In Europa la Roma torna ‘Magica’: 3-0 al Cska, Dzeko mattatore (FOTO e VIDEO)

19

ROMA CSKA MOSCA, LA CRONACA – La Roma sente il profumo d’Europa e torna a macinare gioco e risultati: secco 3-0 al Cska Mosca e vittoria che la porta a sei punti nel girone a pari merito con il Real Madrid. Match che parte in modo vivace, con occasioni da una parte e dell’altra ed Olsen che si esalta almeno in un paio di occasioni su Vlasic. La partita cambia al 30esimo, quando Pellegrini ed El Shaarawy mandano in gol Dzeko e la Roma in vantaggio. Al 42esimo il bosniaco si ripete, mandando in estasi l’Olimpico: 80esima rete in giallorosso su 150 partite, 13 nelle ultime due stagioni di Champions, numeri da capogiro. Nel secondo tempo a chiudere definitivamente i giochi ci pensa Under, sempre su assist del numero 9 giallorosso. Una Roma che torna a vincere e convincere, nel territorio che nella gestione Di Francesco sembra essere quello più congeniale per questa squadra: quello Europeo. Domenica, però, c’è il Napoli e sarà necessario ritrovare anche in Italia prestazione, gol e punti.

Prossimi impegni
Napoli-Roma (decima giornata di Serie A, domenica 28 ottobre ore 20.30, stadio San Paolo)
CSKA Mosca-Krasnodar (dodicesima giornata della Premier Liga, domenica 28 ottobre ore 17.00, Arena CSKA)

LIVE | Roma-CSKA, apertura inchiesta per il cedimento della scala mobile. Un tifoso al Policlinico per la semi amputazione di una gamba (FOTO e VIDEO)

Dallo Stadio Olimpico
Matera-Spiniello-Tagliaboschi

Cronaca testuale
Alessandro Tagliaboschi

LE FORMAZIONI UFFICIALI

ROMA (4-2-3-1): 1 Olsen; 24 Florenzi; 44 Manolas, 20 Fazio, 18 Santon; 16 De Rossi (80′ Schick), 42 Nzonzi; 17 Under (73′ Kolarov), 7 Lo. Pellegrini (67′ Cristante), 92 El Shaarawy; 9 Dzeko.
A disp.: 83 Mirante, 5 Jesus, 15 Marcano, 22 Zaniolo.
All.: Eusebio Di Francesco

IN DUBBIO: –
INDISPONIBILI: 8 Perotti (lesione al soleo sinistro), 2 Karsdorp (lesione al retto femorale sinistro), 27 Pastore (risentimento muscolare), 34 Kluivert (risentimento muscolare).

CSKA Mosca (4-4-2): 1 Pomazun; 50 Rodrigo Becao, 23 Magnusson, 3 Chernov (Koshonov), 14 Nababkin; 2 Mario Fernandes, 17 Sigurdsson, 77 Akhmetov , 98 Oblyakov (59′ Dzagoev); 8 Vlasic, 20 Chalov.
A disp.: 22 Kyrnats, 72 Gordyushenko, 15 Efremov, 71 Tiknizyan, 19 Nishimura, 81 Zhironkin.
All.: Viktar Goncharenko

IN DUBBIO: –
INDISPONIBILI: 5 Vasin (rottura legamento crociato), 25 Bistrovic (rottura legamenti caviglia), 11 Hernandez (problema all’anca), 42 Schennikov (problema all’inguine).
DIFFIDATI: –
SQUALIFICATI: 35 Akinfeev.

Arbitro: Sidirópoulos (Grecia)
Assistenti: Kostarás e Dimitriádis
Addizionali d’area: Papapétrou e Tzílos
IV uomo: Efthymiádis

Marcatori: 30′, 43′ Dzeko (R), 50′ Under (R).

Ammoniti: Nababkin.
Espulsi: – 

Note: 46.005 spettatori per un incasso totale di 1.558.451,00 €.

LA CRONACA

SECONDO TEMPO

90’+3 – Termina il match.

90’+2 – Doppio tentativo della Roma: prima con Florenzi dalla distanza, poi con El Shaarawy da dentro l’area. C’è Pomazun in entrambe le occasioni.

90′ – Tre minuti di recupero.

86′ – Ci prova El Shaarawy con un tiro a giro dall’interno dell’area di rigore: il suo tiro viene deviato in angolo da Pomazun.

80′ – E’ il momento di Schick che entra al posto del capitano Daniele De Rossi.

73′ – Angolo battuto perfettamente da Under, trova Dzeko sul secondo palo ma la conclusione di testa del bosniaco termina clamorosamente a lato. Intanto, la Roma effettua il so secondo cambio: dentro Kolarov, fuori Under. Florenzi passa a fare l’esterno alto, Santon si sposta sulla destra, ed il serbo torna padrone dell’out di sinistra.

71′ – Giallo per Nababkin del CSKA.

67′ – Primo cambio per la Roma: dentro Cristante fuori Pellegrini. L’ex Sassuolo esce tra la standing ovation dell’Olimpico.

