Di Francesco: “Abbiamo perso partite anche con Nainggolan e Strootman. Florenzi più avanti? Può essere una soluzione” (VIDEO)

34

ROMA ATALANTA, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco, in occasione del match Roma-Atalanta valevole per la seconda giornata di Serie A.

DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA

Come mai così male nel primo tempo?
E’ difficile da spiegare il primo tempo, fisicamente ci hanno sovrastato, stavano meglio di noi. E’ stata una partita dai 2 volti. Non c’eravamo fisicamente, arrivavamo sempre in ritardo, scaricavamo sempre al portiere. Mi hanno fatto incavolare nel finale, e faccio fatica a capire questo primo tempo.

Possono avere influito le notizie di mercato? Un giudizio su Nzonzi?
Questo non lo so, Kevin è un ragazzo eccezionale, è una situazione venuta fuori adesso a mercato aperto. Bene Nzonzi, anche se si è visto che un po’ di minuti nelle gambe gli mancano.

Un problema di automatismi? Cristante e Pellegrini non erano pronti?
Hanno fatto una gara al di sotto delle loro aspettative, ma non sono mancanti anche altri giocatori più importanti. Vedendo che loro avevano grande fisicità ho pensato di mettere anche io fisicità con Nzonzi.

Sta mancando uno come Perotti a sinistra visto che attaccate molto a destra?
Questo non lo so, può essere. Abbiamo avuto sicuramente maggiore qualità sulla destra.

Pellegrini lo ha deluso?
Ho fatto una scelta per la squadra quando ho sostituito lui e Cristante, ora devono essere intelligenti ad assorbire le critiche. Sono sereno per loro due e faccio le scelte in base a quello che vedo. Vanno aiutati e tutelati. Se ci fosse stato Strootman avevo comunque già deciso di giocare con questa formazione.

La cessione di 2 uomini cardine questa sera può pesare?
Ricordo partite perse l’anno scorso con gli uomini cardine. Il secondo tempo è stato positivo anche sotto il punto di vista caratteriale, ci hanno messo l’anima che nel 1° tempo è mancato.

Florenzi può essere avanzato di ruolo?
Li vedo tutti i giorni i giocatori, lui partendo da dietro riesce ad avere molte potenzialità. Noi siamo una squadra offensiva, ma con l’andare avanti potrebbe essere anche questa una soluzione.

DI FRANCESCO A ROMA TV

Analisi della gara? 
Il primo tempo non potevamo essere quelli, dopo il vantaggio abbiamo subito l’impeto degli avversari e ci hanno messo in difficoltà, ma anche per demeriti nostri. A livello tattico eravamo in ritardo sulle pressioni e nel leggere le situazioni e questo ci ha creato difficoltà, poi nel secondo tempo siamo stati bravi, tranne gli ultimi 8 minuti dopo il pari e lì mi sono veramente incavolato. Andava tenuto l’equilibrio e avevamo dimostrato che potevamo farne un altro da un momento all’altro. Invece era diventata una partita scapoli contro ammogliati, questo non deve succedere. Noi dobbiamo ambire a una crescita costante.

La Roma ha cambiato atteggiamento nella ripresa… 
Nel primo tempo dovevamo più giocare la palla, leggendo le situazioni prima. Si doveva essere più bravi nelle seconde palle, era una situazione fisica che poi è diventata anche mentale perché abbiamo subito e non sapevamo fare un passaggio in avanti, abbiamo scaricato tantissimi palloni a Olsen. Dovevamo cercare giocate tipo quella di Florenzi nell’occasione del gol, cercando palle morbide sull’attaccante.

Perché hai tolto Cristante e Pellegrini? 
Se avessi potuto ne avrei cambiati 5 o 6, dico così se no sembra di crocifiggere loro due che sono per me due ottimi giocatori. Tatticamente volevo cambiare, mettendo Pastore nel 4-2-3-1 e mettendo più fisicità con Nzonzi, che ha retto 25 minuti e poi anche lui ha subito la poca preparazione. Abbiamo ritrovato personalità ed equilibri, peggio del primo tempo non si poteva fare.

