Leggeri: “Balotelli scommessa stimolante”

46

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Avv. Luigi Esposito a Centro Suono Sport: “La prossima campagna acquisti sara’ importantissima per fare il salto di qualita’ ed io la penso come De Rossi: la Roma non può permettersi di fare errori. Prendere Balotelli è un rischio, però il fatto che con Mancini può tornare in Nazionale, dovrebbe stimolarlo a rendere al massimo. Sarebbe un errore prendere Balotelli con la speranza di riuscire a convincerlo a fare il vice Dzeko perché Balotelli non si rassegnerà mai a fare il comprimario. Se Di Francesco vuole Balotelli deve essere convinto che possa giocare in coppia con Dzeko”.

Michele Giammarioli a Centro Suono Sport: “Le ragioni per essere contrari all’arrivo di Balotelli sono diversi. Sicuramente farebbe molti gol. Il fatto che il suo procuratore sia Raiola potrebbe agevolarci per l’arrivo di qualche altro calciatore. Tra vantaggi e svantaggi soppesati io comunque lo prenderei. Prima di fargli firmare un contratto Monchi e Di Francesco ci parleranno a lungo. Sicuramente negli ultimi tempi ha fatto dei passi avanti anche a livello comportamentale. Mi rendo conto che è un rischio ma la nostra garanzia deve essere Di Francesco e comunque l’impegno economico non è esoso. Potrebbe essere l’ultima grande occasione di Balotelli”.

Fabio Petruzzi a Centro Suono Sport: “Balotelli somiglia a Dzeko. Secondo me è un giocatore che se gli dici che viene a Roma e non deve essere un problema ti dice anche di sì, poi magari se non gioca, cambia il modulo e le chance di scendere in campo si riducono, la situazione cambia. Non credo che si accontenti di giocare 25 minuti. A livello economico può essere un buon affare ma poi diventerebbe un problema a livello di spogliatoio. E questo è un fattore che si deve tenere in considerazione. Balotelli non sarebbe adatto a giocare accanto a un giocatore dalla fisicità di Dzeko mentre penso che Dzeko ci si potrebbe trovare bene”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Balotelli è un calciatore che ha sempre diviso, soprattutto per le caratteristiche del personaggio: ha sempre segnato, ha dimostrato in alcune occasioni di risolvere le partite da solo. So bene che a livello ambientale non sarebbe gradito da molti tifosi, ma non mi sembra abbia indossato la maglia della Lazio. Ascoltando mister Di Francesco, appare evidente l’interesse della Roma per questo calciatore, sul quale io tutto sommato scommetterei perché mi fido del mister e della sua straordinaria capacità di gestire il gruppo. Balotelli sta vivendo attualmente la sua piena maturità, sarebbe una scommessa stimolante”

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Il personaggio Balotelli non mi è mai piaciuto, è sempre stato un elemento poco aggregante, una mina vagante nello spogliatoio. Certamente nell’ultimo biennio si è riproposto a grandi livelli e sul piano dei numeri aggiungerebbe tanti gol all’attacco giallorosso. MI fido di Di Francesco: se accetta di allenarlo sono convinto che sappia come gestirlo. L’ingresso di Balotelli potrebbe favorire la Roma su altri affari con Raiola. Tecnicamente lo prenderei, sul piano comportamentale avrei grossi dubbi”

Mattia Emili a Centro Suono Sport: “Balotelli è sicuramente una scommessa stimolante, ho la percezione che in questi anni a Nizza sia anche maturato come uomo, quindi sarei favorevole ad un suo acquisto. I dati poi parlano per lui: in questa stagione ha realizzato 24 gol in 36 partite, di cui alcuni straordinari. Può essere la pedina giusta per rinforzare la Roma”.

Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio“L’anno scorso la Roma e Nainggolan hanno respinto insieme ogni offerta. Adesso il “no” del giocatore per una proposta come quella arrivata dalla Cina a gennaio potrebbe venire meno. I soldi che dava il Chelsea in Europa adesso non li darà più nessuno. I giallorossi sono nella condizione di scegliere se vendere Alisson o meno. Se partirà sarà una scelta della società. Davanti ad un’offerta da 70-80 milioni sarebbe giusto tenerlo? In Italia, con la Juventus che chiude in passivo il bilancio, rifiutare cifre del genere è quasi impossibile”.

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio“L’unico giocatore con cui la Roma può fare grande plusvalenza è Alisson. Se i giallorossi puntassero alla Champions o al campionato non si muoverebbe, ma considerato il rosso di bilancio e l’attenzione verso le casse di Trigoria dell’Uefa una sua cessione è possibile. Con un Mondiale in arrivo nel quale sarà probabilmente protagonista, riuscire a trattenerlo può diventare davvero difficile”. 

Gianluca Piacentini a Tele Radio Stereo: “Coric sarà un colpo da Monchi e da Roma. Un prospetto interessante, bravi i giallorossi ad assicurarselo a certe cifre. Si costruirà un gruppo misto tra giovani e esperti. Per la fascia prenderei uno esperto capace di giocare su entrambi i lati alla Darmian, in modo da coprire Karsdorp in caso di bisogno e di giocare a sinistra se Luca Pellegrini non sarà pronto”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio“Per rinforzare la Roma prenderei un giocatore che si possa accoppiare con De Rossi, accompagnandolo al finale di carriera. Sarebbe fondamentale avere uno davanti alla difesa come poteva essere Paredes. Serve poi una seconda punta da 15/20 gol. Ora c’è solo Dzeko in grado di portare numeri importanti. In una grande Roma il miglior 12esimo uomo che si può avere è Florenzi. Come valore assoluto fatico a trovargli una collocazione da titolare. Se i giallorossi ambiscono ad essere l’antagonista della Juve un 12esimo da 4 milioni lo deve avere”. 