61′ – Sponda di petto di Pellegrini per El Shaarawy fuori dall’area: il ‘Faraone’ fa partire un gran tiro, che però è centrale e Pomazun blocca in due tempi.

57′ – Doppio cambio per il CSKA: fuori Chernov e Oblyakov, dentro Khosonov e Dzagoev

57′ – Segna Nababkin ma il suo gol viene annullato: sul tiro precedente alla respinta di Olsen, il calciatore russo era un fuorigioco.

50′ – GOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOL DELLA ROMAAAAAAA! Lancio dal centrocampo di Florenzi, Dzeko trova la sponda dentro l’area di rigore e serve Under che con una botta con il sinistro mette la palla sotto l’incrocio. La Roma cala il tris!

47′ – Botta terrificante di Florenzi dal limite dell’area, palla che termina di poco alta.

45′ – Inizia il secondo tempo: primo possesso per gli ospiti.

PRIMO TEMPO

45′ – Termina il primo tempo.

42′ –  GOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOL DELLA ROMA! Under riceve palla tra le linee, riesce a servire El Shaarawy che trova subito dentro l’area Edin Dzeko: il bosniaco con un diagonale chirurgico batte Pomazun. E’ il raddoppio della Roma!

39′ – Ormai sta diventando un affare personale: ci prova ancora una volta Vlasic dalla distanza, ma Olsen spedisce in calcio d’angolo.

35′ – Grande occasione sprecata dalla Roma: Dzeko parte in contropiede insieme a Under, ma il bosniaco sbaglia il passaggio decisivo che avrebbe mandato in porta il turco.

31′ – Prova a rispondere il CSKA sempre con Vlasic: ma c’è ancora una volta Olsen a dirgli di no.

29′ – GOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOL DELLA ROMA! Grande azione della Roma: Pellegrini porta palla, serve El Shaarawy al limite dell’area che chiude il triangolo, il centrocampista serve Dzeko al centro dell’area che deve solo spingere in rete. La Roma è in vantaggio!

25′ – Azione personale di Under che parte dalla destra, converge verso il centro e prova la botta dai 25 metri. Tiro alto.

22′ – Ci prova Nzonzi di testa, ma sul colpo del francese è bravo il portiere Pomazun a mettere in calcio d’angolo.

19′ – Ottima combinazione tra Dzeko e Nzonzi al limite dell’area, ma il tiro del bosniaco è debole e finisce tra le mani del portiere russo.

11′ – Partita dai ritmi alti: Vlasic entra in area e fa partire un gran sinistro sul quale deve esaltarsi ancora una volta Olsen.

5′ – Si fa vedere la Roma: sbaglia il rilancio Pomazun, Pellegrini prende palla sulla trequarti, prova il pallonetto ma va alto sopra la traversa.

3′ – Cska subito pericoloso: Vlasic semina il panico in area di rigore per poi far partire una botta su cui Olsen si fa trovare pronto alla respinta!

1′ – Inizia il match: primo possesso per la Roma.

PRE GARA

Ore 20.27 – Le squadre scendono in campo per il riscaldamento.

Ore 19.44 – Il pullman della Roma è arrivato allo Stadio Olimpico.

Ore 19.30 – La Roma, tramite il suo profilo Twitter, rende noto l’undici ufficiale per il match di stasera:

Ore 19:00 – Angelo Mangiante, attraverso il suo profilo Twitter, ha fatto sapere che Justin Kluivert salterà il match con il Cska a causa di un risentimento muscolare.

I PRECEDENTI – La Roma ha incontrato 4 volte il CSKA Mosca nella sua storia. I primi due precedenti risalgono alla stagione 1991/92 nel secondo turno della Coppa delle Coppe, che vide i giallorossi passare il turno grazie alla vittoria per 2-1 in quello che allora si chiamava Stadio Lenin. Le altre due sfide, invece, ci sono state nel 2014 in occasione dei gironi di Champions League. In quel caso, la squadra allenata da Rudi Garcia, vinse per 5-1 l’andata allo stadio Olimpico e pareggiò 1-1 al ritorno in Russia con un gol strepitoso di Francesco Totti su calcio di punizione.

LE SCELTE – Eusebio Di Francesco intende confermare il 4-2-3-1 anche in Champions League. Tra i pali il solito Olsen, uno dei pochi che ha salvato la faccia ed il risultato nella gara persa malamente con la Spal. In difesa torna Manolas in coppia con Fazio per dare maggiore esperienza e solidità al reparto arretrato. Non ce la fa Kolarov, che sente ancora dolore al mignolo del piede, al suo posto Santon. Prenota una maglia da titolare capitan De Rossi al fianco di Nzonzi. Il tridente offensivo alle spalle dell’unica punta Dzeko viene formato da Under, Pellegrini ed El Shaarawy. Il tecnico avversario Viktar Hančarėnka punta sul suo marchio di fabbrica: il 3-4-2-1. Assenza importante in porta, con Akinfeev squalificato dopo l’espulsione rimediata nella partita vinta contro il Real Madrid. Pomazun vince il ballottaggio con Kyrnats tra i pali. Difesa a quattro composta da  In attacco spazio Vlasil che fa coppia con il bomber Chalov, autore di 9 gol nelle prime 14 uscite stagioali.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

19 Commenti

  1. Incredibile a Roma! I fatti dicono che l’unico giocatore indispensabile è DANIELE DE ROSSI, ma è anche l’unico massacrato, vilipeso, insultato, con odio. Lo stesso percorso si sta delineando per ALESSANDRO FLORENZI. Considerando quello che è successo anche in passato, c’è una spiegazione o è un caso fortuito?