Non è stata messa in pratica l’aggressività… 
Eravamo poco aggressivi in determinate situazioni, è stato bravo De Rossi a sostituirsi ai centrali in 3 o 4 occasioni. Per il resto tatticamente arrivavamo sempre dopo, questo ha compromesso tutto. L’errore più grande è che andavamo oltre la palla, loro erano sempre in superiorità numerica. Non sentivamo l’uomo, certe volte va fatto.

Cosa prendi di positivo? 
Voglio dare anche merito all’Atalanta, non posso pensare che siamo quelli del primo tempo. Mi auguro che sia solo questo, mi ha fatto veramente arrabbiare la capacità di non comunicare come avrei voluto. Quando sono in panchina è dura, sono diventato matto nel finale per far capire certe situazioni. Stavamo giocando con 4-5 attaccanti, se non ti abbassi diventa difficile difendere e si poteva subire gol dopo aver ripreso una partita complicata.

Problemi in difesa, miglioramenti in attacco… 
Abbiamo sbagliato tanti gol come l’anno scorso, ci sono state le occasioni per vincerla, questo ci manca. Dobbiamo lavorare molto sul blocco squadra difensivo, sono rimasto impressionato negativamente, non mi aspettavo questo atteggiamento e questa difficoltà nel leggere le situazioni.

Ci prepariamo a venerdì… 
Non posso dire come partiremo tatticamente per Gattuso, devo fare tante valutazioni. Quando si arriva sempre in ritardo tutto il resto va a farsi friggere.

DI FRANCESCO A SKY SPORT 

Aver cominciato con una magia può aver creato un calo?
Bisogna dar merito all’Atalanta, al di là dei cambi che hanno fatto andavo il doppio di no, abbiamo perso le distanze tutte le pressioni, ne avrei cambiati almeno 7 o 8. Siamo diventati una squadra lunga che voleva vincere, ma non puoi concedere tutto quello spazio all’Atalanta

Lavorate molto per un azione alla Florenzi?
L’abbiamo provata poco in settimana, nel primo tempo abbiamo dato 50 palloni al nostro portiere senza senso, non abbiamo provato una verticalità, abbiamo sfruttato il movimento di Edin per aprire il varco a Florenzi, avrei preferito vederlo un altro paio di volte.

Polso fasciato? 
Divento matto, quando ci sono le disattenzioni che posso farti saltare la partita che hai appena recuperato.

La partita l’hanno fatta loro?
“Ci mancava anche la velocità di pensiero nel portare la palla. Questo dimostra che abbiamo subito la partita, i difensori non accorciavano e quando lo facevano non sentivamo l’uomo. Manolas ha subito troppo Zapata. Questo ha permesso a noi di rincorrere e non correre avanti come piace a me.”

Parlando di Pastore, qual è la posizione in cui può rendere di più?
“La scorsa settimana non poteva fare nulla perché sbagliava tutti i palloni, poi gli avevo chiesto qualità e oggi l’ha data. Poi dopo il gol è sparito pure lui. Ma quando viene tra le linee diventa determinante. Vi ribadisco che non sono fissato sul 4-3-3 o 4-2-3-1 ma cerco di mettere i giocatori nella posizione giusta”.

Potrà capitare di vederlo dietro le punte.
“Quando uno sa giocare a calcio può fare tutto, oltre la qualità un giocatore deve mettere cattiveria e determinazione”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

34 Commenti

  1. Io di Rome ne ho viste tante ma francamente una così oscena come quella del primo tempo di oggi, poche volte mi era capitato di vederla.
    Di Francesco si deve svegliare, deve dare un senso, un equilibrio, un gioco a questa squadra, sta dimostrando di essere un allenatore oltremodo scadente.

