La Roma su due talenti della Dinamo Zagabria, l’agente: “Ho parlato con Balzaretti”

0

CALCIOMERCATO ROMA DINAMO ZAGABRIA – Giovanni De Vito, agente di David Colina e Filip Benkovic e grande conoscitore del calcio balcanico ha rilasciato alcune dichiarazioni a Teleradiostereo riportando l’interesse di mercato della Roma per i due calciatori della Dinamo Zagabria.

La Roma in passato si è interessata a tre giovani della Dinamo Zagabria: due di questi, tra l’altro sono suoi assistiti, ovvero Colina e Benkovic..
Benkovic viene valutato 25 milioni, una quotazione probabilmente esagerata per un centrale che deve ancora affermarsi,. Colina piace alla Roma, è un talento purissimo, ha una valutazione importante per un 2000, sui 2 milioni di euro. La Roma ha chiesto delle informazioni con Balzaretti: con Federico ci siamo sentiti telefonicamente proprio per parlare di David (Colina,ndr). Mamic, il presidente della Dinamo, è una persona poco malleabile rispetto alla realtà italiana. Io faccio il tifo della valorizzazione dei talenti. In Croazia lavorano benissimo nei settori giovanili, ai ragazzi vengono affiancati dei coach individuali, però, alla lunga, se non vanno via da lì, c’è il serio rischio di perdersi. In chiave Roma, ad esempio, si è parlato anche di Coric: Ante è un giocatore con delle qualità tecniche importantissime, ma negli ultimi tempi sta facendo un po’ di fatica.
Ieri Dzeko è stato un trascinatore, nonostante a Roma sia criticato per essere spesso un giocatore troppo altalenante.
Nei Balcani peccano tantissimo in costanza di rendimento, infatti le nazionali storiche jugoslave hanno sempre fatto fatica, non si capisce il perchè, ma il talento alla lunga emerge sempre. Nel caso di Dzeko, ieri ha fatto una partita bellissima, ha fatto reparto da solo: lui è un bravissimo ragazzo, si merita questo momento. Non credo che nessuno si volesse privare a Roma di Dzeko, forse c’erano delle condizioni economiche favorevoli, che alla fine non si sono concretizzate. Ieri a me è piaciuto molto Di Francesco nel post gara, perchè  la Roma non deve accontentarsi.
 
Schick: sappiamo che lei lo conosce benissimo.
Ho lavorato molto con il suo allenatore, specialmente quando arrivò alla Samp. E’ un ragazzo molto sensibile, che credo abbia sofferto molto la situazione confusa che si era creata in estate. Ogni giorno, dopo quanto era successo a Torino con la Juve, veniva accostato ad una squadra e poi subito dopo ad un’altra: addirittura Giampaolo dovette consigliarlo sul da farsi. E’ un giocatore che, quando riuscirà  a sbloccarsi, non si fermerà più, ne sono convito.
Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here