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio“Dzeko è il migliore in campo anche se non segna. Balotelli no, sono due giocatori diversi. Se i giallorossi vogliono fare il salto di qualità lottando per lo scudetto devono sostituire 3 titolari. Se questi che ci sono non sono stati capaci di tenere il passo della Juve vanno sostituiti. I centrocampisti devono fare gol”.

Ivan Zazzaroni a Radio Radio Pomeriggio“Non dimentichiamo che Dzeko a gennaio era stato venduto e che Balotelli è un parametro zero. Inoltre il bosniaco ha lo stipendio più alto, che non è in linea con i parametri giallorossi. Se fossi la Roma prenderei Berardi domani mattina. Ci vorrebbe poi un centrocampista davanti alla difesa con chili e centimetri, non Torreira che non mi fa impazzire. Florenzi deve recuperare brillantezza e potrà essere ancora importante. Gioca in un ruolo non suo”.

Luigi Ferrajolo a Radio Radio Pomeriggio“Balotelli non può essere il sostituto di Dzeko. Mandare via il bosniaco per portare a Roma l’ex Inter sarebbe una sciocchezza. Sarà fondamentale non mandare via i big. Serve un secondo attaccante che faccia gol. Under va ancora aspettato. A centrocampo ci vorrà una rinfrescata, manca il piede di un trequartista, di uno che segni. Il vuoto di talento lasciato da Totti non è stato colmato. Il centrocampo adesso è forte ma prevedibile, un fattore che non aiuta a fare gol”.

Angelo Di Livio a Tele Radio Stereo“Mi fa strano sentire tutte queste parole di Di Francesco su Balotelli. Io alla Roma lo prenderei. I giallorossi hanno tante partite, potrebbe ritagliarsi uno spazio importante da vice-Dzeko”. 

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Solo un pazzo non vorrebbe tenere Alisson: vince l’Oscar della stagione, è il miglior calciatore della Serie A per me. Il fatto è un altro: ci sono delle offerte e dei ragionamenti economici che non possono essere fatti. Se ti arriva un’offerta da 120 milioni di euro, e il giocatore vuole andare, come fai? Io credo che l’intenzione sia quello di tenerlo almeno per un altro anno, ma per me Monchi ha due piani: uno con e uno senza Alisson. Sa che può succedere, perché la dimensione del calciatore ha superato quella della Roma. Il prossimo anno la Roma giocherà la Champions con una mentalità diversa, ma l’obiettivo non è la finale, così come in campionato l’obiettivo è essere lì e fare quello che ha fatto il Napoli quest’anno, non vincere lo scudetto. L’obiettivo sarà giocarsi tutto fino in fondo con un nuovo entusiasmo, con giocatori che ti faranno più forte e più completo. L’importante è che ci sia un concetto di Roma. Nainggolan? Forse questa è la sua peggior stagione a Roma. Lui, come tutti, sta sul mercato. Nel senso che, se arriva un’offerta, si valuta”.

Stefano Agresti a Radio Radio: “Penso che Balotelli possa essere una grande risorsa, è un giocatore di straordinario talento che arriverebbe gratis. Chiaramente con lui non ci metti una mano sul fuoco per sempre, però mi sembra molto diverso rispetto a prima, i due anni a Nizza gli hanno fatto bene. Se ti presenti all’inizio del campionato con Balotelli, Schick e Dzeko, penso che puoi affrontare tutte le competizioni con grande ottimismo. Alisson? Credo che stia progettando l’addio”. 

Ubaldo Righetti a Tele Radio Stereo: “Non so quanto possa realmente interessare un profilo come Balotelli, onestamente ho molti dubbi, ma comunque resta una situazione da considerare. Di Francesco sta cercando di cambiare il modo di pensare all’interno del centro sportivo di Trigoria, lo sta facendo presente molte volte nelle sue dichiarazioni”. 

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Balotelli? Sarebbe ideale avere un attaccante di livello per quando Dzeko attraversa un momento di difficoltà. Credo che Balotelli rientrerà anche nel giro della Nazionale, per lui tornare in Italia e giocare anche in azzurro potrebbe essere una grande occasione. Pellegrini? Credo abbia fatto una buona stagione”. 

Nando Orsi a Radio Radio: “Balotelli alla Roma? Non lo so. Tecnicamente sì, ma lui è un titolare. Occorre stare attenti a non creare problemi all’interno dello spogliatoio, che ora ha certi equilibri, e non mettere in difficoltà Di Francesco. Se Mancini punta su di lui per la Nazionale, vuol dire che sta bene”. 