  2. Le parole del Mister mi preoccupano. Ha ammesso che non è riuscito a comunicare quello che voleva alla squadra e che non fanno ancora quello che vuole. Il Mister e qua da giugno 2017 e quest’anno si sono radunati il 9 luglio credo. Senza essere polemico mi aspettavo molto di più.

  3. Gia’ cominciamo con l ‘allenatore?? gli e’ stato pure rinnovato il contratto !!
    cmq. e’ tutto in fase di rodaggio e ci sara’ molto,molto da lavorare e ovviamente si perdera’ tempo
    e posizioni per raggiungere la vetta La Roma e ‘fatta cosi’ che vogliamo fare? Aspettiamo.
    Forza Roma

    • Che vogliamo fare? Ad esempio tenere alisson e Naingollan? Ad esempio mettere pubblicamente in vendita la società e vedere se arriva qualcuno più abbiente ma soprattutto competente? O comprare più giocatori alla nzonzi e meno alla Olsen? Andare un po’ incontro ai tifosi? O ad esempio avere qualcuno in società che prenda per un orecchio i calciatori quando giocano così? Ne avrei mille di cose da fare per far crescere la mia Roma, questi sanno solo dire fpf e stadio, le partite sono secondarie

  4. Più acconsente alle scelte della società più allunga il suo contratto è più diventa un pupazzo!!!
    Mister mister tu mi copri nella vendita dì Strootman e ti allungo il contratto!!
    Funziona così non vinceremo maiiiiiiiiiii!!!!

  5. Il Mister ha dovuto gestire cessioni pesanti facendo buon viso a cattivo gioco. Oggi ha provato a sostituire Kevin con centrocampisti giovani ma non hanno reso e quindi ha dovuto cambiare in corso d’opera recuperando la partita (e quasi la vinceva). L’ho visto molto teso al gol del pareggio non deve essere facile assorbire lo stress.
    Non è lui il problema..

  6. Presentarsi ad inizio campionato con una squadra in queste condizioni imbarazzanti è davvero incredibile. Del gioco non parlo, tanto non c’è mai stato nemmeno lo scorso anno.

  7. Ma infatti, potresti avere anche Messi non combineresti un cazzo. Queste squadre scialbe sconclusionate, sono come quelle del “tuo” maestro. E a questa proprietà indegna vai bene così. Sei scarso PUNTO.

  8. Sostengo Eusebio ma dopo due mesi di preparazione vedere una squadra senza gambe che gioca senza alcuna idea di gioco (si scarica sul portiere perché non c’é una uscita una che sia preparata e allenata) e come un’arcata Brancaleone senza alcuna organizzazione é preoccupante e corrisponde a quanto compete all’allenatore. Nel giorno della cessione di Strootman mai avrei dato la croce a Cristante e LoPellegrini. Ma mai e poi mai mi sarei aspettato un’eresia come la formazione del primo tempo con Pastore esterno, ha segnato ma poi a questa mossa si devono i 16 tiri della Atalanta nel primo tempo. E poi un allenatore deve capire la forma dei giocatori, Kolarov e Fazio sono impresentabili ora.

  9. Squadra e allenatore mediocri,allenatore che si accontenta di quello che gli comprano….non ha un idea sua,ora anche come tanti…da senpre la colpa agli altri,mai è la sua….ma se la squadra non corre,non ha gioco…ma lui non riesce a vedere i problemi….allenatore da sassuolo….ma alla roma fa comodo,non chiede nulla,sta al suo posto…..e vai.

