Monchi: “Gli infortuni non cambiano il nostro piano di mercato”

10

INTERVISTE CAGLIARI ROMA – Tutte le parole del ds giallorosso in occasione della sfida della Sardegna Arena contro il Cagliari

MONCHI A SKY SPORT

Con gli infortuni come cambia il piano di mercato?
“No no non cambia niente, al di là degli infortuni il nostro piano di mercato non cambia nulla. Stiamo parlando continuamente col mister per capire cosa ha bisogno la squadra. Gli importanti restano quelli che sono già dentro la rosa”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

10 Commenti

    • What else? Ha venduto Nainggolan e preso Pastore. Ha venduto Rudiger e preso Karsdorp. Ha venduto Paredes e preso Gonalons. Ha venduto Alisson e preso Olsen. Ha venduto Strootman e preso nessuno. Mi pare abbastanza.

  1. guarda è molto semplice Salah voleva andare via e prendere il doppio dello stipendio. La domanda giusta è: Schick era il giocatore che ci serviva? Io avrei preso un Politano per esempio.

  2. Qualunque sia la tua destinazione prendi per mano DiFra e portati via pure quell’invertebrato di Schick.
    Il prossimo farlocco sulla panchina giallorossa sarà Donadoni.
    Tremate gente, l’incubo non finirà presto.

  3. avevamo un centrocampo forte ,forse un po’ limitato nella fantasia, ma capace di coprire la difesa , controllare il gioco e ribaltarlo con le incursioni di Naingollan. In un solo colpo questo presuntuoso signore lo ha ribaltato, sostituendo due elementi e sapendo che il terzo , per età, non poteva garantire una presenza costante. Il problema non è la qualità dei sostituti, che può darsi sia buona ,come affermano gli adoranti sostenitori di Monchi( che, evidentemente ,lo vedono con i capelli lunghi ,color miele, gli occhi azzurri e la tunica bianca sulle rive del Giordano- mentre io vedo solo un signore pelato che non cammina sulle acque, tuttalpiù,per ora, su altro). Il problema è che devi ricreare un gioco e non ha più senso parlare di una squadra che era arrivata terza e in semifinale Champions, perché ,con un centrocampo diverso ,quella squadra non c’è più. Così la stessa difesa che negli anni precedenti non prendeva molti gol ora è diventata un colabrodo. Dice che ha un bel palmares in Spagna, con molte coppe di consolazione, riservate alle squadre che non sono entrate tra le prime 16 di Champions. Bene , allora Carlos Bianchi? AVEVA UNA STORIA MOLTO SUPERIORE.Ma è gente che viene da un altro calcio. Forse è meglio che ci torni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here