Claudio Moroni a Centro Suono Sport: “La Roma non ha i mezzi economici per colmare il gap con la Juve, ma può ridurre i punti di distanza in classifica e può riuscirci ancora meglio se dovesse andare via Allegri”. 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

46 Commenti

  1. STRATEGIE CALCIOMERCATO AS ROMA PER LA STAGIONE 2018/2019 (CESSIONI)

    Inizialmente volevo suddividere per reparti, ma forse è più utile fare una suddivisione sulla cedibilità dei giocatori, la divisione per reparti la farò parlando dei profili da acquistare. Iniziamo:

    GIOCATORI SUPERFLUI:
    A questa voce rispondono i giocatori di cui la Roma farà a meno senza troppi problemi, racimolando anche qualcosa.
    – Skorupski: qui non può avere spazio e può essere ceduto per una cifra vicina ai 10 milioni di euro.
    – Peres: Monchi voleva liberarsene già a gennaio. Oltre alle carenze tecniche, è uno di quelli che la sera beve e fa casini. Grazie alle apparizioni in Champions una decina di milioni dovremmo farcela. Tanto con il rientro di Karsdorp non vedrebbe il campo manco in cartolina.
    – Jesus: come quarto centrale potrebbe anche rimanere, se non fosse che guadagna 2 milioni netti a stagione, troppi per una riserva. Anche lui, messosi in mostra soprattutto in Roma-Barca, può essere ceduto per una buona cifra, vicina ai 10 milioni.
    – Silva: impiegato quasi mai da Difra, nonostante la stanchezza di Kolarov, non credo sarà riscattato.
    – Capradossi: potrebbe fare il centrale di scorta (quarto se non quinto), ma penso sarà mandato in prestito. Il mister non lo ha inserito progressivamente in prima squadra, ha giocato una partita solo perché la squadra era in emergenza.

    GIOCATORI RINVIATI A GIUDIZIO:
    A questa voce appartengono i giocatori che la Roma vuole capire se sono all’altezza e che con una cessione non porterebbero granché in cassa, chi perché ha giocato solo una stagione, chi per i troppi infortuni, chi perché ancora acerbo.
    – Gonalons: Difra lo ha sempre difeso, ha giocato con regolarità (per essere una riserva chiaro). È stato ben al di sotto della aspettative, ma forse aveva bisogno di un anno di ambientamento. Soprattutto in ottica futura, se questo fosse effettivamente l’ultimo anno di Daniele, il francese potrebbe essere la riserva del mediano titolare (magari quest’anno si prende un giovane regista da inserire gradualmente, che possa essere il titolare l’anno ancora successivo, con Gonalons riserva. Che sia Coric questo profilo? Vedremo.)
    – Gerson: questo ragazzo, secondo me, ha evidenti qualità tecniche. Rispetto allo scorso anno ha cominciato anche ad utilizzare bene il fisico e a recuperare qualche pallone. Purtroppo però è ancora troppo lento e gioca troppo in orizzontale. Il problema principale è che non ha ancora un ruolo definito. Ala destra, sinistra, trequartista, mezz’ala, mediano… qual è la sua collocazione? Secondo me può essere un crack come mezz’ala sinistra, ma ha bisogno di giocare continuativamente in quel ruolo, spronandolo a rischiare la giocata e a cercare la verticalità, dato che poi quando lo fa dimostra di avere sensibilità nel piede. Starà al mister trasformare questo ragazzo in un diamante. Se non dovesse riuscirci, la Roma se ne priverà nell’estate 2019. Non è da scartare l’ipotesi di un prestito, ma mi sembra remota.
    – Defrel: frenato da troppi infortuni, non ha mai dato l’impressione di poter essere un valore aggiunto di questa squadra. Premesso che io lo cederei (così come Gonalons) perché lo reputo un onesto mestierante ma nulla più, ho la sensazione che il mister lo abbia portato a Roma non rendendosi conto del dislivello tecnico che c’è tra una squadra come il Sassuolo e una come la Roma. Nel senso, a oggi il mister non porterebbe a Trigoria neanche Berardi, che invece la scorsa estate era un suo pallino. Tra questi comunque è quello che rischia maggiormente la cessione, anche se secondo me rimarrà, comporterebbe una minusvalenza troppo ampia.
    – Pellegrini e Schick: discorso a parte per loro 2. Mentre gli altri 3 sopracitati devono dimostrare di poter stare nella rosa, loro 2 devono dimostrare di poter essere determinanti (e titolari). Pellegrini ha fatto meglio di Schick ovviamente, ha anche avuto a disposizione un minutaggio maggiore, ma comunque è stato al di sotto delle aspettative. Insomma, ci si aspetta molto da questi 2, se non dovessero esplodere definitivamente, il prossimo anno rientreranno nel successivo gruppo di cui sto per parlare (insomma, saranno ceduti per una congrua offerta).

