Di Francesco: “I nostri alti e bassi mi tormentano. Chi non si allena bene non gioca più con me” (FOTO e VIDEO)

9

ROMA CSKA DI FRANCESCO – Il tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco interviene in conferenza stampa alle 15.00 alla vigilia di Roma-CSKA. L’allenatore capitolino introduce la terza giornata di andata di Champions League rispondendo alle domande dei giornalisti presso la sala conferenze del centro tecnico sportivo Fulvio Bernardini. Alle 16.40 è prevista la rifinitura a Trigoria.

Da Trigoria
Claudia Belli

LA CONFERENZA STAMPA 

Come si sta preparando la squadra a questo appuntamento? Non gli era piaciuto l’approccio alla Spal.
Sono cose interne e riservate. Dico solo che le partite non si preparano nelle ultime due ore. L’approccio iniziale alla gara per me è stato ottimo, magari siamo mancati nell’ultimo passaggio. Nel secondo tempo abbiamo perso il filo logico. L’allenamento di ieri? Si sono allenato quelli che non hanno giocato. Adesso serve ricostruire alcune cose a livello mentale.

Come si spiega gli alti e bassi?
Questa è la cosa che mi tormenta. Ritrovare un assetto e positività anche nel sistema di gioco. Il secondo tempo è stato deludente per la reazione. Per crescere questa squadra deve avere la forza di dare continuità a quello che fa anche nei momenti di difficoltà. Con la Spal abbiamo dimostrato di essere superiori, in quei casi bisogna approfittarne. 

Le condizioni di Kolarov, De Rossi e Schick?
Penso di poter recuperare tutti e 3, anche se il responso definitivo lo avrò oggi. Schick ha avuto un piccolo problema di infiammazione muscolare, ieri si è allenato con un piccolo fastidio ma penso che sarà a disposizione.

Qual è l’atmosfera dello spogliatoio? Come sta Dzeko?
L’umore? Non possiamo essere felici dopo una sconfitta. Abbiamo una grande fortuna: giocare una gara importante domani e cercare di tornare a vincere. Non c’è tempo di fare chiacchiere. Dobbiamo rimettere in campo la cattiveria. Dzeko? Deve essere uno dei nostri protagonisti. Domani avremo grandissimo del pubblico, questa squadra ha bisogno del suo affetto. Dobbiamo essere bravi noi a trascinarli.

Il 4-2-3-1 è il modulo ideale per questa fase o per tutta la stagione?
Qualcuno ha detto che ho cambiato 3-4 sistemi di gioco in partita… L’ho fatto principalmente per smuovere prima di tutto qualcosa. Quando si gioca a calcio, questo è un sistema di gioco in grado di dare movimento. In questo momento ritengo opportuno continuare con questo sistema per sfruttare al meglio alcune caratteristiche. Continueremo con questo sistema. Quando dite che passo al 4-2-4 lo faccio al massimo quando metto un attaccante accanto a Edin Dzeko, altrimenti rimane sempre 4-2-3-1. Questo per farvi capire quando parlate di numeri cosa significa.

Sotto la sua gestione la Roma è andata in svantaggio 20 volte, ha rimontato solo in 3 casi. Perché la Roma ha difficoltà nel ribaltare le gare?
È un dato che fa riflettere e pensare. Non si parte col presupposto di andare sotto. Questa è una cosa che mi dà noia e che bisogna cercare di migliorare. 

Questa squadra ha un piccolo difetto di personalità?
Le analisi sono tante, bisogna far crescere la squadra anche in questo senso. Come dice Federico, quando si parla di fase difensiva si difende in 11. Abbiamo dimostrato di avere carenze. In primis devo essere io di cercare di trovare i punti chiave. A noi manca l’equilibrio delle prestazioni, del mondo di stare in campo, che ci ha fatto perdere quei gol in più che pesano.

