Lucchesi a RN: “Non si parla di mercato con 3 partite da giocare in 6 giorni. Nella Roma non vedo unità”

0

LUCCHESI ROMANEWS WEB RADIO – “La Roma per poter far risultato contro la Juventus deve essere un collettivo vero”, queste le parole, ai microfoni di Romanews Web Radio, di Fabrizio Lucchesi, dg della Roma dell’ultimo Scudetto, riguardo il match di stasera dell’Allianz Stadium tra i giallorossi e la Juventus. Ma non solo, il dirigente ha parlato anche della superiorità della squadra bianconera rispetto a qualunque club di Serie A, della situazione di Di Francesco, stilando un identikit dell’ideale allenatore giallorosso:

Lei ha vissuto uno Juventus-Roma molto importante. Oggi si gioca in una situazione diversa. Come si prova prima di questa partita? E’ una gran partita nonostante la classifica?
“Juventus-Roma è un grande evento e solitamente nei miei anni significava sempre qualcosa. Ho avuto la fortuna di vivere delle gare che avevano sempre un grande valore di classifica: è una partitissima, tra due ottime squadre”.

E’ possibile ridurre il gap con i bianconeri? Quanto ci vorrà?
“La Roma oggi sfida la squadra più forte che c’è e che non sarà raggiungibile prima di qualche anno. C’è una forbice troppo grande di fatturato tra le grandi e le piccole, che crea un livellamento del campionato verso il basso. Roma e Juventus hanno ad esempio quasi 200 milioni di differenza di fatturato: per colmare il gap ci vogliono anni, con un percorso di crescita prospettica, investimenti e risultati. Oggi la distanza è ampia, non c’è alcuna concorrenza per la squadra bianconera”.

Chi della rosa della Roma lei se fosse il ds della Juventus porterebbe a Torino?
La Roma ha buoni giocatori e elementi interessanti per il futuro, ma non ha campioni tali da levarne uno dalla Juventus per mettere un giallorosso. Il vero grande problema è che oggi la Roma può avere la possibilità di controbattere i bianconeri non con un giocatore in modo particolare, ma con un collettivo vero che non vada a singhiozzo. La Juve propone in antitesi un collettivo ottimo e delle individualità incredibili”.

Quali caratteristiche deve avere l’allenatore ideale della Roma?
“L’allenatore della Roma, come tutti quelli delle grandi squadre, deve avere una grande capacità gestionale. I tecnici che allenano le grandi squadre non sono insegnanti di calcio, ma principalmente grandi gestori. Tu non vai da Totti e gli insegni a giocare a pallone, perché lui fa un colpo che tu neanche pensi e lui lo ha già fatto. Si deve gestire l’aspetto tattico, sì, ma deve essere innanzitutto guardato l’aspetto della gestione: hai tra le mani grandi campioni, che puoi motivare con l’autorevolezza di una persona che non si impone in modo autoritario, ma con il calciatore che sente in lui un ruolo di rispetto e di stima che è insito nel termine autorevolezza. A Roma forse questo ci vuole in modo più marcato, Di Francesco queste caratteristiche le ha. Ma qualunque allenatore, tipo Mourinho, deve essere supportato da una società che lo legittimi,  non devono esserci spiragli tra allenatore e società. Se c’è unione di intenti nell’ambiente, l’unione è più forte, laddove è solo il tecnico perde la forza nei confronti del gruppo”.

Di Francesco alla conferenza stampa di vigilia ha parlato molto di mercato…
“Mercato? Ci sono tre partite in 6 giorni, ma si può parlare di mercato? Aspettiamo. Il giocatore che magari sa che può essere sostituito da un nuovo acquisto, come le gioca queste 3 partite? Ci sono tre gare importanti, pensiamo di finirle nel modo migliore. Di Francesco ieri ha detto qualcosa che pensa la società da tempo, ha fatto bene lui a parlarne. Il problema è che questa roba qui andrebbe fatta in silenzio, senza parlarne. La società tanto lo sa quello che deve fare. In questo momento io non sento unione, l’allenatore, che io stimo perché l’ho visto iniziare sia a giocare a calcio sia ad allenare, in questo momento non può operare bene”.

Un pronostico?
“Non me la sento,perché se lo faccio con il cuore lo sbaglierei (ride, ndr)”.

Spiniello-Tagliaboschi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here