    “BIG” CEDIBILI:
    Se la Roma vuole fare mercato e comprare giocatori che possano fare la differenza, non può vendere solo seconde linee, non accumulerebbe abbastanza risorse. Quindi a qualche cosiddetto “big” bisogna rinunciare, tocca capire quali sono quelli che non fanno poi così tanto la differenza. Ovviamente non credo saranno ceduti tutti e 3, ma il modulo principe da adottare il prossimo anno credo sarà determinante per decidere chi tenere e chi no di questi 3. Poi dipende sempre dalle offerte recapitate, non saranno svenduti, anche questo è chiaro. Se non arrivano offerte congrue rimangono.
    – Florenzi: a parte il fatto che se non rinnoverà sarà ceduto a prescindere, ma con il rientro di Karsdorp toccherà trovargli una sistemazione in campo. Il mister ha chiaramente detto che, giocando a 4, Florenzi fa il terzino (conferenza prima di Roma-Fiorentina). Allora in che caso Florenzi sarebbe titolare? Con il 343. Ma immagino la Roma opterà per il 433 come modulo di partenza, perciò è plausibile che cedano Florenzi per prendere a basso costo un sostituto di Karsdorp, che magari possa ricoprire anche l’altra fascia. Se poi considerate che Florenzi anche come mentalità non è proprio il massimo (Di Francesco lo richiama ripetutamente oppure ricordate Kolarov quando lo rimproverava di non chiedere mai scusa per i suoi errori?), 1+1 fa 2, potrebbe andare via. Diciamo che se non fosse romano il problema non si sarebbe neanche posto ecco.
    – Strootman: ancora non riesce a tornare ai livelli del primo anno e probabilmente, purtroppo, non ci tornerà mai più. Come mezz’ala non ha le caratteristiche che vuole il mister, non vede la porta, si inserisce poco, è lento nel palleggio e gioca poco in verticale. Bene nella fase di interdizione, ma non basta. Meglio come mediano. Le migliori prestazioni le ha fatte da mediano in una mediana a 2 e talvolta, in questa seconda parte di stagione, è stato schierato anche come perno basso del 433. Il mister dovrebbe abbassare il suo raggio d’azione, ciò vuol dire giocare prevalentemente con il 4231 o 343, ma la Roma in quel caso dovrebbe affiancargli un vero e proprio regista di qualità, ma senza vendere Strootman dove li prendi i soldi per un altro centrocampista di grande livello? Dato che, come nel caso di Florenzi, penso il modulo principe sarà ancora il 433, penso la soluzione più ovvia sia ottimizzare la cessione dell’olandese e prendere una mezz’ala di grande livello che abbia caratteristiche più consone al gioco del mister (un profilo alla Talisca o Zyech per esempio). Di certo se arrivasse una squadra disposta a pagare la clausola la Roma lo infiocchetterebbe, ma penso che basterà un’offerta di 35 milioni, se non addirittura 30, per lasciarlo partire. Da considerare in quest’ottica anche l’ingaggio pesante di 3,2 milioni all’anno.
    – El Shaarawy: il ragazzo è discontinuo, troppo. Le qualità tecniche e atletiche sono evidenti, ma la Roma ha bisogno prima di tutto di gente affamata. In virtù del fatto che penso la Roma giocherà prevalentemente con il 433 El Shaarawy può rimanere, dato che quest’anno ha capito che può partire anche da destra, alternandosi di volta in volta con Perotti e Under. Ma se la Roma riceverà una buona offerta (dai 30 milioni in su) e avrà tra le mani un sostituto che ritiene possa fare la differenza (una giovane promessa come Kluivert ad esempio), non ci penserà due volte a cederlo. Tra i 3 comunque è il meno urgente, perché appunto non ha problemi di natura tattica. Se dovesse restare (per mancanza di offerte fondamentalmente) non ci sarebbero problemi, anche perché il suo stipendio non è così alto (2 milioni netti).

    Tutti gli altri la Roma e soprattutto il mister hanno intenzione di tenerli, partiranno solo per offerte totalmente fuori mercato (ricapitolando l’ossatura sarà): Alisson, Kolarov, Manolas, Fazio, Karsdorp, De Rossi, Nainggolan, Perotti, Dzeko, Under + Pellegrini e Schick. A questi 12 andranno aggiunti altri 11 giocatori, ma non tutti nuovi, credo alla fine Monchi ne inserirà 7/8 nuovi come lo scorso anno, quindi rimarranno un paio tra Gonalons, Defrel e Gerson (se non tutti e tre) e uno tra Florenzi, Strootman ed El Shaarawy. Fosse per me li cederei tutti tranne Gerson.

    • Fidel oggi siamo d’accordo a metà .
      Per i SUPERGLUI d’accordo anche se Capradossi come 4/5 centrale lo terrei
      Per i GIOCATORI RINVIATI A GIUDIZIO , non sono affatto d’accordo . Proverei a cedere sicuramente Gerson e Defrel . Darei fiducia sicuramente a Pellegrini e Schick , sono invece dubbioso con Gonalons , nell’ultimo mese non mi è dispiaciuto mi sembra molto più integrato
      “BIG” CEDIBILI , sono parzialmente d’accordo . Per far cassa cederei Florenzi e/o Strootman senza dubbio . El Sha non mi fa impazzire ma se dovessi scegliere come dice Ugo , venderei più Perotti che il Faraone .

      Per gli acquisti sono d’accordo . Servono 4 big almeno : centrale difesa , 2 centrocampisti , 1 attacante esterno , più 2/3 giocatori come rincalzi per far completare la rosa .

      ps Balotelli no

      • Ciao Emiliano, io sto cercando di mettermi nella testa di Monchi, in base anche alle ultime dichiarazioni e dall’utilizzo che il mister fa dei giocatori. Se dipendesse da me farei come hai detto te tranne che per Gerson e Perotti. Posto che El Shaarawy comunque potrebbe rimanere senza problemi, a meno che non si abbia la possibilità di prendere uno molto più forte.

      • Defrel chi lo prende? Al massimo lo possiamo dare in prestito o inserire come contropartita tecnica per arrivare a qualche giocatore buono

        Se Dzeko e Schick rimangano non vedo come si puo prendere Balotelli. Ed e questo che mi preoccupa. Se stiamo davvero interessati a Balotelli e perche uno tra Dzeko e Schick partira’.

