferirsi nella Capitale. Il ds granata ha già avuto modo di parlare con i dirigenti capitolinie non si esclude anche un blitz a Boston per un confronto diretto con il presidente James Pallotta. La direzione sportiva del club romanista, però, non sarebbe affidata unicamente a Petrachi, ma si va verso una gestione collegiale con Massara e Baldini. Contestualmente potrebbero essere prese anche altre decisioni, con le posizioni di Balzaretti e altri dirigenti ancora da valutare. L’arrivo di Petrachi alimenterebbe anche le speranze di arrivare ad Antonio Conte: la Roma continua ad insistere per l’allenatore leccese, primo obiettivo per la panchina.

SENTI CHI PARLA – Sulle principali frequenze radiofoniche della capitale, il tema più discusso è senza dubbio il futuro della panchina della Roma. Queste alcune delle dichiarazioni di Giancarlo Dotto, intervenuto a Tele Radio Stereo: “Conte? Una possibilità concreta che arriverebbe tramite Petrachi. Conte potrebbe essere attratto dal fatto di dover iniziare un nuovo progetto che dipenda da lui, gli piacciono le sfide. Però dipende tutto dal quarto posto. Verrebbe se venissero meno le ipotesi preferite: un club straniero o l’Inter”. Giuseppe Giannini, intervenuto a Centro Suono Sport, ha invece parlato della corsa per il quarto posto: “La Roma ora fa la corsa su stessa: sono convinto che la Roma possa comunque arrivare quarta anche facendo 11 punti, nonostante lo straordinario campionato fin qui dell’Atalanta, credo che la squadra di Gasperini non abbia l’esperienza per arrivare fino in fondo”.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here