I giovani vanno inseriti gradualmente, forse con la Spal ce n’erano troppi. Questa scelta ti porta a mettere in campo giocatori che avrebbero bisogno di più tempo.
Sono tutte osservazioni dopo le sconfitte. Quando non fai giocare Luca Pellegrini, perché non lo fai giocare. Stessa cosa per Coric e Kluivert. Tutto si lega ai risultati. Il fatto di aver messo tanti giovani è legato anche agli infortuni. Quando non hai Schick e Perotti a disposizione, hai questi ragazzi con caratteristiche offensive, cerchi di andare a riprendere la partita. Coric entra sul 2-0, un momento in cui devi cercare di dare qualità e freschezza alla squadra. Kluivert entra perché è un attaccante. Torniamo sempre a fare un mix di discorsi. Questa è la mia squadra, questa è la Roma e dobbiamo essere bravi a cercare di valorizzarli. Ma non è che quando si perde sono tutte meteore o scarsi. Noi dobbiamo essere forti a farsi scivolare queste situazioni fuori, mettendo in campo qualcosina in più. Le carte d’identità lasciano il tempo che trovano. La gente vuole vedere atteggiamenti diversi e noi glieli dobbiamo dare.

Un giudizio sul CSKA?
È una squadra che ha più talento del Viktoria Plzen. Ha buoni giocatori, sono molto bravi i due trequartista, ma è bravissimo anche l’attaccante Chalov. È una squadra molto giovane ma con belle individualità.

Il CSKA ha subito 5 reti su palla inattiva. Si possono sfruttare queste situazioni?
Quando si affronta una squadra si cerca di sfruttare gli aspetti negativi degli avversari. Noi dobbiamo essere bravi, ma sapendo anche che hanno anche cambiato ogni tanto. Non sempre si sono presentati con lo stesso sistema di gioco. Non sapremo che squadra ci troveremo davanti, ma lavoriamo sulle caratteristiche individuali. Sono bravi a ripartire velocemente centralmente.

Questa squadra lavora con lei da tempo. Come mai ogni tanto si nota un passo indietro?
Ci sono giocatori che arrivano dopo 10 giorni di nazionale e poi in 2 giorni preparano le partite. La gara non si prepara anche dalla settimana prima. Ci sono passaggi a vuoto perché il giovane passa anche attraverso prestazioni meno buone. Alla Roma si è costretto a vincere. Alla lunga do a tutti una possibilità, ma come l’ho data la posso anche togliere. È difficile riprendere Fazio negli atteggiamenti, sono più situazioni legati a un episodio. Posso assicurarvi che a Fazio io non posso insegnare nulla su come preparare una partita. Questa mentalità va trasferita ai giovani, lui è un esempio giusto da questo punto di vista.

Come ha visto El Shaarawy? C’è un ballottaggio con Kluivert?
C’è sempre ballottaggio. Stephan non ha sempre avuto grande continuità. Nella prima mezz’ora stava facendo un’ottima gara, poi ha avuto i crampi. Per noi è un giocatore importante, ai miei esterni chiedo tanto lavoro. In generale Stephan è uno che lavora bene per la squadra.

La classifica in campionato si è un po’ complicata. Si è il rischio che la squadra si concentri di più sulla Champions e che “trascuri” il campionato?
Sottovalutare impegni è assurdo. Se avessi pensato il contrario, avrebbero riposato molti più giocatori. C’era una formazione tipo. Gli obiettivi del campionato sono quelli di cercare di fare il meglio possibile e di cercare di arrivare in Champions. Non possiamo commettere gli errori che stiamo commettendo adesso, non dobbiamo sottovalutare nessun impegno. La prova del 9 la abbiamo anche domani.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

9 Commenti

  1. Mister te l’ho già detto in stazione a Bologna prima della partita, non devi guardare in faccia nessuno, a Roma si fa presto a fare in pieno la bella vita.
    Calci nel sedere!!!!