  10. L’allenatore a rimediato ai suoi stessi errori del primo tempo sostituendo contemporaneamente giocatori non idonei titolari, ma non è bastato per prendere i 3 punti. Se siamo arrivati in semifinale di Champions non è grazie a Di Francesco: abbiamo incontrato squadre forti si ma non in forma e poi Allison (premiato guarda caso come miglior portiere Champions) ne ha parate tante, se ci fosse stato altro portiere non ci saremmo mai arrivati in semifinale, lo volete capire o no? Di Francesco ora si accorge che Florenzi da terzino è sprecato? E certo a difendere non difende bene, in attacco può avere gli spunti per segnare. Lo dirò sempre finché DiFra non mette la formazione giusta. Poi Cristante mi spiace non è il giocatore che a noi serviva: 30 milioni per uno che non sa passare la palla…può darsi che da trequartista renda tantissimo e sia forte, ma da esterno di centrocampo è un bidone adattato. I trequartisti come Pastore e Cristante è difficile che pressano, che facciano il ruolo ‘sporco’ marcando a uomo. Perché prendere Cristante ed adattarlo ad un ruolo non suo e non prendere Ziyech che invece fa l’esterno di centrocampo e come sembra è più forte di Cristante? BAH! Questa si chiama incompetenza: basta adattare i giocatori se si vuole fare una formazione si comprassero giocatori adatti al ruolo del 4-3-3, altrimenti se ti vuoi comprare quei giocatori cambi modulo tipo 4-2-3-1 o 3-4-3 e non ti fissi solo su un modulo; con i giocatori che abbiamo la formazione migliore è il 4-2-3-1…mettendo però i giocatori al proprio ruolo.

    • Perché devo darti ragione? Tu scrivi commenti e lo fai senza mettere le h davanti alle a; il mister allena e ci ha portato in semifinale di Champions. Chi è che non fa il suo?

  11. Non bisogna riversare nel mister la rabbia per aver ceduto giocatori importanti, la Roma del primo tempo ha fatto il solito errore si sedersi sul goal di vantaggio e chi tifa Roma dovrebbe sapere che questo è un errore storico e non di questa Roma, il problema è stato amplificato dal fatto che hai preso al momento la squadra più in forma del campionato, il motivo sta nella preparazione, loro sono molto più avanti per i preliminari di Europa League, noi molto più dietro perchè dobbiamo fare, si spera, una lunga stagione in campionato come in Champions, in questo momento non so chi uscirebbe senza ossa rotte contro l’Atalanta, forse solo la Juventus e non è detto, il secondo tempo ha fatto vedere un altro modulo di gioco molto più equilibrato e un’ottima Roma, entrambe le squadre hanno dato molto in termini di corsa e agonismo e questo ha compromesso la lucidità nei minuti finali e quindi la vittoria che sarebbe potuta arrivare. La Roma ha cambiato molto e nella sua ossatura principale, ma chiediamoci se magari mentre per noi la semifinale di Champions era un punto di partenza magari per alcuni giocatori, tipo quelli ceduti, era un punto di arrivo, non credo che Monchi e Di Francesco siano pazzi o masochisti, ne che siano i contabili di Pallotta, ricordo agli smemorati che lo scarso allenatore al primo anno e dopo il santone Spalletti ha portato la Roma dalla B certa al terzo posto ed una semifinale Champions con partite che hanno fatto la storia della Roma, ora definirlo scarso me pare un po riduttivo, uno scarso non ti recupera una partita compromessa cosi come era con l’atalanta nel primo tempo, ma sopratutto non ti recupera una sveglia presa dal Barca di Messi buttandolo fuori, un minimo de pazienza, vediamo le loro scelte se saranno state giuste, le bandiere sono Totti, De Rossi e Florenzi, non gente nata all’estero che oggi bacia la tua maglia e domani giustamente quella che lo paga di più, qualunque lavoratore non legato alla sua ditta lo farebbe, non nego che leggere nelle cessioni Alisson, Nainggolan e Strootman può buttarci nello sconforto, ma ripartiamo dai goal di Pastore e dalla buona prestazione di Nzonzi, in champions fu il 3-3 col Chelsea a spingerci avanti in champions, speriamo che questo 3-3 faccia altrettanto in questo campionato.

