Leggeri: “Alla fine dei conti, cosa si è vinto? Nulla!”

13

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Siamo diventati in città tutti commercialisti, io credo che di questi discorsi finanziari, interessi meno di zero alla tifoseria. Diamo una notizia: la Roma non finirà in tribunale, non c’è nessun problema. Una società che fattura 250 milioni di euro e che sta cercando di elevare il suo fatturato di anno in anno, ha concesso ampie garanzie agli istituti bancari con cui è attualmente indebitata, su tutte la Goldman. Bisogna fare i complimenti ai manager della Roma che hanno migliorato sensibilmente il fatturato della società, sono altri i dirigenti che meritano attenzione, soprattutto chi ha operato sul mercato in questi ultimi anni e ha commesso degli errori chiari. A me interessa sapere cosa si è vinto in questi anni? Nulla. Ciò significa che pur avendo prodotto ricchezza, la Roma non ha incanalato correttamente tale ricchezza per vincere dei trofei”.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “La polemica che si è innescata sui conti della Roma è sterile: il club non rischia nulla, ha una situazione solida nonostante un debito fisiologico che è elemento comune alla stragrande maggioranza delle società. Dire che Pallotta non ci mette un euro è una fregnaccia. Il problema è a monte: in assenza dello stadio di proprietà, la Roma continuerà a operare come negli ultimi anni, fondandosi sul risultato sportivo e sul player trading per riequilibrare i costi, mantenuti alti per tenere un elevato livello di competitività. Il rischio è che il brand senza vittorie e grandi calciatori, fatichi a crescere a meno che non si aprano le porte a soggetti, che anche in forma minoritaria, permettano l’ingresso della Roma in mercati floridi come quello asiatico. Per questi motivi la Roma non può permettersi di sbagliare investimenti da 20-30-40 milioni come purtroppo accaduto negli ultimi anni in alcuni casi”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio“La vittoria nel derby in un momento cruciale della stagione della Roma, permette a Di Francesco di strappare un sei come voto a questa prima parte di stagione. E’ normale che quando fai una campagna acquisti come quella della Roma il tecnico provi a mettere in campo i fiori all’occhiello del mercato cercando le soluzioni migliori per tutti. Se hai dei capitali come Schick e Pastore hai l’obbligo di recuperarli”.

Tony Damascelli a Radio Radio Pomeriggio: “Schick è un giocatore che continua a essere un’eterna promessa e premessa. Pastore, invece, è già un calciatore definito e non è detto che debba giocare necessariamente trequartista. Può fare il regista alla Pjanic se ben protetto ai lati da due giocatori di ritmo. Ha una tecnica e delle intuizioni che gli altri non hanno”.

Marco Bellinazzo a Radio Radio Pomeriggio“Mi sono già espresso in passato sulla situazione della Roma e credo sia in netto miglioramento rispetto all’inizio della gestione americana. Per quanto riguarda l’indebitamento il rapporto tra fatturato e debiti è sceso rispetto allo scorso anno. La Roma, attraverso cessioni importanti, si è tutelata e per il prossimo bilancio mi aspetto comunque un ricavo operativo che si avvicini ai 250 milioni toccati quest’anno grazie ai premi migliori in Champions e ai soldi delle sponsorizzazioni sulle maglie. Poi è chiaro che ci siano ancora delle problematiche in casa giallorossa, ma il percorso intrapreso dal club è quello corretto. Non è giusto, invece, illudere i tifosi con la questione stadio. Anche con un impianto di proprietà non possiamo oggi equiparare la Roma a club inglesi o altri come il Real Madrid”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: Si può fare una selezione di quello che viene ripreso? I giornali li leggono in pochi, chiunque ha tutto sullo smartphone. La cosa più rapida è andare su uno dei siti che raccoglie le notizie sulla Roma, si mette in home page il pezzo in questione e diventa ‘hai visto i debiti che ha la Roma?’. Dieci anni che è sempre la stessa identica storia, basterebbe non riprenderlo e chi vuole leggere se lo legge. Le cose non cambieranno, tra un anno sarà la stessa cosa. Quando si analizza una società di calcio non si possono usare parametri di una società tessile o di tappi di plastica. Chi si allarma per quel numero, dovrebbe pensare che chiunque ha un mutuo, è sul lastrico”.