  2. A CHIACCHIERE E’ FACILE…… E I RISULTATI SI VEDONO !!!!! BASTA, SMETTETELA DI OFFENDERE LA NOSTA DIGNITA’, VERGOGNATEVI TUTTI MASCALZONI….. LE GRANDI SQUADRE, SI FANNO CON POCHI MA ESSENZIALI ELEMENTI COSTRUTTIVI : “societa’ seria, presidente serio, direttore sportivo competente e serio, allenatore con anni di successi e molta preparazione, e la piu’ determinante TONNELLATE DI MIGLIARDI !!! BASTA CON IL CALCIO MERCATO DA FIERA DI PAESE, DOVE VENGONO ACQUISTATI FALLITI, MALATI, ROTTI E RATTOPPATI FACENDOLI PASSARE PER GRANDI TALENTI, CINQUE ELEMENTI, DI VITALE IMPORTANZA, COMPLETAMENTE ASSENTI NELLA ATTUALE GESTIONE !!!, QUINDI ECCO I RISULTATI, VERGOGNOSAMENTE MORTIFICANTI ED UMILIANTI !!!! BASTA ANCHE CON I SENTIMENTALISMI PER I NATIVI !!! BASTA, BASTA, BASTA E’ ORA DI FARLA FINITA… SE NON RENDI ???? ….FUORI DALLE PALLE, AMERICA, CANADA, CINA, EMIRATI ARABI, CERCANO I “FUORICLASSE VINTAGE” E LI PAGANO PROFUMATAMENTE …. PERCIO’ ???
    VOGLIAMO UNA GRANDE SQUADRA, NON UN GRANDE STADIO, MA LO VOLETE CAPIRE !!!! GRANDE STADIO PER GRANDE SOCIETA’, GRAMDI DIRIGENTI E VERI E PROPRI FUORICLASSE E NON “buste de cocce de fave” ANDIAMO AVANTI E SPERIAMO BENE…..MHA C’E’ POCO DA SPERARE, TANTO NON CAMBIA NULLA !!!!
    P.S.
    SI VOCIFERA, CON UNA CERTA E SERIA INTENSITA’, LA VENUTA DI MONTELLA !!!!
    VISTO ??? CHE VI DICEVO…..TORNERA’ A FARE “L’AEROPLANINO” ????? HA HA HA HA HA DA PIEGASSE !!!

  3. A me dzeko sta andando sulle p… Sta giocando senza voglia.. Se riguardante gli highlights di Roma Spal ve ne accorgerete dalle espressioni che fa.. Per me il secondo gol è anche colpa sua in quanto il pallone gli passa a un centimetro dalla testa.. Il mister purtroppo le ha provate tutte ma secondo me la squadra è sfiduciata..

  4. Si vede che nella Roma c’è chi non si allena bene! Tu che sei l’allenatore non dovresti nemmeno dirle certe cose. Ma del resto la Roma è sempre stata la terra del Bengodi. Dimettiti se non hai il polso per correggere il trend.

  5. Ma dire che si allenano male è un attacco alla loro professionalità, e ci può anche stare, ma così lo scollamento tra tecnico e giocatori aumenta inevitabilmente. E poi tu che ci stai a fare? Non sei lì per farli allenare al massimo?

  6. Non è il fatto di allenarsi bene o male anche perché vuol dire che, come detto da altri prima, Di Francesco mette in campo anche chi si allena male. Ma pure se ti alleni da fenomeno (vedesi Schick) e poi in campo rendi zero a cosa serve? Devi rendere sul campo, non sugli allenamenti (non solo). Fidatevi che vedendo l’assenza totale di una Società, dirigenza e soprattutto del mio datore di lavoro ognuno si autogestisce come vuole o c’è chi si demoralizza e non si motiva. L’ambizione nostra quale è? Dire che la Juventus è invincibile? Che la Champions è impossibile? Però c’è anche una Coppa Italia in teoria da giocare e comunque dobbiamo arrivare sempre in Champions, provare ad arrivare almeno agli ottavi, arrivare in finale di Coppa Italia. Se giochi bene e non vinci nulla ci può stare, certo non è il massimo non vincere nulla per decenni ma almeno ti diverti a vedere la Roma: questa Roma è inguardabile ed il fatto di cedere sempre ogni anno i migliori sta cosa non mi va per niente giù. Quando sono venuti questi tizi sconosciuti dall’America hanno detto di voler far diventare la Roma forte come il Barcellona, prendendo i giocatori migliori. Sì per rivenderseli e fare plusvalenza. Se te mi vendevi Rudiger per 40 milioni e spendevi che ne so 30-35 per David Luiz o Thiago Silva (adesso non costano più di quella cifra) avresti fatto comunque una plusvalenza e non avresti speso tutti i soldi della cessione di Rudiger, ma lo avresti rimpiazzato con uno più forte. Come detto è importante alzare il monte ingaggi ma essere intelligenti e non buttare ad esempio 2 milioni l’anno per giocatori come Gonalons, Jesus, che non usi mai, Schick 2,5 milioni…e dai su.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here