Il ds Monchi ha detto no a Paquetà

4

IL MESSAGGERO (E. TROTTA) – Agli osservatori del Milan è capitato di incrociare spesso, a Rio, i colleghi di Juventus e Fiorentina. Lucas Paquetà era infatti finito anche sui taccuini del club bianconero e di quello viola. Ma ad un certo punto i rossoneri hanno gareggiato da soli, riuscendo a concludere l’affare con il Flamengo martedì notte sulla base di 35 milioni di euro (con bonus spalmati su più anni). Un prezzo ritenuto eccessivo dal ds Paratici, disposto ad investire fino a 20 milioni. Solo il Paris Saint-Germain era intenzionato a rilanciare e ad avvicinarsi ancor di più alla clausola di 50 milioni, ma i buoni uffici di Leonardo con il club di Rio (“verrà ufficializzato a gennaio”, il suo annuncio) hanno permesso al dirigente di battere al fotofinish i parigini. L’affare Paquetà racchiude poi un altro curioso retroscena: il talento classe ’97 era stato proposto la scorsa estate da alcuni intermediari pure alla Roma. Ma pur stimando tecnicamente il calciatore, il ds Monchi non lo riteneva adatto a ricoprire il ruolo di attaccante esterno.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

4 Commenti

  1. Certo che non lo riteneva giusto! Costa 35 milioni! Non sia mai si dovessero spendere soldi per un giocatore già pronto e che sia anche giovane…. Comunque alla fine non lo conosco e non me ne frega nulla. So solo che quando c’è da mettere mano al portafolgi, non va in porto nulla, tranne che per le fregature, giocatori rotti o che hanno avuto un valore, ma sono oramai inguardabili e inutili. Iturbe, Doumbia e Schick, ne sono la dimostrazione.

    • Perchè invece Nzonzi quanto è stato pagato?! E Kluivert?! E Cristante?! E Schick se finalmente esploderà tu verrai qua a fare mea culpa?! Siete solo dei frustrati, e il calcio vi da l’occasione di scaricare le vostre frustrazioni..patetici

      • Schick “esplode”… infatti… in tutti isensi!!! Kluivert, Cristante e Nzonzi era il minimo che potessero fare dopo aver “SMONTATO” la Squadra. Se vuoi, ti inizio ad elencare i 100 e passa acquisti fatti negli ultimi 10 anni… o meglio, i soldi spesi a caxxo… Ma di sicuro uno come te, mi risponderà: “Ma che ce l’hai messi te li sordi?”… Io non sono ne frustrato, ne tantomeno patetico… Perchè la vita mia non dipende dalla Roma… Ma da quello che faccio io nella vita per campare… Forse quando ero più ragazzino, mi avvicinavo al tuo commento… Poi nella vita apri gli occhi… E ti accorgi che alla fine a loro di te, non solo non gli frega nulla! Per loro, finchè ci sono i “POLLI” che gli vanno dietro, se ne fanno di risate e di scorpacciate alla faccia TUA e di chi contribuisce ad ingrassare il loro conto in banca! Quindi, per concludere… Hai scritto bene, il calcio è uno sfogo! Quindi mi da il diritto di mandarli a quel paese come e quando volgio, se non sono d’accordo con le loro scelte! E’ il minimo che si devono subire con tutti i milioni che guadagnano! Fanno bene? APPLAUDO… Fanno male? Li mando affaculo per quanto dimostrano. Vale per i giocatori, come per i dirigenti! Svejateve dar mondo delle fragole!!!

    • Si se compravano questo a 35 milioni eri qui a scrivere “amo preso n’artra pippa sconosciuta a 35 milioni sperando di fare plusvalenza, Pallotta vattene”.. in un modo o nell’altro il motivo per criticare lo trovate sempre, almeno vi rendete conto che siete diventati oltre che ridicoli anche pesanti? Pensate a tifare, se siete qua sopra a scrivere mi***ate mentre Monchi prende fiori di quattrini per allestire la squadra un motivo ci sarà.. D.S. da tastiera

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here