Roberto Renga a Radio Radio“Herrera è un cursore, non è quello che potrebbe sostituire Nzonzi o De Rossi. Può essere utile. La Roma è migliorabile, in particolare con un terzino di ruolo al posto di Florenzi o un altro centrocampista centrale. Per il resto è completa, perché c’è anche Pellegrini nel nuovo ruolo di trequartista. Fossi la Roma andrei a riprendere Vidal, che ha litigato con la dirigenza del Barcellona”.

Furio Focolari a Radio Radio“Il nome di Herrera non mi entusiasma. Se si va ai parametri zero è difficile che prendi un giocatore importante: capita che uno litighi, per il resto quelli a parametro zero sono quelli a fine carriera”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio“Strootman come tipo di giocatore è venuto a mancare: Herrera ha le stesse caratteristiche, in quel ruolo la Roma avrebbe bisogno di uno così”.

Nando Orsi a Radio Radio: “L’indebitamento della Roma era davvero importate, se non ci fossero stati gli introiti della Champions e le 3 plusvalenze non stava messa benissimo“.

Xavier Jacobelli a Radio Radio: “Il bilancio della Roma è ancora in perdita ma nonostante mille difficoltà il risanamento prosegue. Se non ci fosse stata la capacita di ottenere la semifinale di Champions dopo 34 anni e se non ci fossero state le tre operazioni di cessione, la situazione dei conti non sarebbe stata questa, sarebbe stato un problema per la Roma. Herrera può essere utile, ma punterei ad un centrocampista centrale che possa far tirare il fiato a De Rossi e Nzonzi. Le occasioni maturano spesso durante la sessione di gennaio: per ora Cristante in quel ruolo può giocare”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

13 Commenti

  1. Oggi qualsiasi e tutte le attività imprenditoriale hanno debiti, che comunque onorano saldandoli e pagando gli interessi.
    A qualcuno però piace parlare solo di quelli della Roma e lo fa come se fosse sull’orlo del fallimento o nell’impossibilità di non operare movimenti, quando l’attività della stessa produce annualmente un fatturato uguale allo stesso debito.
    Allora a questi qualcuno andrebbe spiegato che tutto ciò rientra nella conducibilità aziendale imprenditoriale e questo avviene anche nel Real Madrid nelle stesse proporzioni di quanto avviene nella Roma.

    • con la differenza che se guardi la copertina di Tuttosporc o della Gazzetta, tutti sono schierati a favore di Ronaldo molto apertamente…se mai fosse successo a un giocatore della Roma, i giornalettisti locali gli avrebbero già dato l’ergastolo senza aspettare manco il processo…al nord le squadre vengono sostenute, non massacrate, fino a sfiorare il ridicolo ogni volta che Inter o Milan si apprestano a fare acquisti, vedi ad esempio sto presunto campione brasiliano che per la Gazzetta è già il nuovo Maradona…qua invece i giornali sono campioni del mondo di lancio della merda (sulla Roma ovviamente)

  2. Ribadisco quanto detto ieri: queste critiche circa il debito della Roma sono stucchevoli e i timori vieppiù infondati. Capisco che in assenza di campionato bisogni parlare di qualcosa per riempire il vuoto, ma allora a questo punto sinceramente preferisco il vuoto! e sempre FORZA ROMA!

  3. Dal sito di CDS:
    “Primo e unico bilancio del Milan di Yonghong Li, che dovrà essere approvato dal nuovo proprietario, il fondo Elliott, durante l’Assemblea dei Soci (25 ottobre), registra un rosso di 126 milioni di euro, nel periodo che va dal 1 luglio 2017 al 30 giugno 2018. “Il risultato netto consolidato – si legge nel documento – evidenzia una perdita di 126 milioni di euro, in aumento di 53 mln rispetto all’esercizio precedente”.

    Mi chiedo com’e che si possono permettere di spendere 35M per questo Paqueta? Com’e che hanno preso a Higuain?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here