Kluivert vs Di Francesco jr, figli d’arte con un futuro da conquistare

1

ROMA SASSUOLO FACCIA A FACCIA – La Roma non sta passando un buon periodo e questo è risaputo, ma poche volte i giallorossi sono arrivati alla sfida contro il Sassuolo trovandosi dietro in classifica; le due squadre sono separate da solamente un punto ma i neroverdi sono ottavi mentre i capotolini decimi. La squadra di Di Francesco dopo un mese di astinenza dalla vittoria ha ritrovato i tre punti contro il Genoa ma, prevedibilmente, la gioia è durata poco poiché nel match successivo, alla diciassettesima giornata, i giallorossi sono caduti per 1-0 contro la Juventus. La panchina dell’abruzzese traballa e non poco e, qualora non arrivassero risultati positivi contro il Sassuolo, la dirigenza della Roma potrebbe pensare al nome di un nuovo allenatore per il 2019 giallorosso.

KLUIVERT – Justin Kluivert è nato il 5 maggio del 1999 a Zaandam, in Olanda, ed è figlio d’arte dell’ex calciatore Patrick Kluivert. Justin è un prodotto del vivaio dell’Ajax, con il quale ha cominciato a giocare nel 2007 all’età di 8 anni, per poi passare in prima squadra nel 2016. In 44 presenze ha collezionato 12 gol, mettendosi in vetrina con i principali club europei. Richiesto da molte big, questa estate è passato alla Roma per circa 17 milioni di euro. Poco tempo fa si è classificato terzo nel Kopa, il Pallone d’Oro U21. Il classe ’99 è un ala sinistra ma, nonostante non sia alto, la velocità e la fantasia lo aiutano nel superare l’uomo e creare superiorità numerica nell’area avversaria. Inoltre l’attaccante ha una personalità importante per la sua età; contro il Torino nella prima partita di questo campionato è subentrato nel secondo tempo e, con un dribbling è riuscito a superare l’avversario e confezionare un assist al bacio per il gran gol di Dzeko che fece vincere la partita. Il giovane olandese parte dalla sinistra del campo per poi accentrarsi e tirare con il destro, perfetto per la filosofia di Di Francesco che predilige gli esterni a piedi invertiti. Il ragazzo però è ancora molto giovane e sotto i consigli dell’allenatore sta pian piano crescendo e diventando più cinico.

DI FRANCESCO – Federico Di Francesco, figlio di Eusebio attuale allenatore della Roma, è nato il 14 giugno del 1994 a Pisa poiché in quegli anni il padre giocava con la Lucchese. Inizia a muovere i primi passi nel mondo del pallone nelle giovanili del Pescara per poi, all’età di 19 anni, passare il prima squadra con l’esordio in Serie A contro il Parma. Proprio la squadra emiliana acquisterà il cartellino del giovane attaccante per poi girarlo immediatamente al Gubbio e, l’anno successivo, al Pescara. Sempre in prestito andrà alla Cremonese dove nella stagione 2014/15 mette a segno 5 gol in 27 presenze, riscattandosi dagli anni precedenti in cui non aveva realizzato nemmeno una rete. Nel 2015, dopo il fallimento del Parma, svincolato approda alla Virtus Lanciano per poi essere ceduto l’anno successivo al Bologna dove si mette in mostra in Serie A realizzando 5 gol in 48 presenze. Quest’anno è stato acquistato dal Sassuolo e, con la squadra di Reggio Emilia ha collezionato 9 presenze e 2 gol. Il piede preferito dell’italiano è il destro e viene schierato come esterno alto; preferisce giocare sulla destra ma spesso viene schierato anche sull’out di sinistra. In alcuni casi può svolgere anche il ruolo di trequartista dietro le punte. Riesce a mantenere alti ritmi di corsa e dimostra di avere anche importanti doti tecniche, soprattutto nell’1 contro 1, strabiliando il pubblico con i suoi dribbling. Il 25enne però potrebbe migliorare sotto alcuni punti di vista, affinando la fase di non possesso che non è sempre perfetta e diventando più incisivo in area di rigore avversaria.

Claudia Belli

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here