  12. come si fa a contestare quello che è ritenuto un ottimo allenatore dagli addetti non lo capisco..soliti tifosi del cavolo…sono partite di calcio dove tutto può succedere…pensate al barcellona contro di noi, avreste criticato anche uno come messi, siete incredibili…vi costa molto tifare e gioire delle cose positive? le sconfitte fanno parte del gioco, solitamente solo la più forte vince e, ora, solo una squadra ha questa possibilità perciò si può essere tristi nelle sconfitte o per brutte partite ma basta contestare e buttare rabbia contro la squadra che ha fatto comunque il possibile per riprendere la partita…se volevate fare gli allenatori o i ds o i presidenti non stavate a scrivere le vostre frustazioni qui….

  13. Tutti a lamentarsi per una partita andata in bambola il primo tempo ma il secondo tempo è stato tutt’altro può succedere a chiunque vedete l’Inter come sta messa ma sono le prime partite di campionato si può giudicare verso la 10a giornata in che posizione stiamo

  14. Mi sembra davvero atipico che dopo aver avuto quasi l’intera squadra a disposizione DFR utilizzi le prime partite di campionato per esperimenti che avrebbe dovuto fare a suo tempo. Senza Edin e il Nina mette contemporaneamente Cristante e Pellegrini con Pastore non si sa bene dove.(?) Il trainer finisce spesso in un imbuto, visto che afferma di non essere fissato col 4-3-3 ma poi in campo schiera sempre due esterni di attacco con Dzeko a prescindere da qualsiasi altra considerazione. In realtà ha altre chances a disposizione da non trascurare a priori, come Shick seconda punta o Florenzi alto a destra, che oltre a crossare, segnare ecc. può all’occorrenza accentrarsi e dare densità al centrocampo. Però queste ed altre opportunità forse andavano esperite in gran parte pria. O no?

  15. Finche questo allenatore incapace sarà sulla panchina della Roma saremo destinati a vedere giocatori veramente scarsi come pellegrini ( da quando è arrivato a Roma ha fatto pena in tutte le partite che ha giocato eccetto quella con lo SPAL) è l’allenatore che ha perso di più in casa negli ultmini anni.
    Va anche detto che Di Francesco è un allenatore molto fortunato in quanto non hai un portiere che ti porta 15 punti a campionato tutti gli anni.
    Spero vivamente che Eusebio venga esonerato il prima possibile.
    Fa sempre gli stessi errori

    Federico

  16. ma che discorsi sono? le partite le perdi anche con cr7 e messi nella stessa squadra.
    hai più probabilità di vincere schierando i campioni o i giovanotti di bella speranza? allenatore da media squadra ben allineato alla politica societaria dei suoi padroni.
    caro svenditore di giocatori, se quest’anno non arrivi quarto ti rimane solo da vendere la roma, i giocatori buoni sono finiti.

  17. EDF: Pastore dopo il gol è sparito dubito… Cioè dopo un minuto e venti secondi. Non sarebbe stato meglio tenersi Nainggolan o Strootman? E togliersi Pellegrini é non comprarsi Pastore?

  18. Non è stata solo smantellata la squadra che con due o tre innesti sarebbe migliorata molto,ma anche il gruppo spogliatoio,cosa che secondo me ha influito sulla psicologia di alcuni nell’approccio alla partita di ieri (sono uomini non macchine).Sono tutti responsabili,la società e L allenatore.Non abbiamo l’anello al naso,sappiamo come si fa per trattenere un calciatore che non si vuole vendereT

  19. Certo che ha la faccia come il (_(_), vendi un cc a stagione in corso senza poterlo rimpiazzare, fai due partite penose di cui una vinta e l’altra pareggiata a cul* ed ha il coraggio di dire che le “partite si vincono anche senza strootman e Naingollan”. Vattene via mr yes man di francesco. Prendiamo un allenatore serio come conte e speriamo di ripartire bene, che le premesse fanno schifo fino ad ora.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here