        Non so cosa dire su El Sha. Quello visto contro Chelsea o il ritorno contro Liverpool e da tenere. Putroppo non riesce a dare continuita’ alle sue prestazioni.

        • Defrel secondo me come contropartita tecnica per Chiesa non è un ipotesi da scartare . Sempre che Chiesa possa interessare . Per me trovo più invendibile Gerson , soprattutto a certe cifre . El Sha può essere considerato solo come eventuali ricambio , di sicuro non titolare . L’esterno alto di sx è un ruolo scoperto , serve un giocatore da 10/15 gol con continuità di rendimento , purtroppo non lo sono per diversi motivi ne Perotti ne El sha .

  2. Buongiorno a tutti,
    stamattina vorrei proporre dei sondaggi:
    Sondaggio 1: Balotelli si o no?
    Sondaggio 2: Balotelli e Naingollan nella stessa rosa si o no?
    Sondaggio 3: Strootman uomo da sacrificare per il mercato?
    Sondaggio 4: Che giocatore vorreste che Monchi prenda per il ruolo di centrocampista? (dico il mio preferito Torreira)
    Un saluto per il mio amico Fabiano, non mi permetterei mai di contraddirti amico mio, sempre sintonizzato con te…
    Massimo controlla bene l’iban…..intanto io mi sono rimesso la giacca!!!!

    • Le mie valutazioni:
      1) No a malincuore.
      2) Non credo sarebbe un problema averli assieme, sono sicuro che diventerebbero amicissimi.
      3) Al momento mi pare il più sacrificabile.
      4) Quello che sceglie Monchi. Mi fido di lui. Dovrei rispondere Rakitic ma è fuori portata, quindi va bene quello che pesca Monchi in accordo con EDF.

    • Balotelli no grazie. Strootman, gli ho voluto tanto bene, ma uno deve giudicare il rendimento. Mi spiace ma può partire tranquillamente. Tra i nomi usciti sui giornali a me piace molto Ziyech, gioca sempre in verticale, spesso offre l’uno due in spazi stretti e in velocità, ha visione, tecnica, segna tanto. A me piace e molto. Proverei anche a fare questo affare Los cost, ma dubito monchi mi ascolterà. Darei via Gonalons e prenderei Cabaye, che a giorni potrebbe finire a parametro zero. Se sta ancora bene può essere una riserva eccellente, un regista vero, forte, con esperienza da vendere. Non sarebbe male a parametro zero.

    • Anto,aderisco volentieri al tuo sondaggio:
      1)si
      2)si
      3)si deve sacrificare
      4)Seri e in subordine Torreira
      Ricambio il saluto al mio amico Anto,lo sai che noi si fa pe’ scherza’.
      Ormai c’è un atmosfera goliardica,ma in senso positivo,con battute simpatiche e intelligenti e autoironia che non guasta mai.
      Vorrei fare un saluto particolare a Massimo che a fronte dei suoi commenti chilometrici(ma ultimamente sei migliorato)ha sempre una parola gentile per tutti e cosa fondamentale è dotato di grande autoironia,grazie Massimo.

    • 1) No, ma solo perché temo possa spaccare lo spogliatoio. L’idea di avere Dzeko, Schick e Balotelli come attaccanti peró mi attizza.
      2) La cosa non mi interessa piú di tanto.
      3) Credo che Strootman abbia giá dato il meglio di sé.
      4) Decisamente Torreira.

    • Ciao a tutti,
      1: Balotelli si o no?: Tendenzialmente no. Mi ricordo le partite dove non combinava assolutamente niente. Diventa un sì solo se A) non si paga nulla di cartellino B) si abbassa l’ingaggio, C) il pizzaiolo ci da diritto di prelazione sul Kluivert del caso.
      2: Balotelli e Naingollan nella stessa rosa? Come dice Anto, il problema sorgerebbe nel caso diventassero amici…
      3: Strootman uomo da sacrificare per il mercato? Io sono tra quelli che “tutti fino a fine carriera a Trigoria”, Kevin si è sempre dimostrato un professionista esemplare e ha dimostrato una grandissima fedeltà alla maglia. Mi dispiacerebbe sacrificarlo, ma siamo riusciti a fare a meno di Pizarro, Emerson e Jonas Thern. Potremmo fare a meno anche di lui.
      4: Che giocatore vorreste che Monchi prenda per il ruolo di centrocampista? Su Youtube sembrano tutti forti, e per fortuna non faccio il ds, ma direi Barella (perché italiano), se abbassano le pretese.

    • Ciao Anto’:
      1) Balotelli si. Non e piu ragazzino e credo [spero] che coglierebbe l’occasione. Temo pero che il suo arrivo vorrebe dire la partenza di Dzeko o Schick.
      2) Balotelli e Nainggolan si. Non vedo problemi.
      3) No. Il ragazzo e diventato Romanista dentro. E un leader.
      4) Sono d’accordo con te. Torreira e il giocatore giusto per noi.

  3. La notizia del giorno non è Balotelli (suggestivo, ma è un rischio che potrebbe correre solo una società come la Juve), ma l’ideona della Fifa del mondiale per Club.
    A parte i problemi organizzativi che comunque credo verranno risolti (ormai le squadre che vincono i campionati fallo la Champions e squadre come l’Inter che giocano solo Domenica rimangono comunque al palo), questo genererà una caterva di milioni di diritti per le società che vi parteciperanno.
    La Juve è stata invitata, la Roma no, quindi aumenterà ancora di più il gap. Questo posso anche aspettarmelo, il problema è se inviteranno Milan e Inter perché hanno una “storia” più prestigiosa.