    • Dichiarazione di DDR NEL 2007 : QUI A ROMA SI PUò DIVENTARE GRANDI GRANDISSIMI PUR NON VINCENDO NIENTE!! Qui a Roma se non se incomincia a mandà via i ROMANI E ROMANISTI non se vincerà niente!!

      • Sè visto contro la Spal quello che hanno combinato davanti la difesa senza DDR. Se vuoi fare un discorso onesto e sereno,vatti a rivedere le partite con e senza DDR se vuoi insultare a prescindere allora fai pure.

    • Siamo di fronte ad un cambio generazionale, la vecchia guardia, il CUCS, il tifo tradizionale ormai è sparito anche per motivi anagrafici. Ora la curva è dominata da gruppuscoli senza storia nè gloria, e il tifoso da social è rappresentato da ragazzini eccitati dal calcio moderno e battezzati dal famoso “mai schiavi del risultato”. Mai striscione fu più profetico e rappresentativo della attuale proprietà e di un calcio finanziario che prescinde da qualsiasi tipo di risultato sportivo e tratta una squadra di calcio come una qualunque azienda che debba generare profitto. Poi se la prendono con Florenzi perché “ride sempre e fa l’amicone con gli avversari”. Per DeRossi invece, stanno ancora appresso alle storie di capitan ceres, alla barba che copre gli sfregi, i 6 milioni di ingaggio, so’ dieci anni che cammina. Strano però che uno così scarso gli innumerevoli allenatori succeduti sulla panca di questa sciagurata gestione l’abbiano sempre considerato titolare e in nazionale abbia fatto 100 presenze. Davvero, certi tifosi si meritano Mauri e Lulic come capitani.

      • Perchè non è vero che sò 10 anni che cammina via i romani romanisti dalla Roma e soprattutto quelli che dicono de tenerci alla Roma poi se fanno fà i contratti super milionari tenendo sotto scacco la società.. Volevo vedè se nella Juventus li avrebbero fatto un contratto da 6.5 mln netti a stagione e se non lo avrebbero mandato già a fare in cu….

        • Quindi tutti e 10 gli allenatori sotto cui è passato DDR, piu tutti i CT della nazionale, sono tutti dei poveri scemi, visto che hanno tenuto sempre in campo uno che cammina da 10 anni come dici te, genio?
          Il contratto milionario di DeRossi è scaduto nel 2016 ed è stato rinnovato fino a giugno 2019 a 3M scarsi, quindi di che blateri? E sotto scacco de che? Qualcuno ha costretto qualcun altro a firmare?
          Che tristezza, che desolazione.

          • @Julianbello. Quello tuo è un ricordarsi le cose con onestà e serenità, c’è chi invece insulta a prescindere solo perchè si chiama DDR. Evidentemente c’è qualcosa di personale non risolto!

  2. 20 milioni più dieci di bonus per Cristante finora riserva nelle scelte. Non capisco Perchè…tra lui e Pastore avevamo 50 milioni in cassa per stare sereni oppure acquistare qualcuno forte….

  3. che partitaccia speriamo abbiano voglia di dimostrare qualcosa…a cosa siamo ridotti..Logicamente spero in una vittoria della Roma anche se non cambierà il mio morale e totale sfiducia nella società giocatori e allenatore…sono rassegnato, una volta strillavo spaccavo imploravo adesso mi limito a cambiare canale e non dare più valore a questi colori

  4. Per me la formazione l’ha sbagliata ancora. Speriamo di vincere lo stesso però io avrei fatto così 4-2-3-1: Olsen, Santon, Manolas, Fazio, Pellegrini, De Rossi, N’Zonzi, Florenzi, Pellegrini, El Shaarawy, Dzeko. Poi avrei inserito Under e Zaniolo al secondo tempo. Comunque la panchina mi sembra veramente scarsa.

    • Ma come fai a dire che la formazione era sbagliata scusa ???? Poi sotto scrivi la tua ed è praticamente quasi uguale …… L unico cambio è stato under al posto di Pellegrini…… io penso che Pellegrini non abbia giocato ,uno per poca esperienza , due perché un ragazzo del 99 deve almeno correre …. sabato lui non ha fatto manco quello …… quando si sveglieranno si potrà pretendere …… forza Roma sempre sempre sempre!!!!

  5. Ottima prestazione ieri e per chi parla di curva e de Rossi…ieri quando è uscito è stato acclamato dalla curva e poi da tutto lo stadio che ha intonato il coro “Daniele De Rossi eeeee ooooooo”, altro che andargli contro. Non capisco a chi ci si riferisce quando si parla di contestatori i n curva. Non è così, forza Roma e forza Capitano!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here