Monchi: “I tifosi della Roma meritano notti come queste”

0

ROMA-SHAKHTAR, LE INTERVISTE Tutte le dichiarazioni del direttore sportivo giallorosso Monchi in occasione di Roma-Shakhtar.

POST PARTITA

MONCHI IN MIX ZONED

Prima volta ai quarti di Champions per lei, che sensazione è?
“E’ vero, provo felicità ed orgoglio di lavorare qui, aver trovato questo premio per il nostro lavoro e per vedere la felicità dei tifosi della Roma. Quando uno lavora in una società sportiva lavora con cuore e sentimenti e tutto quello che fa lo fa pensando ai tifosi, sono contento per loro perchè meritano una notte come questa.”

Siviglia ai quarti?
“E’ una possibiltà perchè siamo entrambi al sorteggio ma oggi sto godendo del momento per i tifosi della Roma, per le persone che lavorano alla Roma e per i tanti amici a Siviglia che ho e che sono contenti per me e per il Siviglia.”

Questo risultato può aiutarla anche in estate nel mercato?
“Non credo che cambi molto. Abbiamo un piano e stiamo lavorando su questo. E’ vero che tutto quello che di positivo che fa la Roma va a favore della società.”

Il passaggio è una rivincita verso quelle critiche che erano arrivate nei mesi scorsi?
“Sono 30 anni che sono nel calcio, capisco che quando le cose non vanno bene le critiche sono normali. Conosco solo una strada che è il lavoro.”

MONCHI A PREMIUM SPORT

“Oggi si pensa a festeggiare e a condividere la gioia per la qualificazione, domani poi penserò ai vari abbinamenti che preferirei o meno ai quarti. I tifosi della Roma meritano notti come queste. Inno della Roma? Lo canto, non tutto però. Se arriviamo in semifinale lo canto tutto (ride, ndr)“.

PRE PARTITA

MONCHI A PREMIUM SPORT

“Io attivo sui social? Sì mi piace. Quarti di finale? È un traguardo importante per la Roma, sarebbe bello dopo tanti anni. E’ una possibilità importante per tutti, vogliamo andare al sorteggio di Nyon venerdì. Anche vedendo i giocatori che si allenano ho capito che la Roma sa cosa si gioca oggi, lo Shakhtar è una squadra forte ma noi abbiamo la mentalità giusta per affrontare la partita. Cosa serve per vincere? Fare un gol (ride, ndr). Non so, dobbiamo giocare con testa e cuore, soprattutto mantenere un ritmo alto, se il ritmo si alza loro faticano, penso che dobbiamo mettere un ritmo alto per la partita. Cosa hanno regalato i giocatori a Pallotta? Il miglior regalo sarà la qualificazione, James non vuole altro regalo che questo. Se la qualificazione può contribuire a ricostruire il feeling tra Pallotta e i tifosi? Il risultato sportivo aiuta sempre, ma penso che il lavoro non debba essere giudicato per una partita ma per un periodo più lungo, se ci qualifichiamo è chiaro che saranno tutti più contenti”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here