    Ancora dei dubbi su chi deve vincere Domenica tra Lazio e Inter?

  4. Bel lavoro, complimenti!
    E grazie!

    Sono d’accordo su quasi tutto.

    Ovviamente non su tutto, per esempio, rinuncierei molto più facilmente a Perotti rispetto ad El Shaarawy.
    Trovo l’italiano molto più intelligente sul campo e anche più freddo sotto porta.
    Poi, non dimentichiamo che bisogna avere un certo numero di giocatori italiani in rosa…
    Evidentemente se uno club è disposto a darci 40M per lui, possiamo farne a meno ^^

    Su questa stessa logica e partendo dal fatto che ci liberiamo di Juan Jesus (e quindi che arriverebbe un giocatore con stipendio meno alto per fare la riserva), terrei Capradossi come quarto/quinto di difesa.
    È importante aggiungere giocatori del vivaio (uno per linea per esempio) per la panca.
    Non ha senso investire su giocatori stranieri di livello medio/scarso quando hai una Primavera di questa qualità.
    Qui stiamo parlando di giocatori che giocano poco, possiamo prenderne 3 o 4 dalla Primavera. Se uno fa il salto di qualità, la Roma si ritorva con un buon giocatore costato 0!

    Sul resto sono d’accordo, anch’io farei a meno di Strootman e Florenzi per esempio, se ci permettono di investire su gente affamata!
    I nomi che si fanno sono interessanti, Talisca, Ziyech, Cristante, Seri.
    Fra l’altro, Seri è forse il giocatore del Nizza da prendere, altro che Balotelli.
    Costa meno dell’anno scorso ma dopo la dellusione di non essere stato ceduto dal Nizza, si è ripreso alla grande e ha fatto una seconda parte di stagione di altissimo livello.
    Technicamente dotato, sa anche il suo in fase di interdizione e di impostazione.
    Un regista moderno come voluto da Di Francesco.

    Quindi la “mia” ossatura sarebbe : Alisson, Kolarov, Manolas, Fazio, Karsdorp, De Rossi, Nainggolan, El Shaarawy, Dzeko, Under + Pellegrini e Schick

    Ai quali aggiungerei Pellegrini (il terzino), Capradossi, Defrel (seconda chance e poi i centravanti sono sempre i giocatori più costosi e abbiamo altre priorità) e Gerson per completare la Rosa.

    Mancano :
    – un regista titolare. Priorità delle priorità! De Rossi non può garantire più di 20 partite all’anno e Gonalons è troppo scarso,
    – un ala destra,
    – un terzo centrale capace di alternare con Fazio e Manolas,
    – un terzino destro. Se vendiamo Peres e Florenzi, bisogna comprare un sostituto di Karsdorp.
    – un interno di centrocampo capace di giocare nel 4-3-3 di Di Francesco.
    – un portiere se parte Skorupski (il terzo portiere lo possiamo prendere dalla Primavera)

    Poi, altri colpi interessanti se ce ne sono in giro…

    • Ciao Ugo, anzitutto ti ringrazio. Comunque preciso che le mie considerazioni erano in base a come credo stiano ragionando Monchi e Di Francesco, basandomi sulle loro dichiarazioni e su come e quanto sono stati impiegati i giocatori quest’anno. A prescindere che uno possa preferire Perotti o El Shaarawy, nella testa del mister il titolare è Perotti. Poi mettici che El Shaarawy lo puoi vendere ad una bella cifra e Perotti no, ecco che la possibile strategia di mercato viene fuori. A parte magari farò delle considerazioni sui profili da acquistare. Seri mi piace molto e mi fa piacere se ne parli poco, secondo me Monchi potrebbe riprovarci seriamente questa volta. Mi piacerebbe molto anche vedere Luca Pellegrini contro il Sassuolo, con il rinnovo che gli hanno fatto (prende quanto Under adesso) mi aspetto sia lui la riserva di Kolarov il prossimo anno. Per quanto riguarda l’ala destra dubito sarà acquistata, anche ieri sera il mister ha ribadito che anche Schick può giocarci, ma volendo può starci anche El Shaarawy (o chi per lui dovesse sostituirlo, esempio Kluivert Jr.), oltre al titolare Under. Considerando anche che non giocheremo sempre con il tridente, ma magari spesso vedremo il tandem Dzeko Schick come accaduto in questo finale di stagione. Insomma, secondo me gli investimenti grossi saranno fatti a centrocampo, difficile decifrare quali saranno.

      • Sì, hai ragione.

        A centrocampo, avremo sicuramente bisogno di almeno 2 giocatori, un regista e un interno di centrocampo.
        Poi se saranno di più, dipende tutto da chi partirà e dalle possibili colpi interessanti che si potranno fare.

        Seri, che ho visto giocare parecchie volte, è un colpo bello grosso.
        È veramente l’identikit del regista “perfetto” per il 4-3-3 di Di Fra’.
        Anch’io preferisco un Modric o un Rakitic ma sono colpi impossibili…
        A 20M si può forse fare.

        Sarei molto felice se potessimo acquistare giocatori tipo Ziyech o Talisca, ma la vedo duro, la concorrenza è importante per questi giocatori…

        • Sì Seri piace moltissimo anche a me e sarebbe il profilo ideale, come reputo anche Ziyech, ma forse, potendo scegliere, Monchi prenderebbe Talisca, poiché molto più forte fisicamente. Certo se il centrocampo della Roma potesse essere di tale caratura (De Rossi, Seri, Nainggolan, Ziyech, Pellegrini, Coric, Gerson) allora si potrebbe veramente pensare in grande. Vediamo che combinerà Monchi.

  5. Mi sembra del tutto irrazionale pensare di potenziare la squadra vendendo naingollan e manolas. Non vedo come si possano trovare dei sostituti non dico migliori ma anche allo stesso livello , per giunta guadagnandoci ! Se servono soldi per il bilancio. allora sarebbe purtroppo più logico cedere Alison e mantenere la stessa squadra( con qualche aggiustamento secondo le opportunità di mercato). Ci si scorda che i due anziani sono ancora molto tonici, almeno per la prossima stagione .Strootman ha solo 28 anni , el 26 .
    Ci sono praticamente due nuovi potenti acquisti e inoltre il turco avrà un anno di esperienza in più. Luca Pellegrini e Riccardi si possono inserire.
    Insomma , smettendo di giocare con le figurine , si può migliorare tanto

    • Io non sono troppo d’accordo su Manolas.
      Secondo me e’ un po’ sopravvalutato. Sicuramente e’ bravo, nulla da eccepire, pero’ non e’ un fenomeno e sul mercato sono sicuro ce ne sono di difensori meglio di lui. Poi magari mi sbaglio, ma in questa stagione (e nelle passate) gli ho sempre lanciato molte madonne contro…molte di piu’ che a chiunque altro.

      Poi si sa, ognuno ha i propri idoli e i propri somari: io “sacrificherei” lui invece di Strootman 🙂

      Forza Maggica!

  6. Ah se potessi scegliere un nome che non è uscito sui giornali prenderei Jorginho, magari per El Shaarawy più un piccolo conguaglio te lo danno. Parlando di fantascienza direi Modric invece, ma già Jorginho è praticamente impossibile, figuriamoci Modric ahahah

  7. fidel 96 tutto ok l´unico dubbio e´el sha….cederei piu´perotti al suo posto…per il resto del discorso mancano gli acquisti futuri da fare…ci vuole un terzino sinistro e destro…kolarov scoppierá come maicon…e non ha un degno sostituto..Kardsorp e´un mistero e ci vuole ambientamento e tempo…oltretutto florenzi e´ improponibile come terzino destro e brunetto e´ imporoponibile e basta….manca un regista di livello internazionale dove spenderei quasi tutto il cucuzzaro.e un altro mediano…almeno urgentemente..davanti..tra under el sha dzeko shick e defrel…forse siamo un po piu´coperti..nonostante manchi qualcuno che salti l´uomo ..ma si puo´aspettare a piazzare il colpo anche alla fine del calcio mercato…per il resto gli innesti vanno fatti immediatamente…e dare ad Eusebio la squadra gia´pronta per il 90 per cento..giá a luglio

    • Ciao Stefano, sì volevo fare intanto un punto della situazione di come secondo me Monchi ha intenzione di muoversi per rinforzare la rosa, chi acquistare poi lo sa solo lui. Magari più tardi provo a tracciare i profili per i possibili sostituiti, anche basandomi sui giocatori che la Roma sta seguendo. In linea di massima concordo con quello che hai scritto, serve qualità a centrocampo e ricambi all’altezza in difesa, in attacco si può anche rimanere così. Fondamentale che quasi tutta la squadra sia data al mister già per il ritiro. Guardate Perotti come è partito a razzo quest’anno, essendo stato praticamente l’unico dei titolari a fare il ritiro, allenarsi bene fa la differenza.

  8. Dico la mia in ordine sparso. Balotelli ? SI ed anche di corsa (compatibilmente alle sue richieste di ingaggio). Se anche il Nizza volesse 10 milioni, dove lo trovate uno con le sue potenzialità a quella cifra? Il carattere ? Riassumo il mio pensiero:
    1) chissenefrega. Ci sono Di Francesco e Monchi per gestirlo … noi dovremmo sostenerlo come CHIUNQUE indossi la nostra maglia
    2) non è più il ragazzo terribile. Ha accettato “ob torto collo” di emarginarsi dal calcio che conta (mi perdonino i tifosi del Nizza). Ha fatto bene: ora in Nazionale arriva uno che stravede per lui. A Roma ci sarebbe uno che l’ha cercato anche quando sembrava un pazzo …. quindi fossi Balotelli, qui ci verrei pure a piedi.
    I miei dubbi sono di ordine tattica: può fare la prima o la seconda punta .. ma non mi pare un esterno. Mi sembra Schick ma destro di piede. Quindi o cambiamo modo di giocare …. oppure BOH.
    E’ pur vero che ti porta fisico e tecnica e goal (cosa che ci è mancata quest’anno). Ripeto, il mio unico dubbio è che Schick, Dzeko e Balotelli insieme … non so se possono giocare (forse due in un 4-4-2) e quindi tenerne fuori due su tre .. allora si che sarebbe un suicidio.
    Altro elemento che mi fa pensare (ma non è una prova) .. Raiola anni fa avrebbe parlato male di Roma e della Roma (i suoi screzi con Sabatini sono noti..) … oggi ha lasciato Pellegrini a Roma praticamente senza colpo ferire … che ci sia un accordo di collaborazione sotto ?

    Quanto al resto .. non so…le variabili, ad oggi, sono troppe ….
    Vedremo .. per ora io voglio arrivare terzo. Poi da lunedì ci penso …..

  9. guardando ancora il calciomercato,
    ho visto dai giornali (quelli con sfumature rosacee) che l’Inter sta per cominciare un’altra campagna acquisti sontuosa. In barba al fairplay finanziario dovrebbero riscattare Rafinha per una trentina di milioni, prendere Strootman per un’altra trentina, Florenzi per, boh, diciamo una trentina pure lui, e in più anche uno tra Barella e Cristante, anche loro attorno ai 30.
    In totale, sui 150 milioni. Da finanziarsi per intero con la cessione di Pinamonti, credo.
    La cosa fa sorridere, ovvio. Ogni anno mezza Trigoria deve trasferirsi a Milano (meraviglioso anche lo scambio Dzeko – Bacca perché, udite udite, Monchi ha avuto Bacca al Siviglia e ovviamente vuole riportare tutti i figliuoli prodighi a Roma). Però, noto un paio di cose.
    Primo, con una potenziale spesa di 150 milioni, l’Inter è ancora ben sotto la Roma. Senza considerare che qualcosa dovranno cedere per forza, il ffp non può colpire solo noi… Quindi per qualche anno ancora siamo a posto (fa anzi impressione che con tutti quei soldi si riesca a prendere così poco).
    Secondo, mi lascia allibito che Strootman (ricordiamo, Nazionale e un discreto numero di presenze in CL) valga, secondo questi articoli, meno di due ragazzini – per carità ottimi prospetti – ma che devono ancora dimostrare tutto. Senza contare che uno dei suddetti rischia di giocare l’anno prossimo in B.
    In ultimo, sulla querelle “meglio Inter o Lazio in CL”, vorrei ricordare che chiunque arrivi a farci compagnia, non avrà neanche un centesimo per questa sessione di mercato. I soldi CL arriveranno dopo, allo stesso modo in cui noi ora beneficiamo degli introiti dell’anno passato.

    • Sull’Inter volevo informarti che il nostro accordo con l’UEFA sul FFP scade a fine giugno 2018,
      MENTRE
      L’accordo dell’Inter con l’Uefa scade a fine giugno SI ma del 2019

  10. Siete tutti ingenerosi contro Florenzi arriva da due brutti e lunghi infortuni giocando in un ruolo non suo per trovare la sua continuità deve giocare dal centrocampo in su e poi è utile per le regole è italiano e arriva dal vivaio

    • 1) No
      2) sarebbe come avere Kim Jong Un e Trump chiusi in ascensore, quindi No
      3) No, non credo ci sia bisogno, con Pellegrini, Florenzi ed Elsha, a parte i gonalons, Jesus ecc, per me abbiamo le risorse per un buon mercato. Poi spiegherò meglio…

      4) Anto…sei elegantissimo!

      P.s. Fabiano, diciamo che mi piacciono le atmosfere cordiali e una battuta aiuta sempre.

      Sui post …non rilassarti, perchè già da domani penso di rifarmi….ciao!

  11. Balotelli NO grazie, a che serve ???? Io li davanti terrei tutti tranne Defrel e prenderei Inglese del Chievo, sto ragazzo è forte forte.
    Nainggolan lo venderei, mi ha stufato con i suoi atteggiamenti in campo e fuori, e poi devi trovare il posto per Coric.
    Florenzi è una riserva si sa, quest’anno ha giocato perchè a destra non c’era nessuno, altrimenti avrebbe giocato poche partite. Se lo vendi adesso ci fai qualche soldo, e risparmieresti sull’ingaggio che chiede.

    • Inglese è già del Napoli da gennaio. Balotelli è una seconda punta; prenderlo significherebbe dire addio a uno tra Schick e Dzeko (che, per la cronaca ha computo 32 anni a marzo e con un fisico così imponente quando c’è il crollo spesso è verticale e senza appello). Florenzi è uno che può coprire tutti i ruoli di fascia dx, perciò prima di dirgli addio a cuor leggero ci penserei. Per il regista di centrocampo sono d’accordo con la formula “chili+centimetri davanti alla difesa” e dico Dembelè del Tottenham (magari farei un pacchetto unico col suo compagno di reparto Ericksson) ma… Giusto per sognare.
      P.s. confido molto in Monchi – Forza Roma SEMPRE

    • soprattutto non c’è neanche la cremeria.
      Massimo oltre alla battuta,in cui mi trovi pienamente d’accordo,tu hai sempre una parola carina per chiunque.
      Per quano riguarda i commenti lunghi,è una promessa o una minaccia…..
      Si fa pe’ scherza’ eh!!
      P.S.lo devi vede’ in foto quanto è elegante Anto:Lord Brummel de noartri

      • Ahaha!!

        Si, guarda Fabiano…proprio una festa da sfigati…non è per noi.

        Poi la fa in un postaccio…dicono che se non si sta attenti, ti rubano anche il portafoglio!

        Comunque grazie Fabiano, detto da te, che sei un signore, è un gran complimento.

        P.s. Su Dandy Antony non ho mai avuto dubbi!

  12. Giochetti di procure e percentuali, Monchi è un Sabatini ispanico e niente più. Per essere vincenti bisognerebbe guidare il mercato e non essere guidati. Tutti i poemi di prima non hanno alcun senso perdete tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here